sanità digitale

Amazon-One Medical, se la Sanità di base diventa business: i possibili impatti del modello in Italia

L’acquisto, per 3,9 miliardi di euro, della compagnia One Medical da parte di Amazon offre l’occasione di riflettere sulla possibilità di replicare un modello di Sanità basato su servizi clinici online e in presenza ventiquattr’ore su ventiquattro anche in Italia

25 Lug 2022
Sergio Pillon

Coordinatore della Trasformazione Digitale, ASL di Frosinone

onemedical-620x350

Amazon ha appena acquistato per 3,9 miliardi di euro One Medical, compagnia che, forte di un proprio software di cartella clinica e di un’ampia rete di case di cura e ambulatori, offre in abbonamento prestazioni sanitarie ventiquattr’ore su ventiquattro, sette giorni su sette, con brevi attese di massimo una giornata per le visite che possono svolgersi dal vivo o in video. Viene da chiedersi se un tale modello possa essere replicabile anche in Italia dove, come sappiamo, l’assistenza primaria è affidata ai medici di famiglia.

“Questo modello non potrà mai fare strada in Italia”, è la frase che ho sentito dire in questi giorni. Ma io non ne sarei troppo sicuro, considerando anche lo scenario futuro con l’avvio del Fascicolo sanitario elettronico 2.0.

La medicina del futuro è digitale: app e strumenti per la transizione

Come funziona il business di One Medical

One Medical, che ha sede a San Francisco, ha iniziato nel 2007 come uno dei primi provider sanitari USA ad adottare la telemedicina e si descrive come “un’organizzazione nazionale di assistenza primaria incentrata sull’uomo e alimentata dalla tecnologia”. La compagnia è diventata pubblica nel 2020. Chi conosce gli Stati Uniti sa, infatti, che l’assistenza primaria è piuttosto carente per i non assicurati con polizze molto costose, anzi, anche per i più abbienti spesso si passa direttamente allo specialista. One Medical opera come servizio sanitario in abbonamento che offre “accesso 24 ore su 24, 7 giorni su 7 all’assistenza virtuale”. Per 199 dollari l’anno, i pazienti possono accedere a visite mediche in giornata, SMS da paziente a medico e prenotazioni di appuntamenti online. One Medical vanta il proprio software di cartella clinica che sostiene sia uno dei migliori, per i clinici e per i pazienti. Oltre a lavorare con i singoli pazienti, One Medical collabora anche con oltre 8.000 aziende per offrire piani sanitari aziendali. Non sorprende che l’azienda abbia visto un aumento della domanda durante la pandemia di Covid-19. Nel suo rapporto trimestrale più recente, One Medical ha dichiarato un totale di 767.000 iscritti, in aumento del 28% su base annua, in 188 studi medici in 25 mercati.

e-book
Smart Manufacturing e Industry 4.0: come “iniettare” intelligenza nei processi
ERP
Manifatturiero/Produzione

Un punto chiave del business di One Medical è la presenza di una vasta rete di ambulatori e piccole case di cura con molti pazienti già abbonati. Inoltre, One Medical vede circa cinque volte più pazienti virtuali che con le visite in persona e potrebbe offrire l’ambiente virtuale di cui Amazon ha bisogno per capitalizzare ulteriormente l’acquisizione. (Per non parlare dell’accesso alle cliniche fisiche e di una rete esistente di relazioni tra pagatore e sistema ospedaliero.)

L’accordo Amazon-One Medical offre anche al rivenditore online qualcosa che apprezza profondamente: i dati. Se l’azienda acquisisse il sistema di registrazione interno di One Medical, potrebbe attingere a informazioni che le consentiranno di prevedere i costi sanitari, indirizzare gli interventi e guidare lo sviluppo del trattamento per gli anni a venire.

La replicabilità del modello One Medical in Italia

Ciò di cui si è parlato meno è il fatto che si tratta di servizi che da noi definiremmo di “assistenza primaria” l’assistenza che da noi oggi è, appunto demandata ai medici di famiglia.

Sebbene in Italia l’assistenza sanitaria sia profondamente diversa rispetto agli Usa, i pazienti assicurati che vedo nel mio studio, i dati delle assicurazioni e delle mutue private più costose segnalano diversi problemi. Gli assicurati ignorano il proprio medico di medicina generale, gratuito e vanno direttamente dagli specialisti, spesso auto-prescritti ed entrano a volte in un girone dantesco in cui vengono prescritti innumerevoli esami, non sempre utili, solo per risolvere un’ansia che un “medico condotto” di una volta avrebbe risolto con un colloquio amichevole. “La prima medicina è il medico” si sente dire all’esame di clinica medica, almeno quello di una volta.

Il PNRR e i medici di base: l’assistenza di base può essere un business?

“Pensiamo che l’assistenza sanitaria sia in cima alla lista delle esperienze che devono essere reinventate”, ha affermato Neil Lindsay, SVP di Amazon Health Services, in una nota, una frase pesante, che non può non trovare d’accordo tutti nel settore dell’assistenza. “La casa come primo luogo di cura” è un mantra che ci sentiamo ripetere da quando sentiamo parlare del PNRR, ma fino ad oggi il Medico di Medicina Generale (e anche lo specialista ambulatoriale, a dire il vero) è il grande convitato di pietra del Piano. Nel famoso DM 77, che riforma l’assistenza sanitaria alla luce del PNRR si parla a malapena del MMG, si sente dire che dovrebbe essere dipendente, anzi che è meglio che non lo sia, allora forse sarebbe meglio che lo fosse in parte. Come se il centro del problema fosse questo.

One Medical è un modello di quello che potrebbe essere, non so neppure se i MMG di One Medical siano dipendenti o no, non è per il “patrimonio” di medici che Amazon l’ha acquistata ma è per gli oltre 750.000 assistiti. L’assistenza di base può essere un business? Forse non lo era prima dell’era digitale, anche se una certa parte della politica l’ha cercata a caccia di voti, oggi, che “l’assistenza sanitaria è in cima alla lista delle esperienze che devono essere reinventate” potrebbe persino essere un business in cui vincono tutti, i clinici, i cittadini ed i pagatori.

Immagine che contiene testo Descrizione generata automaticamente

“Non siamo il solito ambulatorio medico: cure virtuali 24 ore al giorno 7 giorni su sette, appuntamenti in giornata o al massino in un giorno di attesa, in ambulatorio o in video, con una nostra APP.”

One Medical fa un confronto con l’assistenza primaria tipica americana che sembra soffrire di mali simili a quella italiana.

I mali che affliggono i medici di famiglia in Italia

Con tutto il rispetto che meritano i colleghi MMG, sommersi da un modello di lavoro nato quasi un secolo fa e solo minimamente aiutato da una digitalizzazione che sembra aver aumentato la burocrazia più che migliorato la cura, gli appuntamenti non sono sempre immediati, non sempre puntuali, non può andare dal medico che vuoi in tutt’Italia, non hai consulenza on line 24 ore su 24. Non ci sono laboratori di analisi nello studio del MMG e gli appuntamenti durano pochi minuti, non certo per colpa del medico ma del carico di lavoro a cui deve far fronte.

Quanto costa il servizio? 200 dollari all’anno, più o meno il costo di una visita specialistica. Se io fossi il FASI, l’INPGI, Unisalute e tanti altri analizzerei molto bene il modello, che si sostiene anche attraverso l’uso dei dati. Anche da noi ci sono stati e ci sono ancora tentativi di mettere in piedi un servizio simile ma, non si offenda nessuno, questi servizi stanno a One Medical come Postal Market sta ad Amazon o come Pagine Gialle sta a Google: il business è nello stesso ambito ma solo uno ha la chiave del successo.

Sanità digitale, sfruttare i dati tutelando la privacy: le raccomandazioni

Forse da noi i servizi di assistenza primaria privati debbono ancora crescere ma per ora non se ne vedono. L’alleanza con Amazon o altri big player dei dati può essere un gradissimo moltiplicatore, sappiamo che i dati sono il terreno in cui si può seminare qualcosa con cui realizzare il vero business e, come abbiamo sempre detto, l’assistenza primaria è la base dei dati sulla salute. Non necessariamente a discapito dei cittadini, l’utilizzo di una intelligenza artificiale a scopi di cura, l’uso della genomica, dei marcatori digitali a scopo di cura è un gioco in cui vince l’industria e vince il cittadino. Ernst Young (EY) ha pubblicato un report dal titolo: “Realising the value of health care data: a framework for the future” e presentato alcuni esempi di uso dei dati:

  • Comprensione più profonda della malattia
  • Efficacia e sicurezza del trattamento o farmacovigilanza
  • Aumento della qualità delle cure, come ad esempio una diagnosi più veloce e precoce
  • Osservazione degli esiti reali dei pazienti e valutazioni cliniche sull’efficienza del percorso
  • Miglioramento dell’accesso dei pazienti alle terapie
  • Prove di efficacia in termini di costi e risultati per arrivare a modelli di rimborso basati sul valore
  • Identificazione efficiente del target per nuovi trattamenti e farmaci
  • Progettazione di studi clinici per popolazioni target e malattie rare
  • time to market per nuove terapie
  • Operatività ed economicità dell’erogazione dell’assistenza sanitaria, e pianificazione della forza lavoro
  • Abilitazione della medicina personalizzata — trattamento corretto per i pazienti corretti al momento giusto

Conclusioni

Dall’entrata in vigore del Fascicolo sanitario elettronico 2.0 in poi, se va tutto bene, i nostri dati potrebbero essere usati, ma solo dopo che pian piano avranno popolato i record del fascicolo, dai nostri MMG, che rimarranno sempre gli stessi, anzi saranno di meno, sempre più sommersi dal lavoro. Posso avere un po’ di invidia per i pazienti di One Medical? Certo se si rivoluzionasse l’assistenza di base…ma per ora non se ne parla nemmeno.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2