Federsanità

Big data per un’assistenza sanitaria che non finisce mai

Anche nel settore della salute si potrebbe gestire con efficacia una mole considerevole di dati, centrata sul cittadino., per il futuro della long term care e integrated care Vediamo secondo quali principi

10 Lug 2017
Valentina Albano

Federsanità ANCI

sanità_530668258

La crisi economica, unita alle sfide poste da cronicità e invecchiamento, implica un forte bisogno di riorganizzare il “Sistema Salute” per prevenire e rallentare l’evoluzione delle patologie ed adattarsi alla loro presenza: si veda il recente Piano Nazionale Cronicità.

Cronicità e invecchiamento sono due aspetti di uno stesso problema di fondo: il bisogno di assistenza di lunga durata (Long Term Care), che richiede attività continuative, di natura eterogenea sia per il tipo di specialità mediche coinvolte, sia per il ruolo significativo delle altre professioni sanitarie, sia per la presenza crescente della componente sociale.

L’insieme di attori (cittadino compreso) che gestisce la salute di un cittadino varia secondo le sue problematiche di salute e le sue scelte ed è disperso tra strutture sanitarie, servizi sociali e la stessa abitazione del cittadino.

Le tecnologie digitali offrono un’opportunità per superare le barriere di spazio e di tempo, permettendo di collaborare a distanza, comunicando in modo tempestivo o in tempi differiti. L’introduzione della tecnologia in questo settore non può rappresentare un obiettivo in sé, ma deve mirare a supportare i cambiamenti di sistema verso processi innovativi di gestione della salute orientati alla qualità e all’efficacia (Integrated Care).

Innanzitutto le tecnologie digitali possono permettere ai diversi attori di comunicare meglio tra loro, a distanza o nel tempo. Internet è la risorsa principale per scambiare dati e informazioni, mentre i dossier e il fascicolo sanitario elettronico sono in grado di conservarli e presentarli secondo le necessità. Dispositivi e sensori di dimensioni e costi ridotti permettono di acquisire e tramettere dati sul paziente da postazioni remote.

Un’altra modalità di supporto riguarda l’attivazione del cittadino sulla propria salute, con l’eventuale assistenza di collaboratori informali, quali familiari, badanti, vicini, volontari…. Il paziente può essere reso più consapevole del proprio stato di salute, degli stili di vita da adottare, del piano di cura da eseguire. Grazie alla tecnologia, un care manager o un centro servizi possono aiutarlo con maggiore frequenza a seguire meglio il piano assistenziale concordato e a orientarsi nei servizi offerti dal sistema sanitario e sociale.

Infine la disponibilità di dati amministrativi, clinici e organizzativi permette di prendere decisioni più tempestive ed accurate, nei rispettivi ambiti, sia ai professionisti sanitari che seguono il paziente, sia ai dirigenti delle strutture.

Certo, occorrono molti anni per portare a sistema tutte le componenti in modo complementare e sinergico.

Certificati, prescrizioni, prenotazioni, e referti già viaggiano sistematicamente in rete in numerose località. Anche le procedure amministrative e i portali delle strutture sono ormai ad un livello avanzato di utilizzo.

Gran parte della popolazione ormai usa social network e conoscenze in rete, anche se non sono regolati (e quindi a rischio di usi distorti), direttamente o attraverso la mediazione di parenti e amici più “alfabetizzati” digitalmente.

Nelle regioni si sta attivando il Fascicolo Sanitario Elettronico, e cominciano ad apparire anche in Italia i primi ospedali “senza carta”, ovvero ad alto livello di informatizzazione.

il sistema sanitario (e sociale) arriverà a gestire nei prossimi anni una massa enorme di informazioni da fonti estremamente eterogenee, sia sugli aspetti clinici e più in generale sulle condizioni socio-sanitarie degli assistiti, sia sugli aspetti amministrativi e organizzativi; a breve si diffonderanno le “app” per gli operatori e per i cittadini integrate nel sistema informativo delle strutture sanitarie, per aiutarli a svolgere il proprio ruolo all’interno del sistema, secondo i propri profili e le proprie credenziali.

Come ci si potrà orientare in tale mole di dati, per assicurare che l’attore giusto possa gestire le informazioni giuste nella situazione giusta?

Il mercato può offrire tanti tipi di soluzioni, e oggi è impossibile prevedere quali saranno quelle più efficaci e più apprezzate dai vari tipi di utenti, con culture e bisogni estremamente diversi. Però intanto si possono discutere alcuni principi per organizzare le informazioni, che permettano di definire gli standard tecnici necessari per affrontare le nuove sfide poste dai processi innovativi di Integrated Care.

Il primo principio riguarda “chi fa cosa”. Chi si occupa della salute di un cittadino (compresi il cittadino stesso e i propri familiari) deve poter sapere tempestivamente, secondo il proprio ruolo, chi altro sta facendo qualcosa per quel cittadino.

Occorre quindi tenere traccia delle attività che vengono svolte, dove e da chi vengono svolte, per poter presentare quando serve una lista opportunamente filtrata e organizzata in funzione del bisogno informativo di ogni attore.

In questo modo si facilita la comunicazione tra i vari attori, realizzando una sorta di “team virtuale”, diverso da cittadino a cittadino. Inoltre la lista delle attività, alla luce del piano individuale di assistenza, può fare da guida al ritrovamento e alla lettura della documentazione correlata all’attività stessa (resoconti, referti, prescrizioni, …).

Un altro principio riguarda il “perché” un’attività viene svolta. Ogni attore ha una propria percezione dello stato di salute e dei problemi del cittadino/paziente, a seconda della propria specializzazione/cultura/ruolo.

Secondo lo standard ISO 13940 sulla Continuità delle Cure, i problemi di salute identificati dai diversi attori possono essere raggruppati in “filoni” omogenei (thread), es. il diabete, o le difficoltà di movimento. Conoscere i punti di vista di ogni operatore permette di inquadrare meglio il suo ruolo ed i suoi obiettivi all’interno del piano assistenziale.

All’interno di ogni filone si può monitorare l’evoluzione (attivo, risolto, …) dei diversi problemi ed eventualmente gestire la loro relazione reciproca. I filoni possono costituire un’ulteriore chiave di lettura della documentazione e delle attività.

Infine occorre caratterizzare un insieme di situazioni predefinite (Punti di Attenzione) e predisporre per ogni situazione la serie di dati rilevanti che sarebbe opportuno scambiare, con gli indicatori necessari per scopi decisionali (clinici, socio-sanitari, organizzativi o manageriali). Non si tratta di imporre vincoli rigidi alla rappresentazione dei dati, ma di favorire un miglioramento progressivo della loro qualità. Ogni dato elementare può infatti essere validato e interpretato nel contesto degli altri dati significativi per la situazione considerata.

Questo meccanismo permette di assicurare che tutti i dati rilevanti per gestire una situazione vengano prodotti correttamente al momento opportuno e poi vengano resi disponibili a chi li dovrà utilizzare in occasioni successive. Si possono analizzare inizialmente i PDTA più frequenti, per definire una serie di formati-tipo sui “Profili Orientati al Problema”; l’approccio può poi essere esteso gradualmente ad altre situazioni prevedibili.

In sintesi, per affrontare la cronicità e l’invecchiamento l’assistenza di lunga durata richiede di predisporre una forte integrazione di dati, informazioni e conoscenze in un substrato comune; una serie di nuovi servizi informativi basati sul riutilizzo multiplo di dati catturati nel sistema informativo di routine, integrato tra i diversi setting assistenziali, può portare un valore aggiunto a complemento delle cartelle cliniche dei singoli professionisti e del Fascicolo Sanitario Elettronico.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati