Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

STRATEGIE

Digitale per la Sanità, così si riducono i “Determinanti sociali della salute”

Una sanità digitale è in grado non solo di abilitare una riorganizzazione dell’offerta di servizi, ma anche di attivare il patient engagement e il coinvolgimento dei volontari. Contribuendo in questo modo ad attenuare i fattori di rischio “non medici”. Ecco un’analisi degl elementi in gioco

23 Ago 2019

Angelo Rossi Mori

Area Innovazione e Sviluppo, Federsanità ANCI


Una Sanità digitale può svolgere una funzione significativa nelle strategie che puntano a integrare mondo dei servizi sanitari e mondo dei servizi sociali. Si sta ampliando recentemente il dibattito internazionale sul ruolo dei “Determinanti sociali della salute” (Social Determinants of Health, SDOH) rispetto alle problematiche della salute ed al benessere di una comunità. Si tratta ampliare la visione dei sistemi sanitari e sociali verso la “Salute in tutte le politiche”: in questo senso la digital transformation unitamente a una sanità digitale che si avvale di soluzioni innovative, avrà un peso cruciale. Una maggiore attenzione ai determinanti sociali da parte del sistema permette di ottenere ulteriori benefici per tutti gli abitanti.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha segnato una svolta in merito ai Determinanti Sociali della Salute con il convegno mondiale del maggio 2012, preceduto da anni di lavoro con diversi gruppi specifici, e seguito poi da Dichiarazioni e Risoluzioni verso i Paesi Membri, dall’organizzazione di Conferenze e dalla produzione di manuali e video. Tuttavia l’elaborazione delle singole strategie nazionali richiede tempo, e la successiva messa a sistema delle soluzioni non è semplice.

Un primo passo è l’integrazione tra mondo sanitario e mondo sociale, un argomento di punta dal punto di vista della ricerca e dell’innovazione, come dimostrato anche nell’ultimo convegno annuale della International Foundation for Integrated Care in Aprile a San Sebastian. Il passo ulteriore verso la Salute in tutte le politiche (“Health in All Policies”, HIAP) implica una profonda trasformazione culturale.

Quali sono i “determinanti sociali”

Secondo l’OMS, i Determinanti Sociali riguardano “le condizioni in cui le persone nascono, crescono, vivono, lavorano e invecchiano”; ad esempio:

keyboard_arrow_right
keyboard_arrow_left
Condizioni di lavoro i tipi di lavoro e la minaccia di disoccupazione influiscono sulla salute dei lavoratori
Esclusione socialei processi che portano all’esclusione di particolari gruppi di persone dall’impegnarsi pienamente nella vita comunitaria e sociale
Programmi di salute pubblica l’accesso all’assistenza sanitaria e sociale per gruppi socialmente ed economicamente svantaggiati
Parità di generei meccanismi e le azioni per ridurre le disuguaglianze di genere
Sviluppo infantile le opportunità offerte ai bambini sono cruciali nel dare forma a uno stato di salute e sviluppo lungo tutto l’arco della vita
Globalizzazionele dinamiche e i processi della globalizzazione influenzano gli outcome di salute
Sistemi sanitarigli approcci innovativi per incorporare un’azione efficace sui determinanti sociali della salute
Misura e provele metodologie e gli strumenti per misurare le cause, i percorsi e gli esiti sanitari degli interventi in tutti i settori
Urbanizzazioneuna sana urbanizzazione, compreso il miglioramento delle periferie

Affrontare i Determinanti di Salute non medici richiede soluzioni innovative che coinvolgono una stretta collaborazione del settore pubblico con il settore privato. Oggi i sistemi sanitari e sociali stanno esplorando le opportunità per migliorare il benessere di una comunità attraverso nuovi modelli di assistenza e di procurement basati sul valore e la trasformazione digitale.

Il primo passo in questa direzione è la messa a punto dei sistemi di misura, sia per monitorare i bisogni, che per valutare gli effetti sulla salute ottenuti dalle trasformazioni realizzate negli altri settori economici.

Perché la Digital Transformation riduce i fattori di rischio

Inoltre la Digital Transformation può avere un ruolo cruciale per ridurre l’influenza dei Determinanti Sociali all’interno della Health Transformation prossima ventura, sia per gli aspetti culturali che per quelli pragmatici.

Infatti l’innovazione digitale può essere efficace, oltre che per abilitare una riorganizzazione radicale dell’offerta di servizi sanitari e sociali, anche per l’attivazione del cittadino/paziente (Patient Engagement) e per il coinvolgimento dei volontari.

Dal punto di vista dei servizi, le tecnologie attuali (per esempio: internet e dispositivi medici) permettono di avvicinare il sistema al cittadino e di rendere l’assistenza più continuativa, cioè di offrire servizi a distanza, di organizzare meglio i servizi a domicilio, di avere interazioni più frequenti con gli operatori o di automatizzare alcune forme di contatto più operative.

Per quanto riguarda il cittadino, il sistema informativo può aumentare la consapevolezza sui diritti, sulle procedure, sulle strutture e sui servizi disponibili, favorendo un accesso più appropriato alle cure. In aggiunta, portali ed App certificati e aggiornati possono fornire conoscenze autorevoli ed esercizi autogestiti sugli stili di vita, sulle malattie e sulle terapie, anche in diverse lingue. Inoltre i social network possono offrire l’occasione per formare gruppi (opportunamente moderati) capaci di contribuire a ridurre l’esclusione sociale.

Infine le tecnologie digitali possono costituire un supporto significativo per migliorare la coesione sociale di una comunità, con l’apporto dei volontari. Possono essere utilizzate ad esempio per la messa a punto di una banca del tempo, in cui ognuno può offrire spontaneamente le proprie capacità, oppure per la configurazione di una rete di volontari come “sentinelle” informali, capaci di segnalare tempestivamente situazioni di rischio o di disagio che sfuggono ai servizi sanitari e sociali formali.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4