intelligenza artificiale

GPT-4, per alleggerire il lavoro dei medici: meno burocrazia, più cura



Indirizzo copiato

L’applicazione Dragon Ambient eXperience, o DAX, incorporerà presto GPT-4 grazie alla partnership tra Microsoft e OpenAI. I medici “cederanno il controllo” a “macchine imperfette” per utilizzare parte del loro tempo diversamente? Vediamo i vantaggi e le criticità

Pubblicato il 9 giu 2023

Luigi Mischitelli

Privacy & Data Protection Specialist at IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza



Sanità digitale: l'importanza dell'anonimizzazione

Uno tra i più gravosi compiti che i medici si trovano ad affrontare quotidianamente è il loro rapporto con la “burocrazia”. Molti medici, infatti, passano ore ed ore della loro giornata lavorativa a compilare documenti e redigendo atti. Compiti che, peraltro, in molti paesi sono obblighi di legge; per cui, la loro compilazione non è facoltativa e comporta un pesante carico emotivo per i medici (in aggiunta a una professione già di per sé stressante e a costante rischio di burnout).

Le potenzialità di Dragon Ambient eXperience

Negli ultimi anni, negli Stati Uniti è stata testata una tecnologia che ha il potenziale di alleviare parte del carico di lavoro dei medici, ossia un’applicazione che registra le interazioni dei medici con i pazienti e utilizza l’Intelligenza Artificiale per generare note da inserire nella cartella clinica elettronica. L’applicazione, chiamata Dragon Ambient eXperience, o DAX, è stata sviluppata da Nuance Communications, azienda di Intelligenza Artificiale acquisita da Microsoft nel 2022.

Tra i primi ad utilizzare l’applicazione vi è la non-profit statunitense “Providence Health & Services” di Renton (Washington)[1], che gestisce diversi ospedali e cliniche statunitensi. Sebbene molti degli oltre quattrocento medici del Providence Health & Services che finora hanno utilizzato DAX lo apprezzino, ci sono stati due ostacoli principali quando si è trattato di convincere un maggior numero di medici a utilizzarlo: ossia, la resistenza al cambiamento e la rinuncia al controllo della scrittura degli appunti (per quanto non sia una pratica apprezzabile dai medici, come accennato in precedenza). Finora, il lavoro dell’Intelligenza Artificiale di DAX viene controllato da professionisti “umani” prima di essere inviato al medico per la revisione finale.

Medici e burocrazia: i vantaggi di DAX abbinato a GPT-4

Ma entro quest’estate[2] Microsoft e Nuance inizieranno a distribuire una versione completamente automatizzata che incorporerà GPT-4 grazie alla partnership di Microsoft con OpenAI. Il colosso fondato da Bill Gates spera che una versione di DAX completamente automatizzata, che generi documenti medici in pochi secondi, possa risultare molto più efficace della versione precedente (ad oggi in uso).

Ma la vera domanda per il suo (eventuale) successo è: i medici “cederanno il controllo” a “macchine imperfette” per utilizzare parte del loro tempo diversamente? Gli esperti sostengono che le preoccupazioni relative all’accuratezza, alla responsabilità e persino a questioni come la formattazione delle note potrebbero rendere alcuni medici esitanti a utilizzare appieno l’investimento multimiliardario ($18.8mld) di Microsoft. Probabilmente, serviranno molti anni per convincere la stragrande maggioranza dei medici ad utilizzare con sicurezza DAX o applicazioni simili. Tuttavia, la possibilità di una lunga “curva di adozione” non significa necessariamente che DAX sarà un fallimento per Microsoft. Innanzitutto, DAX ha un vantaggio di fiducia rispetto ai concorrenti attuali e futuri: più di mezzo milione di medici statunitensi utilizzano già il software di “dettatura medica” di Nuance. E questa spinta verso l’automazione completa è un passo “incrementale”, ma importante, nelle più ampie “ambizioni” di Microsoft di sviluppare e vendere nuovi prodotti a circa la metà dei medici statunitensi.

Nuance stima che, mediamente, un medico spenda circa quindici minuti per redigere la documentazione per ogni visita del paziente e che DAX abbinato ad un revisore umano della qualità (la versione attuale) contribuisca a tagliare tale tempistica di circa sette minuti. E con la versione attuale di DAX è possibile garantire l’accuratezza della nota generata dall’Intelligenza Artificiale, sebbene con un grosso inconveniente: un tempo di ritardo fino a quattro ore. Con il futuro DAX abbinato a GPT-4, invece, Nuance afferma che la documentazione del paziente potrà essere pronta in pochi secondi. Il piano del colosso di Redmond prevede di distribuire la nuova versione a circa cinquecento medici statunitensi quest’estate. Anche se la velocità potrebbe non essere importante se i medici devono costantemente tornare indietro e controllare il lavoro fatto dal software. E dovranno farlo, visto che sono loro i responsabili sul piano legale dei contenuti immessi nella documentazione sanitaria dei pazienti (come le cartelle cliniche). Microsoft e Nuance affermano che l’integrazione di GPT-4 in DAX migliora l’accuratezza complessiva dei modelli di Intelligenza Artificiale, pur non sbilanciandosi sul tasso di precisione di tale accuratezza.

Le criticità

La rivista statunitense Forbes, sul punto, ha affermato di aver riscontrato un errore nella documentazione prodotta da DAX con GPT-4: il nuovo applicativo di Nuance, secondo Forbes, in un caso ha scritto che il mal di schiena della paziente X era iniziato a cinquanta anni mentre, durante l’esame, la paziente X aveva riferito che il dolore era iniziato a venti anni. Un errore non da poco. Con un sistema di Intelligenza Artificiale c’è sempre un potenziale di errore, non può mai esserci un’accuratezza del cento per cento; per cui si risparmia tempo, ma il medico rimane responsabile della documentazione prodotta dall’Intelligenza Artificiale.

Altre preoccupazioni sull’accuratezza riguardano il contesto in cui lo strumento viene utilizzato. Per ora, la tecnologia può essere utilizzata in una sala per gli esami, con un rapporto medico-paziente “esclusivo” e riservato. Una sfida futura è se un applicativo come DAX potrà funzionare in ambienti più frenetici, come i pronto soccorso degli ospedali, dove ci sono molte più voci e diverse “distrazioni”. Inoltre, vi è la diversità delle popolazioni di pazienti che i medici vedono ogni giorno e il modo in cui questi modelli si comporteranno con accenti diversi o con persone non di madrelingua inglese (o nelle lingue nazionali ove verranno applicati). I modelli di Nuance sono stati addestrati su otto milioni di visite di pazienti in tutti gli Stati Uniti. Il software è attualmente costruito per l’inglese americano, ma Nuance sta progettando di espandersi implementando lo spagnolo e l’inglese non americano.

Uno dei passi fondamentali per l’introduzione dell’Intelligenza Artificiale “ambientale” nelle strutture sanitarie sarà la convalida dei modelli su popolazioni diverse e la comprensione e comunicazione dei limiti della tecnologia. Ci sono già molti modi in cui il sistema sanitario risulta iniquo, poiché tratta in modo diverso i gruppi a basso reddito e le persone di etnia diversa; e questa potrebbe essere un’ulteriore area che aggrava la situazione (i pregiudizi dell’Intelligenza Artificiale sono sempre dietro l’angolo).

Il cambiamento culturale vero freno dell’adozione di DAX

Uno dei maggiori ostacoli all’utilizzo di DAX da parte dei medici sarà il cambiamento culturale in termini di ciò che può andare “perso” quando le macchine prenderanno il posto della scrittura manuale. Sebbene la documentazione medica tratti il problema principale del paziente, l’anamnesi, le prescrizioni, la visita e il piano di follow-up, il modo in cui essa viene redatta può variare notevolmente da medico a medico (ad esempio, uno può essere più prolisso, l’altro più conciso nella redazione). Nella versione attuale di DAX (con il revisore umano), vi è l’opportunità di una certa personalizzazione.

Ad esempio, il revisore umano può inserire nella nuova nota informazioni tratte da precedenti cartelle cliniche basate sulle preferenze del medico, come i risultati di esami di laboratorio o la storia del paziente. Per il momento, Microsoft e Nuance intendono continuare a offrire ai clienti entrambe le versioni: quella con revisione umana e quella completamente automatizzata. Ma il prossimo passo sarà capire come rendere la versione automatizzata con GPT-4 più personalizzata. Si inizierà con lo sviluppo di diversi modelli stilistici tra cui i medici potranno scegliere, con opzioni, ad esempio, più o meno discorsive, per quanto riguarda la lunghezza e la quantità di informazioni incluse nelle documentazioni. Nuance lavorerà anche per automatizzare altre funzioni che attualmente vengono svolte dal revisore umano, come ad esempio l’estrazione di informazioni da precedenti documenti elaborati dai medici. Se, finora, l’obiettivo principale è stato quello di documentare correttamente ogni passo, il futuro includerà funzioni come la preparazione degli ordini, la raccomandazione delle diagnosi e la generazione di istruzioni post-visita per il paziente; il che significa che i software punteranno a diventare degli assistenti del flusso di lavoro dei medici. Nei prossimi mesi e anni, quando un numero maggiore di medici inizierà a utilizzare il DAX completamente automatizzato, gli ospedali inizieranno a comprendere se l’Intelligenza Artificiale potrà davvero alleggerire gli oneri amministrativi che stanno esaurendo il tempo quotidiano a disposizione dei medici.[3]


[1] Providence Improves Clinical Workflows with Nuance DAX Solution. FindBiometrics.

[2]We’re getting much more aggressive’: Microsoft’s Nuance adds GPT-4 AI to its medical note-taking tool. STAT.

[3] Microsoft Wants To Automate Medical Notes With GPT-4— But Doctors Need Convincing. Forbes.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3