dispositivi digitali

I gadget fitness sono inaffidabili, “una sciocchezza per un medico”, ecco perché

Ormai sensori che rilevano parametri “medici” sono inseriti in molti dispositivi di uso comune, orologi, scarpe, smartphone. Ma è bene utilizzarli come il “piccolo chimico” di una volta. Gadget divertenti e istruttivi, ma è un grave errore affidarvi la nostra salute

06 Mar 2017
Sergio Pillon

Coordinatore della Trasformazione Digitale, ASL di Frosinone

Medicine doctor pushing on first aid sign with modern computer interface

Qualunque dispositivo medico, per poter recare la marcatura CE, deve corrispondere ai cosiddetti “requisiti essenziali” esposti nell’allegato I del D. Lgs.46/97. Si tratta di requisiti di sicurezza e di efficacia che sia i dispositivi sia il loro sistema produttivo devono possedere. Come recita l’allegato I, infatti, “i dispositivi devono essere progettati e fabbricati in modo che la loro utilizzazione non comprometta lo stato clinico e la sicurezza dei pazienti, né la sicurezza e la salute degli utilizzatori ed eventualmente di terzi, quando siano utilizzati alle condizioni e per i fini previsti, fermo restando che gli eventuali rischi debbono essere di livello accettabile, tenuto conto del beneficio apportato al paziente, e compatibili con un elevato livello di protezione della salute e della sicurezza”. Questo significa che – per produrre un dispositivo medico conforme al D. Lgs.46/97 – il fabbricante dovrà dimostrare che non solo il suo prodotto, ma anche il processo produttivo nei suoi diversi aspetti (progettazione, fabbricazione, controlli ecc.), rispettino i requisiti essenziali”.

Tutto questo, ovviamente, non è una semplice presa di posizione fine a se stessa ma una precisa indicazione per il rispetto di quei requisiti di sicurezza, affidabilità operativa ed attendibilità dei parametri rilevati da un apparecchio utilizzato per prendere delle decisioni sulla vita di una persona.

Oggi, nel terzo millennio,  sensori che rilevano parametri “medici” sono inseriti in molti dispositivi di uso comune, orologi, scarpe, smartphone, sono disponibili app che utilizzano sensori progettati per altri scopi, la fotocamera con il flash dello smartphone per fare l’esempio più noto, per misurare la frequenza cardiaca, gli accelerometri per le calorie consumate, il microfono e gli accelerometri per la qualità del sonno. Vale la pena ricordare che non è solo il sensore a dover essere certificato, ma tutto il sistema, (orologio , smartphone e relativi software, tutti assieme fanno il dispositivo certificato).

Il primo parere che posso dare, come “medico digitale” ed esperto di queste tecnologie dovrebbe essere lapidario: questi gadget dal punto di vista medico sono sciocchezze. Non perché non siano gadget divertenti o magari utili nel generale controllo della salute, ma, in primis, proprio perché non essendo certificati come dispositivi medici non sono stati sottoposti al processo di valutazione, e soprattutto di presa di responsabilità da parte del costruttore, che deve risponderne nel caso che l’apparato non sia fedele alla realtà nei parametri che rileva.

La certificazione di un saturimetro ad esempio, un apparecchio da poche decine di euro nelle versioni base, che consente di misurare la saturazione di ossigeno e la frequenza cardiaca di un paziente, serve per garantire che una persona con una insufficienza respiratoria riceva ossigeno quando necessario. In terapia intensiva o in camera operatoria i saturimetri sono dispositivi indispensabili per avere sotto controllo la frequenza cardiaca e la saturazione di ossigeno di un paziente anestetizzato. Cosa succederebbe se questi dispositivi fossero imprecisi? Oppure se ogni tanto smettessero di rilevare i dati? o se funzionassero correttamente solo su alcuni pazienti (ad esempio solo sugli adulti) senza che il medico ne fosse a conoscenza?

Esiste però una condizione ancora peggiore: quando un sensore che viene usato abitualmente dal medico, viene usato con uno scopo diverso. Ed il caso del FITBIT: lo studio legale Lieff Cabraser Heimann & Bernstein, negli Stati uniti ha avviato una class action contro l’azienda e lo studio clinico presentato a sostegno, conferma che i monitor della frequenza cardiaca Fitbit sono “altamente imprecisi” e che le misurazioni hanno una “correlazione estremamente debole” con le frequenze cardiache reali durante l’esercizio. Lo studio condotto dai ricercatori presso la California Polytechnic State University, Pomona ( “Cal Poly Pomona”) rivela che i cardiofrequenzimetri PurePulse™ nel Fitbit Surge™ e Charge HR™ presentano una “correlazione estremamente debole” con le frequenze cardiache effettive degli utenti misurate rispetto a quelle rilevate con elettrocardiogramma (ECG) e sono “molto imprecise , ancora di più’ poi durante l’attività fisica più impegnativa.”

Jonathan Selbin di Lieff Cabraser ha dichiarato: “(…) Questi dispositivi semplicemente non sono precisi per misurare frequenze cardiache durante l’esercizio fisico di intensità da moderata ad alta.

“Dopo aver analizzato attentamente le oltre 46 ore di analisi di dati comparativi tra cui centinaia di migliaia di singoli punti il dottor Jo e il Dr. Dolezal hanno concluso che i dispositivi Fitbit semplicemente non monitorano con precisione gli la reale frequenza cardiaca degli utenti in particolare durante l’esercizio. Per le frequenza cardiache rilevate ad intensità elevate di esercizio, la differenza media tra i dispositivi Fitbit e l’ECG è stata di circa 20 battiti al minuto, ben al di là di ogni ragionevole margine o previsto di errore. Inoltre, questa analisi ignora le migliaia di punti di dati discreti in cui i dispositivi Fitbit non hanno potuto registrare affatto il battito. Come fanno notare gli autori, se si includono anche i dati nulli la discrepanza media a è di circa 25 battiti al minuto, un risultato ancora peggiore. Inoltre, lo studio ha anche riportato una “sorprendente incongruenza” tra i dispositivi Fitbit eseguendo la registrazione contemporaneamente la frequenza cardiaca dello stesso utente su diversi polsi.

Da medico, angiologo, debbo fare una considerazione: in camera operatoria si usa il sensore pletismografico, quello che misura anche la saturazione di ossigeno, ma la frequenza cardiaca che rileva non è collegata ad un allarme, perché la frequenza cardiaca viene misurata  attraverso l’elettrocardiogramma. Inoltre se da pazienti avete mai eseguito una saturimetria la prima cosa che chiede il medico è “tenga ferma la mano per favore”, perché il solo muovere il dito genera artefatti. Sicuramente FITBIT ha sviluppato algoritmi per minimizzare questi errori, ma sembra che non siamo poi così’ accurati.

Personalmente ho più volte osservato come il sensore che misura i miei passi incluso nell’orologio android wear, non vada affatto d’accordo con quello che misura le stesse cose sul mio smartphone; se poi vado con lo scooter nel centro di Roma, quando passo sul “selciato romano”, sui sampietrini ( pavé per i francesi ), raggiungo sempre il mio obiettivo di 6000 passi al giorno, purtroppo però sono le vibrazioni dei sampietrini e non i passi realmente fatti.

Un dispositivo digitale innovativo è stato recentemente presentato dalla Abbott per consentire la misurazione della glicemia attraverso un sensore “impiantabile” che rimane per 14 giorni consecutivi nel braccio del paziente e viene letto a distanza, in qualsiasi momento, con un piccolo apparato con touch screen a colori e software dedicato, senza bisogno che il paziente si debba pungere continuamente il dito per prelevare una goccia di sangue. Cercando su internet nella letteratura medica Freestyle Libre (il nome del prodotto, direttamente on line), si può capire quanti studi comparativi siano stati fatti prima di poter mettere in commercio il sistema. Un nuovo regolamento è in discussione nell’unione europea “Proposal for a Regulation of the European Parliament and of the Council on medical devices, and amending Directive 2001/83/EC, Regulation (EC) No 178/2002 and Regulation (EC) No 1223/2009” che renderà le regole ancora più’ chiare e stringenti, con l’obiettivo principale di aumentare la sicurezza dei pazienti. (per approfondimenti sul tema il sito dell’International Medical Device Regulators Forum è un punto di partenza importante) ma la cosa più’ importante è la sensibilizzazione dell’utente. Anche le regole attuali proteggono il cittadino, pur essendo ancora imperfette..

Per concludere, un suggerimento: utilizzare questi dispositivi inseriti in smartphone, orologi gadget vari ed i parametri derivati come se fossero “il piccolo chimico”, l’allegro chirurgo” di una volta: gadget, divertenti ed istruttivi, ma sarebbe un grave errore affidare la vostra salute a questi oggetti.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati