ai e dermatologia

L’intelligenza artificiale per prevenire i tumori della pelle: i vantaggi per medici e pazienti

L’intelligenza artificiale può contribuire a migliorare la diagnostica precoce in dermatologia e anche la prognosi delle malattie, individuando i tumori in una fase ancora o precoce o riuscendo meglio a diagnosticare quelli che sfuggono ai medici. Un aiuto prezioso per medici e pazienti. Vantaggi e problemi

15 Set 2022
Domenico Marino

Università Degli Studi Mediterranea di Reggio Calabria

duplicato tessera sanitaria

L’uso dell’intelligenza artificiale in dermatologia è un campo in cui si può notare un interesse crescente da parte sia del sistema sanitario, sia delle imprese che operano nel settore.

Attraverso l’intelligenza artificiale è possibile non solo la differenziazione delle lesioni pigmentate benigne e maligne, ma anche il miglioramento della diagnosi e della gestione di altre patologie dermatologiche come, ad esempio, la psoriasi e le altre malattie infiammatorie, la valutazione delle singole caratteristiche delle ulcerazioni cutanee e il profiling dell’espressione genica.

L’IA come supporto alla diagnosi: la medicina intelligente e il nodo dell’interpretazione

Il melanoma e altri tumori della pelle

Il melanoma è un grave tumore della pelle e ha un’incidenza in rapido aumento in molti paesi. L’incidenza nelle popolazioni bianche è aumentata del 3-5% all’anno dalla metà del XX secolo, anche a causa dell’aumentata esposizione solare nei periodi estivi, con tassi attualmente pari a 20-60 casi per 100.000 persone all’anno.

WHITEPAPER
GUIDA PRATICA contro il Phishing: scopri come tutelare la tua azienda!
CIO
Sicurezza

Accanto al famigerato e temuto melanoma, vi sono anche altri tumori maligni della pelle, con una prognosi, per fortuna, generalmente benigna, che comprendono il carcinoma a cellule squamose e il carcinoma a cellule basali, che insieme vengono sempre più spesso definiti carcinomi cheratinocitari.

L’importanza della diagnosi differenziale

La diagnosi differenziale delle diverse forme di tumori della pelle che includono, oltre alle tipologie precedentemente descritte, anche dei tumori benigni è estremamente importante. Diagnosi differenziale che si può rivelare salvavita quando si tratta di individuare il melanoma nodulare, un melanoma particolarmente aggressivo che si manifesta in maniera diversa dai melanomi classici e che se scambiato per patologie benigne può portare in breve tempo al carcinoma metastastico che ancora oggi ha generalmente una prognosi infausta.

La diagnosi dei melanomi basata su AI

Su MIT News del 6 giugno 2022 viene riportato il caso di Susan Conover, una sopravvissuta al melanoma, che, a partire dalla sua esperienza ha progettato un approccio innovativo alla diagnosi dei melanomi basato sull’intelligenza artificiale che ha chiamato Piction Health. Procedendo con il suo lavoro, si è immediatamente resa conto che lo strumento aveva grandi potenzialità. Infatti, se è vero che Piction Health era nata come applicazione mobile che utilizzava l’intelligenza artificiale per riconoscere il melanoma dalle immagini, ci si è resi subito conto che poteva esser utile nella diagnosi di un gran numero di malattie della pelle che costituiscono la maggior parte dei casi che i dermatologi devono affrontare. Oggi, Conover e il suo co-fondatore Pranav Kuber si concentrano sull’aiutare i medici a identificare e gestire anche le condizioni cutanee più comuni, tra cui ad esempio eczemi, acne e herpes zoster e prevedono di sviluppare collaborazioni con altre aziende per aiutare a diagnosticare i tumori della pelle, riducendo di almeno il 30% i tempi necessari per la valutazione di un singolo caso. Questi approcci possono essere utili soprattutto per i medici di base che possono individuare immediatamente e con semplicità i casi sospetti che devono essere inviati per un approfondimento dal dermatologo.

L’accuratezza diagnostica degli algoritmi nella diagnosi dei tumori della pelle

Per un’attenta valutazione delle potenzialità di questi approcci è opportuno riflettere sull’accuratezza diagnostica degli algoritmi nella diagnosi dei tumori della pelle e delle malattie della pelle, sul rapporto costo-efficacia e sul grado di accettazione da parte dei i pazienti e dei medici. Nel caso delle neoplasie maligne una retrospettiva di studi pubblicata su “The Lancet Digital Health” mostra un’accuratezza diagnostica media stimabile per il melanoma nell’89-5% [range 59-7-100%], per il carcinoma a cellule squamose nell’85-3% [71-0-97-8%] e per il carcinoma basocellulare nell’87-6% [70-0-99-7%].

I problemi delle tecniche di tele dermatologia supportate da IA

Sul versante dell’analisi costo-efficacia, vanno tuttavia segnalate alcune situazioni che possono rendere problematica l’applicazione su larga scala di queste metodologie. Esistono, infatti, alcune barriere che ne impediscono l’adozione.

Un primo problema che riguarda queste tecniche di tele dermatologia supportate dall’intelligenza artificiale è costituito dal fatto che l’esame della pelle di tutto il corpo è difficile da eseguire virtualmente, e che, quindi, possono sfuggire lesioni clinicamente significative. L’implementazione della tele dermatologia comporta in primo luogo diversi costi di natura tecnologica (ad esempio, costi delle apparecchiature, competenze tecnologiche e formazione del personale), ma anche costi legati alla necessità di garantire la crittografia dei dati inviati per proteggere le grandi quantità di dati sensibili che vengono trasmessi. La tele dermatologia può anche non essere disponibile per le persone che non hanno accesso a Internet di alta qualità o a dispositivi di telecomunicazione con telecamere di alta qualità.

Le potenzialità diagnostiche dell’IA in dermatologia

Al netto di queste considerazioni è indubbio che l’intelligenza artificiale nel campo della diagnosi per immagini in dermatologia ha delle potenzialità diagnostiche che la rendono superiore a quelle del singolo sanitario, soprattutto per la capacità di individuare precocemente i casi sospetti. Questo, tuttavia non significa che lo strumento debba essere assolutizzato fino a pensare che possa, tout court, sostituire lo specialista. È uno strumento che può essere un valido supporto all’attività dei medici, sia di quelli di base, sia degli specialisti in dermatologia. Gli algoritmi di intelligenza artificiale possono contribuire a migliorare la diagnostica precoce, migliorando anche la prognosi delle malattie dermatologiche, individuando i tumori in una fase ancora o precoce o riuscendo meglio a diagnosticare quelli che sfuggono ai medici. Questo approccio potrebbe, inoltre, limitare il carico sui reparti permettendo ai sanitari di visitare un numero più elevato di pazienti e, nei luoghi dove c’è una grave carenza di specialisti, riuscire a garantire ugualmente un servizio di qualità in tempi ridotti riducendo le liste d’attesa.

Conclusioni

Usare gli strumenti della telemedicina per sviluppare un sistema di sanità virtuale e digitale può essere, quindi, una via per ottimizzare e rendere più efficiente la prassi delle visite mediche di routine. In primo luogo, perché si possono ridurre i costi degli spostamenti fisici dei pazienti e si può arrivare ad un sistema di monitoraggio del paziente personalizzato e continuo. Secondo gli analisti, il mercato della diagnosi e delle terapie digitali, in cui rientrano le applicazioni dermatologiche descritte, vale oggi, solo negli Stati Uniti, circa 3,5 miliardi di dollari. Ma si prevede che il mercato crescerà di circa il 20% all’anno nei prossimi cinque-dieci anni. Si tratta, quindi, di un mercato non solo potenzialmente interessante e con margini di crescita sostenuti, ma in grado anche di modificare su larga scala l’approccio alla diagnosi e alla cura delle malattie dermatologiche.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4