la guida

Autismo, le app e i software per il supporto

Nell’ambito dei disturbi legati allo spettro autistico, app e software aiutano lo sviluppo e l’implementazione di diverse aree dello sviluppo, tra cui quella affettiva ed emozionale, cognitiva, didattica, della comunicazione e della socializzazione promuovendo abilità visuo-spaziali, attenzione e reattività. Una panoramica

11 Gen 2021
Carmelina Maurizio

Università degli Studi di Torino

proctoring - educazione civica digitale - Borsa di studio Inps

Lo sviluppo dei software e delle app offre nuovi strumenti per chi si trova in condizioni di disabilità. Ma anche sono d’aiuto a tutti coloro che sono in vario modo coinvolti: educatori, genitori di chi è in condizione di svantaggio fisico o psichico.

In questo ambito, sono maturate anche molte soluzioni rivolte al problema dell’autismo.

Il valore educativo del gioco anche nella didattica

Molte applicazioni sono basate sul gioco e anche per questo non va dimenticato quanto sia indiscutibile il valore educativo del gioco nella didattica scolastica e in generale nel percorso di apprendimento, giocare infatti fa abbassare i livelli di ansia: partecipare a un’attività ludica distrae dai contenuti strettamente didattici del compito poiché l’attenzione si concentra sull’obiettivo immediato del gioco e sulla sua dinamica. Un approccio di questo tipo evita che il bambino, come il giovane e anche l’adulto, incontri grandi ostacoli nel suo percorso di apprendimento, in quanto fornisce feedback puntuali e coerenti di fronte agli eventuali successi o errori che consistono solitamente in immagini, musiche, suoni o animazioni facilmente comprensibili, come l’espressione di un personaggio felice o triste. Le strategie di insegnamento basate su supporti visivi aiutano gli alunni con autismo a processare le informazioni favorendo la comprensione dei messaggi.

WHITEPAPER
Conversational e Customer Experience: come si fa la differenza?
Software
Telco

Nello specifico dei disturbi legati allo spettro dell’autismo, le app e i software favoriscono lo sviluppo e l’implementazione di diverse aree dello sviluppo dell’individuo, tra cui quella affettiva ed emozionale, quella cognitiva, quella didattica, che ha che fare con le abilità necessarie allo studio, quella della comunicazione e della socializzazione e quella delle autonomie, promuovendo le abilità visuo-spaziali, nonché l’attenzione e la reattività.

In premessa vale ancora la pena sottolineare che la ricerca che ha portato alla scrittura di questo contributo si basa esclusivamente su fonti web, tutte testate per quanto riguarda la loro validità temporale, la scelta è poi caduta su prodotti e tecnologie che sono gratuite e il più possibile accessibili, intuitive e funzionali, naturalmente senza pretendere di avere esaminato l’ampio panorama,

Andremo dunque ad incontrare le app e alcuni dei software più noti, quali funzioni hanno, il loro livello di accessibilità e uso e il target di riferimento: bambini, bambini e adulti, famiglie e educatori. L’elenco è stato realizzato in ordine assolutamente casuale.

App e software per l’autismo

Liar

È un sistema software e hardware pensato per favorire lo sviluppo della comunicazione in persone con autismo, gravi disturbi del linguaggio, assenza di linguaggio parlato o limitazioni nella Comunicazione Espressiva, attraverso la selezione di pittogrammi che vengono trasformati in parole o frasi attraverso la sintesi vocale in lingua italiana. Il dispositivo consente di costruire frasi a partire da un numero teoricamente illimitato di immagini organizzate in maniera personalizzata. L’interazione continua della persona con il software crea una storia di apprendimento che permette di semplificare e velocizzare la costruzione di un messaggio, con l’obiettivo ultimo di assicurare all’utente una modalità di comunicazione efficace e altamente comprensibile in modo da renderlo realmente autonomo. A differenza di altri sistemi di comunicazione che usano dispositivi hi-tech, non è necessario avere dei prerequisiti per usare Liar; inoltre è possibile modulare in ogni momento la modalità in cui il software si presenta e funziona, per assicurare un ambiente facile da usare e da gestire, in grado di supportare genitori, terapisti ed insegnanti. Tutte le interazioni con l’applicazione vengono registrate e possono fornire una sintesi dei dati più importanti per permettere di monitorare gli apprendimenti.

Swiftkey Simbols

Questa app ha come target soprattutto i bambini con importanti difficoltà comunicative a farsi comprendere dalle persone che li circondano e si basa sulla tecnologia di predizione del linguaggio. La app è costituita da simboli (pittogrammi) e figure scelte per poter comunicare, cercando di prevedere ciò che l’utente potrebbe avere più bisogno in un quel preciso momento. I Symbols sono capaci di apprendere dal comportamento di ogni utente quali simboli e figure mettere in evidenza, tenendo conto anche del giorno e dell’ora in cui l’applicazione viene utilizzata. L’autism tracker può essere modificato secondo le esigenze di chi ha a che fare con un bambino nello spettro autistico.

Pictorario e Pictotea

Pictorario è un’applicazione per creare e visualizzare programmi con pittogrammi, appositamente progettati per facilitare la gestione dell’agenda per bambini con disturbo dello spettro autistico, ma anche per tutti i bambini in generale che necessitano di supporto grafico per visualizzare facilmente i loro compiti. Questa applicazione è completamente gratuita, ed è stata creata dal suo autore al termine dei suoi studi universitari come lavoro di laurea. PictoTEA cerca di utilizzare la tecnologia per l’inclusione di persone con ASD facilitando così la comunicazione con il loro ambiente attraverso la comunicazione tramite pittogrammi digitali invece di schede fisiche; l’app consente di personalizzare l’uso in base a sei livelli con diversi gradi di difficoltà, in modo che, man mano che la persona avanza nell’apprendimento, possa utilizzare più pittogrammi, categorie e persino creare frasi. È inoltre disponibile la funzionalità per aggiungere i propri pittogrammi, consentendo a ciascun utente di personalizzare il catalogo.

Per noi autistici

L’app consente di visualizzare news in tempo reale attraverso lo smartphone, con maggiore facilità di intervento, così come di usufruire della web radio ad essa collegata. Nella sezione “per noi” è possibile consultare una mappa d’Italia con indicati, regione per regione, i punti d’interesse più utili al quotidiano di famiglie con figli autistici. Immaginiamo che sia più semplice muoversi e viaggiare sapendo che altre famiglie con gli stessi tipi di problemi consigliano dove poter mangiare, soggiornare, trovare persone competenti a cui non bisogna sempre spiegare quali siano le specifiche esigenze.

L’app è disponibile per dispositivi Android e iOS, ed è stata pensata per consentire una fruizione e una condivisione immediata e personalizzata delle informazioni sui bisogni primari di chi ogni giorno deve gestire persone con autismo. Dal tempo libero (attività ludiche e sportive) alla ristorazione e dall’accoglienza alberghiera ai viaggi e alle vacanze: grazie ad essa, infatti, sarà possibile non solo avere visibilità dei servizi e delle strutture che tengono conto delle esigenze specifiche dei ragazzi con problemi di autismo, ma anche valutare direttamente la qualità del servizio o della struttura, attribuendo un punteggio in ragione del livello di soddisfazione.

Italia puzzle quiz

Questa app consente di ripassare alcune nozioni legate alla geografia italiana mediante quattro diverse modalità di gioco; le attività vengono in genere presentate creando un contesto originale, accattivante e molto funzionale all’apprendimento. Si tratta inoltre di un gioco che si può utilizzare a casa e a scuola, nella didattica in presenza e online. Puzzle consiste nel posizionare ciascuna Regione nel posto giusto sullo stivale; vi è anche il Quiz sui capoluoghi, con domande a scelta multipla tra quattro possibili alternative, e viene richiesto di indicare il corretto capoluogo di Provincia di una Regione e in ordine casuale sui capoluoghi delle Regioni; Quiz sulle città, per individuare quale, tra quattro possibili città, appartiene alla Regione indicata; Quiz sulla posizione, in cui si deve identificare dove si trova ogni Regione con un tocco.
Sia il puzzle che il quiz prevedono un punteggio che tiene conto del tempo impiegato e degli errori commessi. Per questa sua caratteristica del tempo, il gioco piace molto al bambino il quale è stimolato a migliorare continuamente il proprio tempo di risoluzione del puzzle e di risposta ai quiz, per battere il record.
Italia Puzzle Quiz favorisce la visualizzazione della cartografia dell’Italia, la memorizzazione delle sagome delle Regioni e dei luoghi ad esse associati; inoltre, la suddivisione delle Regioni in tasselli del puzzle aiuta a comprendere la dimensione spaziale delle Regioni stesse messe insieme a formare una nazione.

Animali indovina tutti i mammiferi e gli uccelli

È un software che propone un gioco, in cui gli animali sono divisi in cinque categorie: Mammiferi, Uccelli, Rettili e Anfibi, Pesci, Insetti. L’applicazione presenta due modalità di apprendimento, la presentazione attraverso Flashcards e le Tabelle per ogni classe di animali. È possibile scegliere la tipologia di gioco: Quiz (facile e difficile) e Quiz a scelta multipla: le domande con quattro o sei varianti delle risposte; Gioco a tempo: rispondi a più di venticinque domande per ottenere una stella. L’applicazione è tradotta in diciannove lingue tra cui il francese e l’inglese, in questo modo si può estendere l’apprendimento dei nomi degli animali anche alle lingue straniere. Animali  può essere utilizzata all’interno di un lavoro di scienze riguardante le famiglie degli animali, i loro habitat e le caratteristiche fisiche, ma si adatta bene anche all’italiano perché insegna in modo semplice ed efficace a scrivere correttamente i nomi degli animali, guidando l’allievo verso l’autocorrezione mediante l’uso dei colori (verde – giusto; rosso – sbagliato).

Piano for kids

Questa applicazione consente di intraprendere con i bambini l’uso di uno strumento musicale. L’interfaccia grafica è molto colorata e consente di scegliere tra piano, chitarra, tromba, percussioni e xilofono per avvicinare i più piccoli ai diversi suoni, ma la vera particolarità consiste nella riproduzione di ventiquattro canzoncine famose come Buon Compleanno, Nella vecchia fattoria A, B, C e molte altre. L’applicazione consente di ascoltare la canzone seguendo i tasti che si illuminano tante volte quante volte si ripete la nota: quando il bambino ripete la canzone sulla tastiera, segue i movimenti di un cursore premendo il tasto su cui esso è posizionato, finché non si sposta su un altro tasto per riprodurre la nota successiva.
Il principio di Piano Kids si basa sulla tipologia del gioco di memoria classico con sequenze di colori da memorizzare, ripreso e migliorato per renderlo adatto allo studio della musica. Ciascun colore corrisponde a una nota e la sequenza di colori a una sequenza musicale. Sfruttando al massimo il canale visivo e auditivo, l’applicazione lavora sia sulla memoria visiva (legata alle immagini) che su quella uditiva (legata ai suoni) e fa sì che il bambino, memorizzando la sequenza, impari a suonare la canzoncina.

Kidlo coding for kids

È divertente gioco per insegnare ai bambini le basi della programmazione e che aiuta a migliorare le loro abilità di problem- solving, stimolando la memoria e le capacità di pensiero logico. Con questa app, i bambini imparano a creare semplici sequenze, cicli e funzioni con i giochi di codifica. L’applicazione contiene ben undici giochi di cui però solo quattro gratuiti: Funzioni di apprendimento (unire i punti per completare tutti i livelli del gioco); Loop (imparare il concetto di ciclo per la ripetizione di un insieme di comandi); Sequenza (imparare il sequenziamento; il comando viene eseguito esattamente nello stesso ordine); Little Firefighter (imparare sequenze, funzioni e loop con i vigili del fuoco attraverso cinquanta livelli). Kidlo non fornisce alcun suggerimento in caso di ripetuti errori, perciò il bambino è costretto a rifare di nuovo il percorso ogni volta finché non lo risolve. Oltre ad insegnare a dare istruzioni facili da applicare nella vita quotidiana (destra, sinistra, su, giù), il coding consente ai bambini con autismo di sviluppare una forma mentis che permette loro di affrontare anche problemi complessi e pensare in maniera algoritmica («se faccio così, allora…»), ovvero a trovare una soluzione e svilupparla.

Lula

È un software riabilitativo per lo sviluppo delle abilità comunicative e linguistiche per bambini e adulti che manifestano deficit di tipo relazionale, frutto dell’esperienza ventennale dei suoi ideatori nel campo dello sviluppo del linguaggio e della cognizione sociale; si basa sulla modalità animata e rallentata, così da rendere le azioni e le emozioni umane più comprensibili e codificabili.

ZO’E’

È un comunicatore dinamico, leggero e versatile che può essere sfruttato per qualsiasi applicazione nell’ambito della comunicazione aumentativa e alternativa per lo sviluppo della Comunicazione Funzionale e della Comunicazione come scambio sociale, poiché è in grado di fornire un mezzo alternativo di comunicazione a chi non è in grado di utilizzare la voce o i gesti per esprimere le proprie necessità. Si sviluppa sulla base del “book-libro per la comunicazione” e può essere adattato perfettamente alle esigenze di chi lo utilizza, con la possibilità di associare ad ogni immagine-foto un testo per l’attivazione della sintesi vocale o una registrazione della voce per personalizzare al massimo le potenzialità di questa applicazione.

Social story creator

Si tratta di un’app che consente di creare e condividere storie e racconti, calendari visivi e memo. I bambini con bisogni speciali richiedono particolare attenzione per lo sviluppo di competenze sociali. L’app mette a disposizione elementi visivi che possono veicolare contenuti e istruzioni utili, con la possibilità aggiuntiva di integrare testi (in qualunque lingua) e registrare la propria voce.

Niki talk

Nasce da un’idea di Alessandro La Rocca, padre di una bambina autistica, in collaborazione con una terapista specializzata in CAA (Comunicazione Aumentativa Alternativa) e tecnologie assistive per aiutare tutti i bambini con bisogni comunicativi complessi. Ad essa si affiancano Niki agenda, che mediante pittogrammi consente di creare una rappresentazione figurata dei giorni della settimana e delle attività che in essa si svolgono, risultando pertanto ideale per le persone che hanno difficoltà comunicative e problemi di comportamento, e Niki words, che insegna ai bambini a familiarizzare con l’alfabeto, il suono delle lettere ed oltre 350 parole. Nella sezione “Gioca con le parole” il bambino trascina le lettere per comporre le parole raffigurate, che appartengono a 18 categorie. L’app utilizza i disegni della library “Les pictogrammes” pensata per bambini con bisogni speciali.

Tu come stai

Si rivolge a bambini tra i 3 e i 6 anni e si occupa di intelligenza emotiva, offre un tema interessante e originale nel panorama del digitale per i più piccoli. Intende infatti, attraverso il gioco, stimolare la loro empatia e la loro capacità di interagire con gli altri, riconoscendo le diverse emozioni. È stata progettata proprio pensando alle persone affette da Disturbi dello Spettro Autistico, in particolare i più piccoli, invita infatti i bambini a comporre dei visi con espressioni differenti, corrispondenti a 12 emozioni e stati d’animo diversi: rabbia, amore, felicità, timidezza, paura…

Wall of life

È un software che, attraverso un motivante videogioco basato sulle abilità di vita funzionale, aiuta bambini e ragazzi con disturbi dello spettro autistico a migliorare la loro indipendenza e partecipazione sociale. Attraverso l’utilizzo del dispositivo Kinect, imparano infatti a gestire con autonomia situazioni quotidiane e routinarie in un ambiente protetto, mentre uno staff medico può monitorarne i progressi. È in modalità open source per essere fruibile e ampliata e arricchita sia inserendo nuove categorie di oggetti da acquistare al mercato e nuovi livelli di complessità della spesa, sia aggiungendo altri scenari di vita quotidiana come andare a scuola, preparare la colazione o prendere i mezzi pubblici.

App 384 puzzles

È un gioco educativo in 15 lingue, scaricabile e gratuito, che insegna ai bambini le prime parole, la loro pronuncia. Si tratta di giochi per tutte le età, che introducono argomenti quali animali, cose da mangiare, da cucinare, parti e mobili della casa, automobili, varie tipologie di attrezzi, tutto per imparare e giocare, attraverso stimoli audiovisuali, particolarmente adeguati a supportare e potenziare varie aree nell’apprendimento dei bambini con disturbi nello spettro dell’autismo.

Let me talk

Questa applicazione gratuita CAA Talker per Android supporta la comunicazione in ogni momento della vita e offre a ogni persona una voce, dando la possibilità di allineare in sequenza logica le immagini in modo da formare una frase sensata, nell’ottica della comunicazione supportata. È disponibile in più lingue e non necessità di Internet, può pertanto essere usata in qualunque situazione educativa e privata.

Letra kid

Stimola l’apprendimento dell’alfabeto e dei primi numeri in stampatello, adatta a bambini tra i tre e sei anni, disponibile in 16 lingue, 10 diversi caratteri di layout, cinque livelli di difficoltà, si presta particolarmente all’uso sia in attività didattiche che a casa.

TFA – Tools For Autism

È  un’applicazione educativa gratuita per bambini autistici e permette di insegnare una sequenza di operazioni personalizzate attraverso dei task visivi abbinati dei testi sintetici e a delle sintesi vocali. Questa applicazione fa parte del progetto t4A (touch4Autism). L’app prevede due modalità di esecuzione, per due diverse tipologie di utente:

  • In modalità visualizzazione, l’utente/paziente può unicamente visualizzare le storie sociali ed i task, creati appositamente per lui.
  • In modalità operatore (o modalità editor), i genitori, dottori o operatori sociosanitari possono creare, modificare, importare (o esportare) storie sociali o task.

SITOGRAFIA

https://www.mamamo.it/news/le-app-per-bambini-autistici/

http://it.abcarticulos.info/article/applicazioni-autismo-una-panoramica

https://www.erickson.it/it/app-e-software

https://www.anastasis.it/autismo/autismo-e-tecnologia-per-imparare/.

https://www.cortivoinforma.it/disabili/applicazioni-educative-bambini-autistici/

https://autismocomehofatto.com/2019/03/09/applicazioni-e-giochi-educativi-per-bambini-con-autismo/

https://www.apple.com/it/education/special-education/ios/

https://www.superando.it/2019/01/16/i-tablet-e-le-applicazioni-didattiche-per-gli-alunni-con-autismo/

https://premedia.it/software_lula_autismo.htm

http://appautismo.altervista.org/?doing_wp_cron=1588781173.5942180156707763671875

https://autismocomehofatto.com/2020/03/20/autismo-raccolta-di-app-educative-da-scaricare/

http://www.pernoiautistici.com/app-pernoiautistici/

Glossario

ASD – Autistic Spectrum Disorders

CAA – Comunicazione Aumentativa e Alternativa

Comunicazione Funzionale: è costituita da informazioni di tipo operativo, comprende le comunicazioni interne ed esterne

Tecnologie Assistive: gli strumenti e le soluzioni tecniche, hardware e software, che permettono alla persona disabile, superando o riducendo le condizioni di svantaggio, di accedere alle informazioni e ai servizi erogati dai sistemi informatici

WHITEPAPER
Ecco come risolvere in autonomia i problemi quotidiani legati all’IT
Software
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3