L’inchiesta

Disegnare i paesaggi educativi della scuola, dopo la pandemia: le proposte

Come immunizzare la scuola dalla “ricaduta” nella normalità pre-Covid, ma anche dai pericoli della pandemia? Le risposte a un’inchiesta CNR-IRPPS, INDIRE-Piccole Scuole e ANDIS delineano le aree di un possibile futuro cambiamento

20 Set 2021
Daniela Di Donato

Docente di lettere, Dottoranda di ricerca presso Sapienza Università di Roma-Dipartimento di Psicologia dei processi di sviluppo e socializzazione, Collaboratrice del Crespi

La pandemia e la DAD hanno causato una crisi educativa: milioni di bambini a rischio povertà didattica

Le ricerche sulla scuola a distanza durante la pandemia sono state non poche e hanno certamente aiutato a tracciare il profilo dei cambiamenti nelle pratiche didattiche di docenti e studenti: le paure, i problemi e le criticità vissute da tutti. Sul futuro che verrà non è stato scritto molto eppure si dovrà cominciare a parlarne prima o poi.

Odiare la DAD? Ma se si apprende peggio, la colpa non è del digitale

L’indagine

Tra maggio e settembre CNR-IRPPS (Progetto L@BED), INDIRE-Piccole Scuole e ANDIS (Associazione l’indagine Nazionale Dirigenti Scolastici) hanno promosso un’indagine, cha ha raccolto pensieri e proposte di insegnanti e dirigenti delle “piccole scuole” della rete nazionale Indire e dei dirigenti dell’Associazione Nazionale Dirigenti Scolastici. Era stato chiesto di pensare alle attività scolastiche degli ultimi dieci anni e riflettere su una scuola che verrà a partire dalle seguenti domande:

WHITEPAPER
8 benefici dell’hybrid work che faranno bene al tuo business
Risorse Umane/Organizzazione
Smart working
  • Quale attività che è stata sospesa vorresti che non fosse più ripresa?
  • Quale attività che è stata sospesa potrebbe iniziare come prima?
  • Quale attività che è stata sospesa vorresti che fosse ulteriormente sviluppata alla ripresa?
  • Quale attività che è stata sospesa dovrebbe essere completamente reinventata?

In questi giorni è stato pubblicato il rapporto di ricerca, che ha come titolo: «Nel crepuscolo dell’ora di lezione. La “normalità” post-pandemica nell’immaginario degli insegnanti».

L’inchiesta ha preso spunto dalla scrittura di un saggio del sociologo francese Bruno Latour che, il 9 aprile 2020 a poche settimane dai primi lockdown in tutto il mondo, invitò tutti a riflettere in anticipo su quello che sarebbe accaduto nel dopo pandemia. L’articolo non parla di scuola, ma del sistema di globalizzazione mondiale e di come all’improvviso sia stato possibile interrompere tutto per tutti. La proposta di Bruno Laotur era quella di usare il tempo di quel confinamento imposto, che allora era appena cominciato, per descrivere, da soli e poi in gruppo, quello a cui siamo legati, quello da cui siamo pronti a liberarci, i canali che siamo pronti a ricostituire e quelli che, con il nostro comportamento, siamo determinati a interrompere.

Insomma, il sociologo ha chiamato a raccolta la polis e tutta la cittadinanza globale, coloro che fossero stati interessati a scrivere una sorta di cahiers de doléance, nel tentativo di sterzare la direzione presa dalla società consumista e globalizzata e approfittare della situazione in atto per cambiare rotta. Propone quindi di rispondere a delle domande non per esprimere solo la propria opinione, ma per descrivere una situazione, proporla ad altri e “combinare le risposte in un paesaggio caratterizzato dalla sovrapposizione delle descrizioni” per giungere ad “un’espressione politica incarnata e concreta”[1].

La risposta della scuola

La struttura delle domande è stata trasformata in una inchiesta da proporre alla scuola, che ha risposto con più di mille compilatori. Hanno partecipato in prevalenza docenti (60%) e in misura minore dirigenti scolastici (32%), il campione è a prevalenza femminile sia nel caso dei dirigenti (76%) che in quello dei docenti (83%). I rispondenti lavorano nelle regioni del Nord (50%) e del Sud (33%), meno nelle regioni del Centro (11%). L’età di docenti e dirigenti è di 52 anni in media: più alta quella dei dirigenti (55 in media), più bassa quella dei docenti (50 anni in media). Dall’analisi delle risposte sono uscite le aree di un possibile futuro cambiamento: le metodologie didattiche, l’integrazione delle tecnologie digitali, la centralità del corpo nel curricolo, lo spazio-tempo della scuola e le condizioni del lavoro educativo nell’era digitale. Leggendo il rapporto, si nota il bisogno di delineare paesaggi educativi rinnovati: nulla di quello che si faceva prima del Covid sembra meritare davvero l’oblio, tranne forse la lezione frontale.

Un nuovo modello di apprendimento

Diversi partecipanti infatti chiedono di superare quella proposta per approdare ad un nuovo modello di apprendimento, integrato da un uso attento e pedagogicamente integrato delle tecnologie digitali; chiedono di non dimenticare il corpo, le relazioni e di avviare processi di costruzione di una didattica attiva, laboratoriale e motivante e anche comprendere la traduzione pedagogica delle tecnologie negli spazi educativi. Il dispiegamento delle potenzialità del digitale implica l’esplorazione di quali alternative pedagogiche scegliere in base a quali obiettivi educativi si vogliono realizzare (flipped classroom, class rotation model, etc.).

Insomma, quale proposta concreta viene tracciata in questo rapporto per la scuola del futuro, quella dopo la pandemia? Una scuola in cui prevalgano:

  • piccoli gruppi di studenti per classe;
  • una pluralità di spazi all’interno e all’esterno della scuola;
  • pedagogie attive;
  • tecnologie digitali;
  • un numero maggiore di docenti.

Questi sarebbero i cosiddetti gesti-barriera proposti da Latour per immunizzare la scuola dalla “ricaduta” nella normalità pre-Covid, ma anche dai pericoli della pandemia.

Cosa dovrebbe cambiare nella “nuova scuola”

Diciamo che se volessimo seguire questa direzione certamente sarebbe necessaria sempre di più e sempre più diffusamente una formazione pedagogica a un uso del digitale a scuola, il passaggio dalla rigida lezione frontale immolata ad una forma di apprendimento puramente trasmissivo alle metodologie didattiche attive, nuovi concorsi per docenti competenti e la cura per la formazione dei docenti esperti, la diminuzione del numero degli studenti per classe. Sarebbe necessario anche mettere mano alle modalità di lavoro dei docenti: perché abbandonare le videoconferenze per lo svolgimento di molte attività collegiali, come accade già per lo smart working in altri ambienti lavorativi? E l’orario scolastico, se ne può parlare? Certo, il passo successivo è il contratto e poi quel middle management, che la scuola fa fatica a riconoscere e ad accogliere strutturalmente.

Manca ancora una cosa: ascoltare anche la voce di studentesse e studenti. Quale scuola vorrebbero, che cosa sarebbero disposti a fare per averla, quanto vogliono davvero essere protagonisti della loro formazione e del loro futuro? Ci sarà una Greta Thunberg dell’istruzione da qualche parte.

Conclusioni

Ricomporre il puzzle è complesso, ma non è impossibile e se vogliamo cominciare da qualcosa, suggerirei di iniziare da noi e dalla propria comunità scolastica: poniamoci tutti quelle stesse domande e troviamo il modo di condividere le risposte. Facciamole diventare il paesaggio che vogliamo guardare, prima che possiamo, prima che si abbandoni l’idea che di cambiare il mondo, prima che ci si dimentichi quanto sia importante stimolare la curiosità, l’amore per il nostro pianeta, la comprensione del prossimo, la cura dei fragili e dei miserabili della nostra società, la passione per la conoscenza, lo stupore e la meraviglia. È tutto quello di cui a scuola si dovrebbe poter parlare e fare esperienza, ogni giorno.

Bibliografia

https://www.indire.it/wp-content/uploads/2021/08/A4_SCUOLA_VERRA_ok_02-08_2021.pdf

Latour B., Immaginare gesti-barriera contro il ritorno alla produzione pre-crisi, in Antinomie. Scritture e immagini, 09/04/2020 <Ultima visita 27 agosto 2021>https://antinomie.it/index.php/2020/04/09/immaginare-gesti-barriera-contro-il-ritorno-alla-produzione-pre-crisi/?fbclid=IwAR1j9JWzXpq8BXNui5bhwZ6SY4BV_w5JhC1qKyN20JnhFMRcZJtsPKRxwH8

  1. Il testo in italiano è disponibile qui: https://antinomie.it/index.php/2020/04/09/immaginare-gesti-barriera-contro-il-ritorno-alla-produzione-pre-crisi/?fbclid=IwAR1j9JWzXpq8BXNui5bhwZ6SY4BV_w5JhC1qKyN20JnhFMRcZJtsPKRxwH8
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4