scuola nella pandemia

Invalsi 2021, Odissea nella DAD: quattro punti chiave contro i facili sensazionalismi

Mentre negli anni precedenti, nel riassumere gli esiti dei test Invalsi, ci si limitava a registrare l’ennesimo disastro (annunciato), questa volta l’emergenza epidemiologica e, soprattutto, la controversa “didattica a distanza” (DAD) diventano i protagonisti. Abbiamo trovato il colpevole, finalmente. Ma è davvero così?

19 Lug 2021
Antonio Fini

dirigente scolastico

proctoring - educazione civica digitale - Borsa di studio Inps

La pubblicazione degli esiti delle prove Invalsi è da anni un appuntamento fisso dell’estate. I media ne forniscono sempre ampia informazione, solitamente con titoli a effetto tendenti a dimostrare, una volta di più, gli scarsi risultati ottenuti.

Nel 2019, ad esempio, La Repubblica titolava “Test Invalsi, il 35% degli studenti di terza media non capisce un testo d’Italiano”, il Corriere della Sera, nel 2018, “Invalsi 2018, in Calabria un tredicenne su due non sa l’italiano”.

Saltata l’edizione 2020, a causa della pandemia, era abbastanza prevedibile che anche nel 2021 ci sarebbe stato poco da festeggiare. E, infatti, secondo Repubblica “Scuola, i dati Invalsi: crollo delle competenze dopo Covid e Dad. E al Sud aumenta il divario”, mentre il Corriere titola “Prove Invalsi 2021, il tonfo della Dad. Alla Maturità metà degli studenti ne sa come in terza media”.

La novità di quest’anno, tuttavia, è, finalmente, l’individuazione del “colpevole”. Mentre negli anni precedenti ci si limitava a registrare l’ennesimo disastro (annunciato), questa volta l’emergenza epidemiologica e, soprattutto, la controversa “didattica a distanza” (DAD) diventano i protagonisti.

È davvero tutta colpa della Dad?

Ma è andata davvero così?

A prescindere da una più approfondita analisi dei dati, che gli interessati possono effettuare ricorrendo ai dati completi forniti dall’INVALSI e dai quali si evince senz’altro un aumento della percentuale di studenti che non raggiungono i traguardi previsti, soprattutto nella secondaria di primo grado (a parte, stranamente, l’inglese) e, in misura ancora maggiore, nella secondaria di secondo grado (anche in questo caso con l’eccezione dell’inglese), si può individuare così facilmente la DAD come causa di questo “crollo”?

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

Si potrebbe quasi essere felici di averla finalmente trovata, questa causa, dopo anni di risultati costantemente deludenti. E se così fosse, si dovrebbe anche pensare a misure urgenti da adottare per evitare di ricorrervi in futuro, anche solo per poco tempo: sarebbe intollerabile consentire l’utilizzo di una pratica palesemente nociva per gli apprendimenti dei nostri studenti!

Andando oltre la facile ironia, che tuttavia è forse giustificabile, dato il tono di certi titoli, si può tentare di riassumere la situazione attraverso alcuni punti chiave

La validità delle prove INVALSI

Cosa misurano, esattamente, le prove standardizzate nazionali? Si tratta di una questione fondamentale, sulla quale negli anni si sono polarizzate le opinioni e su cui vi è anche ormai un’importante letteratura scientifica (ad esempio i lavori del professor Cristiano Corsini). Ci ha provato l’INVALSI stesso, a spiegare cosa le prove tentano di misurare e cosa, viceversa, non possono e non intendono fare. Nonostante tutto ciò, le prove nazionali non sono ancora state “digerite” compiutamente dai docenti, molti dei quali continuano a sospettare che esse finiscano, in modo più o meno implicito, per valutare proprio il loro lavoro. In molte scuole, tuttavia, è da anni in corso un processo di riflessione sulle prove, utilizzate in chiave di autovalutazione e miglioramento. La questione di fondo è che le prove non misurano “tutto” ma forniscono comunque informazioni utili. Non le sole, non sono “verità assolute”, ma sarebbe opportuno superare la contrapposizione frontale tra oppositori e sostenitori, magari cercando di creare nelle scuole una “cultura della valutazione che unisse i “classici” metodi della ricerca (qualitativo e quantitativo), entrambi importanti e utili, invece di tentare di stabilire la supremazia dell’uno o dell’altro.
Quest’anno più che mai, però, è comunque lecito domandarsi cosa si sia realmente misurato, in relazione all’esperienza vissuta dagli alunni nei due ultimi anni scolastici, caratterizzati dall’emergenza Covid, da situazioni personali, familiari, scolastiche talvolta addirittura drammatiche;

Cosa sarebbe accaduto, invece, senza la Dad?

La DAD è stata da subito “nel mirino” di molti e soprattutto, a parte forse la fase iniziale, nella primavera del 2020, ha costantemente goduto di “cattiva stampa”. L’opinione su di essa è stata generalmente improntata a evidenziarne i limiti e le criticità. Si è ampiamente parlato del cosiddetto “learning loss”, senza quasi mai evidenziare, al contempo, l’acquisizione di nuove competenze che, pure, si è verificata sia tra gli studenti che tra i docenti. Le prove INVALSI di quest’anno, pertanto, da questo punto di vista si possono considerare una sorta di profezia autoavverante: non si vedeva l’ora di “provare” che la DAD è stata un’esperienza disastrosa. Stranamente, in pochi hanno riflettuto su cosa sarebbe accaduto alla scuola senza la DAD! Eppure, basterebbe pensare a come avremmo fatto fronte alla pandemia soltanto dieci anni fa, quando le tecnologie non erano ancora mature per supportare lo sforzo di tenere comunque connessi milioni di studenti, pur con tutte le note criticità, peraltro in buona parte dipendenti da situazioni strutturali e socio-economiche preesistenti e comunque rilevanti anche in condizioni normali;

La difficoltà nel proporre modalità didattiche più efficaci attraverso la DAD

Questa è forse la criticità principale per cui la didattica a distanza prima e la didattica digitale integrata dopo non sono state percepite positivamente e, al contrario, hanno fatto rilevare fenomeni di disagio e rifiuto da parte di alcuni studenti e anche docenti. La Fondazione Agnelli ha recentemente pubblicato gli esiti di una ricerca, relativa alla scuola secondaria di secondo grado, dalla quale si evince che “nella pratica quotidiana della DaD non c’è stato alcun significativo cambiamento metodologico e organizzativo rispetto a prima della pandemia”. La DAD, nella maggior parte dei casi, ha visto la riproposizione dei consueti modelli didattici, in alcuni casi già fortemente criticati prima della crisi pandemica e spesso assai difficili da replicare online;

Le enormi differenze territoriali

Anno dopo anno, l’INVALSI (ma non solo, situazioni simili emergono sistematicamente anche dalle rilevazioni internazionali, ad esempio OCSE-PISA) evidenzia la spaccatura tra le regioni del Nord, sostanzialmente allineate agli standard europei e quelle del Centro ma soprattutto del Sud e Isole. L’ultima rilevazione non fa eccezione e, anzi, accentua ulteriormente il divario. È una situazione nota da molto tempo ma non sembra, finora, essere stata affrontata in maniera strutturale. Sarebbe semplicistico, oggi, “incolpare” la DAD anche per questo problema, sostenendo che nelle regioni meridionali si sono incontrate maggiori difficoltà, ad esempio per quanto riguarda le connessioni internet. Sono certamente dati di fatto, ma attenzione al rischio di scambiare la causa con l’effetto.

Conclusioni

In conclusione, il rischio di una comunicazione non rigorosa sul tema delle prove nazionali ma, più in generale, della scuola, è sempre quello della semplificazione eccessiva.

Bisognerebbe provare a superare certe “indignazioni stagionali”, tanta retorica sulle prove, le recriminazioni, i rigurgiti nostalgici che periodicamente appaiono, a cura di questo o quel gruppo di intellettuali. La scuola “di una volta” non era migliore di quella attuale, era soltanto profondamente diversa, a partire dai suoi obiettivi politici e sociali.

Non si può neanche però fare finta di niente: i risultati delle prove (non solo di quest’anno, ma anche dei tanti anni precedenti) non possono essere soltanto oggetto di qualche titolo giornalistico, ogni metà luglio.

Cogliamo l’occasione (anche quella offerta, perché no, dal PNRR) per cercare di capire cosa e come dobbiamo migliorare, con e senza DAD e DDI.

La scuola merita di essere trattata seriamente, con prospettiva di lungo respiro.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati