didattica a distanza

Reinventare la scuola (e noi stessi) dopo il covid: ecco come non sprecare l’occasione

La rivoluzione digitale pretende modifiche radicali che non saranno guidate dalle tecnologie, ma dalla nostra risposta a esse. Così, è il modo in cui ci rapporteremo al digitale dopo questa pandemia che potrà o acuire una situazione di arretratezza o consentirci di reinventare la scuola, le istituzioni, e noi stessi

29 Mag 2020
Vittorio Midoro

già dirigente di ricerca CNR presso l'Istituto Tecnologie Didattiche

lilly-rum-15YTRXKuJ14-unsplash

Passata questa fase di emergenza, durante la quale il digitale è entrato nelle scuole sotto forma di Didattica a Distanza (DaD), nel più lungo periodo, la speranza è che la scuola riconosca l’esigenza di una nuova organizzazione e che i docenti sentano il bisogno di praticare un nuovo modo di fare scuola.

Proviamo a immaginare come potrebbe essere la scuola dopo il covid, partendo dai limiti e dalle opportunità della DaD.

La didattica a distanza

Con DaD (acronimo mai incontrato in 50 anni di ricerca nel settore delle tecnologie didattiche) si intende una modalità di fare scuola cercando di riprodurre a distanza, tramite piattaforme in rete, quello che di solito si fa in presenza in un’aula scolastica. Quindi, nella DaD, a casa propria, davanti a un computer con una telecamera, dopo aver convocato i propri studenti per una certa ora, il docente fa lezione, assegna compiti e interroga.

WHITEPAPER
Crowdfunding: cos'è, come funziona e le migliori piattaforme

Analizziamo le caratteristiche essenziali di questo modo di procedere, supponendo che ci siano tutte le condizioni necessarie (assunzione arbitraria per vari motivi, tra cui il digital divide, la carenza di competenza digitale di studenti e anche di diversi insegnanti, ecc.).

Nella DaD l’enfasi è sullo spazio, la distanza, ma finora nell’elearning l’enfasi era sul tempo, comunicazione asincrona. La sincronicità era riservata ai ragazzi costretti a casa (homebound). La DaD è una modalità nuova, non studiata. Perché? Perché è un fare cose vecchie con tecnologie nuove, come attaccare i cavalli a un’automobile per usarla come carrozza o come chiedere a un libraio di ordinarti un libro su Amazon.

Nella scuola tradizionale è previsto lo studio in modalità asincrona, sono i compiti a casa da fare con i libri di testo. La modalità sincrona è riservata alla presenza a scuola, con lezioni e interrogazioni.

Con la DaD invece si fa tutto a casa, lezioni, compiti e interrogazioni. Il docente deve adeguarsi a questa nuova modalità.

Quanto tempo dedicare allo studio in modalità DaD

Se è attento alle esigenze dei suoi studenti, si porrà il problema di quanto tempo, in un giorno, a casa, un ragazzo può dedicare allo studio, usando libri e computer. Questo tempo dipende dall’età del ragazzo. Ad esempio, quante ore al giorno può dedicare all’apprendimento scolastico un ragazzo del terzo liceo classico? Diciamo dalle 5 alle 6 ore, i bambini piccoli molto meno. Per il momento non occupiamoci di che cosa si fa in questo tempo, né di come può essere suddiviso tra le varie materie.

Facciamo invece due conti. Le settimane di un anno scolastico sono 34, il programma ministeriale prevede 26 ore di lezione alla settimana, quasi 5 ore al giorno per 5 giorni. Ci siamo, i conti tornano! Non è così, perché quelle contate sono ore di lezione in presenza, rimangono fuori quelle di studio a casa. Considerando che un’ora di lezione richiederebbe almeno un’ora di studio, lo studente dovrebbe studiare almeno 10 ore al giorno per 5 giorni la settimana: 25 ore in presenza, 25 a casa. Impossibile per chiunque. Ma era così anche prima della DaD! E infatti prima il ragazzo trovava il modo di arrangiarsi, per sopravvivere. Nella DaD però il nostro docente è costretto a progettare un corso tenendo presenti i vincoli di tempo del ragazzo. Non può pretendere che passi dieci ore davanti al computer e sui libri. Se è realista, deve rispettare il vincolo delle 5 ore di studio del ragazzo. Ma andiamo avanti.

Il programma di italiano prevede 136 ore l’anno (circa 27 giorni di studio se lo studente studiasse solo italiano, 5 ore al giorno). Analizzando il programma ministeriale e considerando uno studente particolarmente bravo, per completare il programma ci vorrebbe almeno il doppio del tempo a disposizione. Il nostro docente deve ridurre drasticamente il programma. Notate, l’uso del digitale forza a ripensare i contenuti. Si diceva da tempo, ma ora diventa una necessità concreta.

Come organizzare la DaD

A questo punto il docente ha fissato i tempi, ha definito gli argomenti, ora deve affrontare il problema di come organizzare la DaD. La nostra scuola prevede che i corsi delle singole materie siano svolti in parallelo. Così, in una giornata, nelle cinque ore dedicate all’apprendimento, il nostro studente si troverebbe a saltare da una materia all’altra: Kant, Prostaferesi, Antigone, Mazzini, Maxwell. Nella DaD, sarebbe più ragionevole che seguisse un corso per volta nell’arco di diverse settimane, come avviene già nell’organizzazione scolastica di alcuni paesi europei e anche in alcune scuole pilota italiane. In questo caso, il corso di italiano durerebbe 56 settimane e il docente dovrebbe progettare che cosa far fare allo studente nelle 5 ore dei giorni disponibili. Per lo studente, fare scuola significherebbe seguire un certo numero di corsi che si susseguono uno all’altro nell’arco di un anno. Questo implica una riorganizzazione del lavoro scolastico, che può essere fatta benissimo dai dirigenti insieme con la comunità dei propri insegnanti.

Il nostro docente allora deve progettare il proprio corso DaD, che impegna lo studente per 5 ore al giorno per 56 settimane. In pratica deve progettare le attività dello studente per quel periodo. Quali sono le attività possibili? Sono molte, qui per semplicità citerò i tipi di attività più ricorrenti: acquisizione, collaborazione, produzione, pratica, ricerca, discussione e valutazione.

Il docente deve scegliere quali sono le attività che richiedono la comunicazione sincrona o asincrona, tenendo presente che nella DaD non bisogna tenere conto solo dello spazio (distanza), ma anche del tempo, cioè della ripartizione temporale delle attività che possono essere sincrone o asincrone (figura 1).

Figura 1 diagramma spazio/tempo delle attività di apprendimento a distanza

La tentazione del nostro docente, abituato alla didattica tradizionale, potrebbe essere riprodurre in sincrono lezione (parziale assimilazione) ed eventuali discussioni e valutazioni, mentre in asincrono lo studio (assimilazione). Ma si troverebbe in difficoltà su come suddividere le 5 ore dello studente tra queste due attività. Non può parlare per un’ora o due e chiedere allo studente di studiare sui libri per tre ore. O meglio, lo può fare, ma la qualità del suo corso sarebbe infima, tenendo conto del fatto che in una lezione il tempo massimo di attenzione non supera una ventina di minuti, mentre ci sarebbero tante altre opportunità offerte dalla rete: collaborazione, produzione, pratica, ricerca e discussione. Nella progettazione il docente dovrà tenere conto delle nuove possibilità offerte dalla rete, immaginando una didattica diversa, più ricca.

Dovrebbe porsi domande del tipo: come faccio a fare collaborare gli studenti tra di loro? Come posso organizzarli per farli collaborare in rete? Che cosa posso fare produrre dai gruppi di studenti? E dal singolo studente? Che pratica far fare? Che ricerche posso richiedere? Come posso stimolare la discussione? Come posso valutare il lavoro fatto? Come posso capire che cosa lo studente sa e quali sono le sue lacune? Nella Dad tutto questo va fatto a distanza comprendendo bene che cosa fare in comunicazione sincrona e asincrona. La figura 2 riporta una possibile suddivisione delle attività a distanza, sincrone e asincrone.

Figura 2 attività sincrone e asincrone

Il docente dovrà stabilire come suddividere le 5 ore dello studente tra attività sincrone e asincrone. Se dovessi scegliere demanderei gran parte delle fasi di presentazione dei contenuti alla comunicazione asincrona, riservando la comunicazione sincrona alla discussione, magari in gruppi allargati, alla valutazione del lavoro dei gruppi e a una valutazione formativa individuale. Baserei le lezioni principalmente su risorse educative in rete, opportunamente scelte e assemblate. In tal modo la comunicazione sincrona dovrebbe durare al massimo un’oretta che potrebbe anche non essere sequenziale.

Un docente attento già fa molte delle cose dette, ma ne dovrebbe imparare altre. La DaD è un’occasione per prendere coscienza dei problemi che ha di fronte e della strada che deve percorrere se vuole essere capace di vivere in una scuola in cui il digitale fa parte integrante della infrastruttura scolastica.

Come organizzare la nuova scuola dopo il covid

Ovviamente, passata questa emergenza del COVID19, si tornerà nelle aule, in presenza, attraversando una fase in cui è richiesto il distanziamento sociale. In un’aula non potranno esserci più di una dozzina di studenti ben distanziati, non potranno esserci intervalli collettivi, si dovranno stabilire modalità di uscita per recarsi alla toilette. Bisognerà realizzare le connessioni con banda ultra larga di tutte le scuole. Bisognerà capire come superare il digital divide, comprendendo che non si tratta solo di prevedere che tutti abbiano un qualsivoglia dispositivo personale e una connessione a Internet. Bisognerà stabilire quanto tempo passare a scuola, probabilmente non più di tre ore al giorno, suddividendo i ragazzi in più turni. Insomma, una serie di cose su cui deve riflettere lo staff dei consulenti.

Nel più lungo periodo, la speranza è che, dopo Covid-19, la scuola riconosca l’esigenza di una nuova organizzazione, di cui quella basata su corsi sequenziali è solo un esempio, e che i docenti sentano il bisogno di praticare un nuovo modo di fare scuola. Nel progettare il loro corso, si troveranno di fronte un quadro più complicato di quello della Dad, come per esempio quello di figura 3, in cui alle attività a distanza si aggiungono quelle in presenza.

Figura 3 diagramma spazio/tempo delle attività di apprendimento a distanza e in presenza

Covid-19, dunque, ha fatto emergere esigenze latenti. Il digitale obbliga a ripensare contenuti, spazi e tempi di apprendimento. Obbliga a riconsiderare ruoli e relazioni tra tutti gli attori coinvolti. Mette in luce che una comunità non consiste nel passare qualche ora in spazi comuni, ma nell’essere coinvolti, con il cuore ed il cervello, in un’impresa condivisa, usando un repertorio comune di conoscenze e di pratiche.

Bisognava aspettare COVID19 per comprendere queste cose? Le tecnologie erano già là, ma a molti apparivano un di più, se non un disturbo.

Oggi, dopo COVID19, molti hanno sperimentato che la rivoluzione digitale pretende modifiche radicali. Certo non sono le tecnologie che guidano il cambiamento, ma la nostra risposta alle tecnologie. Così, è il modo in cui ci rapporteremo al digitale dopo questa pandemia che potrà o acuire una situazione di arretratezza o consentirci di reinventare la scuola, le istituzioni, e, in ultima analisi, noi stessi.

WHITEPAPER
Strategie e strumenti per il Digital Marketing del 2023 - la guida step by step
Dematerializzazione
Istruzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati