la guida

Ripetizioni online: costi, vantaggi e aspetti critici

Le ripetizioni online rappresentano una risorsa per studenti e famiglie, con un’offerta varia e per tutti i bisogni formativi, non solo in tempo di recupero del debito. Una carrellata delle offerte più interessanti

15 Set 2021
Carmelina Maurizio

Università degli Studi di Torino

scuola

Tra le tante novità portate dalla Didattica a Distanza,  c’è anche una nuova versione delle cosiddette “ripetizioni” o lezioni private per coloro che nella scuola secondaria di secondo grado, da fine agosto e più generalmente nelle prime due settimane di settembre devono recuperare o saldare il debito.

Vedremo in breve di cosa si tratta e andremo poi a scoprire come le modalità di apprendimento portate dalla chiusura forzata delle scuole oramai da quasi due anni abbiano portato delle novità anche nel campo dello studio “di recupero”.

Invalsi 2021: a scuola si continua ad imparare, nonostante la Dad

Il debito formativo

Il debito formativo ed è ciò che si porta dietro chi non ha raggiunto la sufficienza in una o più materie a fine anno scolastico e va saldato entro l’inizio dell’anno scolastico successivo. Mentre nel precedente anno era stato azzerato con il Decreto scuola del 6 aprile 2020, per questo anno l’esame di riparazione è stato confermato. È noto che circa il 42% degli studenti della secondaria di secondo grado viene promosso con la sospensione di giudizio ovvero il consiglio di classe non decide per l’ammissione alla classe successiva o la boccia Ammesso, non ammesso o… nel limbo: i ragazzi che concludono l’anno con uno o più debiti scolastici fanno parte di quest’ultima categoria. Il debito scolastico è tecnicamente una “sospensione di giudizio”, ovvero il consiglio di classe non decide per l’ammissione alla classe successiva o la bocciatura. La sospensione riguarda Le materie ufficialmente insufficienti, cioè con meno di 6/10 di voto. La scuola, solo per alcune discipline, organizza nei mesi di giugno e luglio dei corsi di recupero per supportare i sospesi. Dopo l’esame di settembre e un ulteriore scrutinio il consiglio di classe deciderà se è avvenuto il recupero del debito formativo e si può quindi essere ammessi alla classe successiva o, in caso contrario, se essere fermati.

WHITEPAPER
Crowdfunding: cos'è, come funziona e le migliori piattaforme

Per quanto riguarda i corsi di recupero scolastici, le scuole hanno piena autonomia decisionale riguardo a come organizzarli: il corso può essere tenuto dal docente di classe della materia oggetto di recupero, da un docente di altra classe, a gruppi-classe omogenei o a gruppi misti (studenti di varie classi).

L’alternativa o il rinforzo ai corsi di recupero sono le notissime ripetizioni, lezioni private a cui ci si affida per garantire il successo all’esame di settembre. La novità, portata dalla modalità di apprendere in DaD, sono le ripetizioni online, un modo meno vincolante di studiare, si può infatti ovunque e in qualunque momento, andando incontro in maniera più diretta ai bisogni individuali e potenziando le già acquisite competenze di studio a distanza.

Ripetizioni online

Sono in molti in rete a offrire lezioni online per il recupero del debito e si tratta, navigando nel web, di un fenomeno in grande crescita, sono infatti scese in campo start up e gruppi di docenti e organizzazioni da tempo impegnate nell’offerta didattica online.

Vedremo ora i costi, le caratteristiche e l’accessibilità di questa risorsa, che cerca di unire domanda e offerta, oltre che fornire soluzioni spesso più agevolate e concorrenziali.

Tutti i siti che offrono le lezioni private online mostrano con trasparenza i costi. Il prezzo medio varia dai 15 ai 20 euro per ora, ma cambia in base alla classe frequentata dallo studente con debito, al numero di lezioni, alla disciplina. Inoltre, è abbastanza diffusa l’abitudine di offrire gratuitamente la prima lezione.

I curricula dei potenziali docenti sono disponibili e accessibili sono tutte le modalità per entrare in contatto con loro.

Il docente può essere uno studente universitario, un professore in servizio o pensionato, ma in ogni caso con una buona esperienza didattica alle spalle e una buona se non ottima competenza nelle discipline specifiche.

Vediamo alcuni esempi

Schoolr: ripetizioni e lezioni online

Il sito propone tutor online che vengono selezionati con processo e dei criteri oggettivi. La prima lezione è gratuita, le tariffe vengono concordate. Ciascuno dei docenti non è soltanto esperto nella materia/materie ma svolge azione di supporto allo studente. Le lezioni si svolgono su piattaforma dedicata e lavagna virtuale. La start up ha portato il proprio fatturato oltre il 400% in pochissimi mesi. La soddisfazione dei clienti è certificata e molto alta.

Ripetizioni online, lezioni private online e a domicilio, online tutoring. (tutors-live.it)

I tutor sono docenti con diverso livello di esperienza, che possono essere individuati dai potenziali studenti inserendo in una schermata altamente accessibile i dati e i criteri di riferimento. Il prezzo, esclusa la prima lezione gratuita, è variabile e va dagli 8 ai 35 euro. Agli studenti è chiesto di iscriversi per iniziare la propria ricerca e i docenti/tutor sono tenuti a presentarsi con un breve curriculum e dare la disponibilità per i contatti. Il primo contatto tra studente e tutor deve avvenire mediante il sistema di messaggistica interna di Tutors-Live. Successivamente, studente e tutor sono liberi di comunicare mediante il loro mezzo di comunicazione preferito (E-mail, Skype, WhatsApp, telefono, ecc.).

Viene raccomandato l’uso di Talkini, una piattaforma web che supporta l’intero ciclo di interazioni tra studente e tutor (programmazione di lezioni, videoconferenza con pagamenti automatici tramite carta di credito).

Ripetizioni private con insegnanti qualificati

L’organizzazione gostudent.org si rivolge soprattutto alle famiglie, che eventualmente sceglieranno il tutor per i propri figli; è infatti previsto un contatto iniziale con i genitori e successivamente si può attivare il ciclo di lezioni. Il personale che svolge le lezioni è formato costantemente dalla stessa organizzazione. Vi è particolare attenzione ai bisogni educativi speciali.

Ripetizioni e lezioni Online

Tutornow è una piattaforma che consente di scegliere tra oltre 50 materie, con possibilità di lezioni online personali e anche di gruppo. È anche possibile importare ed esportare materiali, prepare test, programmare con l’editor di codice e condividere grafici sulla lavagna digitale dedicata.

Lezioni Private e ripetizioni: trova gratis un insegnante

La comunità di docenti che fa capo alla piattaforma di lezioni private letuelezioni.it consta di oltre 500.000 insegnanti, con i quali si può entrare in contatto in base alle proprie esigenze. Vi sono presenti tutte le discipline ed è possibile prenotare lezioni in presenza e online. È possibile anche usufruire di una guida per diventare un vero esperto nelle ripetizioni nel supporto scolastico.

Ripetizioni e lezioni private con docenti verificati

I docenti di ripetizioni.it sono selezionati con cura e diventano referenziati al termine del processo di selezione, al fine di garantire i potenziali studenti la qualità delle lezioni. Il primo contatto è gestito dai creatori della piattaforma, che confermeranno il livello di referenze del docente, ma successivamente le lezioni si svolgeranno in totale autonomia. Poiché si può fare riferimento alla propria area di residenza, è possibile anche optare per lezioni in presenza.

Conclusioni

Le ripetizioni online rappresentano di sicuro una risorsa per studenti e famiglie, con un’offerta, come si è cercato di dimostrare, varia e per tutti i bisogni formativi, non solo in tempo di recupero del debito. La variabilità dei prezzi, per tutte le tasche, la ricerca della qualità dei tutor, che viene ritenuta un must da organizzazioni e start up impegnate in questo campo, la possibilità di avere lezioni online dovunque ci si trovi rappresentano dei punti di forza di questo settore formativo.

Si tratta sicuramente di un’offerta per un’utenza che dispone di risorse digitali, per esempio dispositivi e connessioni di buon livello, oltre alla capacità di saper navigare e ricercare il docente giusto, stabilire prezzi, orari e sapere poi usare le piattaforme previste.

Gli esempi proposti vogliono essere solo uno spunto e dare l’opportunità di cominciare a orientarsi, ma non si tratta certamente di un panorama esaustivo, anche perché, come già anticipato, si tratta di un settore in crescita a livello globale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati