sicurezza informatica

Assicurazioni cyber, mercato in crescita: ecco opportunità e problemi

Previsioni in forte crescita per il settore delle assicurazioni cyber, anche in Europa. Vediamo quali sono i vantaggi e le opportunità per le aziende e gli ostacoli che frenano l’espansione del mercato

05 Set 2019
cyber insurance

Il mercato delle assicurazioni informatiche è un’area in forte espansione in Europa, trainato dalle recenti novità normative come il Regolamento europeo per la protezione dei dati (Gdpr) e dall’aumento dei rischi legati al mondo cyber.

Le polizze di assicurazione cyber seguono ovviamente la crescente complessità delle minacce cibernetiche e dei sistemi informativi e presentano, come vedremo, molti vantaggi, tra i quali in primis una maggiore attenzione delle aziende agli aspetti di sicurezza informatica. Ci sono tuttavia anche una serie di problematiche che non si possono sottovalutare.

Ma prima di addentrarci in questi aspetti, diamo qualche dato di contesto sulle assicurazioni cyber.

Quando e come nasce il mercato delle assicurazioni cyber

L’assicurazione, un modo ben noto per affrontare i rischi residui, è stata applicata solo di recente al mondo cyber. Il costo potenziale del crimine informatico nei prossimi cinque anni è stimato in circa 5 trilioni di dollari ogni anno. Questo spiega perché vari analisti si aspettano che il mercato della sicurezza informatica cresca da 152,71 miliardi di dollari nel 2018 a 248,26 miliardi di dollari nel 2023 (e circa 300 miliardi nel 2024-2025), con un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del 10-13% nei prossimi cinque anni.

WHITEPAPER
Trend e prospettive future nel mercato del log management
Sicurezza
Cybersecurity

Sebbene alcune polizze assicurative che coprono specifici rischi informatici potrebbero essere rintracciate nell’anni 70, le prime polizze assicurative separate per hacker sono state introdotte nel 1998. Il mercato (negli Stati Uniti) ha visto un significativo aumento dal 2003 quando è entrato in vigore il California bill (e, successivamente, leggi simili in altri Stati).

Una delle caratteristiche principali del disegno di legge era la notifica obbligatoria delle violazioni dei dati. Un altro fattore importante per l’assicurazione cyber era il numero crescente di eventi cibernetici in generale e di attacchi di grandi dimensioni che colpiscono i titoli (ad es. attacchi su eBay, Amazon.com, CNN.com, ecc., all’inizio del millennio) in particolare.

In diversi anni il numero di assicuratori che offrono politiche di sicurezza informatica è cresciuto in modo significativo e continua ad aumentare man mano mentre il mercato si espande in altri paesi. Il mercato europeo delle assicurazioni informatiche è molto meno sviluppato rispetto a quello statunitense, ma si prevede che crescerà rapidamente a causa delle recenti normative (ad es. GDPR).

I vantaggi “collaterali” delle assicurazioni cyber

Nel corso degli anni, le polizze di assicurazione cyber sono diventate sempre più sofisticate per essere in linea con la continua evoluzione degli attacchi informatici e della complessità dei sistemi informativi.

Oltre alla capacità primaria di trasferire il rischio cibernetico e facilitare l’impatto per le organizzazioni, l’assicurazione in generale e l’assicurazione cibernetica, in particolare, si presume che abbia ulteriori effetti positivi. Innanzitutto, il vantaggio principale dell’assicurazione è la possibilità di incentivare le organizzazioni ad aumentare gli investimenti nella loro protezione, al fine di ridurre il premio. Inoltre, la richiesta di assicurazione richiede ai gestori del rischio di rivolgersi alla sicurezza informatica e rivedere le politiche e le pratiche tecniche in relazione alle esigenze dell’organizzazione. Tale approccio basato sul rischio (condotto internamente, con l’aiuto di consulenti esterni o dell’assicuratore) aiuta le aziende a migliorare la propria sicurezza informatica.

Successivamente, si ritiene che l‘assicurazione cyber migliori il benessere sociale migliorando il livello generale di protezione informatica. È importante notare che, dal momento che il mondo cyber è altamente interconnesso, la sicurezza di una società dipende dalla sicurezza degli altri (ad esempio, pensiamo a un’epidemia di virus / worm). Pertanto, migliorando la sicurezza di una parte di una società, l’assicurazione cyber influisce positivamente sulla sicurezza dell’altra parte.

In terzo luogo, l’assicurazione cyber (in particolare i premi) può servire come l’indicatore della qualità della protezione. Finora, la sicurezza informatica lotta per trovare metriche adeguate per confrontare la qualità della protezione per le aziende. A causa dell’eterogeneità dei sistemi, dei diversi obiettivi strategici e degli assets digitali posseduti, degli effetti non chiari delle contromisure e delle pratiche di sicurezza e della mancanza di dati affidabili per l’analisi, è difficile confrontare la forza del sistema di sicurezza informatica di una azienda con altri e ricevere un chiaro indicatore se sono necessari ulteriori investimenti o modifiche della sicurezza informatica.

Infine, ma non meno importante, l’assicurazione cyber può portare a standard nuovi e più avanzati in materia di sicurezza informatica, dal momento che l’aderenza agli standard di sicurezza o il possesso di un certificato possono essere il modo più semplice per un assicuratore di stimare l’esposizione al rischio degli assicurati. Ci si aspetta che gli assicuratori stessi presentino un breve elenco di pratiche essenziali di sicurezza informatica per valutare i potenziali assicurati e decidere quale prodotto assicurativo offrire.

I fattori che ostacolano il mercato assicurativo cyber

Nonostante l’ampio riconoscimento degli effetti positivi che il mercato assicurativo può apportare al mondo cyber, il suo avanzamento è rallentato a causa di un gran numero di fattori di impedimento. Molti di questi fattori possono essere attribuiti alla mancanza di esperienza degli assicuratori sul campo, come ad esempio: numero elevato di esclusioni e copertura limitata, linguaggio contrattuale vago, limiti di indennizzo bassi e relazione non chiara con le politiche esistenti (ad es. “silent” cyber). Ma uno dei problemi principali legati alla mancanza di esperienza per gli assicuratori è la mancanza di dati, che impedisce di ideare polizze di assicurazione cyber affidabili e specifiche per la sicurezza.

Altri problemi dell’assicurazione cyber sono legati alla mancanza di modelli affidabili per i rischi informatici dovuti alla natura di questi rischi. Innanzitutto, la sicurezza informatica è interdipendente e molti rischi informatici sono spesso correlati. Il mondo cibernetico è molto dinamico e i sistemi cambiano rapidamente (ad esempio, vedi la rapida espansione di Cloud, IoT o servizi mobili) e gli aggressori si adattano rapidamente alla nuova realtà (e.g., ransomware e cryptomining).

Le perdite di eventi informatici variano molto e sono spesso intangibili (ad esempio, le perdite di reputazione), il che rende difficile la stima delle perdite. Infine, ma non meno importante, c’è una grande asimmetria informativa tra un assicurato e un assicuratore. L’assicurato ha una migliore conoscenza del proprio sistema, ma non sa come confrontare il suo stato con gli altri. Gli assicuratori hanno una migliore conoscenza delle cifre complessive, mentre hanno una capacità molto limitata di stimare i controlli e le pratiche reali attuate dagli assicurati.

Nonostante il numero di problemi, il mercato delle assicurazioni informatiche si espande. Ciò significa che i professionisti e i ricercatori devono cercare soluzioni migliori per soddisfare la domanda del mercato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati