escalation bellica nel cyberspazio

Cyber attacchi come arma geopolitica: i rischi di un’escalation nello scontro Usa-Russia

Gruppi legati a Mosca sono autori di attacchi a siti web governativi e privati di Paesi NATO e organizzazioni internazionali. Sebbene non siano i soli a usare il dominio cyber per spiare e destabilizzare, una degenerazione delle Usa-Russia avrebbe conseguenze serie. Per fortuna al momento non conviene a nessuno

Pubblicato il 29 Nov 2022

Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

Marco Vettore

Analyst Hermes Bay S.r.l.

data act

Il 23 novembre, il Parlamento Europeo ha adottato una risoluzione che definisce la Federazione Russa come Stato sponsor del terrorismo, così come aveva già fatto la Nato. L’atto chiede a istituzioni europee e Stati Membri di adottare una serie di misure volte ad intensificare la pressione su Mosca, fra cui l’inserimento di alcuni gruppi e individui, come l’organizzazione paramilitare “gruppo Wagner” ed il 141esimo Reggimento speciale motorizzato noto anche come “Kadyroviti” vicina al Presidente ceceno Ramzan Kadyrov, nell’elenco dei soggetti terroristici dell’UE.

Russia-Ucraina, verso attacchi cyber più devastanti: ecco perché

Il documento (2022-2896 – RSP), pubblicato sul sito web del Parlamento, è tuttavia rimasto irraggiungibile per diverse ore a causa di un attacco DDoS rivendicato nei minuti successivi alla conclusione della votazione da parte del gruppo APT Killnet.

Il collettivo, che si definisce un “esercito di partigiani cyber” decentralizzato, risulta attivo sulla scena della cyberwarfare fin dalle fasi iniziali del conflitto russo-ucraino. Nato come gruppo hack-for-hire per la fornitura di servizi di DDoS e defacement (modifica illecita delle pagine di un sito web bersaglio), Killnet ha rapidamente acquisito notorietà grazie ai propri attacchi contro istituzioni e soggetti privati individuati come nemici dello Stato russo.

A febbraio 2022 risale quella che è ritenuta la prima campagna DDoS attribuita a Killnet: una serie di intromissioni ai danni di 26 siti web governativi in Ucraina, incluso quello del Presidente. A questa prima azione hanno fatto seguito molte altre, dirette a colpire gli Stati che hanno espresso il loro sostegno all’Ucraina nel corso dei mesi successivi. Nel marzo il gruppo ha attaccato il sito del Bradley International Airport nel Connecticut, in risposta all’invio di armi statunitensi a Kiev.

Tra marzo e aprile, Killnet ha quindi rivendicato una sequenza di attacchi a siti web governativi e privati riconducibili sia a Paesi NATO che a organizzazioni europee e internazionali. Tra gli obiettivi colpiti, vi sono stati Repubblica Ceca, Estonia, Germania, Polonia, Regno Unito, Stati Uniti, il sito delle Nazioni Unite, dell’OSCE e del Centro di Eccellenza per la Difesa Cibernetica Collettiva della NATO in Estonia.

Tra aprile e settembre si sono registrati ulteriori attacchi a siti governativi, in particolare a quelli di Romania, Italia e Giappone, e ad aziende private in Lituania e Norvegia, intensificatisi dopo l’annuncio del 16 maggio con cui Killnet ha dichiarato guerra a 10 Stati (Ucraina, Stati Uniti, Regno Unito, Germania, Italia, Polonia, Romania, Estonia, Lettonia, Lituania) percepiti come ostili dalla Federazione Russa.

Sulle relazioni tra hacktivisti filo-russi ed enti governativi, Mosca manterrebbe una posizione vaga. Sebbene entrambe le parti smentiscano legami diretti, non è raro che avvengano scambi di informazioni tra funzionari governativi e membri dei gruppi hacker, come nel caso di XakNet. Questi, pur agendo quasi sempre in conformità agli interessi governativi, sembrano disporre di autonomia operativa, permettendo al Cremlino di mantenere la plausible deniability rispetto a qualsiasi attacco informatico.

L’escalation di azioni cyber da parte degli Stati nazionali

Oltre alle azioni condotte da gruppi legati al Cremlino, è stato registrato a livello globale un generale incremento di azioni cibernetiche da parte di Stati nazionali.

WHITEPAPER
Sanificazione ambienti di lavoro: la Guida 2023 per ottimizzarla e non incidere sul budget
Risorse Umane/Organizzazione
Sicurezza

Secondo quanto riportato nel Microsoft Digital Defense Report 2022, comprendente il periodo di tempo che va da luglio 2021 a giugno 2022, i vari attori malevoli avrebbero iniziato a utilizzare i progressi dell’automazione, come le infrastrutture cloud e le tecnologie di accesso remoto, per estendere i loro attacchi a una serie più ampia di obiettivi.

L’Iran dietro campagne di spionaggio contro infrastrutture critiche Ue e Usa

Uno dei principali attori che avrebbe accresciuto le sue attività nel cyberspazio è Teheran. Dalla salita al potere di Ebrahim Raisi nel giugno 2021, i gruppi filo-iraniani avrebbero ripreso i cyberattacchi contro obiettivi israeliani a un ritmo più sostenuto rispetto all’anno precedente. Queste azioni sarebbero perlopiù ransomware e hack-and-leak e sarebbero state condotte a ritmo costante a partire da settembre 2021. Ciò suggerirebbe che tali azioni potrebbero essere parte di una campagna di ritorsione contro Tel Aviv. I gruppi dietro questi attacchi sarebbero collegati al Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC), nello specifico DEV-0198, DEV-0343 e Phosphorus.

Quest’ultimo sarebbe altresì autore di campagne di spionaggio contro infrastrutture critiche europee e statunitensi e di un tentativo di attacco in occasione del Munich Security Conference and the Think 20 (T20) Summit, tenutosi in Arabia Saudita nel settembre 2021.

L’Iran opererebbe in coordinamento anche con un gruppo libanese, noto come Polonium, il quale avrebbe preso di mira, tra febbraio e maggio 2022, circa 20 società israeliane operanti nel settore dell’informatica e della difesa.

Corea del Nord

Un altro Stato molto attivo nella cyber-warfare sarebbe la Corea del Nord. In particolare, in base a quanto rilevato dal Microsoft Security Threat Intelligence e dal LinkedIn Threat Prevention and Defense, il collettivo nordcoreano Zinc avrebbe messo in atto varie tattiche per penetrare imprese operanti del settore della difesa e dello spazio in India, Stati Uniti, Regno Unito e Russia, a partire da giugno 2022. Il gruppo sarebbe stato capace di creare profili falsi su LinkedIn e altri social media professionali, dove i suoi hacker avrebbero pubblicato diverse offerte di lavoro mendaci. Tramite questi profili, sarebbero stati inviati link o allegati dannosi alle vittime tramite messaggi diretti sui social media o via e-mail.

Nel mese di settembre, Cisco Talos ha rivelato che l’APT nordcoreano Lazarus avrebbe diretto attacchi tra febbraio e luglio 2022 contro alcuni fornitori di energia canadesi, giapponesi e statunitensi. L’obiettivo principale sarebbe stato quello di stabilire un accesso a lungo termine alle reti per condurre operazioni di spionaggio.

La Cina

Anche gli APT legati a Pechino starebbero ampliando le proprie operazioni con lo scopo di promuovere gli obiettivi strategici militari, economici e diplomatici del Paese, con l’obiettivo di raggiungere un vantaggio competitivo nei confronti dei suoi rivali. Nel gennaio 2022, Microsoft ha osservato che il gruppo Radium avrebbe preso di mira un’azienda energetica vietnamita e un’agenzia governativa indonesiana. Queste attività sarebbero allineate con gli obiettivi strategici della Cina nel Mar Cinese Meridionale.

I gruppi vicini alla Cina avrebbero altresì condotto campagne di spionaggio contro gli oppositori del Governo centrale, come nel caso del gruppo TA413 il quale avrebbe condotto operazioni di sorveglianza contro organizzazioni indipendentiste tibetane in esilio.

Conclusioni

Nel quadro delle crescenti tensioni internazionali, soprattutto dopo lo scoppio della guerra in Ucraina, vari esperti di sicurezza informatica hanno messo in guardia da una possibile escalation bellica, principalmente russa, nel dominio cibernetico. Secondo quanto espresso a Cybernews da Irina Tsukerman, analista geopolitica specializzata in cybersecurity, al momento Washington non avrebbe attuato contromisure rispetto ai cyberattacchi condotti Mosca sia in Ucraina che in Europa, poiché riterrebbe che la guerra della Russia in Ucraina non danneggi direttamente i suoi interessi. La situazione, secondo quanto evidenziato da Tsukerman, potrebbe cambiare qualora il Cremlino decidesse di cambiare strategia.

Inoltre, in base all’attuale dottrina nucleare degli Stati Uniti sviluppata durante l’amministrazione Trump, il Presidente avrebbe l’opzione militare di lanciare armi nucleari contro un Paese qualora fosse accertata la sua responsabilità in un massiccio attacco informatico.

Per ora, tuttavia, gli Stati Uniti avrebbero minimizzato la minaccia informatica. Il presunto attacco russo al Colonial Pipeline non ha portato a un contrattacco e gli Stati Uniti hanno attribuito la responsabilità al gruppo russo di criminalità informatica DarkSide.

Secondo Mark Galeotti, professore onorario presso la UCL School of Slavonic & East European Studies di Londra, entrambo gli schieramenti avrebbero condotto una campagna di sondaggio dei punti deboli dell’avversario, alla ricerca di exploit da sfruttare nel futuro. A differenza degli armamenti tradizionali, quelli informatici sono di difficile studio finché non vengono lanciati contro un bersaglio. Questo implicherebbe, continua Galeotti, che nessuna delle due parti abbia una percezione realistica delle reali capacità dell’altra. Allo stesso tempo, data le difficoltà di attribuzione, gli attacchi cyber stanno assumendo un ruolo sempre più rilevante all’interno delle relazioni geopolitiche sia come armi di offesa e spionaggio che come strumenti per retribuire risorse economiche.

WHITEPAPER
Cyber Risk : la guida per gestire il rischio in banca
Sicurezza
Cybersecurity
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3