Ransomware & co

Ransomware, basta poco per “uccidere” una pmi: quali soluzioni

Un attacco ransomware ha la capacità di bloccare letteralmente un’impresa, da un momento all’altro, rendendola inerme e vulnerabile. Occorre democratizzare la difesa (non solo la protezione) nel digitale. Ecco come

24 Set 2020
Marco Ramilli

fondatore e Ceo di Yoroi

ransomware

Non tutte le piccole e medie imprese possono permettersi sistemi di difesa cyber tali da azzerare il pericolo di attacchi in grado di paralizzarne l’operatività, e gli hacker questo lo sanno. Non a caso, proprio le PMI sono diventate l’obiettivo primario di hacker governativi, i cui attacchi oggi non sono più su commissione, ma rappresentano un modo facile e immediato per ammortizzare i costi del cyber-arsenale che hanno costruito nel tempo al servizio degli Stati canaglia.

Per contrastarli serve una “democratizzazione” della difesa (non della sola protezione) nel digitale.

Perché le PMI sono nel mirino degli hacker

Certo si sono “democratizzate” da tempo, ossia diventate davvero accessibili, le armi del cyber crime. I gruppi paramilitari di hacker governativi, per monetizzare i loro investimenti, sempre più spesso si calano nel dark web e pubblicizzano le loro soluzioni di Malware-as-a-service, pacchetti di software a consumo per perpetrare attacchi criminali. La loro strategia purtroppo si è rivelata vincente con la scelta di bersagli che non hanno il budget o il personale necessario per fronteggiare gli attacchi informatici.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Questi “mercenari” appartenenti agli APT (Advanced Persistent Threats) infatti, prima attaccavano la supply chain di grandi realtà aziendali, adesso attaccano direttamente le piccole e medie imprese, proprio quelle PMI che sono il tessuto connettivo dell’Italia. Ponendo dei problemi seri all’economia in lenta ripresa dalla pandemia.

Nel nostro paese le difficoltà che si incontrano nel fare impresa sono numerose, e alcune sembrano insormontabili come, ad esempio, il cambio di fornitori, di sede operativa, ma alcune hanno la capacità di bloccare letteralmente l’impresa, da un momento all’altro, rendendola inerme e vulnerabile come un bimbo stanco dopo una giornata di mare.

Come ti blocco una PMI con un attacco ransomware

Un attacco ransomware ha questo effetto nell’80% delle medie e piccole organizzazioni italiane.
È esattamente quanto accaduto a Giovanni, imprenditore ed amministratore delegato di una media impresa emiliano-romagnola di ingegneria meccanica. La sua organizzazione che fino a qualche anno fa andava “a gonfie vele” da un paio di anni aveva rallentato il suo fatturato quando all’inizio della fase 2 della convivenza con il Covid incontra malauguratamente un ransomware. Questo evento, giunto come un’improvvisa malattia durante un mercoledì mattina, ha cambiato drasticamente la vita di Giovanni e dei suoi dipendenti che, da un giorno all’altro, si sono trovati impossibilitati a lavorare.

Le macchine di taglio e gli utensili controllati da un server centrale non erano più capaci di interpretare i file di controllo, gli operai addestrati a programmare PLC non sapevano utilizzare un tornio, una fresa, un trapano montante manuale fermando di fatto l’intera produzione. Il sistema CRM ed il gestionale ordini erano completamente cifrati. Non solo non potevano avanzare con la produzione, ma addirittura non sapevano cosa produrre né per chi produrre. Gli ordini erano illeggibili. Si era a inizio mese ma numerose fatture di competenza del mese precedente dovevano ancora essere emesse però, sfortunatamente, anche i dati di fatturazione erano stati cifrati, illeggibili. Per Giovanni non era possibile nemmeno fatturare il lavoro svolto fino allora. La richiesta di riscatto era alta, troppo alta. Non dimentichiamo che in Italia è illegale cedere a ricatti, che Giovanni non sapeva nemmeno acquistare Bitcoin e che non trovava nessun consulente che volesse infrangere la legge aiutandolo nella illecita attività di pagamento del riscatto. La sua attività non poteva permettersi costosi strumenti di protezione né team dedicati per la difesa del proprio spazio cibernetico. Così Giovanni si è trovato in un vicolo cieco.

La democratizzazione della difesa nel digitale

Aver partecipato in prima persona a tale dramma ha contribuito notevolmente a farmi porre una fondamentale domanda sulla reale democratizzazione del digitale. È evidente che Internet (e il digitale) ha democratizzato l’intera informazione, basti pensare ai social network ove chiunque (autorevole e non) ha la possibilità di esprimersi liberamente e – tipicamente ma non esclusivamente – senza censure. Sul Web si può trovare tutto ed il contrario di tutto: l’immensa quantità di dati rende difficile estrarre informazione, haters e likers trovano la loro massima espressione, ma permette anche ai popoli senza diritti di comunicare, i liberi pensatori possono contribuire alla scienza anche senza essere scienziati e gli artisti possono mostrare le loro incredibili doti. Ma il Web è anche il luogo dove i nuovi attaccanti trovano un nuovo spazio per attaccare e mettere in difficoltà il prossimo e dove Giovanni non ha saputo difendersi adeguatamente.

I nuovi strumenti per la difesa digitale sono molto complessi, coinvolgono numerose reti, necessitano di numerosi sistemi orchestrati tra loro, interagiscono con nuove tecnologie, ricevono input da intelligenze artificiali che richiedono elevate prestazioni, necessitano di spazi e tempi di risposta significativamente veloci, anni di studio, mesi di sperimentazione prima di poter essere efficaci. Tutti strumenti che obbligano a test continui e hanno una manutenzione precisa e costante, e sono solo alcuni dei motivi sul perché i sistemi di protezione digitale di ultima generazione sono altamente costosi. Non tutte le organizzazioni possono permettersi tali costi e per questo motivo decidono di restare scoperte, rischiando il dramma di Giovanni.

Conclusioni

Quindi se da un lato il digitale ha notevolmente democratizzato la società contemporanea, dall’altro lato, indirettamente e involontariamente, ha causato un gap tecnologico sul fronte della difesa digitale, creando una barriera economica difficile da abbattere per organizzazioni di medie/piccole dimensioni.

La buona notizia è che sono oramai diventati più accessibili, anche alle pmi, strumenti avanzati e completi di sicurezza informatica.

Se basta così poco per fare saltare una pmi, è doveroso che il mercato cerchi di proteggerla in modo facile ed economico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati