SPONSORED ARTICLE

Normativa cybersecurity, cosa sta cambiando: gli impatti per le aziende 

I cambiamenti normativi in tema di cybersecurity impongono alle aziende nuovi standard di sicurezza: la priorità per farvi fronte e lavorare sulla consapevolezza

02 Nov 2021
Andrea Monteleone

National Sales Manager Axis Communications

cyber decreto aiuti

Lo scenario dell’industria della cybersecurity è in fermento, alla luce dell’evoluzione normativa in corso in Europa e, di conseguenza, in Italia. Il via al Perimetro nazionale di sicurezza cibernetica e i lavori in corso per l’aggiornamento della norma NIS, ribattezzata nella nuova versione NIS 2.0, hanno un impatto importante sulle aziende. Le imprese, infatti, oggi sono chiamate a elevare i propri standard di sicurezza, il che non significa farlo solo dal punto di vista tecnologico. Serve spesso, soprattutto nelle realtà medio piccole, un cambiamento culturale, una presa di consapevolezza diffusa su quanto la cybersecurity sia oggi un tema della quotidianità.

Normativa Cyber security, lo stato dell’arte in UE 

La situazione normativa in materia di cybersecurity si sta evolvendo molto velocemente, perché a valle dei disagi degli ultimi due anni ci si è resi conto che tutta l’infrastruttura su cui si basa la vita comunitaria è sempre più pervaso dal mondo ICT. La cybersecurity è un elemento percepito e riconosciuto come totalmente trasversale in tutti gli aspetti della vita comunitaria. La normativa al riguardo era in pesantissimo ritardo, si sta cercando di ottimizzarla.

Si tratta di una priorità. Ricordiamo che il numero di attacchi negli ultimi anni è esploso. C’è stato un surplus di domanda di accesso alle attrezzature informatiche da casa, con una scarsa conoscenza degli strumenti e dei rischi correlati, per cui tanti si sono trovati a dover lavorare da remoto senza consapevolezza e, di conseguenza, danni sono stati causati perché non si era assolutamente pronti a operare in quel contesto, sia in ambito privato che nella PA. Partendo dalla consapevolezza che la connettività sia diventata parte integrante del nostro vivere, avere un’infrastruttura sicura dal punto di visita cyber ci permette di essere resilienti, per usare un termine stra abusato. Eppure, per i più non c’è percezione di quanto il tema sia importante.

Cosa cambia con la NIS 2.0

Il Perimetro nazionale di sicurezza cibernetica impatta sulla PA, in quanto tratta delle infrastrutture critiche per il funzionamento dello Stato: servizi segreti, organi militari, insomma la PA al suo cuore. Dal canto suo, la NIS è un costrutto normativo che ha tutta una serie di elementi nuovi nel modo in cui è costruita. Di fatto si focalizza nel regolare il rapporto tra PA e privato, un contratto implicito in cui il privato è l’insieme delle aziende che erogano servizi ritenuti essenziali per la collettività. Si tratta di tante realtà che erogano servizi come l’energia elettrica, i trasporti, le telecomunicazioni, gestite da privati o parzialmente tali, dove la governance non è in mano allo Stato. Tali aziende ragionano in termini di profitto, non di Stato, ma sono fondamentali. Con la NIS si va a regolare il livello delle soluzioni da adottare per far sì che dal punto di vista ICT tali realtà siano in grado di resistere ad eventuali attacchi, per continuare a erogare servizi necessari.

È una questione fondamentale, considerando i devastanti impatti che un attacco può avere, per esempio nel caso di ransomware. Le normative, dunque, ci mettono in condizione di ridurre l’impatto di questi pericoli.

È utile ricordare che prima il modo di far legge non considerava natura, dimensione e servizio delle aziende, ma poneva requisiti minimi standard da soddisfare per essere considerati a norma. Tuttavia, la criticità delle informazioni gestite, l’importanza degli impianti, dei servizi, è completamente diversa da ogni realtà: ecco perché la NIS pone un obiettivo di sicurezza conforme al proprio livello di importanza. L’azienda è chiamata a fare un’autovalutazione che il legislatore in seguito monitorerà, riservandosi il diritto di verificare e avvallare le scelte effettuate. Si tratta quindi di un cambio di paradigma totale, che di fatto innalza il livello di sicurezza in generale. Le conseguenze sul mercato sono:

  • La responsabilità diventa distribuita. Tutta la supply chain, dal vendor, all’installatore, al consulente per arrivare al cliente finale, è responsabile in solido in caso di incidenti e malfunzionamenti.
  • Le linee guida avranno un impatto su tutto il mercato, nonostante la NIS influisca direttamente solo sulle aziende considerate infrastrutture critiche. Chi lavora per le aziende ritenute indispensabili, si dovrà adattare per lavorare in questo contesto. Si creerà un nuovo standard di mercato e il livello di consapevolezza e competenza si alzerà.

Perimetro di sicurezza cibernetica nazionale, come adeguarsi 

In questo contesto, adeguarsi non indica semplicemente prevedere un investimento o comprare uno strumento particolare. Adeguarsi a questo nuovo paradigma normativo e culturale, significa partire dalla consapevolezza di doversi informare e affidarsi a un pool di professionisti per non correre rischi, in quanto i contenuti della NIS impongono una collaborazione a tutto campo tra tutti gli operatori di mercato.

Non si può pensare di introdurre in azienda una macchina per proteggere la rete senza poi aggiornarla o spiegare agli utenti come gestire le informazioni che tratta. Sarebbe inutile e si rischierebbe anzi di perdere soldi e reputazione.

Il caso: i consigli di Axis Communications per le aziende

Per far fronte a questi cambiamenti cogliendone le opportunità, Axis Communications consiglia innanzitutto di lavorare sull’acquisizione di consapevolezza. Questo è un punto fondamentale per diffondere il cambiamento culturale comprendendo quanto la cybersecurity sia un tema presente costantemente nel nostro quotidiano al di là di quanto percepiamo, oltre a capire che la sicurezza porta vantaggi non solo noiosi adempimenti da affrontare. Per favorire questo processo di awareness, è importante fare formazione ai propri collaboratori, aggiornarsi, stare al passo con i cambiamenti normativi e tecnologici;

In questo iter, è bene affidarsi a professionisti esperti, che possono davvero dimostrare la loro competenza e siano in grado di accompagnare le aziende nel percorso verso un approccio virtuoso alla sicurezza, diventando dei partner anche per il domani.

L’articolo è parte di un progetto di comunicazione editoriale che Agendadigitale.eu sta sviluppando con Axis Communications

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4