sicurezza informatica

Open Source Intelligence (OSINT): cos’è, a chi serve e come usarla

Cosa si intende per attività di OSINT, i possibili utilizzatori e come ottenere informazioni mirate in contesti diversi. Ecco perché ogni organizzazione dovrebbe adottare attività di OSINT come una delle difese della sicurezza informatica per identificare e rilevare minacce

02 Dic 2019
osint

Con la crescita esplosiva delle comunicazioni su Internet e l’enorme volume di dati digitali prodotti dagli utilizzatori della rete, la cosiddetta Open Source Intelligence (OSINT) diventa una necessità per diverse organizzazioni. Ad esempio dipartimenti governativi, organizzazioni non governative e società commerciali che stanno iniziando a fare affidamento in larga misura ad attività di OSINT piuttosto che affidarsi alla raccolta di informazioni private e classificate, per motivi di sicurezza o indagine di mercato.

Cos’è l’Open Source Intelligence

Open Source Intelligence (OSINT) si riferisce a tutte le informazioni disponibili al pubblico.

Non esiste una data specifica in cui il termine OSINT è stato proposto per la prima volta: utilizzato per decenni per descrivere l’attività di raccolta di informazioni attraverso lo sfruttamento delle risorse disponibili al pubblico, nella storia recente, l’attività di OSINT è stata introdotta durante la seconda guerra mondiale come strumento di intelligence da molte agenzie di sicurezza di varie nazioni.

WHITEPAPER
Accelerare i tempi di migrazione del cloud ibrido: una guida completa

Le fonti OSINT si distinguono da altre forme di intelligenza perché devono essere legalmente accessibili al pubblico senza violare alcuna legge sul copyright o sulla privacy. Questa distinzione rende la capacità di raccogliere fonti OSINT applicabili non solamente ai servizi di intelligence. Ad esempio, le aziende possono trarre vantaggio dallo sfruttamento di queste risorse per acquisire informazioni sui propri concorrenti.

Esempi di informazioni OSINT

OSINT include tutte le fonti di informazione accessibili al pubblico. Queste informazioni sono disponibili online o offline, vediamo alcuni esempi:

  • Accesso alla rete Internet, che include quanto segue e altro: forum, blog, siti di social network, siti di condivisione di video, wiki, record Whois di nomi di dominio registrati, metadati e file digitali, risorse web scure, dati di geolocalizzazione, indirizzi IP , i motori di ricerca delle persone e tutto ciò che può essere trovato online.
  • Mass media tradizionali (Televisione, radio, giornali, libri, riviste).
  • Riviste specializzate, pubblicazioni accademiche, tesi di laurea, atti di convegni, profili aziendali, relazioni annuali, notizie aziendali, profili dei dipendenti e curriculum.
  • Foto e video inclusi metadati.
  • Informazioni geospaziali (ad es. Mappe e prodotti di immagini commerciali)

Chi è interessato alle informazioni OSINT

Esistono delle organizzazioni specializzate in servizi OSINT.

Alcune di esse sono basate su servizi governativi altre sono società private che offrono i loro servizi a diversi enti come agenzie governative e società commerciali su abbonamento. Le seguenti sono le organizzazioni OSINT più note:

  • Governo: gli enti governativi, in particolare i dipartimenti militari, sono considerati i maggiori consumatori di fonti OSINT. I governi hanno bisogno di fonti OSINT per scopi diversi come la sicurezza nazionale, l’antiterrorismo, il cybertracking dei terroristi, la comprensione delle opinioni pubbliche nazionali e straniere su diversi argomenti, la fornitura di informazioni ai politici per influenzare la loro politica interna ed esterna e lo sfruttamento di media stranieri come la TV per ottenere traduzioni istantanee di eventi diversi che accadono all’esterno.
  • Organizzazioni internazionali: organizzazioni internazionali come le Nazioni Unite utilizzano fonti OSINT per supportare le operazioni di mantenimento della pace in tutto il mondo. Le organizzazioni umanitarie, come la Croce Rossa Internazionale, usano fonti OSINT per aiutarle nei loro soccorsi in un momento di crisi o disastro. Usano l’intelligence OSINT per proteggere la loro catena di approvvigionamento dai gruppi terroristici analizzando i siti di social media e le applicazioni di messaggistica su Internet per prevedere le future azioni terroristiche.
  • Agenzie militari: la polizia utilizza fonti OSINT per proteggere i cittadini da abusi, violenze private, furto di identità e altri crimini. Questo può essere fatto monitorando i canali dei social media per parole chiave e immagini interessanti per aiutare a prevenire i crimini prima che si intensifichino.
  • Aziende: l’informazione è potere e le aziende utilizzano le fonti OSINT per indagare su nuovi mercati, monitorare le attività dei concorrenti, pianificare attività di marketing e prevedere qualsiasi cosa possa influire sulle loro operazioni attuali e sulla crescita futura. Le aziende usano anche l’intelligence OSINT per altri scopi non finanziari come i seguenti:
  • Lottare contro la perdita di dati, sapendo che l’esposizione commerciale delle informazioni riservate e le vulnerabilità della sicurezza delle loro reti è una causa delle future minacce informatiche.
  • Creare le proprie strategie di intelligence delle minacce attraverso l’analisi delle fonti OSINT sia all’esterno che all’interno dell’organizzazione e quindi combinando queste informazioni con altre informazioni per realizzare un’efficace politica di gestione del rischio cibernetico che li aiuti a proteggere i propri interessi finanziari, reputazione e base clienti .
  • Penetration tester e Black Hat Hacker: OSINT è ampiamente utilizzato da hacker e penetration tester per raccogliere informazioni online su un obiettivo specifico. È anche considerato uno strumento prezioso per aiutare a condurre attacchi di ingegneria sociale. La prima fase di qualsiasi metodologia di test di penetrazione inizia con la ricognizione (in altre parole, con OSINT).
  • Persone attente alla privacy: si tratta di persone normali che potrebbero voler controllare come gli estranei possano entrare nei loro dispositivi informatici e ciò che sa il loro ISP. Devono inoltre conoscere il loro livello di esposizione online per colmare eventuali carenze di sicurezza ed eliminare tutti i dati privati ​​che potrebbero essere stati pubblicati inavvertitamente. OSINT è un ottimo strumento per vedere come la tua identità digitale appare al mondo esterno, permettendoti di mantenere la tua privacy. Le persone possono anche usare OSINT per combattere il furto di identità, ad esempio nel caso in cui qualcuno ti stia imitando.
  • Organizzazioni terroristiche: i terroristi utilizzano fonti OSINT per pianificare gli attacchi, raccogliere informazioni sugli obiettivi prima di attaccarli (come quando si utilizzano immagini satellitari come Google Maps per indagare sulla posizione dell’obiettivo), procurarsi informazioni attraverso l’analisi di social media, acquisire informazioni militari rivelate accidentalmente da governi e diffondere la loro propaganda in tutto il mondo utilizzando canali social.

Metodologie per la raccolta delle informazioni

Uno dei passaggi principali durante l’attività di OSINT è identificare gli indirizzi IP e i sottodomini associati al bersaglio. I motori di ricerca come Shodan e Censys possono essere molto utilizzati per trovare indirizzi IP, file sensibili, informazioni sul server, messaggi di errore e altri servizi esposti.

Una ricerca whois aiuta a trovare il contatto dell’amministratore e altri indirizzi e-mail. Gli indirizzi e-mail possono essere cercati attraverso perdite di database o tramite un servizio di ricerca come HaveIBeenPwned che ti dice se la tua e-mail è stata trovata come parte di una violazione.

Tramite questo sito, si possono ottenere moltissime informazioni sul tuo target come ad esempio le informazioni sul GeoIP, informazioni del provider ed eventualmente puoi interrogare diversi elenchi di spam.

Wappalyzer è una buona utility per scoprire le tecnologie utilizzate sui siti Web. L’applicazione è in grado di rilevare sistemi di gestione dei contenuti, piattaforme di e-commerce, framework Web, server, strumenti di analisi e molto altro.

Durante la fase di OSINT è importante analizzare i codici di stato HTTP e le intestazioni delle risposte utilizzando burp. Questo software permette di controllare le intestazioni CSP consentendo il caricamento degli script.

Molte informazioni si possono cercare nei servizi che offrono il repository dei codici come github, gitlab, bitbucket ecc. In questi servizi a volte si trovano vulnerabilità del web, problemi di configurazione sui sistemi software e altre chiavi segrete. Durante l’esecuzione di commit, gli sviluppatori lasciano credenziali o “token di accesso” unici. È facile per gli aggressori recuperare queste informazioni riservate utilizzando i log di commit e verificando commit specifici e ospitando un attacco sull’infrastruttura di destinazione.

Strumenti come Github Dorks possono essere utilizzati per cercare dati sensibili come chiavi private, credenziali, token di autenticazione ecc. nel repository di github.

Anche tramite il Google Dorking o una ricerca avanzata si possono ottenete parecchie informazioni sul target.

Nel campo della sicurezza informatica, l’utilizzo degli strumenti giusti per le indagini OSINT può essere davvero efficace se combinato con il pensiero critico e una chiara strategia di ricerca. Sia che si stia conducendo un’indagine sulla sicurezza informatica di un’azienda o che lavorando dalla parte opposta per identificare e mitigare le minacce future, conoscere tecniche OSINT predefinite e obiettivi chiari può farti risparmiare molto tempo. Ogni organizzazione dovrebbe far proprie le attività di OSINT da adottare come una delle difese della sicurezza informatica per identificare e rilevare minacce provenienti da Web Application o servizi esterni.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati