GDPR

Privacy by design e by default, la sfida della protezione dei dati personali

Nonostante le norme introdotte dal Gdpr, sono pochissimi i fornitori di tecnologia (soprattutto i produttori di software prêt-à-porter) che si sono impegnati a introdurre misure e salvaguardie per ridurre i rischi per il trattamento dei dati personali. Vediamo perché c’è bisogno di un profondo ripensamento

06 Dic 2019
Francesco Maldera

Data Protection Officer e Data Specialist

decreto trasparenza privacy

Le piattaforme applicative di massa che sono ampiamente diffuse nelle organizzazioni e che costituiscono il supporto fondamentale ai processi (dalle vendite alle fatturazioni, dalla gestione del personale o dei pazienti sanitari alla logistica) hanno bisogno di essere ripensate alla luce di due paradigmi fondamentali introdotti dal GDPR: la protezione dei dati personali by design e by default.

Sono un po’ come le Ford Model T dell’ICT, soltanto che la sfida della loro ottimizzazione è più complessa rispetto a quella di un’automobile. Vediamo perché.

Siamo tutti Model T

Agli inizi del ‘900 la Ford cominciò a produrre la prima vettura “in serie”: la Model T. Non aveva paraurti, né indicatori di direzione luminosi e neanche il tachimetro. Si narra, addirittura, che Henry Ford un giorno ebbe a dire “Ognuno può avere la propria Model T del colore che gli piace, purché sia nero”. Infatti, il prodotto era giovane e nasceva per la seguente finalità: risparmiare tempo durante il percorso usando un veicolo a motore. Il progetto si era concentrato su questo e, soprattutto, sulla riduzione dei costi di produzione per permettere a molti (Ford diceva “a tutti”) l’acquisto di un veicolo di questo genere.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy

Certamente, nelle riunioni progettuali, non si era tenuto conto dei seguenti rischi:

  • danneggiamento per urto frontale o posteriore che, successivamente, avrebbe fatto concepire i paraurti (guardando la Model T ci si può accorgere, addirittura, che le ruote erano sporgenti rispetto alla scocca);
  • investimento di pedoni nei cambi di direzione che, nelle auto moderne, avrebbe fatto nascere le frecce luminose;
  • difficoltà di frenata in caso di ostacolo imprevisto che, dopo, avrebbe fatto installare il tachimetro per controllare istantaneamente la velocità del mezzo.

In quel momento storico, peraltro, nessuno poteva pensare a rischi di tal genere: le automobili erano talmente rare che, per esempio, i pedoni si scostavano ad ogni rombo di motore che sentivano in lontananza.

Data protection by design e by default: ecco le linee guida EDPB

Model T e la protezione dei dati personali

Un fenomeno analogo succede, oggi, per la protezione dei dati personali sia dal punto di vista organizzativo sia da quello tecnologico.

Le organizzazioni hanno, nel tempo, ricercato

  • un assetto efficiente che potesse ridurre i costi e renderle competitive sul mercato (per quelle private) o per assicurare la conformità ai vincoli di bilancio pubblico (per quelle pubbliche);
  • un’infrastruttura tecnologica che assicurasse la piena rispondenza ai cicli produttivi (intesi in senso lato sia nel pubblico sia nel privato).

Quindi, come per la Model T, sia gli aspetti organizzativi sia quelli tecnologici scontano un ritardo nella valutazione dei rischi rispetto al trattamento dei dati personali. Solo nell’ultimo decennio, e prevalentemente sul fronte tecnologico, è stato elevato il livello di attenzione sulla sicurezza; ma ciò è avvenuto in maniera perlopiù difensiva del business e, comunque, senza un reale impegno progettuale ed a budget molto limitato.

Il mondo, invece, è cambiato:

  • la facilità con la quale le minacce possono sfruttare le vulnerabilità è molto aumentata, soprattutto sul fronte tecnologico;
  • la sensibilità verso i diritti e le libertà degli individui e, quindi, verso la protezione dei dati personali, ha indotto molti Stati ad irrigidire il quadro normativo chiedendo maggiori garanzie su questo fronte; infatti, sulla scia dell’Unione Europea con il GDPR, molte altre nazioni hanno varato norme simili anche per assicurarsi la possibilità di agire nel mercato del vecchio continente.

L’impegno dei produttori

E se questo impegno non fosse chiaro dalla lettura sistematica del GDPR, l’European Data Protection Board (EDPB) ha approvato, nella riunione plenaria tenutasi il tra il 12 ed il 13 novembre scorso, le Guidelines on Data Protection by Design & Default (Linee guida sulla protezione dei dati personali fin dalla progettazione e per impostazione predefinita).

Evidentemente, l’EDPB ha tenuto conto delle ragioni del ritardo accumulato, soprattutto in ambito ICT, e, per agevolare il percorso di compliance, ha focalizzato l’attenzione su due aspetti:

  • i titolari (ma anche i responsabili) devono introdurre nei processi di trattamento appropriati indicatori chiave di performance che misurino l’efficacia delle misure e delle salvaguardie finalizzate a limitare i rischi per i diritti e le libertà degli individui (vedi punto 16 e seguenti delle Linee guida); questo impegno è necessario sia in fase di progettazione (by design ovvero quando si studia come il processo di trattamento sarà condotto) sia in fase di esercizio (by default ovvero durante tutta conduzione ordinaria del processo di trattamento); insomma, per riprendere il paragone con la Model T, bisogna progettare il tachimetro e fare in modo che questo tachimetro venga osservato durante il percorso;
  • i titolari (ma anche i responsabili) devono affidarsi a produttori di software e di piattaforme applicative in generale (i technology provider delle Linee guida) che garantiscano una progettazione ed un funzionamento in linea con le indicazioni del GDPR (vedi punto 86 delle Linee guida).

Tenuto conto di questi aspetti, si può dire che pochissimi fornitori di tecnologia (soprattutto i produttori, grandi e piccoli, di software prêt-à-porter) si sono impegnati a introdurre misure e salvaguardie per ridurre i rischi per il trattamento dei dati personali.

Per esempio, quanti produttori di software per la gestione delle risorse umane hanno introdotto una funzione che consente al datore di lavoro (titolare del trattamento) di corrispondere in maniera corretta ad una richiesta di limitazione del trattamento di un proprio dipendente effettuata conformemente all’articolo 18 del GDPR? Questa sarebbe, nel lessico utilizzato dall’EDPB nelle Linee guida, una salvaguardia per i diritti e le libertà dell’interessato.

E quanti produttori di software di contabilità hanno introdotto un indicatore sul numero di clienti ai quali non si fattura da più di un certo numero di anni e la contestuale possibilità di anonimizzare i dati in modo sistematico ed efficace in tutte le tabelle? E conviene fermarsi solo a questa domanda perché, se si allarga lo sguardo alle molteplici duplicazioni di tabelle fatte per servire più applicativi software in assenza di un ERP (per esempio, quello dell’area marketing e quello della logistica), la situazione potrebbe essere ancora più spinosa.

Questo ragionamento porta a due conclusioni alternative:

  • il titolare partecipa alla progettazione della soluzione tecnologica (software o infrastrutturale) e, in pratica, non ricorre più a quella chiavi in mano che, di solito, si presta poco ad essere adattata al singolo cliente; in questo caso, titolare e fornitore tecnologico valutano insieme i rischi connessi al processo di trattamento dei dati personali e progettano la soluzione più idonea; per i soggetti che devono conformarsi al Codice dei contratti pubblici si tratta di basare la scelta del contraente sul dialogo competitivo previsto dall’art. 64 del Dlgs. 50/2016;
  • il titolare, nella scelta del partner tecnologico, ha già effettuato una valutazione dei rischi e riesce a delineare nel capitolato tecnico le misure e le salvaguardie che il fornitore deve assicurare; in questo caso, i soggetti pubblici, nelle ordinarie procedure di scelta del contraente previste dal Dlgs. 50/2016, devono motivare accuratamente le parti che contengono i requisiti specifici per evitare contenziosi innescati per la presenza di “clausole immediatamente escludenti”.

Non solo minimizzazione e non solo ICT

Un’ulteriore indicazione rilevante fornita dall’EDPB nelle Linee guida riguarda la protezione dei dati by default: non coincide, come molti credono, con la minimizzazione dei dati personali (vedi punto 40 delle Linee guida). È vero che l’elemento di base di questo paradigma (le Linee guida lo chiama requisito, requirement) può sintetizzarsi nel preconfigurare i sistemi informatici (non solo informatici) per ridurre al minimo i dati personali necessari. Ma ricordiamo che un processo di trattamento di dati personali è l’incrocio di almeno quattro elementi: dati personali, operazioni di trattamento, strumenti di trattamento e soggetti autorizzati alle operazioni di trattamento. È, quindi, una funzione con almeno quattro variabili indipendenti della quale, a sua volta, è necessario calcolare un’ulteriore funzione: quella del rischio. Solo allora possiamo definire misure e salvaguardie che, appunto, mitigano by default il rischio in dipendenza delle quattro variabili iniziali.

Per fare un esempio pratico, l’assistenza di un malato degente presso una residenza sanitaria assistenziale (RSA) da parte dei sanitari ospedalieri che lo curano è un processo di trattamento che prevede:

  • dati appartenenti alle particolari categorie che possono variare dal quadro clinico riferito a precedenti ricoveri presso l’ospedale fino alla terapia urgente per uno stato di acuzia sopravvenuta;
  • operazioni di trattamento che vanno dalla trasmissione della cartella clinica fino alla consultazione di dati clinici in telemedicina;
  • strumenti di trattamento che vanno dal software di gestione della cartella clinica fino al fax per la trasmissione della stessa dall’ospedale alla RSA;
  • soggetti autorizzati che sono i medici dell’ospedale, il personale infermieristico, gli operatori socio‑sanitari della RSA.

In questo quadro, è necessario applicare procedure organizzative fin dalla progettazione (by design) del trattamento affinché, di volta in volta e by default, siano individuati i dati giusti, le operazioni corrette, gli strumenti adeguati ed i soggetti autorizzati al fine di ridurre i rischi per i diritti e le libertà dei pazienti.

Conclusioni

Sembra una sfida non facile, anche perché, diversamente da quanto è accaduto per l’evoluzione nel campo delle automobili, i tempi non sono lunghi: ci vogliono soluzioni rapide che consentano di guidare i dati personali con tranquillità. E non basta il tachimetro…

WHITEPAPER
Sensori intelligenti e Sanità: quali tipologie a supporto delle terapie farmacologiche?
Sanità
Smart health
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4