intelligenza artificiale

Data governance e IA: perché le incertezze del Parlamento europeo sono preoccupanti

La STOA, Comitato costituito da 20 deputati del Parlamento europeo, in rappresentanza delle varie Commissioni parlamentari, ha pubblicato un documento di pesanti critiche al regolamento europeo sull’intelligenza artificiale. Mette però così in luce contraddizione in seno alle istituzioni europee

19 Lug 2022
Franco Pizzetti

professore emerito diritto costituzionale all'Università di Torino, ex Garante Privacy

europa-140602115816

Ne mese di luglio del 2022 la STOA (Scientific Forsight Unit del Parlamento europeo ha pubblicato un corposo documento intitolato “Governing data and artificial intelligence fo all (Model for sustainable and just data governance).

Il “Governing data and artificial intelligence fo all” della Stoa

Come è noto la STOA (Scientific and Technological Options Assestement) è un Comitato costituito da 20 deputati del Parlamento europeo, in rappresentanza delle varie Commissioni parlamentari, che si avvale di apposite strutture e servizi di studio pe la valutazione delle opzioni scientifiche e tecnologiche.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

Regolamento europeo sull’intelligenza artificiale in ritardo, ecco perché

I documenti prodotti sono dunque sotto la responsabilità delle unità di ricerca di volta in volta costituite rispetto ai singoli temi: in questo caso il documento pubblicato è stato predisposto da Joan Lopez Solano, Aaron Martin, Siddarth de Souza and Lionel Taylor come membri del Global Data Justice project della Università di Tilburg, che hanno operato su incarico  della STOA e sotto la guida  della Scientific Foresight Unity insieme al Direttorato generale del Servizio Ricerche del Parlamento (EPRS) che opera nell’ambio del Segretariato del Parlamento europeo.

Il Rapporto è stato inoltre sottoposto alla valutazione di un gruppo di analisti nominativamente indicati e ringraziati in premessa allo studio pubblicato. Per la STOA il Direttore Responsabile è stato Philip Boucher.

Basta già il lungo elenco di esperti coinvolti e la complessa articolazione dei gruppi di ricerca e delle strutture titolari di compiti di guida dei lavori per comprendere la potata, e anche la complessità, del documento.

Intelligenza artificiale e UE

Quello che più colpisce tuttavia è che il documento stesso, fin dal suo titolo e più specificamente poi dal paragrafo 6, mostra di considerare la normativa contenuta nella proposta della Commissione UE intitolata “Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che stabilisce regole armonizzate sull’Intelligenza Artificiale”, presentata dalla Commissione il 21.4.2021, come una normativa ispirata a trattare la regolazione della AI come una regolazione di governance dei dati, tanto da affermare al paragrafo 6.4.1. che “The Data Act reproduces a long-standing tradition of defining data as a commodity for private exploitation. The regulation could instead aim to resist corporate-led ecosystem based on the extraction and commodification of data. This proposal could create the conditions for private profit. The Data Act is the opportunity to define the conditions for a data governance model based on the idea of data as a common resource that lives outside the private value creation framework to advance toward a public interest discourse around data”.

Questa impostazione, certamente interessante anche per la sua novità, conduce poi i redattori dello studio a muovere critiche pesanti alla proposta di Regolamento della Commissione, tanto da far pensare che la approvazione del Regolamento non avrà vita facile.

Inoltre proprio questa parte dello studio e delle conclusioni alle quali esso perviene è quella che lascia più perplessi.

È impossibile, infatti, non registrare la profonda differenza di impostazione che vi è fra lo studio della STOA e la proposta della Commissione che dichiaratamente ed esplicitamente afferma che la IA è una “tecnologia” e non un sistema di governance dei dati.

Più ancora di questa differenza di impostazione concettuale è tuttavia la diversità di impostazione di fondo dei due documenti che lascia profondamente perplessi.

Infatti la impostazione seguita dalla Commissione, coerentemente con tutta la logica che presiede al Digital Package, è quella di assicurare che l’evoluzione della tecnologia digitale (e quindi anche quella della tecnologia IA) non frammenti il Mercato Unico come fondamento stesso della Unione.

In questo senso il Regolamento per la Intelligenza Artificiale è attento soprattutto a garantire che questa tecnologia sia usata nel medesimo modo, e nel rispetto delle medesime regole, relativamente alla valutazione di rischio dei trattamenti per gli interessati, su tutto il territorio dell’Unione.

Evitare la frammentazione delle regole AI

Il tema non è affatto quello di assicurare l’uniformità di una nuova forma di governance dei dati di volta in volta utilizzata (compresi quelli comuni a tutti i cittadini europei e per tutti potenzialmente disponibili grazie al Data Act) ma è invece, appunto, quello di evitare ogni frammentazione legata a diversità regolatorie che possano incidere anche sullo sfruttamento economico dei dati di volta in volta trattati con questa tecnologia.

Detto questo non vi è dubbio che anche la prospettiva di considerare la Intelligenza Artificiale e le sue applicazioni come una forma sui generis di governance dei dati è suggestiva. In questo caso tuttavia il risultato al quale perviene il documento della STOA è poco convincente in sé e preoccupante per una corretta valutazione dello sviluppo digitale in Europa. Per questo merita che il documento della STOA e l’attività stessa di questa struttura del Parlamento europeo siano sottoposte a una analisi più ampia di quanto sia stato possibile fare in questa breve nota.

Lo sforzo che la UE sta compiendo anche per riacquistare la sovranità digitale, e cioè, come sottolinea molto opportunamente il documento della STOA, l’autonoma sulla regolazione e l’uso dei propri dati e di quelli prodotti dai suoi cittadini o comunque utilizzati e raccolti sul suo territorio, richiede determinazione e soprattutto la rimozione immediata di ogni elemento di incertezza concettuale e normativa.

Dunque è bene che anche il documento della STOA sia esaminato con attenzione e che le apparenti contraddizioni col Regolamento per la Intelligenza Artificiale siano tempestivamente chiarite e superate.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4