#cosedagarante

Persone riprese in manette, Scorza: “Perché le sanzioni a chi ha pubblicato le foto”

La tutela delle persone riprese in manette

Essere ristretti nella propria libertà, non ha importanza per quale motivo, non può significare essere espropriati della propria dignità. I provvedimenti del Garante in seguito alla pubblicazione delle immagini di due persone arrestate per un grave fatto di cronaca riprese in evidente stato di costrizione fisica

06 Mag 2022
Guido Scorza

Autorità Garante Privacy

Il Garante è intervenuto a seguito della pubblicazione su alcune testate, anche online, di immagini di due persone arrestate per un grave fatto di cronaca avvenuto a Roma ad ottobre 2019, riprese in evidente stato di costrizione fisica. Nel corso del procedimento l’Autorità ha accertato che le testate si erano limitate a pixelare le manette ai polsi dei due arrestati lasciando ben visibili i loro volti.

Al momento della pubblicazione delle foto il Garante ha adottato in via d’urgenza un primo provvedimento di limitazione temporanea del trattamento nei confronti di diversi giornali.

Ha poi vietato l’ulteriore trattamento e irrogato una sanzione di 20mila euro a un quotidiano che non aveva rispettato, a differenza degli altri, la prima decisione. Tutti i provvedimenti sono stati inviati ai rispettivi Ordini dei giornalisti.

Essere ristretti nella propria libertà, non ha importanza per quale motivo, non può significare essere espropriati della propria dignità.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4