norme e tecnologia

Privacy by design e by default: guida per l’applicazione in azienda



Indirizzo copiato

I principi di privacy by design e by default previsti dal GDPR comportano obblighi per i titolari del trattamento dei dati: ecco tutto quello che bisogna sapere per applicare e concretizzare nella realtà aziendale questi concetti

Pubblicato il 18 dic 2023

Lorenzo Giannini

Consulente legale privacy e DPO



3d,Rendering,Of,Glowing,Shield,Icon,Inside,Hexagon,Nano,Grid

Privacy by design e by default rappresentano due tra i più importanti principi della normativa europea in materia di protezione dei dati personali, anche in ragione dei relativi obblighi da essi derivanti per i titolari del trattamento.

Va sottolineato intanto che per privacy by design e by default si intende, rispettivamente, la privacy fin dalla progettazione e per impostazione predefinita. Due concetti solo apparentemente astratti, che giocano un ruolo fondamentale nella concreta attuazione e nel rispetto di quanto richiesto ai fini della compliance normativa in materia di protezione dei dati personali.

Analizziamo la natura dei due principi e il loro impatto sulla compliance normativa.

Privacy by design e by default: cosa dice il GDPR

Nella sua qualità di titolare del trattamento dei dati personali l’azienda è tenuta, prima ancora che all’implementazione degli adempimenti – anche di tipo formale – richiesti dal Regolamento (UE) 2016/679 (anche noto come GDPR), al rispetto dei principi in esso previsti.

La normativa europea stabilisce molteplici principi al suo interno, come quelli elencati all’articolo 5, il centrale principio di accountability di cui all’art. 24 e i due principi di privacy by design e by default sanciti dall’art. 25. È su questi ultimi che si concentra l’attenzione del presente contributo, che mira ad approfondire la definizione di due tra i più importanti concetti rinvenibili all’interno della disciplina europea sulla privacy e i rispettivi risvolti operativi.

Quale ruolo hanno Privacy by design e by default

L’importanza di questi due principi si coglie già da un’attenta lettura delle relative Linee guida rilasciate dal Comitato europeo per la protezione dei dati[1] (EDPB – European data Protection Board) nelle quali, in apertura, viene osservato come “in un mondo sempre più digitale, il rispetto dei requisiti della protezione dei dati fin dalla progettazione e della protezione per impostazione predefinita svolge un ruolo cruciale nel promuovere la tutela della vita privata e la protezione dei dati nella società. È pertanto fondamentale che i titolari del trattamento prendano sul serio questa responsabilità e si attengano agli obblighi del [GDPR] quando progettano i rispettivi trattamenti”[2].

Entrambi i principi, pertanto, rivestono un ruolo fondamentale soprattutto nelle fasi preparatorie al trattamento, prima che questo prenda avvio, seppur l’EDPB nelle sue linee guida non abbia mancato di sottolinearne la necessaria applicazione anche “a sistemi preesistenti che trattino dati personali”[3].

Privacy by design: cosa devono fare i titolari del trattamento

Con Privacy by design (art. 25, comma 1, GDPR) si fa riferimento all’esigenza di garantire che la protezione del dato avvenga “fin dalla progettazione”, ovvero che già nelle fasi che precedono l’avvio del trattamento – nella sua ampia definizione riportata all’art. 4, n. 2, GDPR – il titolare metta in atto misure di sicurezza tecniche e organizzative adeguate al rischio.

Nello specifico, è richiesto che ciò avvenga “al momento di determinare i mezzi del trattamento”, ossia nella preliminare fase in cui il titolare decide come avverrà il trattamento e i meccanismi che verranno impiegati per effettuarlo. Come sottolineato nelle citate linee guida, “è nel processo di adozione di queste decisioni che il titolare deve valutare le misure e le garanzie adeguate per attuare efficacemente i principi e i diritti degli interessati nel trattamento e considerare i rischi e gli elementi, quali lo stato dell’arte, il costo di attuazione, la natura, l’ambito di applicazione, il contesto e la finalità, ivi compreso il tempo per ottenere e poter utilizzare il software, l’hardware e i servizi per il trattamento dei dati”[4]. Successivamente, una volta avviato il trattamento, il titolare è comunque tenuto a mantenere su base continuativa la privacy by design durante tutte le successive fasi di esecuzione.

Privacy by default: adattare le impostazioni predefinite per garantire la privacy

Secondo il secondo comma dell’art. 25 GDPR, “il titolare del trattamento mette in atto misure tecniche e organizzative adeguate per garantire che siano trattati, per impostazione predefinita, solo i dati personali necessari per ogni specifica finalità del trattamento. Tale obbligo vale per la quantità dei dati personali raccolti, la portata del trattamento, il periodo di conservazione e l’accessibilità”. In ciò consiste il principio di Privacy by default che, in ragione del suo contenuto, risulta strettamente collegato a un altro principio, quello di “minimizzazione” di cui all’art. 5 GDPR, secondo cui nel loro trattamento i dati personali devono essere “limitati a quanto necessario rispetto alle finalità per le quali sono trattati”.

Potremmo ricondurre il concetto all’espressione “less is more”: nell’ambito delle sue responsabilità, il titolare dovrebbe dunque far ricadere la scelta di opzioni e impostazioni predefinite per il trattamento in modo da garantire l’effettuazione solo di quanto strettamente necessario al conseguimento della specifica finalità di raccolta.

Come garantire la compliance al GDPR

L’importanza dei due principi può essere colta da più angoli visuali.

In primo luogo, il loro rispetto contribuisce all’osservanza delle responsabilità richieste al titolare a norma degli articoli 24 (principio di accountability) e 32 GDPR (misure di sicurezza), in quanto quest’ultimo è chiamato ad attuare misure tecniche e organizzative adeguate al rischio nella fase di progettazione e, dall’altro lato, al rispetto del principio di minimizzazione di cui, come detto, la privacy by default è stretta parente.

Secondariamente – ma tutt’altro che di minor importanza – una corretta applicazione dei due principi agevola senz’altro il raggiungimento di una sostanziale protezione dei dati personali oggetto del trattamento.

Sotto il profilo temporale, come indicato nelle linee guida, “dal punto di vista del rapporto costi/benefici, è anche nell’interesse dei titolari tenere conto [dei due principi] prima piuttosto che dopo, poiché potrebbe risultare difficile e costoso modificare in un momento successivo pianificazioni già definite e trattamenti già progettati”[5].

Infine, è utile ricordare come un’eventuale violazione dei principi conduce alle importanti sanzioni amministrative pecuniarie indicate al quarto comma dell’art. 83 GDPR.

Strumenti utili per privacy by design e by default in azienda

Come visto, i due principi, per quanto devono essere presi in considerazione dal titolare nelle fasi di pianificazione del trattamento e ancor prima di definirne i mezzi, devono essere assicurati anche nelle fasi successive all’avvio. Pertanto, appare fondamentale una costante attività di monitoraggio e revisione dei processi interni, al fine di verificare il corretto mantenimento dei principi, soprattutto laddove vi fossero modifiche nelle modalità o negli strumenti attraverso i quali avviene il trattamento.

In questa prospettiva, in caso di attività di trattamento esternalizzate e, come tali, eseguite anche con l’ausilio di responsabili nominati ex art. 28 GDPR, appare fondamentale il contributo di questi ultimi nelle procedure di acquisizione e sviluppo, nonché nell’ulteriore ciclo di vita del trattamento.

Parimenti, è da incentivare il coinvolgimento attivo del responsabile della protezione dei dati[6] (o DPO – Data Protection Officer), laddove sia stato nominato dall’azienda.

Applicazione in azienda: esempi pratici e best practice

Volendo trasporre i due concetti sul piano concreto, poniamo l’esempio di un’azienda che intende avviare un’attività di marketing tramite l’invio di comunicazioni a carattere promozionale a mezzo di posta elettronica.

In questo caso la fase di sviluppo e progettazione dell’attività, nonché quella di selezione dei servizi che verranno utilizzati per portarla avanti, devono essere inquadrati in un’ottica di privacy by design sia riguardo alle salvaguardie sul piano giuridico (ad esempio le modalità per la raccolta dei consensi, necessari per la finalità di marketing), sia sotto il profilo della sicurezza (ad esempio l’individuazione delle corrette modalità di archiviazione delle mailing list).

La costruzione della mailing list, d’altro canto, deve rispondere a logiche di privacy by design (e al correlato principio di minimizzazione): se l’invio delle comunicazioni a carattere promozionale avviene tramite posta elettronica, possono risultare sufficienti il nominativo e l’indirizzo di posta elettronica dei clienti. Il numero di telefono, viceversa, non dovrebbe essere richiesto, salvo che il titolare non sia in grado di dimostrare che la raccolta di tale informazione è indispensabile e per quali motivi[7].

In merito alle best practices da adottare, le linee guida dell’EDPB forniscono un nutrito elenco di raccomandazioni per i titolari (par. 6) – alle quali, per ragioni di sintesi, si rinvia – da contestualizzare in base al proprio ambito operativo, nonché alla tipologia, agli strumenti e ai processi che connotano il trattamento di futura adozione.

Note


[1] Linee guida 4/2019 sull’articolo 25 Protezione dei dati fin dalla progettazione e per impostazione predefinita, adottate il 20 ottobre 2020.

[2] Cfr. con le “sintesi” delle Linee guida.

[3] Ibidem. Inoltre, viene chiarito come anche “i sistemi progettati prima dell’entrata in vigore del [GDPR] devono essere sottoposti a verifiche e manutenzione per garantire l’applicazione” di tale principio (cfr. par. 2.1.4.2, n. 38, delle linee guida).

[4] Par. 2.1.4.1, n. 35, Linee guida 4/2019 EDPB.

[5] Par. 2.1.4.1, n. 36, Linee guida 4/2019 EDPB.

[6] Tra i compiti del DPO delineati all’art. 39 GDPR, vi è anche quello di “informare e fornire consulenza al titolare del trattamento […] in merito agli obblighi derivanti dal […] regolamento”.

[7] In questa prospettiva cfr. par. 3.5, esempio 1, delle Linee guida.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4