privacy

Spiare le chat dei figli? Ecco perché è diseducativo e controproducente (e cosa fare invece)

Spesso i genitori vogliono entrare nelle chat dei loro figli per monitorare che cosa sta accadendo, ma non sempre è una buona idea. Spiare le chat dei propri figli presenta anche numerosi aspetti diseducativi. Ecco su cosa puntare

25 Lug 2022
Ivan Ferrero

Psicologo delle nuove tecnologie

scuola

Con la costante preoccupazione per la loro sicurezza e il loro benessere, non c’è da meravigliarsi che molti genitori sentano il bisogno di tenere d’occhio le attività dei loro figli.

Tuttavia, quando si tratta di monitorare l’attività online dei loro figli, i genitori devono procedere con molta attenzione.

Spiare le conversazioni in chat dei loro figli può essere controproducente e persino dannoso per la relazione genitore-figlio.

Adolescenti in rete, quanto sono consapevoli? Un’indagine fa luce sulla “digital safety”

Spiare o non spiare? Il solito vecchio dilemma

Per noi che trattiamo il digitale da un punto di vista educativo ritorna quindi un vecchio tema: è lecito, e se sì fino a che punto, entrare nelle chat dei nostri figli per monitorarne la loro attività?

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Nella mia pratica professionale, lavorando a stretto contatto con i genitori, vedo spesso emergere un pensiero: è doveroso per noi adulti potere accedere alle chat dei nostri figli che, dal canto loro, sono sempre attaccati al telefonino e non fanno altro che condividere tutto quello che gli passa per la testa.

Questo atteggiamento che noi percepiamo nei nostri ragazzi porta a una successiva considerazione: le nuove generazioni non sanno cosa sia la privacy.

Una preoccupazione legittima: i giovani sono alla ricerca di connessioni, relazioni, anche online, per cui noi adulti li vediamo sacrificare la propria privacy in nome della promessa di un’eterna connessione con il mondo che li circonda. Dalla condivisione di dettagli intimi sulle loro vite sui social media al sexting senza pensarci due volte, sembra che i ragazzi di oggi stiano crescendo in un mondo in cui la privacy sta rapidamente diventando una cosa del passato.

Ma ad un’attenta analisi vediamo che le cose non stanno esattamente così.

TikTok, cosa sapere per un uso più consapevole: consigli a ragazzi e genitori

La verità sulla privacy dei nostri ragazzi

Infatti, scendendo in profondità possiamo notare che le cose non sono così lineari come potrebbero sembrare ad una visione più superficiale: in realtà, i nostri ragazzi danno un’enorme importanza alla gestione della privacy, anche se non sempre ne sono consapevoli.

Per fare un esempio pratico possiamo pensare alla modalità con cui utilizzano i social media: se da un lato è vero che condividono una grande quantità di informazioni sulla propria vita, dall’altro sono anche molto attenti a cosa postare e soprattutto a chi dare l’accesso alle proprie pagine.

Ad esempio, presso i ragazzi è ricorrente l’utilizzo di due account: uno più pubblico e uno più privato in cui selezionano attentamente chi potrà entrare.

Quest’ultimo account viene comunemente definito “finsta”, ossia “fake Instagram“: si tratta appunto di un profilo così privato che il più delle volte i genitori non sanno neanche che esiste, a fronte di un profilo più pubblico e, per così dire, “perfetto”.

Inoltre, i nostri ragazzi sono anche molto bravi a creare una sorta di barriera tra la vita online e quella offline, tra i propri social media e la vita reale.

Questa capacità di gestire la privacy è molto importante perché sta alla base della costruzione della propria identità digitale, processo che non potrebbe avvenire in assenza di questo confine.

Una gestione strategica della privacy

La gestione della propria privacy diventa per i nostri ragazzi anche una questione strategica.

Secondo delle ricerche, infatti, gli adolescenti sviluppano una gestione strategica della privacy al fine di convertirla in prestigio sociale, con l’obiettivo di produrre capitale sociale e capitale simbolico, soprattutto per mostrare ai coetanei che sono stanno crescendo e stanno diventando adulti.

In altre parole, i nostri ragazzi sanno bene che la privacy può essere un valore aggiunto e non solo un elemento di restrizione o di paura.

Questa capacità di gestione strategica della privacy è molto importante perché si traduce nel desiderio di una maggiore consapevolezza nell’utilizzo delle tecnologie e quindi anche in una maggiore capacità di autodifesa negli ambienti digitali.

E questa gestione deve necessariamente basarsi su un sottile equilibrio tra la sfera pubblica e quella privata, e di conseguenza sul riconoscimento di queste sfere.

La condivisione pubblica di momenti della propria vita assume anche un tono strategicamente più sottile: ciò che viene condiviso, e quindi reso pubblico, ha lo scopo di sottolineare l’esistenza di qualcosa di più nascosto, di più privato, appunto, una sfera per pochi.

Quindi è come se io condividessi per farti capire che in me c’è molto di più che non vedi.

Social e minori, non bastano le misure del Garante: genitori e scuola devono fare la loro parte

Di cosa parliamo quando parliamo di privacy

Parlando di privacy solitamente ci riferiamo alle informazioni che riguardano la nostra vita privata, cioè quelle che non sono di pubblico dominio e che non vogliamo condividere con tutti.

Ma come abbiamo visto, nel caso dei nostri ragazzi, la privacy assume anche un altro significato, che è quello di sfera privata intesa come spazio personale e protetto.

In questo senso la privacy rappresenta dunque un luogo sicuro in cui i nostri ragazzi possono essere se stessi, dove possono sperimentare la propria autonomia e dove possono costruire la propria identità in modo libero e consapevole.

Differenti concetti di Privacy

Siamo quindi in presenza di due concetti differenti di privacy tra come la intendono gli adulti e come la intendono le generazioni più nuove, ed è proprio questa differenza che spesso porta a fraintendimenti e conflitti.

Privacy come diritto alla riservatezza

Per gli adulti la privacy online è soprattutto un diritto alla riservatezza, cioè il diritto di non vedere pubblicate online le proprie informazioni personali senza il proprio consenso.

In questo senso la privacy è intesa come un insieme di norme, comportamenti e abitudini che tutelano il singolo individuo dall’utilizzo indiscriminato delle sue informazioni personali da parte di altri soggetti, pubblici o privati.

Ossia: per gli adulti la privacy è che cosa gli altri non devono conoscere di me.

Privacy come acquisizione di diritti e vantaggi

Nel caso delle nuove generazioni invece siamo su un altro livello, come già emerso.

Nel nostro mondo sempre più connesso, i giovani stanno crescendo con una comprensione molto diversa della privacy rispetto alle generazioni precedenti.

Per loro condividere informazioni personali è una parte normale della vita quotidiana.

Mentre sono certamente consapevoli dell’importanza della privacy, sono anche disposti a scambiare una certa misura di privacy per i benefici che ne derivano. Ciò include l’accesso a servizi migliori, contenuti personalizzati ed esperienze più convenienti.

Paradossalmente è proprio questo elemento che sta portando ad una maggiore attenzione e sensibilizzazione della privacy online, è un po’ come se le nuove generazioni dicessero: “Ok, io ti cedo un po’ della mia vita, ma tu che cosa mi dai in cambio?”.

Ossia: per i giovani la privacy è che cosa io decido di condividere di me al fine di ottenerne un beneficio.

Se a questo aggiungiamo quanto già detto in precedenza, ossia che per i giovani mostrare un pezzo della loro Vita ha il significato di mostrare che c’è anche una sfera privata a cui non si può accedere, capiamo come il loro concetto di privacy è fortemente collegato al contesto, e non un concetto assoluto.

Il che è in linea con il cambiamento di mentalità apportato dalle ultime generazioni. Nulla di nuovo sotto il sole, quindi, solo che in questo caso lo applichiamo alle questioni del digitale.

Una questione di groupship

In aggiunta a quanto detto fino ad ora, consideriamo anche che i nostri figli stanno vivendo quella particolare età in cui il gruppo assume un’importanza vitale.

Ciò significa che gli adolescenti devono rimanere in contatto per mantenere le loro relazioni. Devono avere contatti regolari con i loro amici, sia attraverso il testo, i social media o di persona. E se non hanno quel contatto regolare le loro relazioni ne soffriranno.

Di conseguenza i nostri ragazzi fanno sempre più riferimento alle chat e agli altri strumenti digitali per il Sociale, perché sono dei mezzi che permettono loro di rimanere in contatto con gli amici. I nostri figli sono ipersociali. Dobbiamo farcene una ragione.

Il timore di non appartenere

Non è raro che gli adolescenti si sentano come se non appartenessero. Con la pressione di adattarsi a scuola e il panorama in continua evoluzione della nostra società, non c’è da meravigliarsi che i nostri figli si sentano più isolati che mai.

Ma cosa succede se la ragione per cui hanno paura di rivelare il loro vero sé è perché hanno paura di perdere il rispetto dei loro coetanei?

Aprendo le loro paure, i nostri figli mirano a creare una connessione più forte con i loro amici e a costruirsi la loro fiducia.

A sua volta, questo può portare a un livello più profondo di comprensione e accettazione di se stessi e degli altri, anche se spesso a scapito della loro Privacy.

Non sapere a chi chiedere aiuto

Può essere difficile sapere a chi rivolgersi per chiedere aiuto quando ti senti perso o solo. A volte sembra che non ci sia nessuno che capisca cosa stai provando dentro di te. Tuttavia, cercare sostegno sociale è un passo importante per guarire e andare avanti.

Questo vale anche per i nostri ragazzi. Quando rivelano le nostre esperienze agli altri, essi aprono la possibilità di connessione e supporto in un ambiente che loro percepiscono non solo come minaccioso, ma anche come non supportivo.

Questo li aiuta a sentirsi meno soli e più supportati mentre affrontano le nostre sfide quotidiane. Anche per loro è importante cercare sostegno sociale da persone sicure e affidabili, e queste possono includere anche persone incontrare sul Web.

Perché spiare le chat dei nostri figli può essere diseducativo e controproducente

Chattare è un’attività privata tra due o più persone, e spiando queste conversazioni i genitori stanno violando la privacy dei loro figli (i quali, come abbiamo già abbondantemente ripetuto, hanno ben presente questo concetto).

Oltre a violare la fiducia dei loro figli, questo può anche portare a sentimenti di risentimento e rabbia.

In alcuni casi, può persino danneggiare il rapporto genitore-figlio irreparabilmente.

Che cosa fare invece

È importantissimo curare prima di tutto la relazione.

Questa è la base di tutto, perché sarà proprio per mezzo di questa che saranno i nostri figli a rivolgersi a noi in caso di problemi.

Un modo per mantenere un buon rapporto con i tuoi figli è avere una comunicazione aperta e onesta con loro.

Ciò significa essere a loro disposizione quando hanno bisogno di parlare e ascoltare ciò che hanno da dire.

Significa anche essere onesto con loro sui tuoi pensieri e sentimenti.

Un altro modo per costruire un forte rapporto con i tuoi figli è trascorrere del tempo di qualità con loro. Questo può essere fatto attraverso attività come leggere insieme, giocare o fare gite.

È anche fondamentale, man mano che nostro figlio cresce, passare da un controllo diretto a un controllo indiretto, il quale assume più il senso di un monitoraggio.

Anche parlare loro apertamente delle nostre preoccupazioni a riguardo può aiutare, perché ciò li renderà più consapevoli del pericolo di certi comportamenti online e li aiuterà anche a sentirsi più aperti verso di noi.

Lasciamo ai ragazzi i loro piccoli screzi quotidiani

Soprattutto cerchiamo di resistere alla tentazione di allarmarci, e quindi di intervenire personalmente, per i loro piccoli screzi quotidiani.

Sappiamo tutti cosa vuol dire essere adolescenti e avere piccoli litigi con i nostri amici.

Questi sono piccoli disaccordi quotidiani che sono perfettamente normali tra i ragazzi.

E mentre si è tentati di intervenire e cercare di risolverli, è importante invece resistere all’impulso.

Perché? Perché questi piccoli conflitti offrono ai ragazzi l’opportunità di imparare a risolvere i disaccordi da soli.

Lavorando sulle loro differenze apprendono abilità importanti come la comunicazione, l’empatia e la risoluzione dei conflitti.

Quindi la prossima volta che tuo figlio viene da te con una piccola lamentela, fai un respiro profondo e lascia che lo gestisca da solo: farai loro un grande favore a lungo termine.

Su cosa lavorare

Raccogliendo quanto detto fino ad ora possiamo stilare un elenco di domande sulle quali lavorare per aiutare i nostri ragazzi a gestire la loro privacy:

  • facciamo comprendere loro la gravità percepita delle conseguenze di una minaccia
  • aiutiamogli a valutare le probabilità di esposizione a una minaccia
  • puntare sull’autoefficacia, che si riferisce alla misura in cui gli individui sentono di essere in grado di eseguire il comportamento raccomandato
  • efficacia della risposta, ossia la percezione che il comportamento suggerito sarà efficace nel ridurre o eliminare le conseguenze negative di una violazione della loro Privacy

Di conseguenza, per gli addetti ai lavori:

  • informare e sensibilizzare i ragazzi riguardo ai rischi
  • dare ai ragazzi strumenti che loro possano utilizzare per difendersi
  • creare un ambiente in cui gli effetti positivi di un determinato comportamento illuminato da parte del ragazzo siano certi, sicuri e prevedibili

Bibliografia e sitografia

Alemany, J., del Val, E., Alberola, J., & García-Fornes, A. (2019). Enhancing the privacy risk awareness of teenagers in online social networks through soft-paternalism mechanisms. International Journal of Human-Computer Studies. doi:10.1016/j.ijhcs.2019.03.008

Balleys, C., & Coll, S. (2016). Being publicly intimate: teenagers managing online privacy. Media, Culture & Society, 39(6), 885–901. doi:10.1177/0163443716679033

Cauberghe, V., Van Wesenbeeck, I., De Jans, S., Hudders, L., & Ponnet, K. (2021). How adolescents use social media to cope with feelings of loneliness and anxiety during COVID-19 lockdown. Cyberpsychology, Behavior, and Social Networking, 24(4), 250–257. https://doi.org/10.1089/cyber.2020.0478

Derlega, V. J., Winstead, B. A., Mathews, A., & Braitman, A. L. (2008). Why does someone reveal highly personal information? attributions for and against self-disclosure in close relationships. Communication Research Reports, 25(2), 115–130. https://doi.org/10.1080/08824090802021756

Kowalski, R. M., Limber, S. P., & McCord, A. (2019). A developmental approach to cyberbullying: Prevalence and protective factors. Aggression and Violent Behavior, 45, 20–32. https://doi.org/10.1016/j.avb.2018.02.009

Marwick, A. E., & boyd, danah. (2014). Networked privacy: How teenagers negotiate context in social media. New Media & Society, 16(7), 1051–1067. doi:10.1177/1461444814543995

Maryani, E., Rahmawan, D., Garnesia, I., Ratmita, R. A. (2020). Management and psychological aspect: Teenagers’ awareness of privacy in social media. Jurnal Komunikasi Ikatan Sarjana Komunikasi Indonesia, 5(2). https://doi.org/10.25008/jkiski.v5i2.429

Pfetsch JS, Schultze-Krumbholz A and Lietz K (2022) Can Acting Out Online Improve Adolescents’ Well-Being During Contact Restrictions? A First Insight Into the Dysfunctional Role of Cyberbullying and the Need to Belong in Well-Being During COVID-19 Pandemic-Related Contact Restrictions. Front. Psychol. 12:787449. doi: 10.3389/fpsyg.2021.787449

Soffer, T., & Cohen, A. (2014). privacy Perception of Adolescents in a Digital World. Bulletin of Science, Technology & Society, 34(5-6), 145–158. doi:10.1177/0270467615578408

Wang, D. (2019). A Study of Determinants of Teenagers’ privacy Protection Intentions on Social Networking Sites. TheEducational Review,USA,3(10),152-163, http://dx.doi.org/10.26855/er.2019.10.004

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3