SICUREZZA DIGITALE

Test del Dna fra sicurezza e privacy: che rischi si corrono

L’accesso ai database genetici – soprattutto privati – solleva una serie di problematiche conflittuali. In particolare se l’utilizzo avviene in ambito giudiziario. Per questo serve una strategia nazionale in grado di garantire la corretta gestione dei dati “supersensibili” a tutela dei cittadini e della Costituzione

20 Feb 2020
Eugenio D’Orio

Bio Forensics Research Center, Direttore

Genetica forense: marcatori genetici per la predizione di caratteristiche fenotipiche

Le grandi aziende che si occupano di analisi genetiche per scopi forensi sono discretamente poche. Alcune di queste compagnie, negli ultimi anni, hanno messo a disposizione dei cittadini specifici kit per l’analisi del DNA per avere informazioni sulla propria origine etnica, o per meglio conoscere la propria storia bio-familiare. Grazie a questi test sono state anche rese possibili analisi genetiche volte al cd “ricongiungimento familiare”, spesso impiegato anche per via dei flussi migratori, non solo in Italia, ma in tutto il mondo.

L’esecuzione di tutti questi test ha portato alla creazione di un database di DNA dei cittadini gestito, in modo diretto, da queste aziende private. Stiamo parlando di database composti da 1 ai 10 milioni di profili genetici. Dimensioni assai considerevoli, quindi.

Queste aziende hanno inviato la modulistica del consenso informato ai cittadini e questi hanno accettato che l’azienda privata detenesse e trattasse i propri dati. Partendo dalla considerazione che il DNA è il più sensibile e privato dei nostri dati, quando i cittadini firmano questi consensi di fatto “autorizzano” all’uso e al trattamento delle proprie informazioni maggiormente sensibili.

Le aziende, opportunamente autorizzate, hanno utilizzato questi dati per ricerca e sviluppo. Sono così nati e messi in commercio prodotti per l’analisi genetica sempre più raffinati e precisi (anche grazie al riscontro ed al supporto del database).

Tuttavia l’azienda non può, né deve, vendere, o cedere a terzi, questi dati, vista la loro estrema sensibilità. O non dovrebbe farlo per nessuna ragione, quantomeno!

Test del dna: polizia giudiziaria e analisi genetiche

Ma cosa accade se è la Polizia Giudiziaria a far richiesta di accesso a questi dati? Il quesito è di ardua risposta. In ambito forense, attualmente, l’Italia ha finalmente reso operativa la banca dati del DNA, ed ha connesso questa con quelle degli altri paesi membri dell’EU.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Tuttavia, il DNA database italiano (così come quello europeo) è stato creato seguendo criteri ben precisi, poiché il progetto è nato per il contrasto al terrorismo, la criminalità internazionale e per la ricerca delle persone scomparse (vedasi trattato di Prum, legge 85/2009 e succ. D.M. applicativo).

Vista la finalità, il DNA database di Polizia non può, né deve, includere DNA di cittadini “at random”, bensì solo specifiche categorie di soggetti che possono essere immesse nel database (tra cui detenuti per reati non colposi contro la persona, soggetti indagati/condannati per reati di eversione internazionale, etc.).

Tale regolamento causa, di fatto, che il DNA database della Polizia (europea, non solo italiana) possa essere di dimensione numerica sensibilmente minore rispetto a quello di una privata azienda. Ecco perché, talvolta, la PG produce richiesta di accesso ai dati genetici delle aziende private.

Accesso a database privati

Ma ciò è legittimo? Si verifica, o meno, una violazione della privacy? L’argomento è molto complesso, e sul punto non esiste una normativa rigida ed “ad hoc”. Ciò rende ancora più complicata la soluzione al quesito proposto.

In Italia situazioni del genere non si sono ancora verificate, ma in America, invece, è accaduto con un notevole scalpore mediatico.

A detta dei General Manager di alcune delle principali aziende del settore, le richieste della Polizia Giudiziaria sono state sempre respinte in quanto i cittadini, allorquando hanno autorizzato l’azienda al trattamento dei propri dati genetici, non hanno anche autorizzato l’azienda ad operare la cessione dei dati a terzi, sia anche la Polizia.

Tuttavia uno di questi casi è finito nell’estate del 2019 innanzi al Tribunale, in Florida, e il giudice competente ha autorizzato la Polizia ad accedere al database genetico dell’azienda privata. Con questa pronuncia della magistratura, in concreto, la Polizia Giudiziaria è entrata in possesso di oltre 1 milione di profili genetici i cui proprietari non avevano dato consenso!

Tale pronuncia è molto importante. Per alcuni segna un naturale “passo in avanti” nello sviluppo tecnologico, per altri, invece, è una vera e propria lesione e distruzione della privacy dei cittadini.

Da biologo forense, vista la situazione più che complessa, e ritenuto anche che le previsioni indicano che situazioni del genere saranno sempre più all’ordine del giorno (proprio per il succitato sviluppo delle metodologie tecnico-scientifiche), mi sento di osservare quanto segue:

  • Le aziende devono necessariamente integrare il formulario del “consenso informato”, richiedendo in modo specifico al cittadino che si avvale dei propri test se desidera, o meno, che il proprio DNA possa essere trattato dalla Polizia Giudiziaria, dietro richiesta di quest’ultima o dietro autorizzazione di un magistrato. Il parere sul punto del singolo cittadino non dovrà essere scavalcato, per alcun motivo, pena la violazione della privacy.
  • Va inserita una apposita voce, nella modulistica, indicante le finalità (uniche) di ricerca e sviluppo, sia per scopi forensi, che clinici, che genetici in senso lato.

Dati genetici, serve cooperazione

In tal senso, consapevoli della sensibilità dei dati genetici, per evitare qualsiasi futuro uso improprio, e per tutelare la privacy dei cittadini tutti, biologi, giuristi ed aziende dovrebbero  raggiungere un accordo nel quale si dovranno ben specificare e regolamentare queste analisi scientifiche ed i relativi dati ottenuti. Sul punto, è auspicabile anche un intervento del legislatore.

In conclusione, vista l’estrema delicatezza dei dati genetici, per una opportuna tutela dei cittadini, sarebbe opportuno istituire una Commissione ad hoc, presso il Ministero della Giustizia, formata da giudici, avvocati e biologi forensi, che abbia funzione di monitoraggio permanente della situazione, opportunamente intervenendo in casi di necessità e/o deliberando sulle richieste di accesso ai database genetici delle aziende private da parte di terzi (siano essi anche la Polizia Giudiziaria o la Procura stessa).

Il giudice Gennaro Francione, già Consigliere di Cassazione, sul punto osserva che le proposte intermedie da noi fatte, sia pur in linea con certe pronunce dei giudici americani, siano improponibili perché un giudice italiano il quale autorizzasse tali acquisizioni di dati da parte della PG andrebbe contro la costituzione e lederebbe la privacy dei cittadini.

L’ipotesi di un “super-database”

Impraticabile è la proposta di un consenso anticipato perché le persone mai lo presterebbero per cessione a terzi e soprattutto all’autorità giudiziaria, per motivi morali e molto più prosaicamente… spaventandosi. E’ assurdo che, in materia di database, si conceda alle aziende una funzione di succursale della PG, il che sarebbe squalificante per lo stesso corpo di polizia scientifica.

Auspica il giudice Francione una legge per creare un database gigantesco di tutti i cittadini “a monte” al momento ad esempio del rilascio della carta d’identità con acquisizione del DNA e delle impronte digitali.

Per creare una normativa così forte andrebbe attuata una propaganda per far capire ai cittadini che questi sistemi servono a garantire la loro sicurezza, non avendo le persone “perbene” nulla da temere. Inoltre, il sistema andrebbe inserito nel progetto popperiano di scientificizzazione della giustizia che, per procedere contro indiziati, richiede come fondamentali analisi come il DNA e le impronte digitali. Infine, il database gigantesco di DNA e impronte digitali andrebbe sottoposto a un controllo rigoroso, sottratto alla PG e al PM, e affidato a un giudice apposito, terzo, garante con una sua equipe di esperti per la raccolta, conservazione, analisi e rilascio dei dati oltre che di controllo nel loro uso.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati