la riflessione

Unix, la filosofia per la privacy e l’importanza dei modelli mentali

Orizzontarsi in Unix è molto facile, ma in che cosa consiste la “filosofia” di questo venerabile sistema operativo nato agli inizi degli anni 70? Ognuno la descrive in maniera un po’ diversa. Proviamo a fare chiarezza per capire cosa ha a che fare con la privacy

10 Feb 2020
Giovanni Salmeri

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

bash-161382_1280

I problemi della privacy sono strettamente legati, come abbiamo visto, alle scelte delle aziende e al modo in cui esse si incrociano con la legislazione vigente. Ma una parte non piccola (questo lo sanno tutti) è giocata anche dai comportamenti degli utenti. Ma essi sono colpevoli di comportamenti imprudenti, o piuttosto i computer attuali incoraggiano poco a capire esattamente che cosa accade durante il loro uso?

Per farvi capire meglio l’essenza del mio ragionamento, c’è un dialogo standard che mi capita sempre più spesso, soprattutto quando qualcuno mi chiede aiuto per sistemare qualcosa nel computer. «Bene, dove lo hai salvato?» «Lo ho salvato in Word [o qualsiasi altro nome di programma].» «Sì, ho capito, intendo dire dove nel computer?» «Cioè? In Word!» «Va bene: ma intendo dire, in quale cartella?» «…» Provo con la terminologia antica: «In quale directory?» «…» Provo sconsolato con la pronuncia alternativa: «In quale dairèctori?» «…». Getto la spugna.

La filosofia Unix

Ogni volta devo fare un poco di sforzo per ammettere che non è colpa del mio interlocutore se alla mia ingenua e banalissima domanda non sa rispondere. Ciò che chiedo è in effetti elementare: ma lo è per chi viene da quella che viene chiamata la «filosofia Unix» e che, mutatis mutandis, ha avuto un’influenza enorme anche negli altri sistemi operativi che hanno accompagnato il successo dell’informatica personale: Windows e MacOS (non citiamo Linux e *BSD perché si tratta di vere forme di Unix). Ma in che cosa consiste la «filosofia» di questo venerabile sistema operativo nato agli inizi degli anni 70? Ognuno la descrive in maniera un po’ diversa, ma almeno una sua parte importante può essere descritta così: il sistema operativo provvede una serie di strumenti che fanno ciascuno «una cosa sola e bene» e operano su oggetti (i file) organizzati in un’unica struttura (il filesystem). La prima parte di questa descrizione è ovviamente opinabile: che cosa sia «una cosa sola» dipende dal grado di astrazione che si sceglie (qualcuno potrebbe per esempio dire che faccia «una cosa sola» un visualizzatore in grado di leggere sia PDF sia ePub, qualcun altro potrebbe ritenere che queste sono cose diverse che è meglio affidare ognuna ad un programma specializzato). La seconda parte è invece meno soggetta ad interpretazioni: ogni oggetto trattato da un progamma è registrato in una stessa struttura (la celebre struttura ad albero divisa, appunto, in cartelle e sottocartelle), a cui hanno accesso tutti gli strumenti forniti dal computer. Esattamente come tutti gli strumenti di cancelleria che ho (penne, forbici, colla) possono essere adoperati su tutte le carte che ho raccolte sul mio scaffale, suddivise in faldoni e cartelline. Se chiedo a qualcuno: «Dove hai messo quel documento?» non mi aspetto come risposta: «Lo ho messo nella spillatrice!» solo perché il giorno prima lo ha spillato.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

Orizzontarsi nella «filosofia Unix» è insomma molto facile: la stessa terminologia inglese (file e directory, oppure più tardi folder) è fatta per suggerire un paragone con l’attività di lavoro e organizzazione che avviene in qualsiasi ufficio. Si tratta ovviamente solo di un paragone, perché a livello hardware le cose sono molto diverse, e infiniti dettagli su come realmente sono organizzati i dati in maniera fisica restano completamente nascosti all’utente: ma una macchina è facile da usare quando appunto è facile costruirsi un modello mentale di ciò che avviene in essa, non tanto quando se ne conoscono esattamente i dettagli realizzativi. Ciò vale specialmente per il computer che è una straordinaria macchina di simulazione, che può cioè rappresentare virtualmente qualsiasi altra macchina concepibile: ma la cosa importante è la chiarezza dello strato operativo presentato all’utente.

Perché il modello mentale Unix è entrato in crisi

Perché il modello mentale iniziato da Unix è un po’ entrato in crisi? Mi pare che i motivi principali siano quattro.

Il primo: questa «filosofia» ha grande utilità quando i programmi operano il più possibile su pochi tipi di dati standardizzati, diventa meno vantaggiosa quando ogni programma ha il suo proprio formato di dati. A che serve che i dati siano raccolti in una struttura unica, condivisa da tutti i programmi, se alla fine un documento creato da Word (puta caso) può essere manipolato solo con Word? Certo, a qualcosa serve ancora (per esempio per raggruppare per comodità in un’unica cartella documenti, foto, registrazioni relativi ad un evento), ma questa utilità è minore di prima.

Il secondo motivo: quasi tutte le interfacce grafiche hanno creato una fatale confusione nella filosofia Unix, duplicando all’interno di ciascun programma alcune funzioni di gestione dei file: perché mai dovrebbe esistere all’interno di Word un comando «Apri» se un documento creato da Word può essere semplicemente aperto dal gestore di file? Curioso osservare che la prima interfaccia grafica commercialmente usata, quella del glorioso Apple Lisa (1984) è stata da questo punto di vista una rara eccezione, perché non introduceva questa confusione e non prevedeva nessun comando «Apri» all’interno dei programmi!

Il terzo motivo: quasi tutte le interfacce grafiche hanno creato una seconda enorme confusione con l’idea di «desktop», sul quale si trova una bella icona che rappresenta il computer o il suo disco rigido, aprendo la quale si possono cercare file e cartelle, e tra questi file e cartelle si trova in bella evidenza: il «desktop». Come se in uno scatolone posato sulla scrivania si trovasse, aprendo una scatola dopo l’altra, esattamente la propria scrivania. Insomma, un bel regresso all’infinito degno dei disegni di Escher, che sembra fatto apposta per scombussolare qualsiasi modello mentale dell’organizzazione del computer, e anche per indurre a scaraventare pigramente sul desktop qualsiasi cosa si faccia, vanificando così l’utilità organizzativa di un filesystem unificato. (Se qualcuno si sta chiedendo se Lisa avesse questo fatale difetto, la risposta è no! Ma neppure Windows 3.1, per esempio.)

Il quarto motivo: la crescente quantità di file su cui oggi si opera rende in ogni caso meno adatta di un tempo la semplice organizzazione gerarchica del filesystem prevista dalla filosofia Unix. La cartella personale (home nel gergo Linux) del mio computer comprende più di 500mila file: a che pro affidarsi ad un ordine che in ogni caso non è spesso sufficiente neppure per ritrovare i propri documenti? Qualcuno ricorderà agli inizi degli anni 2000 il tentativo della Microsoft di riscrivere completamente il sistema di immagazzinamento dati di Windows, pensandolo molto più dei consueti filesystem come una base di dati variamente organizzabili: ma l’idea fallì (Bill Gates qualche anno fa chiamò questo fallimento la sua più grande delusione alla Microsoft) e i limiti di un filesystem gerarchico sono rimasti tutti lì.

Il problema della privacy

Veniamo al giorno d’oggi: a che cosa pensa qualcuno che dice «Il documento lo ho salvato in Word»? Sicuramente non pensa più alla filosofia Unix. Forse a volte pensa agli attuali smartphone: il desktop (se così vogliamo chiamarlo) contiene normalmente solo app(licazioni), non file (gli utenti più smaliziati possono al massimo creare per essi delle scorciatoie). Un gestore di file se c’è è seminascosto, nell’iPhone poi non esiste per nulla e neppure c’è nessun modo normale in esso per accedere ai singoli file in maniera unificata. Il modello mentale che viene incoraggiato è esattamente quello del mio ipotetico interlocutore: i file si aprono sempre e solo nelle app(licazioni), non si pensano come cose in sé, in alcuni casi non hanno vita autonoma all’esterno dell’app(licazione) che li ha creati, un file si può condividere da un’app(licazione) all’altra solo nei limiti stabiliti dal sistema operativo. Tutto bene? in fondo passare da un modello mentale all’altro cambia poco?

Non proprio, in tutto questo c’è almeno un grande problema. Il nuovo modello spinge a ritenere anche che non c’è più bisogno di pensare a dove si trovino i propri dati, che in fondo sia una cosa secondaria. Questo è un aspetto non piccolo del problema della privacy: in essa non si tratta solo di norme e di leggi, certo importantissime, ma anche della capacità di ogni utente di farsi, senza bisogno di conoscere dettagli tecnici, un’idea chiara (un modello, appunto) di dove siano i suoi dati, e di chi li possa vedere, e a che scopo.

Questa seconda cosa è forse ancora più importante delle leggi: quante volte i problemi nascono da quelle che saccentemente sono denunciate come distrazioni, ma in realtà sono solo l’oggettiva difficoltà di avere un chiaro modello mentale. Nella filosofia Unix esso era evidente. Lo è molto di meno in uno smartphone, per esempio, in cui ogni app(licazione) chiede di norma un po’ di permessi per uscire al di fuori del proprio recinto (e in cui si impara a dire sempre di sì), in cui inserire al momento della configurazione un indirizzo di posta elettronica non sempre è chiaro quali conseguenze abbia.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati