il matrimonio

Smart building e smart mobility: un’alleanza strategica sulla via della sostenibilità

La combinazione tra smart buildings e smart mobility non è semplice, ma i numeri indicano le opportunità di una strategia in tal senso, che presenterebbe indiscutibili vantaggi anche dal punto di vista economico per l’utente, sia esso il proprietario dell’edificio o del veicolo elettrico. Vediamo vantaggi e problemi

26 Gen 2022
Niccolò Aste

Politecnico di Milano

Claudio Del Pero

Politecnico di Milano

Foto di Tumisu da Pixabay

Il settore dell’edilizia, responsabile del 40% del consumo globale di energia e del 45% delle emissioni inquinanti, gioca un ruolo strategico nelle strategie di decarbonizzazione, transizione energetica e sviluppo sostenibile. Gli edifici, in quanto entità ad alta intensità energetica, devono essere trasformati in strutture a emissioni zero, integrate in sistemi energetici dinamici e interattivi.

L’innalzamento dei livelli prestazionali deve tenere conto delle criticità legate ai cambiamenti climatici e alle emergenze ambientali connesse, imponendo nuovi paradigmi funzionali, ad esempio per consentire uno sfruttamento efficace delle fonti energetiche rinnovabili.

Smart Building: tecnologie abilitanti, vantaggi ed esempi di applicazione in Italia

La possibile alleanza funzionale tra edifici “Zero Energy” e mobilità sostenibile

Tecnologie giunte alla piena maturità e perfettamente integrabili negli organismi edilizi consentono il raggiungimento del livello Zero Energy Building, rispetto al quale l’edificio stesso è in grado di produrre tanta energia quanta ne consuma. Il problema residuo consiste nello sfasamento tra generazione e sfruttamento in loco dell’elettricità solare. In media, infatti, all’incirca solo un terzo viene utilizzato direttamente, mentre la restante frazione dev’essere accumulata o scambiata con la rete. Questa necessità, però, comporta un aumento dei costi (installazione, gestione e dismissione delle batterie) e rischia sul lungo periodo di sovraccaricare le infrastrutture di distribuzione (picchi di immissione). Si deve comunque sottolineare come, al giorno d’oggi, un edificio efficiente non possa non essere contemporaneamente uno smart building, in grado di regolare, ottimizzare e interfacciare opportunamente con l’esterno la propria prestazione energetica attraverso l’impiego di tecnologie BEMS e ICT.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete

In una logica sistemica, allora, non si può continuare a operare per compartimenti stagni, ma è necessario trovare sinergie tra settori diversi che, evolvendosi in continuazione, presentano nuove necessità e opportunità.

In questo senso, un ambito di particolare interesse è rappresentato dalla cosiddetta mobilità sostenibile. Veicoli elettrici, alimentati da fonte rinnovabile, che porterebbero nel lungo periodo a diminuire drasticamente gli impatti legati al settore dei trasporti, ancora pesantemente condizionato dall’economia del petrolio. Bisogna infatti considerare che anche tale settore, dopo quello degli edifici, merita una particolare attenzione poiché è responsabile a livello mondiale di emissioni per circa otto miliardi di tonnellate di CO2eq, pari a circa il 17% del totale. La gran parte di queste emissioni (circa il 95%) è dovuta al trasporto su strada, e ciò spiega le ragioni delle numerose politiche di incentivazione rivolte alla mobilità elettrica. In tal senso, negli ultimi anni si è assistito ad una massiccia diffusione soprattutto di automobili elettriche e ibride, grazie ad un notevole progresso tecnologico ed un crescente favore del grande pubblico.

Allo stato attuale bisogna però evidenziare che, nonostante gran parte della filiera sia stata perfezionata, stenta ancora a realizzarsi il presupposto di base, e cioè l’effettivo utilizzo di energia pulita, che al momento è sostituita per la maggior parte da quella convenzionale fornita dai vari gestori.

Un’alleanza funzionale tra edifici ZEB e veicoli elettrici può rappresentare un passo strategico sulla via della sostenibilità. Si tratta, infatti, di settori in rapida espansione, con esigenze complementari: i primi con la necessità di smaltire i surplus energetici fuori fase rispetto al consumo istantaneo, i secondi con quella di ricorrere il più possibile alle fonti rinnovabili. La relativa interazione è già potenzialmente sinergica: gli edifici, infatti, possono ospitare una notevole potenza fotovoltaica e rappresentano un punto preferenziale per la ricarica dei veicoli elettrici.

Come favorire il “matrimonio” tra ZEB e veicoli elettrici

Allo scopo di favorire questo connubio virtuoso, è indispensabile studiare tecnologie e metodologie di smart charging della mobilità elettrica, che consentano ai veicoli di essere caricati all’interno del tessuto urbano e incorporino logiche che permettano di sfruttare l’energia fotovoltaica in eccesso, prodotta ad esempio dagli edifici residenziali. Questi ultimi hanno infatti un profilo di utilizzo dell’energia elettrica tipicamente concentrato in orari in cui vi è minor disponibilità di radiazione solare, immettendo quindi in rete mediamente oltre il 70% dell’energia fotovoltaica generata annualmente e ottenendo un controvalore economico modesto rispetto al valore di mercato del kWh elettrico. Si noti che, nei medesimi orari, la maggior parte dei veicoli è inattiva e parcheggiata. In parallelo, la ricarica dei veicoli elettrici senza alcuna logica di pianificazione temporale o gestione dei fattori di contemporaneità porta a condizioni di potenziale criticità sulla rete e a elevati costi dell’energia erogata.

In tale contesto, la creazione di comunità energetiche locali, dove invece i veicoli elettrici sono allacciati a punti di ricarica alimentati prevalentemente dal surplus di produzione della potenza fotovoltaica installata sugli edifici, in presenza di opportune logiche smart di gestione e regolamentazione sia lato edificio che lato veicolo, consentirebbe notevoli vantaggi economici e ambientali. Ciò rappresenterebbe un notevole incentivo “a costo zero” per accelerare contemporaneamente la transizione ecologica sia del settore edilizio che di quello dei trasporti.

Auto elettriche o ibride: le cifre in gioco

Entrando nel merito delle cifre in gioco, oggi in Italia circolano oltre 200.000 veicoli totalmente elettrici o ibridi plug-in, con un tasso di crescita del +200% rispetto al 2020. Guardando agli scenari futuri, secondo le analisi dello Smart Mobility Report 2021 redatto dal Politecnico di Milano, la proiezione più conservativa (scenario business-as-usual) prevede un’adozione di veicoli elettrici pari ad approssimativamente 4 milioni unità circolanti al 2030, mentre quella più ottimistica (scenario decarbonization) stima che tra circa 10 anni le immatricolazioni di veicoli elettrici si attesteranno ad un valore prossimo al 75% del totale, con un parco circolante di quasi 8 milioni di unità (oltre il 20% del circolante complessivo). Sempre secondo tale scenario, nello stesso anno saranno presenti sul territorio nazionale dai 60.000 agli 80.000 punti di ricarica ad accesso pubblico, oltre ad un numero notevolmente superiore di punti di ricarica privati, buona parte dei quali installati presso edifici residenziali o del terziario.

In tale contesto è prevedibile che, in assenza di alcuna regolamentazione delle modalità di ricarica o di incentivazione di logiche di smart charging, una parte non trascurabile di tali veicoli elettrici verrà presumibilmente ricaricata nella fascia serale della giornata presso gli edifici dove i veicoli vengono parcheggiati. Si avrebbe come conseguenza una notevole richiesta aggiuntiva di potenza elettrica, corrispondente ad un altrettanto elevato fabbisogno energetico, in fasce orarie in cui non vi è disponibilità di energia rinnovabile da fonte solare. Immaginando che circa un terzo degli 8 milioni di veicoli elettrici previsti al 2030 possa venire allacciato alla rete nazionale dopo le 19:00, assorbendo la potenza tipica disponibile presso un punto di ricarica domestico (circa 3 kW), nei momenti di massima contemporaneità sarebbe richiesta alla rete elettrica una potenza aggiuntiva nell’ordine degli 8 GW, corrispondenti a oltre il 12% dell’attuale potenza del parco termoelettrico nazionale. Tale cifra potrebbe chiaramente crescere esponenzialmente se si immaginano modalità di ricarica più rapide.

Risulta utile anche confrontare questo dato con quello della potenza elettrica da fotovoltaico installata a livello nazionale: è stata recentemente superata la soglia dei 20 GWp e il valore atteso al 2030 è di almeno 30 GWp, buona parte dei quali installati in prossimità di edifici o sopra di essi, ovvero dove i veicoli elettrici possono essere agevolmente ricaricati anche durante le ore diurne.

Conclusioni

Insomma, senza negare la complessità tecnica e gestionale di un matching ottimale tra smart buildings e smart mobility, i numeri suggeriscono valga la pena orientare gli sforzi in tal senso, ribadendo che anche dal punto di vista economico la strategia presenterebbe indiscutibili vantaggi per l’utente smart, sia esso il proprietario dell’edificio o del veicolo elettrico.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati