prestazione energetica degli edifici

Smart Building, l’Italia si allinea alla Ue: ecco le linee d’azione

Il decreto legislativo n.48/2020 allinea la normativa italiana in materia di prestazione energetica degli edifici alle nuove regole europee, previste dalla direttiva UE 2018/844. Era un provvedimento atteso da tempo. Ecco le novità

18 Giu 2020
Luca Baldin

project manager smart building italia

Foto di Tumisu da Pixabay

La normativa italiana si allinea a quelli che sono gli indirizzi strategici della direttiva europea in materia di prestazione energetica degli edifici e, specificatamente fa propri alcuni concetti di fondo, quali: l’accelerazione della riqualificazione energetica degli edifici esistenti; il favorire la mobilitazione di risorse economiche per la realizzazioni di edifici a emissioni zero entro il 2050; la promozione della domotica di ultima generazione per favorire una gestione intelligente degli edifici volta a ridurne i consumi; ed infine, il favorire l’integrazione tra edifici e mobilità elettrica.

Ecco cosa cambia e perché l’attenzione su questi temi è molto alta.

Il decreto legislativo n.48/2020

Il decreto legislativo n.48/2020 che allinea la normativa italiana in materia di prestazione energetica degli edifici alle nuove regole europee, previste dalla direttiva UE 2018/844, era un provvedimento atteso da tempo e finalmente è stato pubblicato, il 10 giugno nella Gazzetta Ufficiale n. 146.

WHITEPAPER
Transizione 4.0 e PNRR: incentivi e agevolazioni, tutto quello che c'è da sapere
Logistica/Trasporti
Smart manufacturing

Con questo atto, pienamente coerente con le strategia del Green New Deal di Ursula Von der Leyen , è possibile affermare che inizia pienamente anche in Italia l’era degli “smart building” o, più specificatamente, degli edifici NZEB (Nearly Zero Energy Building) e, come vedremo, non solo.

Per comprendere il perché ci sia un’attenzione così alta su questa tematica, bastano poche cifre: in base agli studi realizzati, si stima che gli edifici in Europa siano responsabili del 40% del consumo di energia e del 36% di emissioni di CO2 in atmosfera. La Commissione Europea ha valutato che la sola riqualificazione edilizia potrà portare ad una riduzione dei consumi del 5-6% e un buon impianto, con un sistema di controllo intelligente, può comportare risparmi nei consumi nell’ordine del 15-20% senza toccare l’involucro. A tutto ciò si aggiunga che abbiamo appena aperto in Italia il capitolo delle Comunità energetiche, che devono trasformare i nostri quartieri da consumer a “prosumer” di energia e che ai building è legata gran parte della partita sull’infrastruttura della mobilità elettrica e il gioco è fatto.

Il contesto

Non si tratta, è bene precisarlo, di un provvedimento che modifica le metodologie di calcolo delle prestazioni energetiche degli edifici, ma di un importante documento programmatico che delinea le linee d’azione dei prossimi anni e persino dei prossimi decenni in materia di edilizia e di impiantistica.

Di che cosa stiamo parlando in termini di impatto appare chiaro da due valori significativi: pur ridimensionato dalla crisi, il mondo delle costruzioni vale ancora in Italia circa 140 miliardi di fatturato all’anno e, di questi, circa 62 sono generati dall’impiantistica. Parliamo insomma di un settore che produce circa l’8% del PIL nazionale. Se poi stringiamo il campo alle tecnologie “smart” il valore si attesta a fine 2018 a circa 4 miliardi di euro, ancora una nicchia, ma con una tendenza in fortissima crescita, pari al 15% annuo per le building technologies e addirittura del 52% per le home applications.

Le tecnologie per gli smart building

Ma di che tecnologie parliamo? Uno smart building è sostanzialmente caratterizzato da quattro fattori connotanti: la connettività, l’impiantistica smart, la sensoristica e le piattaforme software di gestione e controllo. L’intelligenza di un edificio, ovvero la sua capacità di reagire in autonomia alle sollecitazioni che provengono dall’ambiente, sia indoor che outdoor, è dettata dalla capacità di elaborare i cosiddetti big data registrati dai sensori, e a ciò si riferisce chiaramente il D.lgs n. 48/2020 quando recepisce il concetto di “domotica” come strumento per il raggiungimento di risultati come l’efficienza energetica.

Ma in cosa consiste la “smartness” di un edificio?

Stando alla direttiva (UE) 2018/844 e al recepimento nel D.Leg. 48/2020 per smartness – come ci ricorda Pasquale Capezzuto, Presidente dell’associazione Energy Manager – si deve intendere la capacità di un edificio di gestirsi in modo efficiente; di essere in grado di interagire e rispondere ai suoi occupanti; e infine di essere in grado di interagire attivamente e passivamente con la rete, con tre precisi obiettivi:

  • la capacità di mantenere le prestazioni energetiche e il funzionamento dell’edificio attraverso l’adattamento del consumo di energia, ad esempio attraverso l’uso di energia da fonti rinnovabili;
  • la capacità di adattare la propria modalità operativa in risposta alle esigenze dell’occupante prestando la dovuta attenzione alla disponibilità di facilità d’uso, mantenendo condizioni climatiche interne sane e la capacità di riferire sul consumo di energia;
  • la flessibilità della domanda complessiva di elettricità di un edificio, inclusa la sua capacità di consentire la partecipazione alla risposta attiva e passiva nonché implicita ed esplicita della domanda, in relazione alla rete, ad esempio attraverso la flessibilità e le capacità di spostamento del carico.

Nel valutare nel suo complesso il provvedimento, ci sembra peraltro molto rilevante la sottolineatura relativa alla riqualificazione del patrimonio edilizio esistente, che in un Paese come l’Italia costituisce e costituirà il principale terreno operativo per il conseguimento dei risultati di sostenibilità ambientale. Anche i recentissimi provvedimenti del Decreto Ripresa, con il noto “bazooka” del 110% sugli interventi di riqualificazione energetica, sembrano esserne consapevoli e, tuttavia, è chiaro che in tale ambito le tecnologie e la nuova impiantistica avranno un ruolo determinante.

Propongo infine una lettura tangenziale del riferimento alla smart mobility, opportunamente presente nel provvedimento, perché se è vero che i punti di ricarica presso gli edifici costituiranno la vera ossatura dell’infrastruttura della nuova mobilità elettrica (come ampiamente studiato la ricarica avviene, infatti, soprattutto a domicilio), è anche vero che questa apertura all’ambiente circostante, a ciò che sta “fuori” dall’edificio, lascia intendere che d’ora in poi non si potrà più considerare l’unità immobiliare come una “monade”, indipendente dal contesto e dovrà, viceversa e necessariamente, essere considerato come una unità di un insieme complesso. La connessione alla rete (o alle reti, sarebbe più corretto dire), infatti, ne farà sempre più una parte del tutto, ovvero della smart city o dello smart land.

Quanto impatterà tutto ciò sul mercato immobiliare? Probabilmente molto e con un orizzonte temporale non troppo lungo, se si pensa che a livello europeo è prossimo ad essere licenziato anche l’SRI (Smart Readiness Indicator); ovvero un indicatore della smartness di un edificio che andrà inevitabilmente a modificare sempre più i valori di mercato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati