transizione ecologica

CleanTech: sei lezioni dai fallimenti del passato



Indirizzo copiato

I fallimenti del CleanTech 1.0 del passato hanno insegnato che la politica conta, che la domanda di mercato è indispensabile e molto altro ancora. Ecco cosa abbiamo imparato dagli errori, da non ripetere con la nuova ondata di tecnologia climatica

Pubblicato il 2 feb 2024

Mirella Castigli

ScenariDigitali.info



Tecnologia climatica: sei lezioni dai fallimenti del passato

Trasformare i progressi nel campo dell’energia pulita e dei processi industriali privi di carbonio in imprese sostenibili è costoso e rischioso. Ma possiamo imparare dai fallimenti del passato.

Benvenuti nella nuova era del CleanTech, la tecnologia che ci aiuterà a combattere i cambiamenti climatici.

“Negli ultimi 10-15 anni ci sono stati problemi”, commenta Simone Molteni, Direttore scientifico LifeGate, “perché intervenire sulla filiera industriale è molto complicato, dove se anche solo un pezzo della filiera non è disposta ad accogliere innovazione, anche l’innovazione più bella non riesce ad entrare”. Ma ora qualcosa è cambiato e si respira maggiore ottimismo.

Investing in Innovation for Clean Technologies, ID-E Plenary Meeting, 10 Jan 2023

CleanTech: cosa abbiamo imparato

L’ondata di startup climatiche che cercano di reinventare l’energia pulita e di trasformare enormi mercati industriali alimenta l’ottimismo sulle prospettive di affrontare il cambiamento climatico. Decine di miliardi si stanno riversando in queste aziende sostenute da venture in quasi tutti i campi che si possono immaginare, dall’acciaio verde alla fusione nucleare.

Gli investimenti guidati dai venture capitalist nelle cleantech potrebbero svolgere un ruolo fondamentale nello sviluppo di nuove fonti di energia pulita e di processi industriali più ecologici. Parlando con numerosi venture capitalist, persone che lavorano in startup e accademici che studiano l’innovazione nella cosiddetta deep tech, secondo Mit Technology Review, siamo agli albori di un’economia senza carbonio.

L’ottimismo è dunque accompagnato da un senso di diffidenza e déjà vu: l’esuberanza dei VC, le centinaia di milioni destinati a rischiosi impianti sperimentali che testano tecnologie non provate e il potenziale contraccolpo politico del sostegno governativo a politiche climatiche aggressive. Scrivere dell’attuale boom delle tecnologie climatiche significa tenere presente che la maggior parte delle precedenti startup sostenute da venture nel settore CleanTech sono fallite miseramente.

“Questa volta, secondo me, ci sono tutte le condizioni per essere più positivi, perché c’è una ‘congiunzione astrale’ diversa”, spiega Molteni: “non solo ci sono molti più soldi sul tavolo, perché non sono gli investimenti il vero driver. Ma sono altri i due fattori importanti: le policy, date dai governi per decarbonizzare, sono sempre più stringenti, a livello globale; ciò aiuta a far sì che tutte le filiere si orientino necessariamente in una certa direzione; in secondo luogo, c’è una questione di marketing (che parte dal basso, mentre l’altro fattore parte dall’alto)”.

Infatti “c’è talmente tanta richiesta da parte della gente di vedere prodotti e servizi che abbiano qualcosa da raccontare di sostenibile e di decarbonizzato, che tutte le parti delle filiere di ogni settore cercano di capire come fare (per soddisfare una reale domanda di mercato, ndr). Questo permette di raccontare al consumatore finale che effettivamente il prodotto in esame è decarbonizzato”.

Infatti “c’è una richiesta forte che parte dal basso che giustifica l’arrivo sul mercato di una soluzione, magari più costosa, ma sostenibile“, conclude Molteni: “Oggi i manager capiscono che i costi in più valgono nuovi clienti in più. Oggi dà forza alla filiera per superare la pigrizia, le abitudini e andare verso l’innovazione“.

Ecco le sei lezioni che ci offrono insegnamenti dagli errori del passato.

Prima lezione della CleanTech: la domanda conta

Si tratta di un aspetto fondamentale per qualsiasi mercato, ma spesso ignorato nel settore della tecnologia climatica: qualcuno deve voler comprare il vostro prodotto. Nonostante le preoccupazioni dell’opinione pubblica e degli scienziati per il cambiamento climatico, è difficile convincere le persone e le aziende a pagare di più, ad esempio, per il cemento verde o l’elettricità pulita.

Un recente studio di David Popp della Syracuse University e del suo collega Matthias van den Heuvel suggerisce che la debolezza della domanda, più che i costi e i rischi associati alla scalata delle startup, è stata la causa del fallimento della prima ondata di CleanTech.

Molti dei prodotti del settore CleanTech sono prodotti di base; il prezzo spesso conta più di ogni altra cosa e i prodotti verdi, soprattutto quando vengono introdotti per la prima volta, sono in genere troppo costosi per essere competitivi. Questa argomentazione aiuta a spiegare la grande eccezione al fallimento del cleantech 1.0: Tesla Motors. “Tesla è stata in grado di differenziare il proprio prodotto: il marchio stesso ha un valore”, afferma Popp. Ma, aggiunge, “è difficile immaginare che ci sarà un marchio di idrogeno [verde] alla moda”.

I risultati suggeriscono che le politiche governative sono probabilmente più efficaci quando contribuiscono a creare la domanda, ad esempio, di idrogeno o cemento verde, piuttosto che finanziare direttamente le startup che lottano per la commercializzazione.

Seconda lezione: l’Hubrys fa male al CleanTech

Uno dei problemi più evidenti della CleanTech 1.0 era l’estrema arroganza di molti dei suoi sostenitori. I principali cheerleader e finanziatori (sì, quasi tutti uomini) avevano fatto fortuna con i computer, il software e il web e cercavano di applicare le stesse strategie alle tecnologie pulite.

“Regola numero uno: non far investire in una categoria persone che non la conoscono”, afferma Matthew Nordan, general partner di Azolla Ventures. “Gli investitori di Cleantech 1.0 erano in gran parte persone provenienti dal settore tecnologico e biotecnologico, che cercavano disperatamente di aggiornarsi su categorie industriali che conoscevano poco”.

Al giorno d’oggi, molti venture capitalist si dichiarano rincuorati dall’esperienza del CleanTech 1.0 e profondamente radicati nei settori che sperano di sconvolgere. Ma ci sono ancora alcuni investitori di alto profilo che arrivano dopo aver fatto fortuna nelle Big Tech e sono convinti di avere la soluzione al problema più grande del mondo.

Josh Lerner, un professore della Harvard Business School che studia il funzionamento del capitale di rischio, spiega perché questi investitori non hanno imparato dal passato. La visione pessimistica, dice, “è che questi ragazzi sono solo dei personaggi megalomani che vogliono salvare il mondo e si considerano degli eroi, e che sono solo degli sciocchi che si buttano di nuovo, anche se hanno già avuto la testa a posto”. Una visione più ottimistica è che potrebbero essere in grado di “prendere alcune delle conoscenze e delle innovazioni che si sono verificate nell’ambito del software e metterle al lavoro qui”.

Lezione 3: le molecole sono diverse dai bit

Sappiamo che scrivere codice è più facile ed economico che costruire un impianto siderurgico. Ma quanto sia più rischioso e imprevedibile scalare le imprese basate sulle molecole è stata una spiacevole sorpresa per molti durante la fase CleanTech 1.0. Rendimenti scarsi o la sintesi di sottoprodotti indesiderati, problemi che potevano sembrare piccoli intoppi in laboratorio, possono essere un ostacolo quando il processo viene scalato e deve competere con le tecnologie esistenti.

Scoprire se un processo è commercialmente competitivo significa in genere costruire un impianto dimostrativo, che spesso costa 100 milioni di dollari o più. Molte startup durante il cleantech 1.0 sono rimaste bloccate quando i processi che funzionavano bene in laboratorio non funzionavano altrettanto bene in impianti più grandi. Non si può sapere se un processo industriale funzionerà finché non lo si costruisce.

Oggi la speranza è che una maggiore potenza di calcolo e l’uso dell’intelligenza artificiale consentano alle startup di simulare il funzionamento dei processi prima di costruirli. Eseguire un nuovo modo di produrre idrogeno verde in silico per vedere cosa va storto è certamente molto più economico e sicuro che costruire un impianto dimostrativo da 100 milioni di dollari.

Quarta lezione: cosa insegna Solyndra

Il fallimento dell’azienda, che aveva ricevuto una garanzia di prestito di 535 milioni di dollari dal governo statunitense per la produzione di un nuovo tipo di pannello solare, è quello che tutti ricordano della CleanTech 1.0. E spesso viene presentata come una prova inconfutabile di ciò che va storto quando i governi cercano di scegliere i vincitori. Ma la lezione che rimane dal fallimento di Solyndra è ben diversa.

Sia un governo che un venture capitalist non dovrebbero investire in tecnologiesenza senso dal punto di vista produttivo o con una dubbia domanda di mercato. Il prodotto di Solyndra era un pannello solare a forma di cilindro molto complesso che richiedeva attrezzature personalizzate e non collaudate per essere costruito.

Si vedano le prime tre lezioni. Ciò che mancava a Solyndra, tuttavia, era l’esperienza di mercato e la flessibilità di produzione. Sebbene l’azienda avesse superato rapidamente quella che gli imprenditori della Silicon Valley definiscono “la valle della morte” – il rischioso periodo finanziario che intercorre tra l’ottenimento del finanziamento iniziale e l’inizio dei ricavi – ha fallito nel trasformare le sue operazioni in un’attività redditizia e a lungo termine. Già nel 211 il MiT Reviews scriveva che “se c’è una lezione prevalente da trarre dalla debacle di Solyndra, questa ha a che fare con il pericolo di cercare di fare troppo e troppo in fretta, e di farlo da soli”.

Solyndra sarebbe probabilmente fallita in ogni caso, ma se l’azienda fosse andata a rilento, molte persone, compresi i contribuenti statunitensi e i VC che hanno versato centinaia di milioni, avrebbero perso molto meno denaro.

Tecnologia climatica: la quinta lezione è che la politica conta

La legge sulla riduzione dell’inflazione del 2022, che ha contribuito ad alimentare la recente ondata di investimenti nelle tecnologie pulite, è passata al Congresso senza un solo voto repubblicano. In poche parole, l’elezione di un presidente repubblicano nel 2024 potrebbe significare la fine delle aggressive politiche federali sul clima.

E in molti altri Paesi industrializzati è in corso un’azione di contrasto. Recentemente, nel Regno Unito, il primo ministro ha proposto di indebolire le politiche climatiche del Paese. Persino la Germania sta mostrando segni di rinuncia al sostegno politico e ai finanziamenti per le tecnologie pulite.

In un recente articolo, Popp di Syracuse e il suo coautore hanno fatto risalire i problemi della cleantech 1.0 a un’elezione al Senato ampiamente dimenticata all’inizio del 2010. Dopo la morte del democratico liberale Ted Kennedy, gli elettori del Massachusetts hanno eletto il repubblicano Scott Brown, mettendo a repentaglio una legge completa sul clima in discussione al Congresso. Senza la possibilità di fissare un prezzo per le emissioni di carbonio, molti investitori hanno perso interesse per le startup che si occupano di energia pulita.

Alla fine dell’anno, la nuova maggioranza repubblicana alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha condannato ulteriori grandi investimenti federali nell’energia pulita. La politica conta e può cambiare tutto in una notte.

Sesta lezione: questione di sopravvivenza

I primi giorni del cleantech 1.0 erano pieni di entusiasmo e buone intenzioni. Le persone vedevano il cambiamento climatico come una crisi esistenziale e la tecnologia, guidata da imprenditori visionari e venture capitalist, avrebbe risolto il problema. Oggi le vibrazioni sono per molti versi simili; anzi, le persone sono ancora più intense e impegnate. La genialità di molte nuove tecnologie climatiche è evidente e ne abbiamo un disperato bisogno.

Ma nulla di tutto ciò garantirà il successo. Le startup sostenute da venture dovranno sopravvivere sulla base di vantaggi economici e finanziari, non di buone intenzioni.

Il semplice fatto è che abbiamo troppo pochi esempi di startup climatiche prospere con nuove tecnologie radicali.

Gli investitori e gli imprenditori di oggi sperano che questa volta sia diverso. Hanno buone ragioni: c’è molto più denaro disponibile e molta più domanda di prodotti più puliti da parte dei consumatori e dei clienti industriali. Tuttavia, molte delle sfide riscontrate nel primo boom sono ancora presenti e offrono ancora ampi motivi di preoccupazione per il successo delle startup climatiche di oggi.

È ancora tutto un grande esperimento. CleanTech 1.0 ci ha insegnato cosa può andare storto. Stiamo ancora imparando come farlo bene.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4