i dati

Le startup italiane sono una nicchia, ma c’è odore di svolta nell’aria

Gli ultimi dati Aifi e Mise rivelano un mercato italiano che resta nanesco. Ma ci sono motivi per uscire dalla retorica italiana per cui va tutto male. Ecco quali

31 Ott 2017
startup_570631681

Che il sistema italiano sia affetto, a volte, da piccoli numeri non è una novità. E’ altrettanto vero che, spesso, la qualità vada ricercata con attenzione.

Senza entrare nei dettagli, lo confermano i dati di Aifi, in collaborazione con PricewaterhouseCoopers, sugli investimenti dei venture capital relativi al primo semestre del 2017, ma anche i numeri del Ministero dello Sviluppo Economico secondo cui  sono circa 300 le startup italiane che hanno ricavi annui superiori a 500.000 euro. Possiamo individuare le cause nelle innumerevoli peculiarità culturali, economiche e sociali del nostro Paese, da sempre costituito da una rete di PMI che, seppur leader, magari anche a livello mondiale, nei loro settori di nicchia, faticano a crescere e a imporsi sul mercato come invece sanno fare le società straniere.

Possiamo dare la colpa ai giovani imprenditori, o startupper, spesso impreparati di forte alle difficoltà che comporta  fare impresa, soprattutto, come ci ripetiamo da anni, in Italia. Bisogna imparare a lavorare sull’appetibilità del business model, nella capacità di risolvere un problema con una soluzione pertinente e sulla qualità dei team, perché non si improvvisano quelle competenze specialistiche che permettono di avere successo sul  mercato con i propri prodotti o servizi. Non basta la versione italiana (copiata) di questo o quel prodotto. Non si può, o meglio non sempre, pensare che con un applicazione, qualcosa magari che già esiste sul mercato, si possa conquistare il mondo. Bisogna proporre soluzioni in grado di far crescere negli investitori, e nei potenziali clienti, l’entusiasmo di aver individuato una “novità”.

Possiamo dare la colpa agli investitori, dal “braccino corto”, titubanti di fronte alla scommessa, e al rischio, di investire in innovazione. O al Sistema Pubblico, che spesso non si muove in modo sufficientemente significativo per semplificare un “insieme” barocco e da azzeccagarbugli che disincentiva molti dall’intraprendere iniziative imprenditoriali e portarle avanti con coraggio. Ad esempio, il criterio del beneficio fiscale non può essere l’unica componente perché si decide di investire in startup solamente se si ha già un piano di uscita, o di exit, come si dice in gergo tecnico. E come sappiamo l‘Italia al momento non ha ancora un tangibile mercato secondario, di fondi che acquisiscono startup lanciate da business angel. E quindi i soldi non si muovono. Anzi, si può dire che i fondi di venture capital fanno quello che dovrebbero fare i business angel investendo piccole cifre in operazioni di seed.

Ma se usciamo dalla solita retorica italiana per cui tutto va male, ci accorgiamo che negli anni della crisi più dura dal ’29 il Governo, prima con la task force di Passera e i tecnici del MISE (tra cui mi preme segnalare Stefano Firpo e Mattia Corbetta) fino a Calenda ha sempre cercato i tempi di credit crunch dovuto alle richieste dell’Europa anche per i Governi, ha deciso di scommettere sulle startup creando un infrastruttura normativa che agevola investimenti e creazione di nuove imprese. Si poteva fare di più, certamente. Ma l’impianto normativo complessivo, che ha meno di 5 anni di vita, funziona.

E ancora. Ogni anno ci accorgiamo che nonostante l’erosione dei risparmi, e un Paese poco propenso al rischio, vengono investiti da privati cittadini, busines angel, 30 / 40 milioni in imprese innovative, pur consapevoli che il mercato italiano è piccolo e, se possibile, il tasso di mortalità delle startup in Italia è ancora più elevato.

E i risultati del piano industria 4.0 dimostrano che anche le PMI e le imprese stanno imparando ad innovare.

Guardando da un altro angolo l’ultimo report realizzato da Mise e Infocamere, relativo al 3° trimestre 2017 su questa tipologia d’impresa, vediamo che il fatturato complessivo delle start-up innovative supera i 700 milioni di euro. Un dato che supera di 312 milioni quanto raggiunto con i bilanci 2015 (414 milioni di euro) dalle start-up iscritte a fine giugno (ovvero +75,4%). E, da pochissimo, abbiamo raggiunto la soglia di 8.000 nuove imprese innovative. O meglio, da 20 a 30 mila nuovi imprenditori.

Si sta creando una classe imprenditoriale, che prima non esisteva, e che anche grazie alla forse esagerata sovraesposizione mediatiche delle startup, sta dando la speranza ai ragazzi, neo laureati o non, di costruirsi un futuro senza aspettare un fantomatico posto fisso.

E quindi, ben vengano le iniziative come Boost Heroes, che in collaborazione con Intesa Sanpaolo e Discovery Italia, ha lanciato “B Heroes”, il programma di accelerazione per startup ad eliminazione progressiva le cui fasi salienti saranno raccontate in un format televisivo (la call è aperta fino al 30 novembre 2017 ma la selezione è progressiva fino a raggiungimento del numero di startup selezionate previsto per l’inizio del programma). Dobbiamo insegnare ai giovani (e non) cosa vuol dire essere imprenditori, anche attraverso con mezzi che possono sembrare vecchi, come la televisione, ma che si possono innovare cambiando linguaggio e format.

Ben vengano le recenti iniziative di diffusione dei risultati della partecipazione di imprese italiane ai grants europei, ad esempio SME instrument di H2020. 400 imprese hanno beneficiato di oltre 90 milioni di euro dal 2014 ad oggi; senza dimenticare le centinaia di startup e PMI che hanno ottenuto un meritorio Seal of Excellence.

Insomma, possiamo continuare a lamentarci di tutte le difficoltà, oppure, come farebbe un vero imprenditore, rimboccarci le maniche e confrontarci con la realtà cercando di dare un contributo, ognuno secondo le proprie competenze, per far tornare questo Paese a crescere e a competere con la sua genialità, di prodotti e servizi, in tutto il mondo.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati