le sfide per le aziende

Uscire dalla crisi innovando: esempi e strumenti per sopravvivere alla tempesta perfetta

Aziende con oltre un secolo di storia come Ford o Maersk hanno superato eventi catastrofici come la Grande Depressione rimanendo sempre sulla frontiera dell’innovazione. Ecco perché stavolta le giovani aziende tech dovrebbero guardare a quelle più datate per imparare lo spirito di adattamento, innovazione e resilienza

24 Ott 2022
Alessandro Astone

Country manager per l’Italia di Stripe

consiglio europeo innovazione

Inflazione alle stelle, guerra in Ucraina, tensioni con la Cina, catene di approvvigionamento interrotte e una recessione incombente: le sfide per le imprese in questo momento storico non mancano. Queste difficoltà geopolitiche ed economiche richiedono una pronta reazione: in un periodo come questo è ancora più importante, per le aziende, essere prudenti e massimizzare l’efficienza. Tuttavia, concentrarsi solo sui risparmi a breve termine potrebbe essere una mossa controproducente nel lungo termine. Infatti, anche essere strategici e trovare nuovi flussi di entrate è un tema di fondamentale importanza.

Digitale, per le aziende il dado è tratto: le tecnologie per una transizione sostenibile e sicura

Le lezioni dal passato

Guardare i periodi di rallentamento del recente passato può essere istruttivo in ottica futura. Nel crollo delle dot-com dei primi anni 2000, il Nasdaq è sceso del 78% a causa del fallimento di migliaia di società online. Le aziende che sono sopravvissute lo hanno fatto ripartendo da valutazioni molto più basse.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0

Innovare per resistere: gli esempi opposti di Amazon e Nokia

Tuttavia, alcune delle aziende tecnologiche di maggior successo del nostro tempo non solo sono sopravvissute, ma sono anche cresciute durante periodi di crisi. Ad esempio, è noto ai più come Amazon abbia iniziato negli anni ’90 nel ruolo di rivenditore diretto di libri. Ma non tutti sanno che ha lanciato Amazon Marketplace (consentendo ai venditori di terze parti di accedere alla propria piattaforma) alla fine del 2000, cioè sei mesi dopo l’inizio del tracollo delle dot-com. A quel tempo, costruire un marketplace era complesso e costoso, ma la decisione è stata quella di investire, nonostante la crisi stesse facendo colare a picco il prezzo delle sue azioni, ed è stata premiata con un successo straordinario.

Dall’altro lato, non mancano le aziende che hanno fatto scelte più votate a difendersi di fronte a un ambiente difficile, pagandone il prezzo. Un tempo leader mondiale incontrastato nei telefoni cellulari, Nokia si è trovata ad affrontare una nuova minaccia nel 2007, quando Apple ha rilasciato l’iPhone. Un anno dopo il clima imprenditoriale è diventato ancora più complesso con la crisi finanziaria del 2008 e il conseguente rallentamento dell’economia. Invece di destinare risorse a obiettivi di innovazione a lungo termine, come lo sviluppo di un nuovo sistema operativo, il management di Nokia ha optato per l’opzione più economica: ha deciso di sviluppare nuovi dispositivi telefonici per le richieste del mercato a breve termine, mantenendo l’obsoleto e ingombrante sistema operativo Symbian. Sappiamo cosa è successo dopo: la mancanza di visione ha portato al forte declino dell’azienda, portandola infine ad essere acquisita da Microsoft nel 2013.

La storia dimostra che le aziende non possono permettersi di abbassare le proprie ambizioni solo perché si trovano di fronte a un momento di rallentamento. Devono dedicare le ore lavoro degli sviluppatori a progetti strategici e pensare non solo ai costi in termini di sopravvivenza immediata, ma anche alla luce delle opportunità a lungo termine.

Fare di più, con meno: così il digitale ha ridotto gli oneri per le aziende

Sono cambiate molte cose dallo scoppio della bolla delle dot-com. La proliferazione di API e strumenti SaaS hanno ridotto drasticamente gli oneri operativi per le aziende, il che significa che grandi progetti strategici possono essere realizzati con costi fissi più bassi nel lungo termine. Avviare un mercato simile a quello di Amazon, ad esempio, non richiede più mesi o addirittura anni di sviluppo del software, ma può essere esternalizzato con strumenti come Stripe Connect.

La complessa interazione tra i software utilizzati oggi può essere difficile da affrontare, ma durante un rallentamento dell’economia, rivedere lo stack tecnologico e i fornitori SaaS per identificare dove è possibile ridurre la struttura dei costi può essere un esercizio molto utile.

Il processo decisionale strategico odierno

Un calcolo del costo totale di proprietà (TCO) può fornire un quadro chiaro dei costi effettivi di un investimento e delle conseguenze a lungo termine che derivano dalla scelta di un fornitore rispetto a un altro. Nei pagamenti, i costi immediati di implementazione e configurazione di un software non forniscono una panoramica completa, né i costi delle transazioni in corso. Le conseguenze sono, in realtà, molto più ampie.

Il valore del tempo impiegato dagli sviluppatori deve essere valutato rispetto al conseguente vantaggio di impegnare le risorse ingegneristiche più scarse e rare in favore di asset più strategici per l’azienda. Allo stesso tempo, nell’ottica di guardare sempre avanti, è necessario considerare l’intera offerta di prodotti del fornitore di software e le innovazioni future per preservare la flessibilità e lo spirito di adattamento ai cambiamenti. Per tornare all’esempio dell’introduzione di un marketplace, anche se l’avvio di un progetto come questo non è tipicamente sulla tabella di marcia quando si verifica una crisi, l’opzione per esplorare un mercato nuovo nel futuro ha di per sé un valore, che un’azienda potrebbe anche voler valutare. Il valore di tale opzione è certamente maggiore nei periodi in cui l’economia è in calo: i rallentamenti accelerano il cambiamento e il mondo apparirà diverso quando l’economia riprenderà. Per continuare il percorso di crescita anche all’interno del mondo di domani, sarà necessario adattarsi, anche se potrebbe non essere del tutto chiaro fin dall’inizio capire esattamente su che cosa sia necessario lavorare e di conseguenza a cosa dedicare la maggior parte delle energie.

Oltre a un calcolo del TCO, può essere utile anche un’analisi dell’impatto economico totale (TEI). Considerare quindi i costi come investimenti e il loro potenziale ritorno. Forrester ha appena completato un’analisi simile per gli utenti di Stripe, scoprendo che le aziende hanno registrato un ROI medio del 326% quando hanno scelto Stripe come fornitore di servizi di pagamento, non solo ottimizzando il processo di transazione, ma anche limitando l’impatto sulle ore-lavoro degli sviluppatori e aprendosi a nuovi flussi di entrate. Il British Council, ad esempio, è stato in grado di generare 5 milioni di sterline di ricavi in più grazie a tassi di conversione più elevati e alle prestazioni ottimizzate sui dispositivi Mobile. Deliveroo è stato in grado di aprire un canale completamente nuovo offrendo consegne a domicilio in abbonamento. Introducendo nuove linee di business e dedicando più tempo agli sviluppatori per l’evoluzione dei loro prodotti principali, queste aziende diventano più dinamiche quando l’economia cresce e più resilienti quando diminuisce.

Non smettere di innovare, la chiave per uscire dalla crisi

Aziende con oltre un secolo di storia alle spalle come Ford o Maersk hanno vissuto diversi rallentamenti, compresi alcuni catastrofici come la Grande Depressione. Hanno imparato più e più volte che rimanere sulla frontiera dell’innovazione è l’unico modo per uscire da un periodo di rallentamento dalla parte giusta della storia: Ford ha inventato la catena di montaggio nel 1914 e, più di un secolo dopo, è tra le prime case automobilistiche a pensare in modo olistico all’esperienza di pagamento digitale dei propri clienti. Maersk si è evoluta con il settore delle spedizioni, è cresciuta attraversando diverse crisi nel corso dell’ultimo secolo e ora abbraccia con successo la tecnologia, per fornire una piattaforma logistica completamente digitale ai propri clienti. Per molto tempo, le aziende tradizionali hanno cercato di imparare dal successo delle aziende tecnologiche e di utilizzare queste lezioni per adattarsi al mondo digitale. Nell’attuale clima economico, potrebbe essere una buona idea, per una volta, invertire il processo di trasferimento di conoscenze: le aziende tecnologiche più giovani possono imparare molto da quelle più datate per quanto riguarda lo spirito di adattamento, innovazione e resilienza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4