scenari

Libra e criptovalute, quali soluzioni per uscire dall’impasse normativo

A oggi non si è trovata la via per una regolamentazione efficiente per le le cryptomonete. Il caso Libra è solo il più emblematico. Nei prossimi mesi si comprenderà meglio l’indirizzo di governi e autorità centrali e se una “moneta” privata rappresenterà lo sviluppo di un nuovo sistema economico-finanziario

29 Lug 2019
Paolo Nardella

Avvocato, Pres. Associazione Professionisti Blockchain Italia

facebookl ibra

Il lancio di Libra, la criptomoneta di Facebook sta facendo emergere l’urgente necessità di disciplinare un settore che ormai non può più sfuggire alle regole. I legislatori e i regolatori stanno dunque affrontando il loro primo grande test nella creazione di un quadro normativo per le criptovalute.

Il problema vero è che Libra potrebbe essere tutto e nulla, non essendoci un quadro normativo di riferimento, per cui alla luce del convergere di una serie azioni volte a scardinare il progetto, una domanda pare legittima: si vuole davvero bloccarla (a differenza di bitcoin che è inarrestabile ed incensurabile) o questi sono solo i prodromi di un accordo, tra gli USA, il primo dei detrattori, e Facebook (parti che a quanto pare non sono nuove a questo genere di interlocuzioni)?

Proviamo di seguito a delineare alcuni possibili scenari, partendo dalla posizione del Presidente Usa e del Congresso degli Stati Uniti.

La posizione di Donald Trump e del Congresso Usa

Il primo intervento da parte degli USA è rappresentato da una lettera a firma di alcuni membri del Congresso, i quali in stile moral suasion hanno chiesto di interrompere lo sviluppo di Libra.

WHITEPAPER
DATI: fonte imprescindibile per le aziende! PROTEGGILI e mantienili CONFORMI alle regole
Big Data
Sicurezza

Al Senato degli degli Stati Uniti, intanto, sono in corso una serie di audizioni di David Marcus, capo di Calibra alla Commissione Banking, Housing, and Urban Affairs.

Proprio prima delle audizioni del Congresso, il presidente Donald Trump ha espresso il suo parere su Twitter, affermando che Facebook, se volesse diventare una banca dovrebbe sottostare a tutti i regolamenti bancari, proprio come le altre banche, sia nazionali che internazionali così aprendo un nuovo possibile scenario ancor più complesso.

Il nodo della gestione dei dati finanziari e le rassicurazioni di Facebook

A parte alcune personali considerazioni sul fatto che i rappresentanti del governo statunitense non abbiano dimostrato troppa dimestichezza con le cryptovalute stando anche al tenore dei quesiti posti a Marcus (“Credete davvero che la gente si fiderà di Libra dando a Facebook i soldi guadagnati con fatica?” -Sherrod Brown, Senatore dell’Ohio) c’è comunque da rilevare che la preoccupazione maggiore per il momento è quella relativa alla gestione dei dati finanziari, obiettivo di business di Calibra secondo il Senatore Repubblicano della Pennsylvania, Pat Toomey.

Di tutta risposta, Marcus a difesa di Calibra, ha spiegato i vantaggi che la valuta digitale offrirebbe, tra cui la possibilità delle persone di gestire direttamente i propri soldi, ed ha garantito “premura” nella redazione delle policy, termine forse un po troppo impertinente tenendo conto dello scandalo Cambridge Analytica.

La soluzione non è semplice e nemmeno il direttore esecutivo del progetto di portafoglio digitale Calibra, è stato sin ora, forse volutamente, in grado di dare una risposta diretta alle preoccupazioni dei legislatori su come inquadrare e definire il progetto, salvo chiarire che Libra non ha intenzione di competere con la valuta nazionale di alcun Paese e che il progetto Libra non interferirebbe in nessun modo nella politica monetaria delle banche centrali, piuttosto insistendo su come invece la “moneta” di Facebook rappresenterebbe solo una alternativa per i consumatori, che potranno usare il loro wallet digitale.

Alcuni scenari possibili per la regolamentazione di Libra

A questo punto non c’è che da ipotizzare alcuni scenari possibili, uno dei quali riguarderebbe l’inquadramento di Libra tra i titoli e fondi negoziati in borsa, così eleggendo la Securities and Exchange Commission come suo principale sorvegliante. A differenza delle altre istituzioni di sorveglianza, come la Commodity Futures Trading Commission (CFTC), però, la SEC non ha una consolidata esperienza nel valutare nuovi prodotti e quindi, stando alle dichiarazioni di Elliot Lutzker, ex avvocato della SEC e attuale partner di Davidoff Hutcher e Citron LLP. la CFTC sarebbe la prima scelta per Facebook non ritenendo di poter inquadrare il fenomeno Libra nel “genus delle security”.

Anche Marcus, forse temendo l’eccessiva stretta della Sec, in occasione dell’udienza del Comitato per i servizi finanziari della Camera, ha escluso che Libra possa essere classificata tra i titoli, sostenendo che la valuta digitale non avrebbe superato il “test Howey“, una misura utilizzata dalla SEC dopo una decisione della Corte Suprema del 1946 che definisce ciò che è regolato come security.

Marcus ha affermato con forza, “Libra non è un prodotto finanziario ma uno strumento di pagamento”. La SEC però dal canto suo sottolinea come non sia remota la possibilità che uno strumento di pagamento possa essere quotato e negoziato in borsa, infatti secondo il massimo organo di vigilanza statunitense qualora si disponesse di un titolo garantito da altri titoli (come nel caso di Libra) si integrerebbe senza dubbio la fattispecie del titolo negoziato (Jim Himes -D-Conn.).

Invece secondo Gary Gensler, ex presidente della CFTC, a nulla rileva quanto affermato da Marcus in merito al test di Howey e pertanto definisce “inequivocabile” il fatto che Libra sia una security anche perché la “moneta” di Facebook comporta rischi di mercato e multivaluta e rientra nella ratio dei fondi di investimento comuni. Altra opzione, fortemente sostenuta da un’area degli esperti di governo, sarebbe inquadrare Libra come merce, così da poterla sottoporre al controllo della CFTC.

C’è da ricordare, per comprendere i toni del dibattito, che la CFTC è stata storicamente sempre più favorevole ai nuovi prodotti aventi ad oggetto la valuta virtuale rispetto alla SEC, ed infatti Justin Slaughter, partner di Mercury Strategies LLC ed ex capo consigliere politico della CFTC sostiene che come nuovo regolatore, il CFTC tenderebbe ad essere più flessibile.

Anche per Marcus la strada che porta al CFTC sarebbe sicuramente meno stringente sebbene rimarchi il fatto che Libra altro non è che uno strumento di pagamento.

C’è chi dice che questa scelta di Facebook di annunciare il lancio della sua “cryptovaluta” un anno prima del suo definitivo sviluppo sia finalizzato proprio a questo, aprire un dibattito e forse una trattativa per concordare i termini di gestione di quello che, se dovesse essere lanciato effettivamente, rappresenterebbe l’asset digitale con il più grande potenziale di utilizzo e diffusione, nonché la chiusura di un cerchio per una profilazione totale di più di 2 miliardi di persone.

Nei prossimi mesi si comprenderà meglio qual è l’indirizzo reale dei governi e delle autorità centrali e se una “moneta” privata ed il suo circuito rappresenteranno lo sviluppo di un nuovo sistema economico e finanziario nonché un nuovo mega incubatore di dati di miliardi di persone.

Il dato maggiormente rilevante però resta che ad oggi non si è trovato il sistema vincente per approcciare ad una regolamentazione efficiente del mondo crypto.

La semantica come utile approccio alla base della regolamentazione

Un giusto approccio potrebbe essere quello semantico, dare un nome e quindi conferire un’autonoma fattispecie ad ogni tipo di asset crittografico, conferendogli un identificativo lessicale che possa aiutare la costruzione di un nuovo regolamento ad hoc che prescinda dai principi sinora conosciuti e affrontati e che tenga conto della decentralizzazione, della distribuzione, del consenso, della sicurezza, del livello di condivisione delle informazioni, reinventando anche il concetto di privacy applicato al mondo dei DLT o della blockchain, separando più dettagliatamente i singoli contesti di operatività e nominandoli con termini nuovi per ogni possibile applicazione, introducendo un nuovo genus normativo che prenda le sue origini dal nuovo paradigma culturale che parte dal bitcoin e viene snaturato fino a Libra.

Il termine criptovaluta non è più sufficiente ad includere tutto ciò che dal bitcoin in poi è stato inventato né tutto ciò che riguarda un asset digitale potenzialmente rappresentativo di valore né tanto meno è pensabile di rinchiudere all’interno dei confini nazionali il quadro normativo ed applicativo.

Sarebbe come voler regolamentare il mercato dello scambio di beni e servizi usando solo il termine commercio, senza identificare gli oggetti specifici di tutela ed assumendo a riferimento lessicale solo un unico concetto che genericamente e in via molto lata rappresenta semanticamente la vendita di qualcosa in cambio di un prezzo.

Partire da zero, con il solo ausilio dell’esperienza decennale del fenomeno bitcoin e della sua vera comprensione, solo così sarà possibile non dimenarsi nel cercare di creare un ordinamento per analogia.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati