l'iniziativa del Comune

Analisi dei dati per la sicurezza dei ciclisti: l’esempio di Firenze

Per la sicurezza dei ciclisti di Firenze, GovEx e il Comune hanno deciso di analizzare gli incidenti in bicicletta e la loro correlazione con la struttura delle piste ciclabili e dei lavori stradali. Ecco i risultati e i prossimi passi

Pubblicato il 25 Gen 2018

Sharon Paley

Center for Government Excellence della Johns Hopkins University

Gianluca Vannuccini

Direttore Sistemi Informativi, infrastrutture tecnologiche e innovazione Regione Toscana

firenze

Da quando ha chiuso il suo centro città alla maggior parte del traffico e ha lanciato lo scorso agosto la prima quota di biciclette a flusso libero in Europa, il Comune di Firenze è diventato una delle città più pedonali e ciclabili dell’Unione Europea. Ora, in collaborazione con il Center for Government Excellence (GovEx) della Johns Hopkins University, Firenze è diventata anche un modello per altre città per migliorare la sicurezza ciclistica attraverso l’analisi dei dati, la collaborazione interdipartimentale e il coinvolgimento della comunità.

Dare priorità alla sicurezza in bici

La sicurezza in bici è un tema molto a cuore del Sindaco di Firenze Dario Nardella, assieme alle azioni per la mobilità sostenibile in città. I due operatori di bike sharing a flusso libero contano oggi  più di 3.500 bici in città, con un successo oltre ogni aspettativa in termini di utenti (oltre 100.000) e di utilizzi giornalieri (oltre 10.000).

Ciclisti in Piazza del Duomo

Il sistema rappresenta anche un esempio molto rilevante di implementazione dell’Internet delle Cose in città, visto che ogni bici è di fatto un oggetto connesso a Internet con cui si interagisce via smartphone.

Per accogliere questi numeri, la città espanderà le piste ciclabili fino a 130 Km entro il 2021, dice il Sindaco Dario Nardella, in raccordo con l’attività delle Nuove Infrastrutture e Mobilità, guidata da Vincenzo Tartaglia, che ha illustrato negli incontri con GovEx le linee evolutive della mobilità sostenibile cittadina.

Un nuovo tipo di approccio

“C’è un posto molto vicino a casa mia dove la pista ciclabile si ferma nel nulla. Naturalmente non finisce in modo sensato, quindi gli automobilisti non sanno di non avere il diritto di passaggio.” Quasi ogni sera, quando un ciclo-corriere intervenuto all’incontro arriva a casa sua a Firenze, viene quasi investito da un’auto.

Per affrontare la sicurezza dei ciclisti di Firenze, GovEx e il Comune hanno deciso di analizzare gli incidenti in bicicletta e la loro correlazione con la struttura delle piste ciclabili e dei lavori stradali. Poiché ciò richiedeva dati e conoscenze provenienti da diversi dipartimenti e personale della città, è stato formato dal Direttore Generale Giacomo Parenti un gruppo di lavoro con rappresentanti dei dipartimenti di statistica, performance, polizia, mobilità e sistemi informativi. Era la prima volta che Firenze convocava un tale gruppo di lavoro interdipartimentale su questo tema, basando il lavoro su un’analisi dei dati secondo una metodologia consolidata e validata da GovEx.

Le analisi

Il gruppo di lavoro ha prodotto un rapporto (Report_Firenze_2017) analizzando gli incidenti che coinvolgono biciclette a Firenze tra il 2011 e il 2015. Il rapporto ha integrato i dati sugli incidenti con dataset geospaziali e transazionali, che descrivono il volume e il flusso dei passaggi locali in bici e lo stato della rete ciclabile. Tracciando gli incidenti su una mappa, si è stati in grado di identificare “punti di crisi” nei quali i ciclisti hanno maggiori probabilità di essere coinvolti in incidenti ed in cui lo sviluppo futuro delle infrastrutture potrebbe avere un impatto maggiore.

Si sono anche esaminate le caratteristiche degli incidenti, come la gravità della ferita, la vicinanza a una pista ciclabile, se l’incidente si è verificato in un passaggio pedonale o in un’intersezione di veicoli a motore. Questi dati hanno permesso al gruppo di esplorare ulteriormente il rapporto tra incidenti e piste ciclabili, ed ottenere prove aneddotiche convalidate che suggerivano in quali piste ciclabili un intervento di sicurezza avrebbe ottenuto più successo.

Open Data

La collaborazione analitica tra vari dipartimenti servirà da modello per i progetti futuri, permettendo al Comune di acquisire una più profonda comprensione dei fenomeni sociali e cittadini a Firenze, e comprendere dove le risorse e l’attenzione siano più necessarie basandosi sui dati. Inoltre, con le nuove, valide tecniche di misurazione e le fonti di dati utilizzate, il vasto programma di Open Data messo a disposizione dal Comune di Firenze ora incoraggia gli esperti di analisi dei dati delle città, le parti pubbliche interessate e gli studenti a esaminare attentamente sia i dati grezzi, che quelli dettagliati e georeferenziati, dice Gianluca Vannuccini, Dirigente del Servizio Sviluppo Infrastrutture Tecnologiche e responsabile operativo, con Alessandra Barbieri, Dirigente del Servizio Euro Progettazione e Ricerca Finanziamenti di Firenze, del progetto What Works Cities su Firenze. Questo livello di impegno quantitativo è raro tra le città italiane e ha già migliorato il rapporto tra residenti e governo cittadino.

Condividere i risultati con i residenti.

Il Comune ha iniziato ad attuare decisioni operative sulla base dei risultati del rapporto, e contestualmente si è anche confrontato con le comunità locali per condividere i risultati con i residenti, inclusi i rappresentanti delle associazioni ciclistiche, delle organizzazioni di soccorso e dei media.

Incontro con la comunità di utenti per condividere i risultati dell’analisi

L’incontro della comunità – a cui ha partecipato anche GovEx portando un significativo contributo metodologico – è stato un momento importante per stabilire un terreno comune per la comprensione da parte dei residenti sul tema della sicurezza in bicicletta e di come potrebbe essere migliorata. Alessandra Barbieri, ha dichiarato: “Mettere i dati di fronte ai cittadini ha spostato la conversazione, è più proattivo e tutti sono meno difensivi. Stiamo partendo da un punto di intesa reciproco.”

Alcuni dei report hanno sorpreso la comunità del ciclismo. “Vedere questi dati demistifica molte notizie false sul ciclismo,” ha dichiarato un rappresentante della FIAB Firenze Ciclabile. “Ad esempio, la gente parla di incidenti tra pedoni e ciclisti come se fosse l’apocalisse, ma ora sappiamo che è solo la fonte del sei per cento degli incidenti”.

Suggerimenti dalla comunità di utenti

L’incontro è stato anche l’occasione per i partecipanti di suggerire al Comune come potrebbe migliorare la sicurezza stradale per tutti. La maggior parte dei partecipanti ha convenuto che l’istruzione e la segnaletica potrebbero mitigare molti rischi per la sicurezza.

Un socio della FIAB Firenze Ciclabile ha dichiarato: “Spesso le persone non sanno che cosa sia la corsia e come funziona. Manca l’istruzione per chi ha diritto di precedenza.” Ha proseguito dicendo che ci sono molti siti nei quali le piste ciclabili non sono chiaramente indicate, creando confusione su chi dovrebbe essere dove. “A volte sembra che non ci sia un incrocio dove invece ce n’era uno. Dovrebbero esserci investimenti nella segnaletica stradale e nelle scritte dipinte sul selciato.”

Il report ha anche confermato affermazioni come quelle emerse nell’incontro, individuando che il 30 percento degli incidenti avviene nei primi 100 metri di una pista ciclabile. I dati hanno anche permesso di capire che molti ciclisti sono coinvolti nell’incidente mentre cercano di raggiungere la pista, il che secondo Valentina Pierini, responsabile dell’ufficio della Direzione Mobilità e Nuove Infrastrutture per la Pianificazione, Trasporto Pubblico e Sicurezza Stradale, indica una forte domanda di uso di piste ciclabili.

Un rappresentante della Misericordia di Firenze condivide “muoversi in bici è il modo migliore per spostarsi a Firenze, ma come membro di una associazione di soccorso, sono molto preoccupato dei possibili incidenti. Se le persone camminano lungo la pista ciclabile, il ciclista è obbligato a spostarsi sulla carreggiata della strada. Dovremmo chiedere a tutti di rispettare le regole, raccomandando anche ai ciclisti di rimanere sulle ciclabili laddove possibile.” Il volontario della Misericordia ha anche richiamato la necessità di distinguere meglio la segnaletica fra marciapiedi pedonali e piste ciclabili.

Un significativo contributo è stato dato anche dall’Associazione Lorenzo Guarnieri, che ha partecipato all’incontro analizzando la metodologia utilizzata ed il report.

Migliorare l’Amministrazione

Dopo aver ascoltato le preoccupazioni dei residenti e raccolto i loro suggerimenti, i prossimi passi potranno essere:

  • Migliorare l’educazione sull’uso corretto della pista ciclabile
  • Installazione di segnali e segnaletica più chiara per le piste ciclabili
  • Chiarire gli ingressi e le uscite delle piste ciclabili entro almeno 100 metri
  • Coinvolgimento continuo di associazioni ciclistiche e altri soggetti.

In generale, ha affermato il socio della FIAB Firenze Ciclabile, l’analisi dei dati e il coinvolgimento della comunità ha creato un movimento importante, ed è stata un’esperienza illuminante. I dati ci raccontano la vera storia di cosa accade in città”.

Ciclisti sulle rive dell’Arno

Secondo Francesca Santoro, Direttore dell’Ufficio del Sindaco e coordinatore principale delle attività di coinvolgimento della comunità, questo è solo un punto di inizio di un approccio integrato fra dati e processi che sarà applicato anche su altri contesti o priorità dell’Amministrazione. Ad esempio, lo scorso settembre Firenze ha ospitato la Settimana Europea della Mobilità, con un forte apporto da parte di tutti gli utenti e le associazioni con cui si è collaborato con What Work Cities su Firenze.

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati