linee guida agid

Apertura dei dati e riutilizzo dell’informazione, PA italiane verso nuovi obblighi

Adottata una licenza aperta di riferimento a livello nazionale da applicare ai nuovi dati (CC BY 4.0), adesso non più solo raccomandata ma obbligatoria. Trattato il tema delle richieste di apertura e riutilizzo, provenienti da soggetti interessati. Così le linee guida Agid faranno la differenza

03 Ago 2022
Fabio Brocceri

Servizio Comunicazione e Relazioni Esterne - Agid

Antonio Rotundo

Servizio Gestione dati e banche dati Agenzia Italia Digitale (AGID)

agid

Record di contributi per la consultazione pubblica di AgID relativa alle Linee Guida sull’apertura dei dati e il riutilizzo dell’informazione del settore pubblico. Sono stati infatti quasi duecento i contributi inviati da cittadini, associazioni, Amministrazioni e altri stakeholder con l’obiettivo di giungere all’adozione di un testo il più possibile completo e condiviso.

I risultati sono stati presentati il 26 luglio nel corso di un webinar, organizzato da AgID e Formez PA, in cui sono stati evidenziati i principali ambiti di intervento delle proposte di integrazione ricevute e fornite indicazioni sul proseguimento dell’iter di adozione.

Dati pubblici aperti, verso standard comuni: i passi avanti dell’Italia

Verso l’adozione delle Linee Guida open data

L’obiettivo delle Linee Guida open data è quello di supportare le Pubbliche Amministrazioni e gli altri soggetti interessati nel processo di apertura dei dati e di riutilizzo dell’informazione del settore pubblico tramite indicazioni chiare, condivise e in linea con la normativa di riferimento. Queste, infatti, sono previste dall’art. 12 del D. Lgs n. 36/2006, come modificato dal D. Lgs n. 200/2021, che recepisce la Direttiva europea UE 2019/1024.

WEBINAR
23 Settembre 2022 - 10:00
DIGITAL360 Semestrale 2022: scopri tutte le novità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

La stesura del testo, la cui struttura ha seguito le regole definite nello Standard ISO/IEC Directives, Part 3, in modo da garantire una redazione il più uniforme possibile per tutti i documenti tecnici, è stata curata insieme ad un gruppo di lavoro costituito ad hoc in cui sono state rappresentate diverse PA, a partire dai Responsabili della Transizione Digitale (RTD). Illustrate durante un ciclo di webinar che si è svolto dal 4 maggio al 13 giugno scorso, le Linee guida sono state messe in consultazione pubblica per raccogliere contributi, suggerimenti e osservazioni da parte dei soggetti interessati, come previsto dall’art. 71 del CAD.

L’approccio seguito nella redazione è stato quello di definire le indicazioni da implementare obbligatoriamente, per tutti quegli aspetti e disposizioni previsti dal decreto di riferimento, trattando invece come raccomandazioni altri aspetti non vincolanti ma comunque ritenuti importanti per il processo di apertura dei dati.

I requisiti e le indicazioni

Sulla base dei requisiti definiti nel documento, i soggetti destinatari (Pubbliche Amministrazioni, organismi di diritto pubblico, imprese pubbliche attive in settori specifici e imprese private che svolgono un servizio pubblico) dovranno rendere disponibili i propri dati che ricadono nell’ambito di applicazione delle Linee Guida, secondo le caratteristiche indicate dalla norma per i dati aperti (formati aperti e leggibili meccanicamente e apposizione di licenze standard aperte, fra l’altro) per il riutilizzo generalizzato per qualsiasi scopo, anche commerciale.

Le indicazioni presenti nel documento riguardano soprattutto alcune specifiche tipologie di dati (dinamici, di elevato valore e della ricerca) che presentano un elevato potenziale economico e sociale e che, quindi, rappresentano una risorsa importante per il riutilizzo, in quanto possono risultare determinanti per la creazione e la nascita di nuovi servizi, sia da parte di operatori pubblici che da parte di privati. Perciò è richiesto, per questi dati, l’accesso (anche) attraverso API, che devono essere compatibili con quanto previsto dalle Linee Guida in tema di Catalogo API e Piattaforma Digitale Nazionale Dati (PDND).

Con le Linee Guida viene dunque adottata una licenza aperta di riferimento a livello nazionale da applicare ai nuovi dati (CC BY 4.0) – coerente con le determinazioni europee – adesso non più solo raccomandata ma obbligatoria.

Inoltre, viene trattato il tema delle richieste di apertura e riutilizzo, provenienti da soggetti interessati, con l’indicazione di tempi certi per il riscontro e un provvedimento motivato in caso di diniego.

I risultati della consultazione

Le proposte di integrazione e i suggerimenti hanno interessato sia il documento principale che gli allegati: sono stati forniti commenti relativi alla qualità dei dati, agli aspetti organizzativi, ai requisiti comuni, all’ambito di applicazione, ai formati, ai metadati, ai dati dinamici, territoriali e di elevato valore, alle licenze e condizioni di utilizzo e alla tariffazione. In particolare, i commenti ricevuti sono stati 181, tripartiti quasi equamente tra generali, tecnici ed editoriali, con predominanza dei primi, secondo la classificazione che ISO utilizza per le proprie consultazioni.

Per garantire la più ampia partecipazione possibile, la consultazione è stata effettuata attraverso tre canali ufficiali: le piattaforme Forum Italia e ParteciPA e il template mutuato da ISO, anche se i risultati evidenziano che nella maggior parte dei casi i commenti sono pervenuti ad AgID attraverso canali diversi da quelli proposti. In nome dell’inclusività e della massima condivisione, saranno comunque tutti presi in considerazione, a prescindere dalla modalità di trasmissione.

Ad una prima analisi, si può dare già per assodata l’accettazione del 40% dei commenti ricevuti, mentre poco più del 10 % non potranno essere recepiti. I restanti commenti o sono solo delle richieste di chiarimento o necessitano di ulteriori approfondimenti.

Open data, i prossimi passi

Una volta terminata questa analisi, AgID pubblicherà un report completo che includerà le determinazioni assunte in corrispondenza dei singoli commenti o di gruppi di essi, in caso di commenti simili.

Dal report di sintesi dei contributi raccolti si potranno evincere le modifiche e le integrazioni che saranno prese in considerazione per predisporre la nuova versione delle Linee Guida.

Questa nuova versione sarà, quindi, trasmessa al Garante per la Privacy per le sue eventuali osservazioni e alla Conferenza Unificata per il relativo parere, come previsto dall’art. 71 del CAD, oltre che notificata alla Commissione Europea per il tramite del Ministero dello Sviluppo Economico in quanto norma tecnica.

Alla fine di questo lungo iter, il testo finale delle Linee Guida sarà adottato formalmente tramite specifica determinazione del Direttore Generale di AgID e sarà data notizia dell’adozione tramite comunicazione in Gazzetta Ufficiale.

Da quel momento le Linee Guida entreranno in vigore. Toccherà, quindi, ai soggetti destinatari metterle in pratica per cominciare a compiere passi importanti per la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico e giungere alla costruzione di quel mercato di dati e di quell’economia basata su di essi che è l’obiettivo strategico che l’Unione Europea intende perseguire, per fare in modo che i dati possano circolare a beneficio di tutti: imprese, ricercatori, amministrazioni pubbliche e cittadini.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4