Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

la proposta

Down di Whatsapp, Instagram, Facebook, “urgente intervenire per aprire le piattaforme e tutelare i consumatori”

Il down contemporaneo di Facebook Instagram e WhatsApp ci conferma che subiamo gli effetti di un monopolio. Contro cui è urgente applicare le norme sui diritti dei consumatori. E siano le piattaforme stesse ad aprirsi, elaborando sulla teoria delle essential facilities e dei beni comuni

14 Apr 2019

Marco Pierani

Direttore Public Affairs & Media Relations - Euroconsumers


L’odierno down contemporaneo di Facebook Instagram e WhatsApp, con i disagi che ci sta causando, mostra quanto sia potente questo infomonopolio e quanto sia urgente che, basandosi sulle teorie dei beni comuni e delle essential facilities, siano le piattaforme stesse a doversi aprire al più presto riconoscendo nella loro governance ruoli specifici a corpi intermedi delle nostre società.

Sempre più consumatori esprimono i loro diritti fondamentali come cittadini all’interno di queste piattaforme digitali, di proprietà privata e regolate da condizioni generali di contratto. Si tratta di una novità assoluta nella storia dell’umanità di fronte alla quale il potere stesso degli Stati e i sistemi costituiti di public enforcement inerenti ad ogni singolo ordinamento e giurisdizione, mostrano la corda. Ci stiamo accorgendo con colpevole ritardo che dinamiche virtuali, ma nondimeno assolutamente concrete e reali, stanno minando alla base i principi cardine delle nostre democrazie. Occorre immaginare al più presto un nuovo framework a prova di futuro.

Tutela dei consumatori e down di Whatsapp, Facebook, Instagram

Da una parte, già oggi uno degli strumenti tipici e più efficaci nella tutela dei consumatori, la disciplina delle pratiche commerciali scorrette, può essere usata più ampiamente come veicolo di private enforcement dei diritti fondamentali dei cittadini all’interno delle piattaforme digitali; dall’altra appare cruciale e quanto mai urgente che siano le piattaforme stesse, elaborando sulla teoria delle essential facilities e dei beni comuni, ad aprirsi, riconoscendo ruoli specifici a corpi intermedi della nostra società nella loro governance. Questo e solo questo potrebbe scongiurare interventi top down di public enforcement ben più impattanti e definitivi sull’infomonopolio di Zuckerberg.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4