ASSET URBANI

Firenze Green Smart City, il verde pubblico è data-driven

Il nuovo Sistema informativo adottato dal Comune consente da un cruscotto unico il monitoraggio di alberi, siepi, prati e impianti. Dalle mappe interattive accessibili agli utenti fino ai tablet per il lavoro sul campo, ecco come la gestione innovativa dei dati può fare la differenza in città

28 Mag 2020
Cecilia Del Re

Assessora ambiente, innovazione tecnologica, sistemi informativi, Comune di Firenze

Emanuele Geri

Comune di Firenze, Direzione Sistemi Informativi, Posizione Organizzativa Risorse Dati, Open Data, SIT

Mirko Leonardi

Dirigente - Servizio Parchi Giardini ed Aree Verdi, Comune di Firenze

Gianluca Vannuccini

Direttore Sistemi Informativi, infrastrutture tecnologiche e innovazione Regione Toscana

word-image

Firenze punta di diamante nella gestione del verde pubblico. I progetti messi a punto e le strategie per il futuro delle smart city abilitate dall’analisi dei dati.

Firenze Smart City, la gestione green

Il progetto Firenze Green Smart City, risultato vincitore al recente premio Agenda Digitale Enti Locali 2019 dell’Osservatorio sull’Agenda Digitale del Politecnico di Milano, si compone di tre sotto-progetti:

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter
  • Il primo, il sistema di smart irrigation connesso alla piattaforma bigdata cittadina
  • Il secondo sotto-progetto è il cosiddetto Sistema Informativo del Verde Pubblico – SIVEP, e sarà raccontato in questo articolo;
  • Il terzo sotto-progetto sono un set di servizi ai cittadini basati sui dati del SIVEP, e sarà raccontato prossimamente.

Il Comune di Firenze aveva da anni uno storico sistema informativo per la gestione del verde pubblico, sostanzialmente connesso al SIT, che mappava gli 80.000 alberi e li esponeva in Opendata.

A partire dal 2016, nell’ambito dell’iniziativa PON Metro Asse 1 Agenda Digitale di Firenze, e con l’intento di digitalizzare tutto il fronte dei processi dell’edilizia, urbanistica e gestione del territorio, si sono avviate delle iniziative di progettazione e realizzazione del Sistema Informativo del Verde Pubblico – SIVEP.

Il SIVEP – realizzato dall’azienda GeoSystems che si è aggiudicata la procedura di gara – è un sistema completamente open source che permette di gestire l’intero processo della manutenzione del Verde pubblico, consentendo di trattare alberature, aree verdi e loro classificazione, filari, giochi, ecc. In particolare per quanto riguarda le alberature, a partire dalla gestione della Visual Tree Assessment – VTA in modo geo-referenziato, fino alla produzione del documento informatico per la gestione del processo di piantumazione.

Il sistema è accessibile anche da utenti esterni accreditati ed accessibile tramite SPID: ad esempio, tramite questo sistema professionisti incaricati accedono via SPID, redigono le VTA e le firmano digitalmente, dando luogo a un processo innovativo di dematerializzazione.

Un sistema basato sui dati

Per poter gestire si deve conoscere, e per poter conoscere occorre avere dati, accurati, aggiornati e di qualità. Per poter arrivare a questo obiettivo occorre avere un buon sistema che permetta di raccogliere, strutturare, aggiornare, ed estendere i dati in modo razionale e standard, e questo è quanto permette di fare il sistema SIVEP.

Il nuovo sistema ha consentito di bonificare e unificare le banche dati esistenti del verde pubblico, rendendo possibile gestire da un unico backoffice anche gli aspetti inerenti la pubblicazione dei dati sui portali del Comune di Firenze, dove sono accessibili tramite funzionalità di mappa. Ogni utente accede col proprio profilo, che può avere caratteristiche gestionali o redazionali.

Il sistema gestisce attualmente le alberature, le aree verdi, gli arredi urbani, i filari, i giochi, gli impianti, le siepi. Le aree verdi sono gestite funzionalmente a livello di subaree (area sportiva, area cani, area giochi, ecc.). Per ogni oggetto gestito è possibile aggiungere dati per la pubblicazione sul web che riguardano le attrezzature presenti (ad esempio se un parco è illuminato o meno, o se ha un wc, se recintato, se presente un fontanello pubblico ecc.). Tali dati si possono aggiornare automaticamente tramite le relazioni geografiche, essendo essi stessi archivi geografici. E’ inoltre possibile aggiungere immagini e filmati.

Il dato quindi con questo sistema è gestibile a 360 gradi ottenendo un beneficio sia internamente, con una gestione più robusta, sia esternamente, per poter dare al cittadino informazioni migliori e più aggiornate.

Lavoro “smart” per i giardinieri

Il sistema è innovativo anche nella fruizione da parte degli operatori: non solo nella nuova interfaccia grafica della parte desktop, fluida e moderna, ma permette anche tramite tablet di “lavorare in campo” identificando, fotografando e monitorando le alberature e gli altri elementi del verde pubblico. Tale funzionalità, un “must have” fortemente voluto dai colleghi della Direzione Ambiente, permette di aumentare il livello di digitalizzazione del lavoro degli operatori, consentendo di avere dati più aggiornati, una più facile identificazione e quindi rendere in pratica nullo l’errore di individuazione dell’albero per il quale viene fatto il monitoraggio.

I prossimi progetti

Il progetto SIVEP è stato realizzato nell’ambito del PON Metro 2014-2020 Asse 1 Agenda Digitale Firenze, e questi fondi richiedono by default una visione di ambito metropolitano. Per questo il Comune di Firenze – per il tramite della azienda in-house multi-ente per la gestione di Firenze Smart City denominata SILFI SpA (che ingloba per fusione Linea Comune SpA) – ha avviato da tempo una serie di processi di estensione dell’esperienza di Firenze presso gli altri enti limitrofi. Ad esempio: Bagno a Ripoli e Scandicci stanno analizzando come adattare la mappatura del proprio patrimonio informativo verde al SIVEP, ed altri Enti si affiancheranno nei prossimi mesi.

Fra l’altro, sempre più spesso gli Enti vengono chiamati a contribuire alla forestazione delle aree urbane in ottemperanza a quanto stabilito dalla Legge 14 gennaio 2013, n. 10 “Norme per lo sviluppo degli spazi verdi urbani”, dalle “Linee guida per la gestione del verde urbano e prime indicazioni per una pianificazione sostenibile” e dalla “Strategia nazionale del verde urbano” approvate dal MATTM – Comitato per lo Sviluppo del Verde Pubblico.

Per questo la possibilità di avere un sistema informativo con dati strutturati per una gestione completa e dinamica degli asset del patrimonio verde urbano (alberi, aree verdi, aree giochi, giardini, parchi, etc) costituisce una ottima base di partenza per iniziative di aggregazione di sistemi informativi fra più Enti e di avvio di una gestione congiunta del verde a livello metropolitano.

Progetto Firenze Green Smart

Il video del sistema Firenze Green Smart City

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4