L'ANALISI

I nomadi digitali si aggirano per l’Europa: chi sono e quali sono le mete preferite

Dopo la pandemia da Covid-19 che ha portato milioni di dipendenti a lavorare da casa, qual è la tendenza dello smartworking e quali Paesi stanno cercando di trarre vantaggio dai nomadi digitali europei? Dai rapporti Eurofound e Statista emerge una situazione molto dinamica e in crescita, che richiede una regolamentazione

Pubblicato il 24 Mar 2023

Carmelina Maurizio

Università degli Studi di Torino

comuni pnrr bonus digitale

Secondo i dati di Eurofound, nel 2021 circa 41,7 milioni di dipendenti hanno lavorato da casa nell’Ue, il doppio rispetto al 2019. Sebbene il numero sia leggermente diminuito nel 2022, la tendenza è destinata a salire ancora grazie ai progressi tecnici e alle preferenze dei datori di lavoro verso il lavoro a distanza.

Secondo il rapporto, è sempre più evidente che questo nuovo “mondo” di lavoro necessita di nuovi quadri normativi, che tengano conto della legislazione esistente e degli accordi delle parti sociali.

Nomadismo digitale: come l’Italia sta affrontando i rischi legali

La pandemia da Covid-19 ha provocato un cambiamento radicale nel modo di lavorare, con milioni di europei che sono passati a lavorare da casa e dopo la revoca delle restrizioni, molti sono stati riluttanti a tornare in ufficio. Dal momento che alcuni datori di lavoro si aspettano che i lavoratori si presentino effettivamente in ufficio, cosa è successo alla tendenza dello smartworking e quali Paesi stanno cercando di trarre vantaggio dai nomadi digitali europei?

Chi sono i “nomadi digitali”

I nomadi digitali in genere combinano lavoro a distanza e viaggi per vari motivi e per vari periodi di tempo. Appassionati di viaggi e nuove avventure, sanno come sfruttare al meglio le nuove tecnologie e hanno bisogno solo di una connessione a Internet per lavorare da qualsiasi parte del mondo. A marzo 2022 la maggior parte dei nomadi digitali proveniva dagli Stati Uniti e rappresentava oltre il 50% della comunità dei nomadi digitali.

Attualmente non esiste una legislazione a livello europeo che armonizzi gli standard sul lavoro a distanza o le tutele per i lavoratori.

Statista ha rilevato che l’Europa è al primo posto nel mondo per la concessione del numero di visti per nomadi digitali, soprattutto a cittadini di Paesi terzi come americani, britannici, russi e canadesi. Attualmente sono disponibili in tutta Europa visti provenienti da 19 Paesi. Un emendamento al Decreto “Sostegni-ter” approvato il 28 marzo 2022, ha introdotto ufficialmente in Italia la figura del nomade digitale. L’articolo 6-quinquies inserisce i nomadi digitali e lavoratori da remoto dei Paesi non europei tra le categorie di lavoratori stranieri a cui può essere rilasciato il permesso di soggiorno in modo semplificato, ossia al di fuori delle quote previste ogni anno dal decreto flussi. A beneficiare di questa corsia preferenziale sono infatti alcune tipologie di lavoratori altamente specializzati o peculiari per il loro tipo di attività. Il loro ingresso è comunque subordinato al rilascio di un nulla osta al lavoro che deve essere richiesto dal datore di lavoro ai sensi del Regolamento di attuazione del Testo unico immigrazione, Decreto Legislativo n.286/1998.

Nomadi digitali in Europa

Nel 2021, Cracovia, in Polonia, è stata classificata come una delle migliori città d’Europa per i nomadi digitali, grazie alla sua velocità di internet e ai costi di co-working contenuti. Tra le altre città presenti nella top 10 figurano Lodz, Poznan e Varsavia.

Anche la Bulgaria sta cercando di attirare i nomadi digitali, ma per il momento non sono previsti visti o incentivi specifici. Non si sa nemmeno quanti vivano nel Paese, ma c’è un’organizzazione di lavoratori a distanza nella località sciistica di Bansko, sui Monti Pirin. Ma i nomadi digitali si riversano anche in altre zone della Bulgaria, tra cui Sofia, Plovdiv e Burgas, attratti dai prezzi bassi, dalla splendida natura e da un’aliquota fiscale di appena il 10%.

Il Comune di Atene ha una propria campagna, “This is Athens”, per attirare i nomadi digitali e promuovere la città. Inoltre, il governo ha semplificato la registrazione con visto per i nomadi digitali, così come avviare una società online e occuparsi della contabilità, anche se sul campo restano alcuni problemi di sistema.

A Malta, il permesso di soggiorno per nomadi, lanciato nel 2001, consente ai titolari di lavorare per un’azienda straniera mentre risiedono legalmente nel Paese. È aperto ai cittadini di paesi terzi per un periodo rinnovabile di un anno.

In Spagna, a partire dalla fine del 2022, i nomadi digitali potranno vivere nel Paese per un anno, prorogabile per due, godendo di un’aliquota fiscale del 15% anziché del tipico 24%. Il governo prevede che la nuova legge consentirà alla Spagna di crescere e progredire in campo tecnologico e, allo stesso tempo, di evolvere e aumentare il numero di spazi di co-working e co-living.

Altri Paesi che offrono programmi di residenza simili sono la Repubblica Ceca, l’Estonia, la Finlandia, la Grecia, l’Ungheria, il Portogallo e la Romania.

L’Italia risulta una destinazione attraente agli occhi dei remote worker e i nomadi digitali: il 43% degli intervistati sceglierebbe il Sud Italia e le Isole come destinazione privilegiata, il 14% una destinazione del Centro Italia e solo il 10% il Nord Italia.

Ogni programma ha requisiti diversi, ma in genere richiede un reddito compreso tra i 2.000 e i 5.000 euro al mese, un’assicurazione sanitaria completa e una prova di residenza, come un contratto di affitto.

Sebbene i Paesi dell’Ue siano desiderosi di capitalizzare l’afflusso di nomadi digitali stranieri, Eurofound è convinta che sia necessaria una regolamentazione a livello europeo per garantire la protezione dei lavoratori e condizioni di parità, dato che il numero complessivo continuerà ad aumentare.

Nomadi digitali nel mondo

A marzo 2022 gli Stati Uniti sono stati il Paese più visitato dai nomadi digitali. La Thailandia e la Spagna si sono piazzate al secondo posto, con il 5% di questa comunità di viaggiatori che vi ha già soggiornato. Per quanto riguarda le città più visitate dai nomadi digitali, le prime tre sono Londra, Bangkok e New York nel 2022.

Se da un lato si tratta di una buona notizia per i governi, desiderosi di far affluire più denaro nelle loro economie, in particolare grazie a professionisti stranieri ben pagati, dall’altro chi opera sul campo ha delle preoccupazioni riguardo ad altri impatti. Molti sperano che qualsiasi legislazione futura a livello europeo o nazionale non protegga solo i lavoratori a distanza, ma anche le comunità di cui fanno parte.

I nomadi digitali scelgono il luogo di viaggio in base a fattori specifici, come la sicurezza, il prezzo dell’alloggio, la velocità di internet o gli spazi di co-working offerti. Un sondaggio globale online ha rilevato che i fattori principali nella scelta di una destinazione per i nomadi digitali nel 2022 sono il costo della vita e una connessione internet veloce e accessibile per lavorare nelle migliori condizioni. La sicurezza è stata indicata come la componente più importante nel processo decisionale di circa il 15% dei nomadi digitali nella ricerca di una destinazione. Inoltre, 15% delle donne nomadi digitali ha fondato una startup. La maggioranza dei nomadi digitali nel 2022 di sesso maschile lavorava nel settore digitale, con oltre il 30% di sviluppatori di software.

Borghi e centri di innovazione culturale: così l’Italia attira i nomadi digitali

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4