nuovi driver digitali

Il digitale bussola nell’incertezza sistemica: le aree su cui l’Italia deve puntare



Indirizzo copiato

In questa fase di incertezza sistemica, gli investimenti nella trasformazione digitale sono destinati ad assumere un ruolo trainante nella crescita dell’economia. L’industria Ict, e le aziende collegate, devono quindi prestare particolare attenzione a riallinearsi sulle “aree veloci”: ecco quali sono

Pubblicato il 28 nov 2023

Roberto Masiero

Presidente The innovation Group



Digital,Technology,,Big,Data,,Iot,Internet,Of,Things,,Software,Development

L’Italia si trova a un bivio, con la digitalizzazione che sta rimodellando rapidamente il paesaggio economico e sociale. I progressi nell’Intelligenza Artificiale, in particolare, stanno aprendo nuovi orizzonti di potenziale – ma anche portando con sé una serie di sfide significative.

Queste trasformazioni non sono solo teoriche: stanno avendo un impatto tangibile sul futuro del lavoro, con effetti che saranno sentiti per generazioni a venire. Eppure, nel mezzo di questi cambiamenti tumultuosi, emergono opportunità per la crescita e l’innovazione. Per l’Italia, il mercato digitale rappresenta un’area chiave da esplorare e sfruttare.

Il report Digital Italy 2023

Nell’era dell’incertezza sistemica, il digitale rappresenta infatti una direzione tracciata, un’evoluzione ineluttabile. Gli investimenti non possono rallentare, ma anzi sono un asset strategico soprattutto nei momenti di crisi globale, come si è visto durante la pandemia.

L’attuale scenario è infatti caratterizzato dal convergere di importanti fattori di instabilità economica e geopolitica.

Ma come si inserisce l’Italia in questo contesto mondiale? A che punto è il processo di digitalizzazione, considerando anche la collegata sfida della sostenibilità? Stiamo, in definitiva, cogliendo o ci stiamo lasciando sfuggire le grandi opportunità della trasformazione digitale?

Abbiamo cercato di rispondere a queste domande nel nostro report Digital Italy 2023, presentato nelle scorse settimane a Roma durante il “Digital Italy Summit”, importante momento di confronto sui temi della digitalizzazione del nostro Paese. Il Rapporto, frutto di un percorso annuale di ricerca e dei contributi di alcuni tra i più autorevoli esperti e protagonisti del mondo digitale, fotografa la situazione del processo di innovazione digitale delle imprese e della PA. Ma non solo: si pone l’obiettivo di fornire idee, materiali e proposte per “Costruire la nazione Digitale”, titolo e tema a cui è stata dedicata l’ottava edizione del nostro Summit.

Il lavoro si muove su due assi: verticalmente, indagando le innovazioni digitali nei diversi settori del tessuto economico italiano (Pubblica Amministrazione, industria, finanza, sanità e retail); orizzontalmente, approfondendo argomenti trasversali a tutti i settori (futuro del lavoro, sostenibilità, tecnologie disruptive e cybersecurity). Abbiamo, infatti, individuato le considerazioni più significative emerse dai numerosi interventi e che The Innovation Group propone come “linee guida” per accelerare il percorso di innovazione digitale.

Digitale e produttività totale dei fattori

Ampia parte del ritardo di sviluppo dell’Italia è dovuta alla scarsa penetrazione del digitale nei processi pubblici e privati: il Pnrr rimane un’occasione importante per recuperare questo gap di competitività, ma non possiamo sottovalutare la complessità di tale processo. La digitalizzazione è infatti una funzione di produzione complessa, che richiede non solo hardware, ma software, servizi, competenze e reingegnerizzazione dei processi.

Relativamente, ad esempio, al settore pubblico, sappiamo che le 14 misure di PA digitale 2026 sono tutte coperte, ma per fornire al cittadino un servizio finale adeguato tutte le componenti devono funzionare sinergicamente. Si può attivare lo sportello unico digitale, ma se poi mancano la connessione o l’interoperabilità tra le varie banche dati, si rischia di compromettere l’efficacia complessiva del servizio erogato ai cittadini. Dal momento che le 14 misure stanno procedendo a velocità diverse, la fasatura e la capacità di governo complessiva dei processi sono essenziali per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Il boom dell’Intelligenza Artificiale

Il rapidissimo affermarsi dell’AI generativa pone una serie di sfide sul piano economico, sociale ed etico. Per quanto riguarda le sfide politico-economiche, la differenza tra la quarta rivoluzione industriale, caratterizzata dalla digitalizzazione, e le precedenti sta nella sua estrema pervasività e rapidità.

Di fatto non ci si può isolare da questo processo, che presenta quindi possibili rischi di controllo (evitare di esser profilati anche involontariamente non è semplice), ma anche importanti benefici in termini di qualità e quantità di servizi offerti a cittadini (servizi pubblici), pazienti (telemedicina), clienti (disponibilità di prodotti e servizi).

Di fatto assume importanza critica la capacità di investimento in questo settore: investimenti che non sono più semplicemente a livello di aziende, ma di Stati e grandi blocchi continentali. Il suo ruolo strategico per il medio-lungo termine evidenzia, per l’Italia, la necessità di migliorare la sua posizione in quest’area. Un dato che dimostra quanta strada c’è ancora da percorrere è che solo il 6% delle imprese italiane ha introdotto l’AI nel proprio business, contro l’8% della media europea.

Le implicazioni sociali ed etiche dell’IA

Per quanto riguarda le implicazioni sociali ed etiche, emerge dal Rapporto come l’AI consenta sempre di più di “sartorializzare” mondi personali intorno alle informazioni che riteniamo più interessanti: quanto più attraverso le tecnologie conosco l’individuo, tanto più posso personalizzarlo, ma anche manipolarlo. C’è inoltre il rischio che l’AI diventi un potente strumento nelle mani del cybercrimine e della disinformazione. Per tutti questi motivi è necessario un codice etico.

L’impatto della digitalizzazione sul futuro del lavoro

L’economia digitale ha un forte impatto in termini di aumento della produttività. Ma l’effetto sulla trasformazione del lavoro, anche considerando i cambiamenti indotti dalla pandemia, è più complesso, per una serie di fattori:

  • frequenza e pervasività dell’innovazione tecnologica;
  • effetto combinatorio di Big Data/AI e degli impatti difficilmente prevedibili dell’AI generativa sui lavori tradizionali;
  • richiesta di un alto tasso di competenza, che porta a una oligarchia tecnologica dei nuovi mestieri;
  • la mobilità del lavoro intellettuale, che determina una nuova competizione fra i territori;
  • un nuovo sistema di valori che porta a fenomeni di massa come la great resignation e il quiet quitting, praticamente sconosciuti in passato;
  • l’esigenza di introdurre nuove tecnologie e piattaforme per garantire la digital employee satisfaction come condizione per trattenere il prezioso capitale umano.

Come evidenziato dall’Indice di digitalizzazione dell’economia e della società (DESI) della Commissione Europea, gli specialisti Ict costituiscono il 3,8% della popolazione, punteggio al di sotto della media europea (4,5%). Questo dato sottolinea l’importanza di formare futuri professionisti in queste aree e focalizzare gli sforzi diretti allo sviluppo di competenze digitali superiori a quelle di base tra i cittadini.

Le “aree veloci” su cui costruire la crescita

Alla luce dello scenario macroeconomico attuale, nel Rapporto si stima una crescita del mercato digitale italiano nel 2023 pari al +2,7% e la previsione è simile per il 2024, con andamenti differenziati per i segmenti dell’hardware (+2,0% di crescita annua del 2023 e +0,9% previsto nel 2024), software (+5,6% nel 2023 e +6,2% nel 2024) e servizi (+2,7% nel 2023 e +2,8% nel 2024).

Come evidenziato nella nostra analisi, trasversalmente a questi tre settori esistono alcune “aree veloci”, a crescita più rapida e strategiche per la competitività futura delle imprese e dell’Italia stessa: li abbiamo chiamati New Digital Driver e sono tecnologie di nascita recente o che negli ultimi anni hanno vissuto un rapido sviluppo, come Artificial Intelligence (AI), Blockchain, Servizi Cloud, Cybersecurity, Internet of Things, Wearable Technology (dispositivi indossabili).

Soprattutto in questa fase di incertezza sistemica, gli investimenti nella trasformazione digitale sono destinati ad assumere un ruolo trainante nella crescita dell’economia. L’industria Ict, e con lei le aziende utenti, devono quindi prestare particolare attenzione a riallinearsi sulle “aree veloci”.

Conclusioni

Si parla spesso dei punti deboli del sistema Italia, come il citato problema delle competenze, ma è utile concentrarsi anche sui punti di forza delle nostre imprese: per esempio, il tasso di adozione del Cloud pari al 52%, ben superiore alla media europea del 34%. Inoltre, anche grazie ai progetti di Industria 4.0, il 70% delle nostre Pmi ha raggiunto almeno un livello di digitalizzazione di base. Dobbiamo far leva su questi punti di forza e investire con maggior decisione sulle altre “aree veloci”, per far crescere in Italia non solo il valore del mercato Ict ma anche la più ampia “economia digitale”, ovvero l’insieme delle attività economiche, dei processi e delle relazioni rese possibili dall’utilizzo di tecnologie digitali.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4