Bandi digitali e pnrr

Il linguaggio oscuro della PA digitale: perché è essenziale renderlo più comprensibile



Indirizzo copiato

La recente tornata di bandi e finanziamenti del PNRR è stata accompagnata spesso da testi di bando criptici o poco funzionali per l’utente finale. Certo, non si può pensare di ridurre il linguaggio giuridico ad un livello colloquiale. Può però essere fatto uno sforzo maggiore per rendere più comprensibile il linguaggio di istituzioni e PA

Pubblicato il 29 giu 2023

Lorenzo Quadrini

Legal Counsel – Privacy presso Aris



comuni pnrr bonus digitale

Il linguaggio, nella sua accezione di insieme di regole e strumenti complessi per l’espressione del pensiero, è ovviamente un elemento comune a quasi tutte le discipline umane. Di particolare rilievo risulta essere la scelta e l’utilizzo del linguaggio nel campo giuridico, all’interno del quale troviamo discipline eterogenee, ma tutte protese ad un unico scopo: la regolamentazione della società.

Il linguaggio giuridico (che può spaziare su diversi registri, da quello accademico a quello giurisprudenziale) dovrebbe avere come obiettivo comune quello di essere tecnicamente adeguato, senza perdere però di chiarezza e comprensibilità per il lettore finale, soprattutto nel momento in cui il documento non sia rivolto solo e soltanto ai tecnici.

Rimane invece assodato, sia nella percezione comune, che nelle critiche di molti tra giuristi, magistrati e avvocati, che allo stato attuale sia presente un grosso scollamento tra il linguaggio utilizzato dagli addetti ai lavori e gli utenti finali. Questo problema, se sottovalutato, non farà altro che acuirsi in un periodo di forte digitalizzazione dei processi giuridici ed amministrativi, ormai sempre più diretti nella comunicazione tra operatori e cittadini.

Bandi PNRR e digitale: testi poco fruibili

Esemplificando il concetto, basti pensare alla recente tornata di bandi e finanziamenti promossi dallo Stato sulla scia dei fondi del PNRR, a cui ha fatto seguito un innegabile sforzo di digitalizzazione (creazione dei portali, sistemi di iscrizione ed autenticazione, caricamento dei documenti online, ecc), accompagnato però spesso da testi di bando criptici o poco funzionali per l’utente finale. Certo, non si può pensare di ridurre il linguaggio giuridico ad un livello colloquiale, essendo necessario mantenere un certo rigore tecnico e formale. Può però essere fatto uno sforzo maggiore per rendere più comprensibile il linguaggio di istituzioni e pubblica amministrazione, con il fine ultimo di raggiungere una fruibilità che sia non soltanto tecnica, ma anche semantica.

Disattese le indicazioni di chiarezza del CAD

Questo concetto è ribadito con forza dal Codice dell’Amministrazione Digitale, il quale nell’art. 53 stabilisce che “le pubbliche amministrazioni realizzano siti istituzionali su reti telematiche che rispettano i principi di accessibilità, nonché di elevata usabilità e reperibilità, anche da parte delle persone disabili, completezza di informazione, chiarezza di linguaggio, affidabilità, semplicità dì consultazione, qualità, omogeneità ed interoperabilità. Sono in particolare resi facilmente reperibili e consultabili i dati di cui all’articolo 54”. Sulla scorta del dettato normativo sono state nel tempo elaborate alcune linee guida, nonché un manuale operativo, disponibili su docs.italia, al fine di garantire alle PA uno strumento di formazione e raccordo nell’ottica di uno sviluppo digitale fruibile per l’intero consesso sociale.

La Guida al linguaggio della Pubblica Amministrazione

All’interno del manuale sopra menzionato, oltre a numerosissime indicazioni concernenti le best practices di costruzione dei portali web delle pubbliche amministrazioni (riguardanti l’user experience, l’usabilità, l’affidabilità, la trasparenza, ecc.) è presente anche un rimando alla Guida al linguaggio della Pubblica Amministrazione. Si tratta di una sorta di vademecum, strutturato su tre parti – vocabolario, tono di voce e suggerimenti di scrittura – che indicano in maniera dettagliata come riferirsi ai propri utenti a seconda delle esigenze. Il lavoro proposto è indubbiamente valido, ma non esente da critiche.

Vocabolario

L’elenco dei vocaboli risulta spesso fuori fuoco o comunque poco applicabile ai casi concreti. Giusto per fare qualche esempio:

  • Viene sconsigliato l’utilizzo del termine “ammenda” e suggerito l’utilizzo del termine “multa o contravvenzione”, quando in realtà i tre termini (a rigore di legge) non sono sovrapponibili.
  • Vengono sconsigliati moltissimi termini inglesi, alcuni entrati nel linguaggio comune degli utenti (come per esempio “FAQ”)
  • Vengono inseriti molti suggerimenti di semplice compilazione (come le corrette maiuscole o minuscole).

Il risultato finale, quindi, è un insieme di suggerimenti che non mettono adeguatamente a fuoco le esigenze di chiarezza, trasparenza e comprensibilità della comunicazione della PA, a fronte di una serie di interventi mirati ad una correzione formale certo necessaria ma non sufficiente a raggiungere l’obiettivo principale.

Tono di voce

Passando brevemente al capitolo dedicato al tono di voce, emerge uno sforzo notevole sul versante di tematiche di interesse, ma anche qui manchevoli di uno sguardo di insieme (sono presenti, infatti, esempi e suggerimenti inerenti alla stesura di moduli di pagamento, blog, registrazioni, ma non sono presenti delle linee guida efficaci per l’interlocuzione sui servizi, sulle news normative e sull’applicazione del potere amministrativo in quanto tale).

Suggerimenti di scrittura

Nettamente più centrato risulta invece il capitolo “Suggerimenti di scrittura”, nel quale vengono affrontate tematiche essenziali per strutturare in maniera corretta e fruibile un portale della PA. Tra gli argomenti proposti emergono infatti l’accessibilità e l’inclusione, l’usabilità (che passa dalla struttura di bottoni e label fino ai messaggi di conferma ed errore), le regole di impaginazione, le immagini e la scrittura per motori di ricerca.

Nel complesso, quindi, emerge un quadro promettente ma non ancora completo, che fa emergere alcuni problemi da affrontare.

Portali amministrativi a rischio spezzettamento

Chiaramente il manuale di docs.italia rappresenta un semplice suggerimento per le PA, di talché gli eventuali limiti qui esaminati non impediscono minimamente alle amministrazioni pubbliche di intervenire sui propri servizi digitali in maniera più puntuale e completa. Di contro, però, si nota che la mancanza di strumenti più incisivi e di sforzi più concreti per omologare i servizi digitali pubblici a delle pratiche virtuose univoche e riconoscibili potrebbe portare ad uno scollamento e spezzettamento dei portali amministrativi (ed effettivamente tale scollamento è già riscontrabile). Ancora, emerge la mancanza di un focus verso l’adozione di un linguaggio comprensibile e trasparente non soltanto nella forma ma anche e soprattutto nel contenuto del dettato normativo, amministrativo e gestionale dei servizi pubblici. Un sito web perfettamente in linea con le best practices di usabilità e user experience che poi contempli al suo interno contenuti criptici, poco comprensibili ed eccessivamente tecnici rimane, di fatto, poco utile e funzionale per l’utente finale.

Conclusioni

La soluzione, quindi, è quella di incentivare e promuovere una scrittura accessibile “by default”, con la quale sintetizzare le necessità tecniche del linguaggio giuridico-amministrativo alle istanze di comprensibilità e facilità di fruizione del cittadino. Lo sforzo non è banale, ed è chiaro che non si possa né svilire l’attività delle PA con registri esageratamente informali né adeguare ogni singola produzione documentale alle esigenze di soggetti che non abbiano le necessarie competenze tecniche. Quello che è possibile fare, però, è spingere verso uno studio ed un approccio più chiaro e sintetico tutti i professionisti amministrativi e giuridici, come per esempio fatto dall’Accademia della Crusca, che da nove anni a questa parte promuove, in collaborazione con alcuni Ordini professionali ed Università, un corso di perfezionamento in professioni legali e scrittura del diritto e tecniche di redazione per atti chiari e sintetici.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3