Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

IBM

Intelligenza artificiale, “i tre principi per sfruttarla al meglio (anche nella PA)”

di Francesco Stronati, Vice President Health & Public Sector IBM Italia

27 Apr 2017

27 aprile 2017

Finalità, trasparenza, competenze sono i tre principi alla base di un’adozione responsabile dell’Intelligenza artificiale da parte di tutti e per non lasciarsi sviare dagli scenari, spesso inquietanti, prospettati da cinema e letteratura

Il termine non aiuta. La letteratura e il cinema spesso ci hanno prospettato scenari inquietanti. Sta di fatto che oggi tutti parlano di Intelligenza Artificiale e spesso sono i robot a identificarla anche se ne rappresentano solo una possibile interfaccia.

Con Intelligenza Artificiale in realtà si identificano tutte le soluzioni tecnologiche che emulano il cervello umano nel funzionamento e nella modalità in cui prende le decisioni. Attraverso l’apprendimento automatico (machine learning) queste soluzioni riescono a raccogliere, leggere e interpretare i dati e imparano dai risultati e dalla loro loro interazione con l’uomo.  Noi infatti preferiamo chiamarli sistemi cognitivi – sono in grado di imparare, ragionare e formulare ipotesi fino ad interagire con l’uomo nel modo a lui più naturale, il linguaggio – e parliamo di Intelligenza Aumentata proprio perché queste soluzioni per le loro capacità sono un prezioso sopporto, che affianca, valorizza, potenzia l’intelligenza umana.

I sistemi cognitivi sono di grande aiuto in ogni campo proprio perché rendono disponibili in tempo reale dati e informazioni che richiederebbero mesi e anni di lavoro, dando anche indicazioni e suggerimenti basati sulla casistica e sulle esperienze. Alcuni esempi evidenti. Nel mondo della Sanità aiutano ad accelerare i progressi nella Ricerca e a personalizzare cure e trattamenti; nella Pubblica Amministrazione, dati e indicazioni aiutano a fornire migliori servizi ai cittadini, ottimizzando l’utilizzo delle risorse e aumentando l’efficienza; in campo giuridico-legale danno evidenza immediata di casi e situazioni che richiederebbero mesi e anni di studi e consultazioni. Ma le applicazioni in realtà sono infinite perché i dati, strutturati e non, come le immagini i video, sono una fonte preziosa per conoscere il comportamento di clienti e cittadini, per evitare gli errori, ridurre le inefficienze, migliorare la qualità dei servizi, prevedere orientamenti e anticipare aspettative, metter a fuoco intuizioni e nuove idee.

Queste tecnologie si confermano preziose per tutti e avranno profonde implicazioni su ogni aspetto della vita e del lavoro di ciascuno di noi. Vanno però conosciute e utilizzate in modo adeguato per consentirne un’adozione responsabile da parte di tutti.

E la IBM ha identificato pochi, ma chiari, principi guida.

Finalità: la tecnologia, i prodotti, i servizi e le politiche di utilizzo dell’Intelligenza Artificiale e dei sistemi cognitivi devono essere sempre progettate in modo tale da arricchire ed estendere le capacità, le competenze e il potenziale umano. I sistemi cognitivi non acquisiranno mai una coscienza né agiranno autonomamente. Faranno sempre più parte della nostra società, ma saranno e dovranno sempre rimanere sotto il controllo umano.

Trasparenza: affinché i sistemi cognitivi possano esprimere tutto il loro potenziale, è fondamentale che le persone conoscano il loro funzionamento e abbiano fiducia nelle loro analisi, nelle loro valutazioni e nelle modalità di utilizzo. Per questo è importante comunicare chiaramente quando e per quale scopo vengono utilizzate le soluzioni cognitive, da quali fonti ed esperienze vengono recuperati i dati, quali metodologie vengono adottate per formulare le analisi e le valutazioni. In questo scenario è fondamentale che chi utilizza questi sistemi rimanga proprietario delle competenze e della proprietà intellettuale.

Competenze: i benefici che provengono dall’uso di queste nuove soluzioni nascono anche da una corretta valutazione delle relative implicazioni sulle attività dell’essere umano. Questo vuol dire nuove competenze, nuove attività, nuovi ruoli e formazione per tutti: studenti, dipendenti e cittadini.

Come si può intuire l’Intelligenza Artificiale introduce nuovi paradigmi e offre nuove, fantastiche prospettive, ma oggi non riusciamo a dire quali e quanti potrebbero essere gli ambiti e le modalità di impiego. Gli orizzonti saranno solo quelli indicati e definiti dall’intelligenza umana. Per questo è importante lavorare da subito insieme: imprese, istituzioni, scuole e università. C’è bisogno di fiducia nei confronti di tali tecnologie per sfruttarle al meglio e al meglio per l’umanità.
Siamo pronti ad avviare un dialogo a tutti i livelli affinché si possano cogliere concretamente tutte le opportunità sociali ed economiche di questo futuro cognitivo?

  • Federico

    come già detto per il contributo di Nardi, l’AI può essere un mezzo effice per potenziare i servizi della PA, oltre gli ambiti tradizionali del’ICT.
    Apprezzo l’approccio descritto, specialmente il richiamo al fattore cognitivo e che alcuni autori anglosassoni individuano nelle “extended
    capabilities” rese disponibili: la possibilità tramite l’AI di fornire
    all’operatore/utente le migliori risposte ai problemi che si stanno
    affrontando, in base al contesto e all’apprendimento delle “lesson
    learned” in casi equivalenti. Al di là delle già propagandate
    applicazioni in campo sanitario, magari basterebbe un ragionevole
    supporto per districarsi meglio nelle meandri (talvolta bizantini e
    stratificati) delle norme e della burocrazia!

Articoli correlati