anagrafe unica

ISTAT: “Così migliorerà il nostro censimento grazie ad ANPR”

ANPR e ISTAT lavoreranno sempre più a contatto su un più evoluto sistema di revisione delle informazioni anagrafiche con grossi risparmi economici. La prova dalle prime tornate censuarie tra 2018 e 2021. Prevista una progressiva convergenza tra ANPR e censimento che impatterà su programmazione, gestione e servizi

07 Dic 2017
Saverio Gazzelloni

Direttore Direzione centrale per la raccolta dati - ISTAT

identità_452076250

L’ANPR e il censimento permanente della popolazione sono due innovazioni fondamentali per il Paese. La centralizzazione in un’unica banca dati delle circa 8.000 anagrafi comunali e la trasformazione delle operazioni censuarie da decennali ad annuali avranno infatti importanti ripercussioni sulla conoscenza necessaria alla programmazione e alla gestione del territorio.

La centralizzazione del contenuto delle anagrafi comunali e delle procedure di aggiornamento comporta importanti incrementi della qualità delle informazioni relative alla popolazione residente (basti pensare alla gestione dei trasferimenti di residenza non più gestiti in due Anagrafi diverse, ma trattati unicamente come una mutazione anagrafica nell’ambito di un unico DB centralizzato), e renderà numerosi servizi ai cittadini e alle Istituzioni che necessitano di tali informazioni.

Il censimento permanente, d’altra parte, non sarà più effettuato porta a porta presso tutta la popolazione, ma combinerà rilevazioni campionarie (realizzate in circa 1.100 Comuni tutti gli anni e in 1.700 Comuni che ruoteranno annualmente) con lo sfruttamento intensivo di archivi amministrativi – coerentemente alle indicazioni che emergono dal contesto normativo europeo. Produrrà più informazione riducendo il disturbo statistico, fornirà dati di natura censuaria (e non campionaria) con maggiore continuità e consentirà anche un notevole risparmio di risorse economiche.

Tra gli attori istituzionali che interagiscono con ANPR, l’ISTAT riveste un ruolo particolare: non è solo utente di ANPR, dal momento che, unitamente al Ministero dell’Interno, svolge funzioni specifiche in ragione dei compiti di vigilanza anagrafica che il Regolamento anagrafico gli assegna.

In linea generale, le intersezioni tra ANPR e ISTAT sono numerose: il Ministero dell’Interno e l’ISTAT definiscono standard e indicatori finalizzati a monitorare la qualità dei dati nella fase di subentro in ANPR; ANPR rende disponibili all’ISTAT i dati di stock e flusso, acquisiti storicamente dai singoli Comuni, presenti in Anagrafe Nazionale e necessari alla produzione delle statistiche ufficiali sulla popolazione, nel rispetto di normative nazionali e internazionali, così come specificato nel DPCM 194/2014. Inoltre, le operazioni di censimento permanente usufruiranno di ANPR in fase di input, favorendo la reingegnerizzazione su base individuale della contabilità demografica, e restituiranno informazione ad ANPR in fase di output, prefigurando un più evoluto sistema di revisione permanente delle informazioni anagrafiche.

Questo ultimo punto è particolarmente importante e merita una riflessione a parte.

Tradizionalmente ogni dieci anni, in occasione del censimento della popolazione, si sono dovute confrontare 3 diverse quote di popolazione: a) quella presente nelle Anagrafi comunali, b) la popolazione censuaria e c) quella calcolata dall’ISTAT sommando alla precedente popolazione censuaria i dati di flusso raccolti con continuità dai Comuni nell’intervallo tra i due censimenti. L’ISTAT, sulla base di questo confronto, ha prodotto ogni dieci anni la cosiddetta “popolazione legale” che dava il via alle operazioni post-censuarie di revisione anagrafica. In questa fase i Comuni hanno dovuto verificare i risultati e, conseguentemente, confermare la presenza o la cancellazione di ogni cittadino dalla lista anagrafica. Il censimento, in sintesi, è sempre stato un fattore fondamentale per la “pulizia” delle Anagrafi e, quindi, per la “buona tenuta” delle stesse.

L’ANPR e il censimento permanente non modificano l’aspetto di fondo di questo sistema, il processo e la necessità della revisione anagrafica (peraltro esaurientemente normati) rimangono gli stessi. Ciò che cambia è la qualità dei processi e dei prodotti, di fatto potenzialmente molto superiore.

Sulla base dell’accordo siglato tra Ministero dell’Interno e ISTAT nel mese di dicembre del 2016, ANPR fornirà a ISTAT tutte le variazioni e mutazioni anagrafiche in tempo reale, prefigurando così la possibilità di un aggiornamento della cosiddetta “popolazione calcolata” intercensuaria con il massimo della tempestività.

Diventa in tal modo possibile non solo produrre il calcolo della popolazione sulla base di microdati anagrafici (prospettiva perseguita dall’ISTAT da alcuni anni, ma decisamente rafforzata dallo sviluppo del progetto ANPR), ma anche rendere permanente il meccanismo della revisione anagrafica, con indubbi vantaggi per ANPR e per ISTAT.

Si consideri, a tal proposito, che nell’intervallo decennale tra due censimenti la differenza tra popolazione anagrafica (affetta generalmente da una sovrastima della popolazione residente) e la popolazione censuaria ha sempre ammontato a circa 1 milione – 1 milione e mezzo di persone. Le operazioni di revisione anagrafica hanno sempre avuto a che fare, dunque, con distanze molto significative, con conseguente necessità di investire molte risorse (e per molto tempo) nelle operazioni di riallineamento tra censimento e anagrafi.

La grande opportunità di poter attivare annualmente il meccanismo della revisione anagrafica comporta la possibilità di lavorare su distanze decisamente minori (circa un decimo, ovviamente) tra la popolazione ufficiale prodotta dall’ISTAT con il censimento permanente e la popolazione presente in anagrafe. Il meccanismo verrà attivato in occasione delle prime tornate censuarie previste annualmente tra il 2018 e il 2021 e riguarderà, pertanto, sia comuni subentrati in ANPR sia comuni non subentrati, con indubbi aspetti positivi per il sistema nel suo complesso. Ovviamente l’interazione con ANPR presenta ulteriori vantaggi in termini di qualità, fattibilità e tempestività dei controlli, in quanto le stesse modifiche introdotte in ANPR a valle delle operazioni di revisione saranno di nuovo trasmesse all’ISTAT tramite il dialogo permanente tra sistemi dell’ISTAT e sistemi del Ministero dell’Interno, laddove non sarà possibile effettuare questo confronto continuo con i DB anagrafici dei comuni non subentrati.

È possibile così prevedere un processo di progressiva convergenza tra ANPR e censimento della popolazione. Convergenza estremamente importante per il Paese, se si tiene conto del fatto che da un lato la base anagrafica di ANPR sarà utilizzata da altre Istituzioni fondamentali per la vita dei cittadini e, dall’altro, che la popolazione ufficiale prodotta annualmente dall’ISTAT è punto di riferimento, a livello normativo, per numerosissimi aspetti della vita del Paese  (dalla definizione dei collegi elettorali ai sistemi elettorali comunali, dal contributo offerto alla determinazione del Fondo sanitario regionale a numerosi altri aspetti dell’organizzazione del territorio) e i dati prodotti dal Censimento rappresentano per i decisori pubblici, le imprese, le associazioni di categoria e altri soggetti collettivi importanti informazioni a supporto della programmazione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3