Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Sanità digitale

Progressi e ostacoli della Telemedicina in Italia

di Gregorio Cosentino, Cdti

09 Mar 2015

9 marzo 2015

Il nuovo documento programmatico per il Patto per la Sanità Digitale prevede oggi nelle priorità del Patto anche teleconsulto, tele refertazione, telediagnosi, tele monitoraggio, tele riabilitazione, telemedicina e integrazione con il Fascicolo Sanitario Elettronico. Ma ci sono ancora molti problemi da superare. Fra tutti, manca la definizione tariffaria per le prestazioni in telemedicina

Il Patto per la Sanità Digitale, ormai giunto sul tavolo delle Regioni per essere successivamente approvato in Conferenza Stato Regioni, sottolinea ancora una volta come la riorganizzazione della rete assistenziale del Servizio Sanitario Pubblico sia oggi una priorità non soltanto per le regioni che sono coinvolte in un piano di rientro finanziario, ma più in generale per tutte le Amministrazioni che devono conciliare la crescente domanda di salute con i vincoli di bilancio esistenti. Ed evidenzia come l’innovazione digitale sia un fattore abilitante e in taluni casi determinante per la realizzazione di modelli sia assistenziali che organizzativi rispondenti alle nuove necessità.

Di mio aggiungo che parte essenziale di tale innovazione digitale sono le soluzioni di Mobile Health, Telemedicina e Fascicolo Sanitario Elettronico, a costituire  un triangolo virtuoso che certamente favorisce il migliore sviluppo della Sanità Digitale in Italia.

Con il termine Telemedicina ci si riferisce a modalità di erogazione di servizi di assistenza sanitaria, tramite il ricorso a tecnologie innovative, in particolare alle ICT, in situazioni in cui il professionista della salute e il paziente non si trovano nella stessa località. E tutti siamo d’accordo nell’affermare che la Telemedicina è sia una opportunità che una necessità.

È già un grande risultato che il nuovo documento programmatico per il Patto per la Sanità Digitale preveda oggi nell’elenco delle priorità del Patto anche teleconsulto, tele refertazione, telediagnosi, tele monitoraggio, tele riabilitazione, telemedicina e integrazione con il Fascicolo Sanitario Elettronico.

Ed è un bene che ormai settimanalmente i principali stakeholder organizzino incontri tesi non solo a enfatizzare quanto sia necessaria la telemedicina, ma anche a individuare i migliori percorsi affinchè finalmente si passi dal dire al fare, come riportato nel titolo del libro bianco sulla Telemedicina realizzato del Club Dirigenti Tecnologie dell’Informazione CDTI di Roma.

Ma ci sono ancora vari ostacoli da superare. Intanto, la Telemedicina deve proporsi in modo innovativo al SSN anche rispetto al modello di rimborsabilità, al fine di consentire alle amministrazioni una corretta e dinamica pianificazione ed allocazione dei costi nonché una diretta correlazione degli stessi ad evidenze dei benefici apportati al Sistema. La definizione tariffaria per le prestazioni in telemedicina si ritiene quindi essenziale: la telemedicina è una modalità di cura che migliora efficacia, efficienza ed appropriatezza del sistema e non includerla nelle prestazioni del SSN riduce l’efficienza ed aumenta gli sprechi. Come proposta per il breve termine, il CDTI  suggerisce di definire una rimborsabilità delle prestazioni per analogia, univoca su tutto il territorio nazionale. In prospettiva, bisognerà definire nuovi modelli di rimborso legati alle patologie croniche.

E’ inoltre fondamentale assegnare una voce di spesa budgettaria ai servizi di telemedicina, a garanzia del loro utilizzo nelle strutture sanitarie. Tale proposta, pur rappresentando un significativo passo avanti, non è però esaustiva, se da una parte ne può agevolare l’utilizzo, dall’altro comporta il rischio che non venga garantita l’appropriatezza della prestazione di telemedicina.

L’appropriatezza è garantita dal fatto che l’operatore sanitario utilizza i servizi di telemedicina non a propria discrezione, ma perchè sono inclusi in percorsi assistenziali standard (PDTA), adattati alle esigenze specifiche della persona (PAI). Questo si porta dietro la necessità di definire un nomenclatore dei servizi di telemedicina e di definire nuovi PDTA (socio-sanitari) per la gestione della cronicità sul territorio e della disabilità in cui siano inseriti i servizi di telemedicina.

Il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ha recentemente annunciato il rilascio dei nuovi Livelli Essenziali di Assistenza sanitaria, che saranno finanziati attraverso il Fondo sanitario nazionale con ulteriori 470 milioni di euro. La proposta sarà esaminata quindi dalla Conferenza delle Regioni prima del passaggio in Conferenza Stato-Regioni. Mi sarei aspettato, ma purtroppo cosi non è stato, l’introduzione all’interno dei nuovi LEA di livelli essenziali di sanità digitale con modalità di rimborso ad hoc per le prestazioni di Telemedicina. La speranza è che si sia ancora in tempo a rimediare. Vorrebbe dire che finalmente si vuole realmente puntare a migliorare efficacia ed efficienza della Sanità grazie alla introduzione della Sanità Digitale.

 

  • rafbern

    Sono diventati “noiose” e “ripetitive” le dissertazioni tecnico-politico- sanitarie sulla telemedicina e sulla e-Health. Ed alcuni progetti che vengono realizzati hanno l’aspetto “della macchia di leopardo” o del “vestito di Arlecchino”. E speso non se ne sa più nulla e quali risultati abbiano prodotto. Sono state create le lnee d’indirizzo nazionali sulla telemedicina, ma anche che cosa hanno o stanno “combinando” le regioni con tali linee non è dato saperlo.Non ci sono risorse adeguate e il ministro Lorenzin si affanna ad enfatizzare la sanità elettronica…E quindi è inutile disquisire sempre con dotti interventi sulla materia. Non si sa ancora quando “usciranno” i nuovi Lea, dei quali la Lorenzin ha previsto l’applicazione entro il prossimo mese di giugno (????). Rimane sempre la speranza ( spes ultima dea….) che in Italia i servizi di telemedicina e di sanità elettronica si sviluppino su vasta scala per produrre -come afferma la Commissione Europea- benefici ai pazienti, ai sistemi sanitari, alla società.E per orea non si va più in là, purtroppo….

  • rrrongo!

    il dott. Pippo, affermato specialista presso un rinomato centro di eccellenza medica, il primo mercoledì di ogni mese prende l’aereo e raggiunge lo studio medico privato di un collega in una ridente cittadina del Sud Italia. Qui in 8 ore visita i 30 fortunati pazienti che sono riusciti a conquistare la posizione proprio quel mese, prenotando alla gentile segretaria dello studio.
    Il 30 per cento delle visite viene registrato e denunciato nella dichiarazione dei redditi dello specialista, il rimanente…puf!. Un giorno il centro di eccellenza, con il solo scopo di evitare dove possibile lunghi e costosi viaggi a paziente e famigliari, decise di offrire allo specialista la possibilità di effettuare visite in modalità telematica. Pensate, il sistema era così efficiente da registrare ogni tele-visita in un registro dove si sarebbero fatti i conti per bene: la tariffa sborsata dal paziente (in mancanza di una regolamentazione interregionale e ufficiale della prestazione) sarebbe stata diligentemente suddivisa tra lo specialista, il centro di eccellenza, il personale presso lo studio medico dove il paziente si doveva recare per la tele-visita, i costi tecnici, il servizio di prenotazione. Il tutto alla luce del sole! Cosa immaginate abbia risposto il nostro rinomato specialista?

Articoli correlati