Amazon

Alexa dà voce ai morti? Così cambia il nostro rapporto col lutto

Le sfide poste da strumenti come Alexa di Amazon che è in grado di creare una voce digitale di un defunto, sono tante, ma non bisogna far prevalere i pregiudizi o le paure. Ecco perché

28 Giu 2022
Davide Sisto

Università di Trieste

digital-death

Da qualche giorno i quotidiani internazionali si stanno concentrando su una nuova sorprendente, e per alcuni versi inquietante, capacità che sembra aver acquisito Alexa durante i suoi ultimi aggiornamenti: l’imitazione precisa delle voci umane.

Come è stato mostrato durante l’evento Amazon Re:Mars conference a Las Vegas, pare che il training richieda non più di un minuto di ascolto di un file audio della voce della persona che si intende imitare o, addirittura, replicare.

Rohit Prasad, il vice presidente senior del team che si occupa dell’assistente vocale di Amazon, per presentare la nuova funzione ha riprodotto un video in cui Alexa legge a un bambino una favola con la voce, perfettamente riprodotta, della nonna morta poco tempo prima. Questa particolare imitazione – non solo di una persona umana, ma addirittura di una persona umana deceduta – ha ovviamente creato un generale scompiglio, sollevando riflessioni di natura etica.

La nostra voce vivrà dopo di noi, grazie all’AI: siamo sicuri sia una cosa buona?

Alexa dei morti e digital death, come cambia il nostro rapporto col lutto

Da studioso che si occupa da diversi anni dei temi principali che riguardano la cosiddetta Digital Death e che si confronta con i vari ambiti impegnati nell’elaborazione del lutto e nella gestione delle eredità dei morti, non mi sorprende in alcun modo questa novità.

WHITEPAPER
Perchè dovresti sfruttare il CRM per un marketing basato sull'esperienza
CRM
Marketing

Anzi, nelle ultime conferenze e lezioni che ho tenuto sul tema della morte digitale, nel corso di questi anni, mi è capitato spesso, descrivendo una serie di invenzioni tecnologiche volte alla riproduzione più o meno automatica delle persone decedute, di dire enfaticamente che il futuro prossimo della memoria umana consiste proprio nell’uso diffuso di una specie di Alexa dei morti.

Ispirati dalla ormai classica puntata “Be right back” di Black Mirror, nonché dall’applicazione Luka di Eugenia Kuyda e dal griefbot paterno di James Vlahos, numerose attività scientifiche mondiali stanno cercando di fare da tempo proprio ciò a cui mira oggi Alexa: duplicare o replicare post mortem i singoli individui, automatizzando con l’uso dell’intelligenza artificiale la quantità di dati con cui essi hanno prolungato e tratteggiato digitalmente sé stessi nel corso della propria vita. In tal modo, queste attività scientifiche intendono fornire a chi resta il numero più elevato possibile di elementi biografici o narrativi della persona deceduta. Ho parlato spesso, pure su Agendadigitale, delle varie attività scientifiche in corso, ciascuna con le sue caratteristiche specifiche: da Eter9/Dduplicata al momentaneamente sospeso Eterni.me, da Hereafter AI a Mind Bank AI, da Personal AI al nostrano Memory, senza contare tutti gli esperimenti in realtà virtuale (in primis, il documentario sudcoreano I met you). Un anno fa circa, la stessa Microsoft aveva dichiarato che stava pensando di utilizzare l’intelligenza artificiale per creare un chatbot in grado di imitare la voce del defunto. Ed esistono anche esperimenti nel campo delle onoranze funebri che si muovono in questa direzione: in Svezia, per esempio, un’azienda ha previsto la possibilità di utilizzare, nel giro di qualche anno, un software di riconoscimento vocale e uno di realtà virtuale per mezzo di cui produrre un vero e proprio ologramma o avatar del morto da offrire ai propri clienti in lutto.

La morte dopo una vita iperconnessa

L’attuale vita iperconnessa, onlife o OmO (online merge offline) che dir si voglia, ci spinge a investire una significativa quantità di tempo nella costruzione delle nostre identità online, ciascuna rivestita di un numero incalcolabile di parole scritte, immagini fotografiche e registrazioni audiovisive. Diversi studi di natura statistica prevedono, nel 2100, miliardi di profili di utenti deceduti all’interno dei social media attuali, sempre che rimangano attivi o non vengano sostituiti da qualche novità tecnologica. Pertanto, è consequenziale il tentativo di aggiungere un tassello importante a quel percorso tipicamente antropologico intento ad ampliare con la tecnologia le possibilità di registrare la nostra presenza nel mondo, permettendoci di rimanere presenti – almeno, simbolicamente – anche dopo il decesso. Dalla scrittura alla fotografia, dal fonografo alla radio e alla televisione, fino ad arrivare oggi alle tecnologie digitali. Registrazione e, dunque, possibilità della rappresentazione eterna. Assenza definitiva dell’amato e, dunque, bisogno consequenziale di una nuova forma di presenza per limitare il dolore della privazione. Pensiamo alla celeberrima obiezione socratica all’uso della scrittura, la cui unica utilità sarebbe quella di rinfrescare la memoria di chi già ne conosce il contenuto. Cercando di aggirare l’assenza, la scrittura manifesterebbe, però, una cosa sola e sempre la stessa, conservando un “maestoso silenzio”. Ora, proprio l’osservazione socratica contenuta nel Fedro ci pone dinanzi, soprattutto, a una questione che necessiterebbe di un approfondimento attento: l’Alexa che dà voce ai morti, lo fa seguendo la via della cosiddetta immortalità a senso unico o quella a doppio senso?

La morte nell’era dei “dati eterni”: che ne sarà del nostro corpo digitale

La prima ci permette di comunicare con il futuro tramite ciò che abbiamo prodotto in vita, generando quel fantasma residuo di cui parla per esempio Simon Reynolds, che è di per sé ignaro dei mutamenti nell’ambiente circostante, recitando costantemente la stessa scena registrata e dunque riprodotta. La seconda, invece, ci permette non solo di comunicare con il futuro tramite ciò che abbiamo prodotto in vita, ma ci dà anche l’opportunità di continuare a imparare e a evolverci. In entrambi i casi, comunque, la possibilità di usufruire di questo tipo di soluzioni merita un’interpretazione composita che consideri non solo il lutto ma anche la memoria, che unisca l’etica all’estetica, tenendo conto quindi della differenza tra il possibile fruitore della voce riprodotta e il soggetto stesso – il morto – la cui voce è stata riprodotta.

L’elaborazione del lutto

Innanzitutto, è evidente che sul piano dell’elaborazione del lutto un’Alexa dei morti può rappresentare plausibilmente un ostacolo per una sana attenuazione del dolore legato alla perdita. La possibilità di risentire continuamente la voce del proprio amato o, addirittura, di interagire con lui in maniera attiva, secondo le caratteristiche dell’immortalità a doppio senso, può accentuare quel processo di autoaffabulazione che caratterizza in modo naturale chi non vuole in alcun modo accettare l’assenza, sia essa più o meno improvvisa. Pensiamo alle suggestive e dolorose parole di C.S. Lewis e di Jacques Derrida: il primo sostiene che, se ci venisse proibito il sale, non ne sentiremmo la mancanza nella singola pietanza. Tutto il cibo sarebbe diverso. Allo stesso modo, l’atto di vivere è radicalmente diverso quando muore un amato (cfr. Diario di un dolore). Il secondo, invece, afferma che la morte dichiara ogni volta la fine di tutto il mondo possibile. Abitudini, consuetudini, rituali e linguaggi che costituivano il mondo, l’unico mondo possibile, svaniscono insieme alla vita di chi è morto (cfr. Ogni volta unica, la fine del mondo). Le poetiche parole di Lewis e Derrida sono un riferimento utile per comprendere fino in fondo quanto l’imitazione passiva o attiva della voce del morto possa accrescere la terribile sensazione di vuoto cagionata dalla perdita, dunque spingerci a vivere patologicamente un lutto a tempo indeterminato.

La trasformazione dei profili social dei defunti in santuari fai da te

Già oggi, senza bisogno di ricorrere ad Alexa, si contano i casi di persone che proiettano sui propri device il bisogno di prolungare indebitamente il rapporto amoroso interrotto dalla morte. C’è chi, conservando il telefono del partner deceduto, lo fa squillare o – viceversa – lo utilizza per far squillare il proprio telefono di modo da attribuire rispettivamente allo squillo e all’immagine comparsa sul proprio display quella preziosa presenza venuta meno. C’è chi, poi, ammette di non riuscire a non guardare ogni giorno il profilo social o il profilo su WhatsApp di un proprio caro defunto: rinunciare a ciò equivarrebbe, infatti, alla replica della morte, dunque della perdita. Ne consegue la trasformazione dei profili social in veri e propri santuari fai da te per mantenere il legame con l’assente.

Facebook, l’enciclopedia dei morti del XXI secolo

Alexa e la separazione della memoria dal lutto

Va detto che non vi è nessun obbligo a utilizzare l’Alexa dei morti: chi è consapevole di essere particolarmente fragile e incapace di scendere a patti con l’assenza cagionata dal lutto, probabilmente, non ne farà mai uso. Allo stesso modo in cui non guarda le fotografie o non legge le lettere che rendono doloroso il ricordo e imperituro il senso sconvolgente della mancanza. Proprio il piano del ricordo entra in gioco là dove il possibile fruitore dell’Alexa dei morti risulti in grado di separare la memoria dal lutto. Costui lo utilizzerà, infatti, con lo stesso spirito che contraddistingue il dialogo con il morto davanti alla sua tomba al cimitero: un legame simbolico e romantico tra il mondo dei vivi e quello dei morti che è del tutto consapevole che non vi sarà mai una risposta “vitale” e “attiva” dall’aldilà. Al massimo, la risposta data da Alexa corrisponderà alla voce già oggi registrabile con un semplice smartphone o, in un senso diverso, a una momentanea via di fuga dalle difficoltà della vita quotidiana: se per qualche minuto mi autoconvinco che sto dialogando con chi non c’è più, ma sono consapevole che è un dialogo fittizio, che male ci può essere a farne uso?

Inoltre, sempre stando sul piano della memoria, l’Alexa dei morti potrà permettere di “conoscere”, dunque di ricordare, meglio chi non si è potuto frequentare per lungo tempo: per esempio, un nipote a cui è morto il nonno durante gli anni dell’infanzia potrà usufruire di un ricordo assai vivido di una persona di cui ha, di per sé, poca memoria per ovvie ragioni di età. Si potrà, al tempo stesso, migliorare la qualità del ricordo delle persone che hanno segnato un’epoca storica con le loro particolari imprese.

In altre parole, affrontare un’interpretazione dell’Alexa dei morti ci spinge a muoverci sul crinale che separa e unisce l’etica all’estetica, l’ermeneutica alla semiotica, sapendo che:

  • è comunque importante non dimenticare il limite della morte e la vulnerabilità costitutiva che caratterizza la nostra vita mortale, non fraintendendo l’evoluzione tecnologica del ricordo con una vera e propria forma di immortalità;
  • se mai l’Alexa dei morti creerà situazioni imbarazzanti, superficiali o banalizzanti nei confronti del modo di affrontare la morte e il dolore nello spazio pubblico, ci ricorderemo che queste situazioni si creano purtroppo anche in sua assenza. Non è la tecnologia a rendere imbarazzanti, superficiali o banalizzanti gli atteggiamenti degli esseri umani.

Resta un ultimo punto, molto delicato e importante: quello che riguarda non chi usufruisce del servizio, ma chi avrà la propria voce riprodotta – suo malgrado – post mortem. Per alcuni non avrà nessun tipo di importanza, per altri invece potrebbe risultare un’iniziativa che va contro la loro volontà e la loro privacy. Inoltre, entra anche in gioco la questione del deepfake a livello audio, per cui la perfetta riproduzione artificiale della voce di una persona potrebbe essere utilizzata per finalità prive di etica o addirittura fraudolente. Ancora, il deepfake a livello vocale potrebbe favorire il ripetersi del noto racconto L’invenzione di Ronnie Pinn contenuto nel libro La vita segreta di Andrew O’ Hagan: la costruzione dell’esistenza digitale completamente inventata di un ragazzo morto ventenne vissuto a Londra fino al 1984. A partire dai pochi documenti riguardanti la sua breve vita e da una sola fotografia a disposizione, l’autore è infatti riuscito a ridargli una seconda vita all’interno dei social media, priva di qualsivoglia connessione con quella che ha realmente vissuto e – soprattutto dentro Facebook – colma di altri “amici” inesistenti.

Conclusioni

Come possiamo notare, le questioni messe in gioco dall’Alexa dei morti sono molteplici. Pertanto, occorre studiarne le caratteristiche, mettendo in luce i risvolti etici, estetici, psicologici, mediatici, ermeneutici, semiotici, ecc. Occorre, anche, non dimenticare che con le innovazioni tecnologiche mutano i riti, i desideri, i ricordi, con tutte le loro conseguenze positive e negative, con tutte le loro opportunità e criticità. Ma, alla fine, ciò che stiamo vivendo rappresenta niente più che la continuazione contemporanea di un lungo percorso di metamorfosi antropologica, per cui ogni novità in ambito tanatologico necessita di un contesto interpretativo che consideri il nostro legame con l’assente, il nostro modo di ricordare e di dimenticare, il nostro modo di creare da un punto di vista artistico. Le sfide sono tante, non soffochiamole lasciando prevalere i pregiudizi o le paure, per quanto più che legittime e da monitorare con attenzione.

WHITEPAPER
Sanità: quali le applicazioni di AI in radiologia, oncologia e cardiologia?
Intelligenza Artificiale
Sanità
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2