Servizio clienti 4.0

Assistenti virtuali, così l’Intelligenza Artificiale aiuta i chatbot di ultima generazione

Gli ultimi chatbot usati nel servizio clienti riescono a essere più sofisticati e a rispondere a più domande contemporaneamente durante una conversazione con l’utente. Il ruolo dell’IA conversazionale, le tre categorie di mercato e i due tipi di acquirenti, le differenze con i modelli precedenti

27 Mag 2022
Luigi Mischitelli

Privacy & Data Protection Specialist at IRCCS Casa Sollievo della Sofferenza

AI chatbot

Un sistema “chatbot” di ultima generazione utilizza la tecnologia di Intelligenza Artificiale “conversazionale” per simulare una discussione/chat con un utente attraverso siti web ed App di messaggistica. Si pensi, ad esempio, all’assistenza che molte aziende forniscono su Facebook Messenger e WhatsApp.

Un chatbot “moderno”, in pratica, utilizza applicazioni linguistiche basate su regole che gli permettono eseguire funzioni di chat “dal vivo”, in risposta alle interazioni dell’utente in tempo reale.

GPT-3: i rischi del deep learning applicato al linguaggio naturale

AI Chatbot: le nuove caratteristiche degli assistenti virtuali

Negli ultimi anni, vi è stata un’autentica “esplosione” nell’utilizzo di queste applicazioni. Un po’ tutti abbiamo incrociato gli assistenti virtuali, che sui siti web che li ospitano promettono un’esperienza di servizio clienti veloce e utile.

WHITEPAPER
Come proporre soluzioni di Unified Communications: una guida per System Integrator
Cloud
Networking

Ma, di converso, molti consumatori hanno trovato le interazioni – con alcuni chatbot “poco intelligenti” – deludenti e lunghe. Inoltre, le imprese hanno affrontato dei costi superiori al previsto nell’ “alimentazione” di tale tecnologia. Siamo però solo al primo round della competizione.

Grazie ai modelli di linguaggio conversazionale open-source, come BERT di Google e GPT di Open AI, ora è molto più facile per le aziende ed i fornitori di software tecnologici apportare innovazioni al settore dei chatbot.

È possibile, infatti, creare strumenti di Intelligenza Artificiale conversazionale più sofisticati, chatbot di ultima generazione più intelligenti e messaggistica asincrona per gli assistenti vocali e mobili.

Inoltre, i modelli di Deep Learning possono essere progettati facendo ricorso a una piccola quantità di training data: una “manna dal cielo” per la tecnologia in esame.

Negli ultimi anni, la capacità delle macchine di comprendere il linguaggio umano scritto e parlato è migliorata nettamente. Ora, le macchine possono non solo comprendere meglio le parole che vengono dette (esempio scritte in chat), ma anche percepirne “l’intento” che sta dietro di esse. Questo comporta risposte migliori e la creazione di assistenti virtuali molto più sofisticati.

AI chatbot per il servizio clienti: le tre categorie di mercato

Nel complesso, il mercato dell’Intelligenza Artificiale conversazionale nell’ambito del “servizio clienti” si divide in tre categorie chiave.

La prima riguarda le piattaforme che hanno interfacce “su misura” sia per l’utente “esperto” che per l’utente “base”, con integrazioni “out-of-the-box” ed un’ampia varietà di scelta.

Poi ci sono le Big Tech fornitrici di servizi cloud, come Microsoft, Google, Amazon e IBM, che offrono servizi “di base” come traduzione e comprensione del linguaggio naturale; peraltro, non hanno necessariamente un insieme di interfacce utente e componenti precostituiti.

Infine, ci sono anche migliaia di altri operatori di mercato “più piccoli” che approfittano delle innovazioni “open source” presenti sul mercato per fornire agli utenti strumenti con vari livelli di dettaglio e complessità.

Tutte queste aziende stanno “lavorando per risolvere lo stesso problema”: creare esperienze di prima classe per i clienti, con strumenti accessibili sia ai non tecnici che ai tecnici.

AI conversazionale nel servizio clienti: i due tipi di acquirenti

L’Intelligenza Artificiale conversazionale, inoltre, si rivolge a due tipi di acquirenti del servizio clienti.

In primo luogo, ci sono gli acquirenti che possiedono il contact center o i sistemi di supporto rivolti al cliente. Acquirenti spesso non tecnici, che non hanno mai lavorato prima con l’Intelligenza Artificiale conversazionale.

Sono clienti che lavorano “a basso utilizzo di codici” o “senza codice”: ciò non toglie che possa esserci qualcuno che non è uno sviluppatore ma è un esperto nel trattare con i clienti e che può aiutare, quindi, ad addestrare e controllare le capacità dell’Intelligenza Artificiale conversazionale in maniera eccellente.

Dall’altra parte, vi sono acquirenti “più tecnici”, che ricevono richieste, nelle aziende dove operano, per la messa in piedi di chatbot con capacità di automazione vocale. Tali acquirenti tecnici si preoccupano sia delle interfacce utente nonché dell’integrazione tra sistemi, di sicurezza e di conformità degli strumenti impiegati.

AI chatbot di ultima generazione: la differenza con i precedenti

I chatbot di “prima generazione” mancavano di buone capacità di linguaggio naturale e, spesso, non permettevano ai clienti di accedere ai contenuti desiderati. Tali strumenti erano anche decontestualizzati e ben poco personalizzati. Ad oggi, invece, i chatbot spiccano per la qualità della loro costruzione ed implementazione, per il design accattivante e per la loro formazione su una grande vastità di training data.

Mentre molte aziende vedono l’Intelligenza Artificiale conversazionale come un altro tipo di “semplice” chatbot, la differenza “dietro le quinte” è diversa. Questo perché l’Intelligenza Artificiale conversazionale supera di gran lunga il normale concetto di chatbot, stabilendo una sorta di “nuovo livello” di esperienza con il cliente.

L’Intelligenza Artificiale conversazionale è molto più potente del chatbot convenzionale, anche se alla fine sono entrambi “assistenti della comunicazione” di un ente o di un’azienda.

Ad esempio, i chatbot con Intelligenza Artificiale conversazionale possono elaborare diverse applicazioni in una volta, mentre i chatbot “semplici” richiedono due messaggi “indipendenti” per compiere la medesima azione. Un chatbot “semplice” risponde solo ad una prima richiesta e ignora la seconda.

Il chatbot alimentato da Intelligenza Artificiale conversazionale può elaborare entrambe le richieste e rispondere contemporaneamente durante la conversazione con l’utente.

Poiché l’Intelligenza Artificiale ricorda anche le preferenze dell’utente, il risultato comporta conversazioni più naturali che portano a meno “frustrazioni” (per l’utente) rispetto alle conversazioni tradizionali. Dal punto di vista del cliente, l’Intelligenza Artificiale conversazionale è molto “attraente”. E, probabilmente, i “tempi felici” devono ancora arrivare.

Inoltre, vi è anche la possibilità di integrare l’Intelligenza Artificiale conversazionale nelle comunicazioni aziendali, con tutti i chatbot “conversazionali” dell’azienda che accedono alle stesse fonti di dati, peraltro, la comunicazione su “tutti i canali” sarebbe ottima. Che un cliente comunichi con un’azienda tramite Facebook o un sito web non fa differenza, perché ottiene la stessa qualità ovunque.

Conclusioni

L’Intelligenza Artificiale conversazionale rappresenta uno sviluppo dei normali chatbot, e permette di avere vere e proprie conversazioni tra una persona e un “assistente visivo”.

I “semplici” chatbot possono essere un buon inizio, soprattutto quando si tratta di comunicazione basata sul testo. Presto, tuttavia, si vedrà che i chatbot possono offrire un valore reale ai clienti solo attraverso l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale conversazionale.[2]

WHITEPAPER
Cloud: 8 punti per scoprire subito se serve alla tua azienda
Cloud
Cloud storage
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4