il corso di formazione

Autismo, una scuola inclusiva è possibile: l’esempio del laboratorio digitale Autlab

In una classe su 3 delle scuole elementari c’è un bimbo autistico. Ma non sempre i docenti sono preparati a favorirne l’interazione e l’inclusione sociale. Nasce per questo Autlab: non solo un corso, ma un progetto sociale dove la tecnologia incontra la formazione, dove il digitale affianca il mondo della disabilità

Pubblicato il 15 Feb 2023

Roberta Salvaderi

Diversity & Inclusione blogger

scuola

Nonostante i progressi degli ultimi anni, la scuola primaria non è ancora totalmente preparata a venire incontro alle necessità degli studenti con bisogni specifici. Ancora troppo spesso gli alunni autistici, che già vivono con difficoltà l’interazione sociale con altri bambini come una delle più grandi difficoltà, spesso devono seguire iter didattici separati rispetto al resto della classe. Una situazione che li porta a vivere una quotidianità diversa dai loro compagni, ostacolandone, di conseguenza, l’interazione e l’inclusione sociale perché i bambini autistici hanno bisogno come l’ossigeno di lavorare in piccolo gruppo per essere stimolati e per progredire.

Nasce per questo AutLab, un vero e proprio laboratorio digitale strutturato in 6 moduli specifici che vanno a rispondere alle necessità dei docenti della scuola primaria, un corso di formazione totalmente gratuito rivolto a tutti i docenti che attesta 30 ore di formazione certificate dal Ministero dell’Istruzione, valide per l’assolvimento dell’obbligo formativo. Il corso mira a formare i docenti di sostegno non specializzati e l’intero team di classe affinché possano sviluppare percorsi educativi, scolastici ed extrascolastici, per fare in modo che anche gli alunni autistici possano partecipare con successo all’interazione sociale scolastica e apprendere attraverso uno scambio per loro chiaro, motivante e dotato di significato.

Autismo, le app e i software per il supporto

Come e perché nasce Autlab

Il 2020 è un anno che ricorderemo tutti per sempre. Un anno iniziato nel peggiore dei modi, un anno che ha rivoluzionato il nostro modo di considerare le priorità. Dall’oggi al domani ci siamo ritrovati ad avere la certezza che nessuno di noi è invincibile e che il nemico può essere invisibile, terribile ed invincibile.

Ringrazio il 2020 perché è stato l’anno che mi ha fatto capire che dovevo e potevo fare qualcosa di più per mia figlia. Quando ricevi una diagnosi, ti senti impotente come quando ti dicono che fuori dalla porta c’è un virus invincibile. Nel 2013 i primi sintomi e nel 2015 arriva la diagnosi: sua figlia è autistica.

Quando ricevi una notizia così il mondo ti crolla addosso, cominci a documentarti, soffri, ti nascondi, vedi davanti a te un futuro nero. Gli anni passano, soffri in silenzio, il cuore è dolorante. Poi ti abitui, ascolti gli esperti, cerchi di tornare alla vita normale, cerchi di trovare delle strategie, cerchi di vivere un giorno per volta.

Passano gli anni e capisci che puoi trovare un nuovo equilibrio, che quell’equilibrio è la tua nuova realtà. Quando stai meglio capisci che la diagnosi non è la tua vita, ma che sarà al tuo fianco per sempre. Capisci che puoi fare qualcosa, puoi urlare al mondo che si può vivere in modo dignitoso, comunque, e che insieme si può cercare di creare un mondo migliore.

La pandemia mi ha permesso il lusso di stare al fianco di mia figlia tutto il giorno, di poterla seguire durante la DAD e di poter vedere con i miei occhi e sentire con le mie orecchie quali fossero le sue difficoltà, ma soprattutto quali fossero le difficoltà dei docenti. La Pandemia ha fatto arrivare la tecnologia dove mancava, ha ingranato la quinta dove non esisteva neanche una possibilità.

Pensate al lavoro di tutti i giorni senza tecnologia, senza pc, senza internet. Pensate i corsi di formazione aziendali che tutti gli anni frequentiamo cliccando un link. Ecco questo per il mondo della scuola è un miraggio. O almeno per la maggior parte delle scuole pubbliche.

L’idea di Autlab da qui.

Digitale amico dell’autismo, ecco perché va incoraggiato

I dati sull’autismo

I dati sull’autismo sono impressionanti: in Italia si stima che 1 bambino su 77 nella fascia di età 7-9 anni* presenti un disturbo dello spettro autistico. (*Dati: Osservatorio Nazionale coordinato dall’ISS e Ministero della Salute)

Questo significa che in una classe su tre, delle scuole elementari, c’è un bambino autistico.

Quando ho capito tutto questo mi sono resa conto che l’autismo non era solo una condizione della mia famiglia e che volevo far qualcosa per aiutare gli altri bambini, le maestre di mia figlia, ma in generale tutti gli inseganti.

Ho capito che il mio “problema” non era solo mio ma di tantissime altre famiglie in Italia.

Volevo creare qualcosa di semplice, innovativo, facilmente fruibile e davvero utile.

Da parte mia c’erano la mia esperienza di mamma, le mie competenze in ambito comunicazione e digital marketing, la mia esperienza nel mondo della Responsabilità Sociale d’ Impresa, ma sicuramente da sola non potevo fare nulla.

Ho cominciato a contattare persone della mia rete, i terapisti, gli specialisti, insegnanti, ho letto articoli di progetti meravigliosi alla fine mai realizzati, ho trovato in rete diverse realtà del mondo digital che proponevano soluzioni innovative ma costosissime. Ho bussato a tante porte ma le risposte erano sempre le stesse: è complicatissimo quello che vuoi fare, è impossibile il “mondo scuola” funziona in un modo particolare, i docenti non hanno tempo.

Autlab: laboratorio per menti speciali

Io volevo essere concreta e volevo realizzare qualcosa che fosse davvero utile. Io non volevo che Autlab diventasse l’ennesimo progetto mai realizzato.

Non si trattava solo di mia figlia il problema era diffuso: le persone autistiche sono moltissime e la società non è pronta e preparata per accoglierle. Se vogliamo costruire una società inclusiva l’unica soluzione è partire dai banchi di scuola, per insegnare ai bambini di oggi, uomini domani che cosa è l’inclusione vera. Sicuramente il mio essere attenta ai temi della Responsabilità Sociale d’Impresa è stato fondamentale.

Ci sono molti insegnanti bravi e competenti, ma le disabilità sono diverse tra loro.

Così mi sono rivolta a Fondazione Piatti il centro dove mi figlia è seguita da quando aveva tre anni e ho chiesto se volessero far parte del progetto e grazie ad alcune persone meravigliose ho capito che potevo contare su di loro. L’altro incontro fondamentale è stato con La Fabbrica loro si sono subito innamorati del progetto, ci hanno preso per mani non occupandosi solo della parte tecnologica ma hanno messo in campo vari esperti del mondo della scuola e specialisti della formazione primaria.

Insieme abbiamo creato “AUTLAB: laboratorio per menti speciali”.

Il sogno si è realizzato, siamo solo alla fase iniziale, ma i feedback ci hanno fatto capire che era, è e sarà la direzione giusta. Autlab non è solo un corso, è un progetto sociale dove la tecnologia incontra la formazione, dove il digitale affianca il mondo della disabilità, dove le barriere cadono per dare a tutti la possibilità di formarsi ed informarsi perché solo così possiamo sperare in un mondo migliore.

La realtà virtuale per curare le fobie dei pazienti con autismo. Come funziona e i risultati (video)

AutLab per realizzare una didattica inclusiva

Una maggiore inclusione dei bambini con bisogni speciali costituisce anche un beneficio per tutta la classe, che viene educata al rispetto dell’alterità, ma soprattutto è un beneficio sociale perché un domani quando saranno grandi potranno vivere con naturalezza l’inclusione nella vita di tutti i giorni, nel mondo del lavoro e in famiglia.

Autlab nasce anche per fornire ai docenti strumenti e competenze per relazionarsi al meglio con le famiglie. Quando si parla di disabilità è fondamentale fare rete, collaborare con i terapisti che seguono l’alunno e la famiglia: gli insegnanti adeguatamente formati potranno creare un’alleanza virtuosa con le famiglie. Grazie al corso di formazione AutLab ora tutti i docenti possono acquisire strumenti e competenze per la gestione delle dinamiche dell’autismo, oltre ad apprendere a valorizzare e potenziare le capacità – a volte anche molto elevate -, le risorse e i punti di forza degli alunni autistici che vengono riconosciuti come bambini la cui mente funziona diversamente (neurodiversità).

AutLab: dalla parte di bambini, insegnanti e famiglie

Spesso non tutti i docenti del team di classe hanno strumenti e competenze per la gestione delle dinamiche proprie dell’autismo e il numero di ore di sostegno è insufficiente a coprire l’intero arco del tempo passato a scuola. L’obiettivo di AUTLAB è proprio quello di contribuire a colmare questi vuoti formando tutti i docenti delle scuole primarie, anche quelli non specializzati, con corsi specifici. Capita di frequente che all’interno della classe siano presenti bambini che necessitano di più attenzioni e bambini stranieri che hanno anche difficoltà con la lingua: AUTLAB offre strumenti utili per la didattica di tutta la classe tramite l’utilizzo di grafici oggetti e immagini è possibile quindi lavorare al meglio con tutta la classe.

La forza di questo corso è che digitale, asincrono, pratico e su scala nazionale. Con l’arrivo della pandemia fortunatamente anche la scuola ha subito un’accelerazione importante per quanto riguarda il digitale e la speranza è che continui in questa direzione.

Non si può pensare che ai vantaggi di una didattica di questo tipo a distanza, inoltre per le persone con disabilità è lo strumento attraverso il quale possono vivere una vita più “normale” e simile a quella dei loro coetanei. È giusto che i docenti ricevano gli strumenti giusti e possano a loro volta condividere con tutti gli alunni anche quelli meno fortunati una didattica di qualità che consideri tutte le specifiche necessità.

I commenti ricevuti ci fanno capire che era ciò di cui la scuola aveva bisogno, che non possiamo fermarci e che il prossimo step riguarderà oltre alle scuole secondarie anche le famiglie.

Ecco perché ringrazio la pandemia, perché mi ha dato la forza di capire che nulla è impossibile, che al mondo è pieno di persone meravigliose e di aziende che vogliono fare la differenza e creare progetti di valore.

Conclusioni

I prossimi passi saranno importanti, ma oggi so di non essere più da sola e di avere al mio fianco partner di valore oltre che con il cuore. L’autismo è un tema sociale, va affrontato noi ci siamo messi in gioco e aspettiamo aziende che vogliano fare la differenza e supportare i nostri progetti!

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3