Chatgpt e non solo

Boom dell’intelligenza artificiale, quale futuro per i giornalisti

L’IA, con ChatGpt anche integrato in Bing e presto tanti altri software, accelera il lavoro di scrittura e di raccolta di informazioni. I giornalisti saranno tenuti a studiare questi strumenti. La loro utilità, come anche i loro limiti. Fatta salva la funzione “tutta umana” dell’informazione

Pubblicato il 15 Feb 2023

Alessandro Longo

Direttore agendadigitale.eu

Alessio Pecoraro

coordinatore PAsocial Emilia-Romagna, marketing & communication manager

intelligenza artificiale ai act

L’intelligenza artificiale cambierà il giornalismo. Sempre più esperti stanno convergendo verso questa conclusione. Ma come sarà questo cambiamento ancora non è dato saperlo con certezza. L’IA offrirà nuovi strumenti per facilitare il lavoro, accelerarlo? Sostituirà alcuni giornalisti che quindi dovranno reinventarsi? Il tema è diventato incandescente in questi giorni per l’arrivo di ChatGpt e soprattutto la sua integrazione nel motore Bing di Microsoft, a cui seguirà presto Google (con Bard).

La professione del giornalista si trova quindi in bilico tra l’innovazione sempre più dirompente e il suo ruolo strategico nella società.
Ma davvero le macchine possono sostituire i giornalisti? Può l’intelligenza artificiale generativa automatizzare il giornalismo con la stessa facilità dei lavori che sono stati sulla catena di montaggio per anni? E se questo accadesse cosa significherebbe per il futuro delle notizie?
La questione necessita di essere analizzata da più punti di vista.

ChatGPT al banco di prova: limiti e possibili usi in ambito pubblico

Utilizzo di ChatGpt da parte dei giornalisti

Il primo è pratico e operativo. Come avvenuto nel marketing, anche nelle redazioni giornalistiche uno strumento come ChatGPT è certamente utile, ad esempio, per semplificare abstract o articoli particolarmente complessi, elaborare domande originali quando ci si prepara ad intervistare un personaggio o per avere spunti o idee di titolazione.
Lo stesso Satya Nadella, Ceo di Microsoft dice che i giornalisti (come altri professionisti) a breve non cominceranno più a lavorare da un foglio bianco, ma partiranno sempre da una bozza creata dall’IA.
Nadella evidenzia insomma la collaborazione tra IA e giornalisti, il cui ruolo complementare e di supervisione sarà sempre salvaguardato. Journalist in the loop, insomma, si potrebbe dire (human in the loop è un principio cardine etico dell’uso responsabile dell’IA per applicazioni di importanza critica, come è l’informazione).

Il CEO di BuzzFeed Jonah Peretti ha recentemente annunciato che la società di media e intrattenimento con sede a New York inizierà ad usare sistemi di intelligenza artificiale per migliorare i quiz online e tutta una serie di contenuti. La comunicazione doveva restare interna all’azienda ma è stata intercettata dal Wall Street Journal che l’ha resa nota.
Può essere usata per creare contenuti personalizzati, come le newsletter, o per produrre versioni multilingue degli articoli.

Altre applicazioni includono la ricerca di fonti per gli articoli e la verifica dei fatti.

L’uso dell’intelligenza artificiale – di tipo molto più rudimentale di ChatGpt – già da dieci anni è in voga in alcune grandi redazioni, come quella della grande agenzia di stampa Associated Press, per tradurre in linguaggio umano bilanci societari o risultati di partite. Sta consentendo così alle redazioni di concentrarsi su attività di maggior valore aggiunto, come l’analisi dei dati, migliorando la qualità del lavoro giornalistico e la velocità di pubblicazione

L’intelligenza artificiale può aiutare a risolvere il problema del sovraccarico di informazioni, aiutando i giornalisti a identificare le notizie più importanti in un flusso di informazioni in continua crescita. Può servire a creare notizie personalizzate e articoli specifici per le esigenze o i gusti dei loro lettori.
In sintesi, l’intelligenza artificiale generativa può consentire alle redazioni di essere più produttive e di pubblicare notizie di alta qualità, più personalizzate e in grado di raggiungere un pubblico più ampio. Tutto questo può migliorare l’esperienza dei lettori e offrire nuove opportunità di business per i giornali.

Una nostra prova

Bisognerà vedere in che modo e in quale misura l’IA aiuterà ad accelerare il lavoro, presentando ai giornalisti bozze e pre-lavorati.

Prove che abbiamo fatto con alcuni software come Jasper (a pagamento), ChatGpt e il nuovo Bing (ora accessibile con lista d’attesa) hanno mostrato difficoltà a sviluppare testi lunghi e anche errori di formattazione e di scrittura.

In ogni caso l’IA riesce, in qualche modo, a rielaborare materiale disponibile online o documenti forniti dall’utente-giornalista; resta certo tutto in capo a quest’ultimo il lavoro a monte – ricerca, verifica delle notizie, cura delle fonti- e a valle (analisi e spiegazione di senso); come anche l’esercizio di una tecnica stilistica adeguata. Qui inclusa la capacità di attirare l’attenzione del lettore e di tenerlo interessato fino alla fine.

I problemi di affidabilità

Certo, siamo agli inizi. E agli inizi c’è anche chi inciampa. Abbiamo già un caso esemplare da non imitare: Cnet, un magazine per gli appassionati di tecnologia, ha iniziato a pubblicare – senza averlo annunciato ufficialmente – interi articoli in tema di finanza scritti con ChatGPT. A scoprire il fatto l’esperto di marketing digitale Gael Breton che cliccando sulla firma dell’articolo, un generico CNET Money Staff, ha visto comparire il testo: “Questo articolo è stato generato utilizzando la tecnologia di automazione e accuratamente modificato e verificato da un redattore del nostro staff editoriale”.

Cnet ha riconosciuto la veridicità di quanto scoperto, ma ha specificato che si trattava di un esperimento (compiuto perlopiù per massimizzare la presenza su Google) terminato lo scorso 20 gennaio come dichiarato dalla direttrice Connie Guglielmo.
Ne può nascere un nuovo principio di trasparenza, etico: i media che decidono di far scrivere i loro articoli ai software di IA generativa devono rivelarlo ai lettori. Bene anche indicare quale software è usato. Poiché i mezzi di informazione dipendono dalla fiducia e dalla credibilità, l’introduzione dell’intelligenza artificiale nel giornalismo potrebbe essere, sotto questo punto di vista, molto rischioso.
Un gruppo di ricercatori della Boston University ha condotto un’indagine che ha sottolineato che se viene rivelato che un articolo è stato generato dall’intelligenza artificiale i lettori attribuiscono un ulteriore deficit di credibilità alle notizie.
Per di più, è emerso che l’IA di Cnet faceva molti errori negli articoli, alcuni davvero marchiani, soprattutto quando c’è di mezzo la matematica, che i sistemi di large language model come ChatGpt non maneggiano bene.

Qui casca l’asino. “Queste IA possono essere forti propalatori di notizie e fatti falsi, in particolare se sostituiranno l’uso del motore di ricerca; c’è il rischio che l’IA si presenti al lettore come unica fonte, infatti, al fronte del pluralismo di quelle disponibili e accessibili al solito con un motore”, spiega Giovanni Boccia Artieri, sociologo all’università di Urbino. Fatti falsi avanzeranno incontrastati. Così come, forse, visioni di parte di un certo fatto o situazione.

Poi, certo, strumenti come ChatGPT possono essere al servizio anche dell’industria delle fake news “volontarie”, animate dal complottismo o da ideologie politiche. In meno di un’ora e con pochi input il software ha lanciato in rete il Suncost Sentinel diretto da Michael Martinez la cui biografia recita: amante del buon cibo, ama il jazz, fa volontariato e trascorre lunghe giornate facendo escursioni nei parchi della Florida.

Ovviamente né Martinez, né il Suncoast Sentinel, esistono. In poche ore, chiunque sia in possesso di sufficienti abilità informatiche potrebbe lanciare falsi giornali locali ricchi di notizie plausibili ma false, con una redazione fatta di nomi e cognomi e perfino politiche editoriali chiare e precise solo usando, ad esempio, ChatGPT.
“L’intelligenza artificiale non può pubblicare un articolo su un sito Web importante oggi senza la supervisione umana; quindi, non siamo al punto in cui gli editori si sbarazzeranno dei giornalisti e li sostituendoli con l’intelligenza artificiale”, ha affermato, rassicurando, il marketer Gael Breton.
Per Marcela Kunova, giornalista freelance, il dibattito è già superato: lo strumento ha già un posto nell’industria del giornalismo.

Quale futuro per i giornalisti

Tralasciati gli aspetti etici della questione e – ovviamente – i rischi prendiamo l’IA per quella che è: non si tratta di una bacchetta magica. È uno strumento anche nel giornalismo per automatizzare la scrittura di articoli, in particolare per le notizie finanziarie, automatizzando la creazione di articoli relativi ai dati finanziari, come i rapporti trimestrali delle aziende o i risultati dei mercati azionari, oppure creare notizie basate su cambiamenti significativi dei mercati o rispetto ad altre variabili.
Le redazioni dei giornali – al pari di molti uffici marketing – diventeranno, nel medio periodo, team sempre più interdisciplinari poiché l’intelligenza artificiale è un insieme di tecnologie relativamente nuove e anche per il giornalismo questi sistemi imperniati su algoritmi richiedono competenze e strategie specifiche.
Ciò detto, non è insomma la fine del giornalismo. Non ci saranno robot che prenderanno il posto dei giornalisti, non saremo inondati da notizie costruite da software basati sull’intelligenza artificiale generativa. Ma siamo alle porte di una rivoluzione che, viste anche le reazioni di Google che si è detta pronta a dare battaglia agli articoli scritti tramite IA solo per ottenere maggiore visibilità, quasi certamente alzerà il livello qualitativo della comunicazione.

Di fondo, bisogna ricordare che la missione del giornalista è la ricerca disinteressata della verità (“verità sostanziale dei fatti” dice la legge cardine 69/1963; quella “putativa” scrive la cassazione). Per l’intelligenza artificiale generativa, invece, no: per lei la verità non è l’obiettivo. La stessa OpenAI dichiara, tramite un articolo nel suo blog interno, che non c’è alcuna fonte di verità in ChatGPT.

I suoi enunciati sono frutto di correlazioni statistiche senza contezza del mondo che c’è fuori, all’esterno di quel linguaggio binario.
A interessarci del mondo dobbiamo essere ancora – per forza e per fortuna –noi esseri umani. E i giornalisti dovranno continuare a lavorare, senza sottrarsi alle sfide della contemporaneità, per aiutarci a farcelo conoscere meglio.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4