Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

scuola digitale

Capire la “Flipped Classroom”: pro e contro

di Valentina Bernardinis, Nicola Strizzolo, università di Udine

20 Mar 2015

20 marzo 2015

Utilizzando le potenzialità dei nuovi dispositivi digitali si scompone la lezione in più momenti, dentro e fuori la classe. Ecco come: un’analisi approfondita

In un vecchio testo sul futuro dell’Università, Pino Longo spiegava che il sistema accademico di fronte all’orizzonte di fusione comunicativa globale e sistemica delle diverse agenzie di socializzazione, formali ed informali, aveva due scelte: accettare la porosità crescente e andare in direzione di un dissolvimento dei suoi confini e fondersi in una sistema globale non definibile, oppure arroccarsi dentro i suoi confini e perire.

Il concetto di “flipped classroom”, sfrutta appieno il concetto di porosità offerto oggi dai nuovi social media e lo trasforma in un’opportunità didattica, che potrebbe essere, a sua volta, un buon compromesso in grado di porre delle soluzioni anche per le problematiche che avevano pregiudicato un’ampia diffusione dell’e-learning nell’Università italiana.

Come si ribalta una classe?

Utilizzando le potenzialità dei nuovi dispositivi digitali si scompone la lezione in più momenti, dentro e fuori la classe (Mary Beth et al. 2015).

Si parte da una fase preparatoria nella quale gli studenti possono fruire di materiale fornito da un docente o semplicemente già esistente nella rete; questo può essere ovviamente un video o siti in qualche maniera accreditati, scientifici o documenti (come le teche Rai o gli archivi dei giornali) per familiarizzare con l’argomento della lezione.

In questa maniera anche gli allievi più insicuri possono armarsi per ricche argomentazioni durante la lezione: questa infatti perde il suo carattere verticale (questa tipologia può benissimo essere registrata e lasciata a disposizione on line) per diventare un seminario interattivo in presenza, in pieno spirito costruttivo, dove il docente dopo aver fornito delle informazioni elementari – come l’argomento che verrà trattato –  condurrà la discussione sulla base del materiale raccolto dagli studenti, in modo da generare nuovo sapere assieme a loro.

L’attività seminariale ovviamente, per un approfondito livello di discussione, è bene si basi anche su testi scientifici come, ad esempio, quelli dalle biblioteche elettroniche delle rispettive università, da Google Scholar o da parti accessibili di Google book.

Inoltre, possono rimanere a disposizione poi le classiche slide riassuntive del percorso indicato dal docente, arricchite da quanto prodotto insieme agli studenti.

Infine, si possono aprire dei gruppi di discussione, con la partecipazione dello stesso docente, la cui funzione ovviamente non è solamente quella di rispondere alle domande sull’argomento, ma di fatto anche di supportare gli studenti nel loro studio e sviscerare i dubbi che possono sorgere nella lettura dei classici libri di testo.

La figura che abbiamo indicato come docente online può essere surrogata da un tutor: entrambi hanno la funzione di animare ed attivare lo scambio delle informazioni che gli studenti hanno raccolto o possono reperire in tempo reale attraverso i loro dispositivi mobili.

“Flipped classroom” è in sostanza un ribaltamento del tradizionale metodo scolastico: ciò che veniva fatto in classe e a casa viene capovolto. Così facendo si spostano i momenti e luoghi degli obiettivi didattici, che erano così ordinati – utilizzando la tassonomia di Bloom -: ricordo, comprensione, applicazione, analisi, valutazione e creazione (Min Kyu et al. 2014).

Rappresentazione della tassonomia di Bloom applicata alle possibilità della Flipped Classroom*

Ovviamente ad ogni differente obiettivo può corrispondere un mezzo e ambiente da utilizzare: il semplice testo scritto, quello multimediale, i dispositivi per la creazione di contenuti ecc.

I momenti nel quali si costruisce il ricordo e la comprensione possono venire quindi anticipati rispetto alla lezione in aula, nella quale invece si possono praticare così già anche l’applicazione, l’analisi, la valutazione e la creazione, azioni queste che possono essere supportate dai dispositivi mobili a disposizione degli studenti.

La creazione può essere inoltre anche praticata attraverso lavori di gruppo fuori dal tempo in aula, per poi poter tornare in classe fruendo di quanto preparato dagli studenti. Online si crea quindi un ambiente cooperativo di condivisione delle informazioni, delle domande e delle risposte per i lavori di gruppo (Kong 2014).

Di fatto la Flipped classrom è una modalità blended che sfrutta tutte le potenzialità dei dispositivi mobili e le competenze e attitudini dei nativi digitali che costituiscono di fatto le nuove generazioni di studenti.

Non sembra esistere però letteratura scientifica che attesti la miglior resa degli studenti nella Flipped classroom rispetto a quella tradizionale (O’Flaherty, Craig 2015; Findlay-Thompson, Mombourquette 2014), così come non c’era per le precedenti forme di e-learning.

Molti concordano comunque nel dire che v’è una maggiore soddisfazione negli alunni (Roach 2014; Chih-Yang et al 2014;  Jacot et al. 2014): a questa si potrebbe agganciare la correlazione studiata tra agio nella classe (in questo caso la classe è fusa con tutto l’ambiente mediatico digitale a portata degli studenti) e resa scolastica.

Dalle prime esperienze internazionali emergono sia importanti linee guida per ottimizzare la Flipped Classroom sia alcuni limiti che più o meno rimangono gli stessi dell’e-learning classico. Diverse sono anche però le soluzioni possibili che provengono dalla natura stessa della classe capovolta.

Le linee guida per la costruzione di una Flipped Classroom, centrate sull’apprendimento dello studente, sono suddivise su quattro fattori fondamentali (Min Kyu et al. 2014).

1) Il docente deve provvedere a:

– Incentivare lo studente affinché si prepari per l’incontro in classe

– Ideare meccanismi di valutazione della comprensione degli studenti

– Ricercare rapidi feedback per adattare il lavoro individuale e di gruppo

2) Allo studente deve essere assegnato il tempo sufficiente per svolgere quanto richiesto

3) Per garantire la presenza sociale si devono fornire:

– Assistenza nella costruzione di una comunità di apprendimento

– Tecnologie famigliari agli utenti e facilitazione al loro accesso

4) Questo sistema si basa sulle potenzialità dell’intelligenza collettiva-connettiva, pertanto si verifica uno scambio continuo: gli studenti possono attingere da un sapere globale ed il docente si pone nella posizione di accogliere ed elaborare nuove informazioni e collaborare alla costruzione di sapere.

Per la presenza cognitiva dei discenti devono essere comunicati:

– I valori aggiunti della preparazione e condivisione del lavoro

– Chiari collegamenti tra le attività nella classe fisica e quella in rete. Di fatto la classe fisica si fonde con quella in rete e ne diventa un parte integrante.

– Orientamenti ben definiti e strutturati del lavoro da svolgere

Le problematiche principali che si riscontrano utilizzando questo metodo innovativo d’apprendimento sono il tempo e i costi per costruire un percorso adeguato di Flipped Classrom (Jacot et al. 2014).

Inoltre, il punto nodale resta sempre sulla questione delle persone coinvolte: lo studente – così come il docente – dev’essere motivato, possedere le competenze ed il tempo.

Allo studente si offrono delle modalità didattiche direttamente collocate all’interno del suo orizzonte comunicativo, utilizzando i suoi media e i suoi codici, integrandolo poi con supporti più tradizionali, come il vecchio libro di testo (possibilmente in formato e-book). Lo studente stesso può così reperire e organizzare i suoi contenuti, ma anche reciprocamente con tutta la classe, e ipoteticamente, con tutti gli studenti del mondo che stanno affrontando quel percorso o che ne abbiano lasciato tracce in rete.

In questa maniera il lavoro del docente può anche risultare facilitato.

Quest’ultimo però deve essere motivato e competente ed avere adeguati strumenti a supporto. Purtroppo la situazione attuale non permette questo salto qualitativo vista la condizione di docenti sottopagati, precari e che magari devono utilizzare, oltre che il loro tempo libero, anche i loro supporti privati per costruire dei contenuti utili a tale metodologia didattica.

Una decina d’anni fa grande era il fermento nel mondo della didattica e della ricerca sul tema dell’e-learning.

Dalle prime ricerche sulle esperienze degli studenti e dei docenti in corsi estesi, si decretò all’unanimità l’importanza della componente umana nell’influenzare la qualità dell’e-learning.

Indispensabile risultò la figura del tutor che mediava i rapporti fra studenti e docenti e traghettava entrambi verso i nuovi media, oltre che seguire e rispondere nella maniera più rapida possibile alle richieste dei discenti per non far sentire assente l’istituzione.

Infine, sia per ovvietà e sia perché c’erano delle ricerche che sottolineavano il diverso grado e qualità di ricordo generato da diverse tipologie di esperienze didattiche (video ottimo per memorizzare per concetti concreti, lettura necessaria invece per i concetti astratti, l’interazione il giusto compromesso tra le prime due), e probabilmente anche per l’anglofilia ancora imperante, si stabilì all’unisono che il metodo blended era il migliore.

Nel complesso sono state fatte importanti esperienze nell’ambito accademico più accreditato.

In ultima istanza però ci si accorse che un e-learning di qualità richiedeva degli oneri superiori alla didattica tradizionale: costruzioni del materiale, seguire la classe online, videoconferenze in ore consone agli studenti che scelgono questa modalità (per lo più lavoratori), ritardi nel conseguimento della laurea (che pesano a livello finanziario sulle università).

Inoltre, nei casi di corsi virtuosi i picchi nel numero degli iscritti online paventavano il rischio di un accelerato svuotamento delle aule oltre che l’inutilità di una imponente struttura organizzativa, degli edifici e di un corpo docente non giovane e poco propenso a stravolgere anni di preparazione didattica nel frontale.

Alla fine, pare che i soggetti che abbiano veramente trovato giovamento nell’e-learning siano state alcune università private con docenti giovani sottopagati, nate per servire a studenti non frequentanti, pronti a pagare molto di più per arrivare ad un pezzo di carta, senza l’impegno di un tradizionale percorso universitario, una laurea comunque riconosciuta che potesse servire a scatti di carriera ma purtroppo non certo ricercata per un ingresso nel mercato del lavoro.

La classe capovolta può essere una risposta adeguata ad alcuni dei problemi appena esposti tanto per il materiale, quanto per il percorso che di fatto viene costruito assieme agli studenti, i quali passano così non solo informazioni al docente, ma anche lo aiutano nella fruizione degli stessi, oltre che nel comprendere i loro media e i loro codici.

Questo metodo richiede comunque la presenza fisica degli studenti in un’aula e la necessità di una classe docente ben motivata. Al contempo si verifica una facilitazione dell’interazione con gli studenti e i mezzi sono diffusi e presenti nella classe attraverso i dispositivi degli stessi studenti.

Nell’attuazione per quanto possibile di questa modalità, si riscontra grande acquisizione di responsabilità in diversi studenti che costruendo gruppi di lavoro si sono dimostrati attivi nello studiare attualissimi saggi internazionali, hanno condiviso elaborati con i supporti dell’aula, hanno riflettuto insieme in maniera approfondita su tematiche del corso – tanto da offrire le basi per articoli su questa rivista -.

Inoltre, la costruzione insieme agli studenti di momenti formativi e divulgativi verso un pubblico più ampio, partendo proprio dalla collaborazione che nasce da queste premesse didattiche, ha altresì permesso di imparare tantissimo dai giovani sui loro media e codici, su una loro etica e sul loro mondo.

Queste sono le premesse, non solo per una buona didattica, ma per rinnestare una continuità e reciprocità generazionale che da alcuni decenni in Italia manca.

Passaggio ed equità di opportunità interrotta che speriamo di reintrodurre almeno nella sfera che, da docenti, con loro condividiamo e renderli così, almeno in questa, coprotagonisti: quella dell’Istruzione, base per il futuro che verrà.

* immagine tratta da http://catlintucker.com/2012/04/flipped-classroom-beyond-the-videos/

FONTI:

–          –          Siu Cheung Kong (2014), «Developing information literacy and critical thinking skills through domain knowledge learning in digital classrooms: An experience of practicing flipped classroom strategy», “Computers & Education” 78 (2014) 160-173

–          Min Kyu Kima, So Mi Kimb, Otto Khera, Joan Getman (2014), «The experience of three flipped classrooms in an urban university:an exploration of design principles», “Internet and Higher Education” 22 (2014), pp.37–50

–          Jacqueline O’Flaherty, Craig Phillips (2015), «The use of flipped classrooms in higher education: A scoping review» , “Internet and Higher Education” 25 (2015), pp. 85–95

–          Travis Roach (2014), «Student perceptions toward flipped learning: New methods to increase interaction and active learning in economics», International Review of Economics Education 17 (2014), pp.74–84

–          Mary Beth Gilboy, Scott Heinerich, Gina Pazzaglia (2015), «Enhancing Student Engagement Using the Flipped Classroom», “Journal of Nutrition Education and Behavior”  Volume 47, Number 1, 2015

–          Sharon See, John M.Conry (2014), «Flip MyClass!A faculty development demonstration of a flipped-classroom», “Currents in Pharmacy Teaching and Learning” 6(2014), pp. 585–588

–          Chih-Yanh Chao, Yuan-Tai Chen, Kuei-Yu Chuang (2015), «Exploring Students’ Learning Attitude and Achievement in Flipped Learning Supported Computer Aided Design», Comput Appl Eng Educ 9999 (2015), pp. 1–13

–          Sandi Findlay-Thompson, Peter Mombourquette (2014), «Evaluation of a flipped classroom in an undergraduate business course», “Business education & accreditation”, Volume 6, Number 1 (2014)

–          Heng Ngee Mok  (2014), «Teaching Tip: The Flipped Classroom», “Journal of Information Systems Education”, Vol. 25(1) Spring 2014

–          Melanie T. Jacot Jason Noren Zane L. Berge (2014), «The flipped classroom in training and development: fad or the future? » -, “PhD Performance Improvement” vol. 53, no. 9, October 2014

–          Nicola Strizzolo (2007), “Processi formative nella formazione a distanza”, Forum, Udine

  • Silverio Carugo

    Un ottimo esempio di applicazione del concetto di ‘Flipped Classroom’ in un contesto più esteso è visibile nel sito sotto indicato:
    http://www.DIDASpedia.it

  • silvia

    flipped classroom

Articoli correlati