la riflessione

ChatGPT, perché ora l’intelligenza artificiale ci stupisce e spaventa

ChatGPT elabora saggi e opere letterarie su qualsiasi tema, crea stringhe di codice, fa analisi e previsioni, compone poesie e canzoni, dà consigli personalizzati. Ma è davvero l’epilogo evolutivo del suo primato sull’intelligenza umana? Quali i limiti e rischi?

Pubblicato il 27 Dic 2022

Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

Alessandro Longo

Direttore agendadigitale.eu

chat-bot

Sulla scia dell’inesorabile e rapida evoluzione tecnologica che accompagna i sistemi di intelligenza artificiale, è ormai noto a tutti il lancio di ChatGPT, basato sull’implementazione di InstructGPT.

Meno note sono le implicazioni, su internet e sulla società, del grande successo di questo lancio.

Ricordiamo che si tratta di un nuovo modello linguistico ottimizzato di dialogo – attualmente rilasciato in versione di prova gratuita – che interagisce in modo conversazionale per rispondere alle domande degli utenti, persino con la capacità di ammettere e contestare premesse errate, nonché di rifiutare richieste inappropriate.

What is ChatGPT and How You Can Use It

ChatGPT riaccende il dibattito sulle potenzialità dell’intelligenza artificiale

Come accade ormai di frequente quando si prospetta l’esistenza di una nuova applicazione di intelligenza artificiale, si riaccende la contrapposizione tra i convinti fautori dell’inesorabile progressivo primato che sarà presto definitivamente raggiunto dalle tecnologie emergenti e coloro che, secondo un approccio realistico più cauto e pragmatico, basato sulle attuali evidenze dello stato dell’arte, evidenziano i limiti applicativi codificati in qualsiasi sistema di IA e le svariate criticità tecniche ostative alla configurazione di un’effettiva capacità di pervasivo e completo funzionamento configurabile in modalità integrale di performante auto-apprendimento.

WHITEPAPER
AZIENDA RETAIL: ecco i 15 motivi per cui hai bisogno dell'Intelligenza Artificiale!
Intelligenza Artificiale
Retail

Sta di fatto che, sin dal momento del suo lancio, ChatGPT, creato dalla startup  OpenAI, ha monopolizzato la generale attenzione mediatica ben oltre la specifica ristretta nicchia degli addetti ai lavori, per le sorprendenti funzioni progettate in grado di elaborare, a mero titolo di esempio, saggi e opere letterarie su qualsiasi tema, creare stringhe di codice, effettuare analisi e previsioni, comporre poesie e canzoni, formulare consigli personalizzati, al punto da ipotizzare (ancora una volta) l’imminente declino delle abilità – anche altamente qualificate – tipicamente umane, come inevitabile conseguenza della progressiva automazione generalizzata prodotta dai sistemi di IA con l’avvento di una nuova era tecnologica destinata a “sostituire gli esseri umani”.

Sebbene una simile prospettiva sia stata più volte forse un po’ troppo frettolosamente pronosticata, per lasciare il passo, alla prova dei fatti, a esiti applicativi spesso deludenti, è comunque innegabile che, con una rapidità evolutiva senza precedenti, i sistemi di intelligenza artificiale si stanno vorticosamente implementando con modalità di sviluppo sempre più sofisticate soprattutto rispetto alla capacità di generare e creare contenuti originali, difficilmente distinguibili da quelli umani.

Come funziona ChatGPT

Il modello ChatGPT sembra realizzare un ulteriore passo in avanti nel processo di perfezionamento tecnico dell’Intelligenza Artificiale, frutto di un intenso addestramento del sistema, parzialmente progettato sulla falsariga operativa dei cosiddetti assistenti virtuali, e sottoposto a costanti test di monitoraggio massivo per processare la mole significativa dei contenuti immessi online.

In buona sostanza, ChatGPT rappresenta un bot di ultima generazione, progettato per formulare risposte complesse simili a quelle umane.

Dialogare con un’intelligenza artificiale è sempre più facile: ecco perché inizia una nuova era

Il sistema opera in regime di apprendimento automatico, imparando costantemente dagli “input” provenienti dall’ambiente esterno, anche se in realtà, sono ancora notevoli i margini di errore segnalati nella formulazione di risposte imprecise (o addirittura completamente sbagliate, vedi errori di calcolo grossolani o fattuali), comunque prive della capacità di comprendere appieno le specifiche sfumature di significato sottese ad una tipica conversazione umana.

Se si osserva il fenomeno da un diverso punto di vista, però, tracciando un orizzonte temporale di medio-lungo termine nello sviluppo predittivo del sistema, già ora ChatGPT può essere considerato un risultato concreto dalle indubbie potenzialità applicative, come primo modello di bot conversazionale, verosimilmente destinato ad un progressivo miglioramento determinato dal costante perfezionamento tecnico della sua architettura attuale, come prospettiva tecnologica inimmaginabile nel recente passato.

ChatGPT rappresenta il  primato definitivo dell’intelligenza artificiale?

In tale peculiare scenario, pertanto, il lancio di ChatGPT potrebbe rappresentare l’epilogo evolutivo del primato definitivo dell’Intelligenza Artificiale, dando vita alla configurazione di un nuovo ambiente digitale, animato da svariati chatbot persino in grado di sostituire le tipiche funzionalità dei tradizionali motori di ricerca, al netto delle fisiologiche “falle” tecniche attualmente riscontrabili.

Non sorprende pertanto che il “colosso” Google, ad esempio, sia impegnato da tempo in prima linea nell’implementazione del suo modello sperimentale LaMDA, basato sull’architettura neurale Transformer al fine di migliorare i risultati di ricerca grazie al software “BERT” (Bidirectional Encoder Representations from Transformers), con l’intento di ottimizzare la codifica delle query di ricerca, grazie alla capacità di leggere le specifiche sfumature conversazionali del linguaggio generato dagli utenti.

What is ChatGPT? OpenAI's Chat GPT Explained

Le criticità etiche che preoccupano

Restano sullo sfondo una serie di rilevanti preoccupazioni – soprattutto etiche – derivanti dal generale sviluppo dei sistemi di Intelligenza Artificiale, alla luce di alcuni studi che rilevano il rischio di una possibile codificazione nascosta di pregiudizi associati a informazioni discriminatorie (etniche, religiose, di genere, ecc.), che necessitano sempre di una costante supervisione umana nella programmazione delle applicazioni per ridurre l’incidenza negativa di tali rischi, tenuto conto di una serie di evidenze sui possibili effetti collaterali prodotti dalla tecnologia IA.

La diffusione di “testi convincenti simili a quelli umani”, generati dai sistemi di Intelligenza Artificiale, oltre all’eventualità, tutt’altro che aleatoria, di imporre un linguaggio universale “dominante” corrispondente al modello lessicale tecnologicamente processato senza riuscire a “catturare” la profondità delle sfumature peculiari della conversazione dialogica umana, potrebbe inoltre favorire la circolazione di campagne di disinformazione online, anche mediante la diffusione di foto e video fuorvianti, in grado di destabilizzare l’opinione pubblica e compromettere la tenuta generale della società.

Internet rigurgiterà di testi e immagini “artificiali”

I modelli linguistici di grandi dimensioni vengono addestrati su set di dati costruiti raschiando Internet alla ricerca di testi, tra cui tutte le cose tossiche, sciocche, false e dannose che gli esseri umani hanno scritto online. I modelli AI finiti rigurgitano queste falsità come fatti e i loro risultati vengono diffusi ovunque in rete. Le aziende tecnologiche setacciano di nuovo Internet, raccogliendo testi scritti dall’IA che usano per addestrare modelli più grandi e più convincenti, che gli umani possono usare per generare ancora più assurdità prima di essere raschiati ancora e ancora, ad nauseam.

Questo problema – l’intelligenza artificiale che si alimenta da sola e produce risultati sempre più inquinati – si estende anche alle immagini. “Internet è ormai perennemente contaminato da immagini prodotte dall’IA”, ha dichiarato Mike Cook, ricercatore di IA presso il King’s College di Londra, al collega Will Douglas Heaven nel suo nuovo articolo sul futuro dei modelli di IA generativa.

“Le immagini che abbiamo realizzato nel 2022 faranno parte di qualsiasi modello realizzato d’ora in poi”. Idem per i testi, ben presto.

In futuro sarà sempre più difficile trovare dati di addestramento di buona qualità e garantiti dall’AI, afferma Daphne Ippolito, ricercatrice senior presso Google Brain, l’unità di ricerca dell’azienda per l’apprendimento profondo. Se vogliamo evitare che i futuri modelli di IA abbiano pregiudizi e falsità incorporati all’ennesima potenza, non sarà più sufficiente raccogliere testo alla cieca da Internet.

“È davvero importante valutare se dobbiamo addestrarci sulla totalità di Internet o se ci sono modi per filtrare le cose di alta qualità che ci daranno il tipo di modello linguistico che vogliamo”, dice Ippolito.

La creazione di strumenti per individuare il testo generato dall’intelligenza artificiale diventerà cruciale quando le persone cercheranno inevitabilmente di presentare documenti scientifici o articoli accademici scritti dall’intelligenza artificiale, o di usare l’intelligenza artificiale per creare fake news o disinformazione.

Gli strumenti tecnici possono aiutare, ma anche gli esseri umani devono diventare più esperti.

Ippolito sostiene che ci sono alcuni segni rivelatori di un testo generato dall’IA. Gli esseri umani sono scrittori disordinati. I nostri testi sono pieni di errori di battitura e di gergo e la ricerca di questo tipo di errori e di sottili sfumature è un buon modo per identificare un testo scritto da un umano. Al contrario, i modelli linguistici di grandi dimensioni funzionano prevedendo la parola successiva in una frase ed è più probabile che usino parole comuni come “il”, “è” o “è” invece di parole strane e rare. E sebbene non sbaglino quasi mai le parole, capita che sbaglino qualcosa. Ippolito dice che le persone dovrebbero prestare attenzione a sottili incongruenze o errori fattuali in testi che sono presentati come fatti, per esempio.

Conclusioni

È quindi opportuno cedere il passo al primato dell’intelligenza artificiale, delegando alle tecnologie il compito di assolvere alla generalità delle funzioni che hanno sempre presupposto la centralità dell’essere umano, come fattore decisivo per il raggiungimento delle svariate tappe di sviluppo che hanno lasciato un segno indelebile nel progresso evolutivo della storia?

Rispetto al passato, l’intelligenza artificiale potrebbe sostituire l’Intelligenza Umana, facendosi portatrice di ineguagliabili capacità di definitiva superiorità cognitiva? Sta davvero prendendo forma una nuova inedita era tecnologica “transumana” del tutto recisa dal tradizionale approccio umano-centrico su cui si fonda l’attuale società?

Molte domande, poche risposte. Su tutte però prevale una risposta possibile, a monte, che richiama una necessaria ripresa del ruolo dell’umano come dovrà sviluppare competenze adatte a ripensare il proprio ruolo e arginare le distorsioni indotte dall’AI.

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4