Disaster risk management

Coinvolgimento dei cittadini durante le catastrofi: Il caso dell’alluvione in Emilia-Romagna



Indirizzo copiato

La gestione del rischio di disastri è un compito complesso che richiede la partecipazione attiva dei cittadini. Un caso emblematico è quello dell’alluvione in Emilia-Romagna, dove l’utilizzo della piattaforma X ha permesso un coinvolgimento diretto della popolazione nel processo di gestione del rischio, con risultati sorprendenti

Pubblicato il 7 giu 2024

Giorgio Di Maria

studente LUMSA

Antonio Opromolla

Ricercatore presso la Link Campus University



alluvione emilia romagna

La gestione del rischio di disastri è un compito complesso e multiforme che richiede una pianificazione accurata, strategie ben definite e soprattutto il coinvolgimento attivo dei cittadini.

La prevenzione, la preparazione, l’attuazione e il recupero non sono infatti processi isolati ma elementi di un sistema interconnesso in cui ciascuno ha un ruolo vitale da svolgere.

Alluvione in Emilia Romagna maggio 2023: la cronistoria attraverso le immagini di Local Team

In particolare, l’apporto della collettività può fare la differenza: la partecipazione dei cittadini può fornire informazioni preziose per affrontare le situazioni di emergenza in modo più efficace ed efficiente.

Disaster risk management, crowdsourcing, vulnerabilità

La gestione delle catastrofi richiede un approccio integrato che comprenda una comunicazione tempestiva, il coinvolgimento dei cittadini e la valutazione della vulnerabilità delle comunità colpite.

In questo contesto, i social media hanno acquisito una notevole importanza, impiegati come strumenti di comunicazione immediata e di mobilitazione durante le catastrofi. Prima di evidenziare come questi i canali social siano stati impiegati nel corso del caso studio preso in esame, è utile chiarire alcuni concetti: disaster risk management, crowdsourcing, vulnerabilità.

Le 4 fasi principali del disaster risk management

Il disaster risk management riguarda i processi di gestione di un disastro. L’University of Missouri ha identificato le 4 fasi principali che lo compongono, vale a dire:

  • Preparedness, vale a dire essere pronti a proteggere se stessi, gli altri e gli oggetti di grande rilevanza, nel caso in cui si verifichi un’emergenza o un disastro.
  • Response, che prevede tutte le attività indirizzate a prestare il primo soccorso o richiedere assistenza medica per le vittime, se necessario.
  • Recovery, che si riferisce alle azioni da implementare una volta che la situazione è rientrata, ad esempio indirizzate alla pulizia, al riparo di eventuali danni e, se necessario, chiamare i servizi di restauro professionali.
  • Mitigation, vale a dire ridurre eventuali problemi verificatisi nella gestione dell’incidente.

In questo momento storico in Italia si sta lavorando molto sulla definizione di adeguate procedure e processi per il disaster risk management. A livello internazionale, invece, l’argomento è oggetto di particolare attenzione, in particolare da parte dell’UNDRR (Ufficio delle Nazioni Unite per la Riduzione del Rischio di Disastri) e l’IFRC (Federazione Internazionale della Croce Rossa).

Importanza del coinvolgimento dei cittadini nel disaster risk management

Come anticipato, nei processi di disaster risk management, le attività di citizen engagement risultano particolarmente importanti. Nello scambio di informazioni e comunicazione, ad esempio, l’impiego di diversi strumenti digitali consentono ai cittadini di agire in maniera attiva e di partecipare in diverse fasi di gestione di un disastro. Tra i diversi obiettivi, tali strumenti digitali sono utili, ad esempio per diffondere informazioni cruciali (information dissemination), per creare un senso di comunità (community resilience), per chiamare volontari (volunteerism), per far circolare dati sulle specificità dell’area colpita dal disastro (local knowledge), per organizzarsi su base comunitaria (community-based planning), oppure per diffondere informazioni di allerta (early warning systems).

Il ruolo del crowdsourcing nei processi di gestione del rischio

Su questi aspetti, il concetto di crowdsourcing risulta particolarmente importante, anche e soprattutto a seguito della proliferazione delle tecnologie mobile e dei social media. Il crowdsourcing unisce le due parole “crowd”e “outsourcing” e si riferisce all’idea di attingere ad una risorsa illimitata di intelligenza pubblica, al fine di raccogliere informazioni ed eseguire compiti che altrimenti sarebbero limitati o affidati a pochi attori. In ambito disastri, le pratiche di crowdsourcing rivestono una sempre maggiore centralità, sia in ambito accademico che nella pratica. Tale strumento è, infatti, sempre più impiegato per mappare un’ampia gamma di problemi, rendendo più semplice per un vasto gruppo di persone provenienti da un’intera regione, città, o paese documentare dove si verificano i problemi e quando. Queste informazioni vengono utilizzate come contributi importanti per rispondere a tali problemi, e forniscono un utile aiuto alle aree che ne hanno bisogno, mantenendo le persone aggiornate sui problemi man mano che si sviluppano e si risolvono.

La vulnerabilità nelle situazioni di disastro

Inoltre, un concetto particolarmente legato al disaster risk management è quello di vulnerabilità, che ha due accezioni:

  • le caratteristiche determinate da fattori o processi fisici, sociali, economici e ambientali che aumentano la suscettibilità di un individuo, una comunità, beni o sistemi agli impatti dei disastri che si verificano;
  • le caratteristiche di diversi gruppi di persone potenzialmente vulnerabili (persone con disabilità fisiche e mentali, anziani, donne incinte, bambini), i cui bisogni speciali devono essere presi in particolare considerazione.

Chiaramente, al di là della specifica accezione di vulnerabilità presa in considerazione, è utile evidenziare come l’impiego di strumenti di comunicazione digitali, secondo le dinamiche del crowdsourcing, possono essere di particolare importanza nel far circolare le informazioni utili per rispondere, far fronte o mitigare i disastri, nonché per preparare adeguatamente la popolazione ad affrontarlo.

Il caso dell’alluvione in Emilia-Romagna

L’Emilia-Romagna ha fronteggiato molte catastrofi naturali. Si tratta di una delle regioni in cui le percentuali di territorio potenzialmente allagabile e di popolazione esposta al rischio alluvioni per tre scenari di pericolosità sono superiori ai valori calcolati su scala nazionale.

Terremoti come quello del 2012, hanno provocato danni considerevoli a edifici storici e comunità locali. Le alluvioni lungo il corso del fiume Po hanno spesso danneggiato coltivazioni e infrastrutture, mentre le frane, soprattutto nelle aree montane, rappresentano una costante minaccia per l’ambiente e la sicurezza delle persone.

La regione è stata, ormai un anno fa, nuovamente colpita da una devastante alluvione. Ha affrontato sfide significative nel gestire l’emergenza, data la sua densa popolazione e la sua esposizione ai rischi idrogeologici. Nonostante tali sfide, l’Emilia-Romagna ha dimostrato una straordinaria capacità di ripresa, con comunità che si sono unite per ricostruire e riprendere la propria vita con determinazione e spirito di solidarietà.

Le autorità regionali e locali hanno risposto prontamente all’alluvione con azioni di evacuazione, soccorso e ripristino delle infrastrutture. Tuttavia, le sfide logistiche e l’ampiezza dell’evento hanno messo a dura prova le risorse disponibili.

Oltre alle azioni immediate, sono state implementate misure a lungo termine per prevenire e mitigare i futuri rischi di alluvione. Investimenti in ricerca, infrastrutture di protezione e sensibilizzazione hanno rappresentato componenti cruciali di queste misure preventive.

Analisi dei processi di utilizzo su X nel corso dell’alluvione in Emilia Romagna

Come evidenziato, durante gli eventi catastrofici, il coinvolgimento attivo dei cittadini e delle organizzazioni della società civile è fondamentale per affrontare efficacemente le emergenze e mitigare i loro impatti. In questo contesto, i social media hanno assunto un ruolo sempre più rilevante come piattaforme per la comunicazione, la mobilitazione e la condivisione di informazioni durante le crisi. X, in particolare, si è dimostrato uno strumento prezioso per la diffusione di notizie, aggiornamenti e richieste di aiuto durante eventi catastrofici.

Lo scopo del nostro studio è stato quello di analizzare l’attivazione dei processi di citizen engagement abilitati attraverso la piattaforma X durante gli eventi catastrofici che hanno colpito l’Emilia-Romagna nel maggio 2023. La ricerca si è basata sull’analisi di tweet raccolti utilizzando la funzione di ricerca avanzata di X. Nello specifico, è stata utilizzata una metodologia quanti-qualitativa, fatta dei seguenti step:

  • contestualizzazione generale, in cui sono stati individuati gli argomenti più importanti nei giorni dell’evento, attraverso un’analisi quantitativa dei tweet (è stato scelto l’hashtag #alluvioneemiliaromagna come hashtag di partenza per l’analisi);
  • elaborazione dei dati e suddivisione delle tematiche trattate in macro temi;
  • elaborazione grafica dei dati raccolti;
  • identificazione delle modalità di citizen engagement abilitate, svolta attraverso un’analisi qualitativa dei tweet;
  • elaborazione dei dati raccolti e suddivisione dei tweet nelle 4 categorie di citizen engagement individuate e discusse di seguito;
  • definizione delle categorie e rappresentazione dei tweet significativi per ciascuna categoria;
  • identificazione dei tweet creati direttamente dai cittadini.

Risultati dell’analisi su X: le tipologie di citizen engagement abilitate

I risultati dell’analisi indicano che durante gli eventi catastrofici in Emilia-Romagna nel maggio 2023, sono emersi diversi tipi di impegno civico su X. Sono state individuate 4 specifiche categorie di post:

  • attività informative, che hanno visto protagonisti le forze dell’ordine, le ONG e i media digitali, che hanno fornito aggiornamenti costanti sulla situazione e sugli sforzi di soccorso;
  • attività di volontariato, particolarmente sostenuto da organizzazioni come Emergency e VolontaRomagna, che hanno giocato un ruolo chiave nell’assistenza alle vittime e nel coordinamento delle operazioni di soccorso;
  • il fundraising, con diverse organizzazioni e istituzioni che hanno promosso campagne per raccogliere fondi per le vittime della catastrofe;
  • richieste di aiuto e collaborazione, con cittadini locali e persone provenienti da altre regioni che si sono mobilitati per offrire supporto e solidarietà alle comunità colpite.

In merito alle tipologie di post condivisi dai cittadini, si possono evidenziare tre diverse tipologie: tweet creati dalle persone che hanno fatto esperienza della catastrofe; tweet creati dalle persone vicine a coloro che hanno fatto esperienza della catastrofe; tweet di solidarietà e vicinanza da parte di persone che non hanno fatto esperienza della catastrofe.

Alcuni specifici punti di attenzione

  • i sistemi di emergenza e i vigili del fuoco hanno fornito contenuti di supporto sostanziali, mentre altri avrebbero potuto fare di più;
  • degni di nota sono stati i retweet che mostravano solidarietà e sforzi di raccolta fondi;
  • l’impegno civico, in particolare in relazione al volontariato, è stato segnalato come positivo;
  • si è osservata una intensa pubblicazione di video, foto e notizie sulla situazione;
  • il cambiamento climatico è stato un argomento prevalente, riflettendo l’attuale momento storico;
  • un aspetto negativo è che il 29% dei tweet erano motivati politicamente, sfruttando la catastrofe come momento di visibilità politica;
  • tra i temi riscontrati nei dati si trovano il cambiamento climatico, l’emergenza, le immagini/video, le richieste di aiuto, la solidarietà e le gaffe.

Conclusioni

Questo studio, per quanto limitato nell’utilizzo degli strumenti rappresenta un esempio di come sia possibile abilitare processi di civic engagement in situazioni di disastro, nonché di come possa essere utile investire sul maggior utilizzo di tali strumenti, al fine di rafforzare un’informazione dal basso e una partecipazione più estesa.

Bibliografia

● UNDRR- Disaster management: https://www.undrr.org/terminology/disaster-management

  • Tomer Simon, Avishay Goldberg, Bruria Adini – Socializing in emergencies—A review of the use of social media in emergency situations.1.2 Social order. 1.3 Disaster Management.

● Key Elements of Disaster/Emergency Planning: https://www.umsystem.edu/ums/fa/management/records/disaster-guide-key-elements#:~:text=Preparedness%2C%20Response%2C%20Recovery%20%26%20Prevention%2FMitigation

● GFDRR – Community participation and Citizen Engagement: https://www.gfdrr.org/en/citizen-engagement

● Dissemination Strategies for Emergency Preparedness and Response Evaluation Findings. https://www.ruralhealthinfo.org/toolkits/emergency-preparedness/5/dissemination-strategies

● NIST – Community resilience: https://www.nist.gov/community-resilience#:~:text=Community%20resilience%20is%20the%20ability,are%20key%20steps%20to%20resilience

● European Commision – European Civil Protection and Humanitarian Aid Operations: https://civil-protection-humanitarian-aid.ec.europa.eu/what/humanitarian-aid/education-emergencies_en

● GDPC – Early Warning Systems: https://preparecenter.org/topic/early-warning-systems/

● IFRC – Volunteering in emergencies Practical guidelines for Red Cross and Red Crescent Societies managing volunteers in emergency situations. Page 3: https://volunteeringredcross.org/wp-content/uploads/2019/02/Volunteering-in-emergencies-LR.pdf

● Criticality of Local Knowledge: https://www.gdrc.org/sustdev/inn-comm/local-knowledge.html

● UNICEF – Scaling up the community-based health workforce for emergencies: https://www.unicef.org/media/61566/file

● Tomer Simon, Avishay Goldberg, Bruria Adini – Socializing in emergencies—A review of the use of social media in emergency situations. 2.7. Crowdsourcing in disasters: https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0268401215000638#bib0085

● GDPC – Crowdsourcing: https://preparecenter.org/topic/crowdsourcing/#:~:text=By%20pooling%20the%20contributions%20of,and%20researchers%20during%20humanitarian%20emergencies

● UNDRR- Vulnerability: https://www.preventionweb.net/understanding-disaster-risk/component-risk/vulnerability

● UNDRR – UNECE study maps transport infrastructure at high risk due to climate change in Pan-European region and Canada: https://www.preventionweb.net/news/view/70596

● UNDRR – Older adults’ independence is most significant factor for vulnerability in hot weather: https://www.preventionweb.net/news/view/66224 UNDRR – Secure food supply chain: https://www.preventionweb.net/news/view/75301

● UNDRR – Severe air pollution can heighten Covid-19 risk in South Asia: https://www.preventionweb.net/news/view/74143

● VULNERABLE GROUPS IN EMERGENCIES: https://humanitarianglobal.com/vulnerable-groups-in-emergencies/

● GIS IN DISASTER MANAGEMENT: https://www.linkedin.com/pulse/gis-disaster-management-vishwadeep-das/

● Earth Observation to Support Disaster Preparedness and Disaster Risk Management: https://www.mdpi.com/journal/remotesensing/special_issues/EO_disaster

● UNDRR- An open-source tool to assist in multi-hazard risk assessment: https://www.preventionweb.net/drr-community-voices/open-source-tool-assist-multi-hazard-risk-assessment

● Save The Children – Alluvione in Emilia-Romagna: https://www.savethechildren.it/blog-notizie/alluvione-emilia-romagna

● Examining the role of climate change in the Emilia-Romagna floods. Available at: https://www.nature.com/articles/d43978-023-00082-z

● ISPRA – Alluvione in Emilia-Romagna: piogge record, fiumi e corsi d’acqua esondati: https://www.isprambiente.gov.it/it/news/maltempo-in-emilia-romagna-piogge-record-fiumi-e-corsi-dacqua-esondati

● Examining the role of climate change in the Emilia-Romagna floods: https://www.nature.com/articles/d43978-023-00082-z

● NY Times – Flood-Battered Italian Region May See More Violent and Frequent Storms: https://www.nytimes.com/2023/05/27/world/europe/italy-floods-emilia-romagna.htm

● The Guardian – Death toll mounts in Italy’s worst flooding for 100 years: https://www.theguardian.com/world/2023/may/18/italy-worst-flooding-in-100-years-emilia-romagna

● Il Sole 24 ore – Alluvione in Emilia-Romagna, danni per 8,9 miliardi: https://www.ilsole24ore.com/art/alluvione-emilia-romagna-danni-89-miliardi-AEXDSJiD

● AON – Global Catastrophe Recap First Half of 2023: https://assets.aon.com/-/media/files/aon/capabilities/reinsurance/global-catastrophe-recap-1h-2023.pdf

● Protezione Civile – Maltempo Emilia-Romagna: deliberata l’estensione dello stato di emergenza: https://www.protezionecivile.gov.it/it/notizia/maltempo-emilia-romagna-deliberata-lestensione-dello-stato-di-emergenza/

● Protezione Civile Emilia-Romagna – Gestione delle emergenze: https://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/gestione-emergenze

● Protezione Civile Emilia-Romagna – Rischi, previsione e prevenzione: https://protezionecivile.regione.emilia-romagna.it/rischi-previsione-prevenzione/rischi-previsione-e-prevenzione

● Regione Emilia Romagna – Allerta Meteo Emilia-Romagna: https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it

● Croce Rossa Italiana – Alluvione Emilia-Romagna, aiutiamo la popolazione colpita: https://cri.it/alluvione-emiliaromagna/

● EMERGENCY – FLOODING IN EMILIA ROMAGNA: WHAT WE ARE DOING IN FAENZA: https://en.emergency.it/projects/flooding-in-emilia-romagna-what-we-are-doing-in-faenza/

● OIPA – OIPA VOLUNTEERS STILL ON THE GROUND TO SUPPORT FAMILIES WHO ARE TRYING TO START OVER AFTER THE FLOOD: https://www.oipa.org/international/italy-emilia-flood-update/

● Regione Emilia-Romagna – Un servizio attivo 24 ore su 24 per le persone sorde colpite dall’emergenza alluvione: https://www.regione.emilia-romagna.it/alluvione/aggiornamenti/2023/maggio/un-servizio-attivo-24-ore-su-24-per-le-persone-sorde-colpite-dall2019emergenza-alluvion

● SOCIALCOMITALIA – Alluvione in Emilia-Romagna. Available at: https://socialcomitalia.com/wp-content/uploads/2023/05/Alluvione-in-Emila-Romagna-Social-cruciali-oltre-35-milioni-di-interazioni-in-pochi-giorni_.pdf

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4