la riflessione

Come la guerra sta cambiando internet: big tech fronte del conflitto

La guerra russo-ucraina sta mettendo sotto pressione le big tech in proporzioni inedite. Uno sviluppo che contribuirà a modellare gli equilibri della rete

28 Feb 2022
Alessandro Longo

Direttore agendadigitale.eu

I giganti tecnologici statunitensi sono messi ora sotto pressione sia dalla Russia sia dall’Occidente per rispondere al conflitto in Ucraina. 

Si conferma così il loro potere e peso nella nostra società, ma al tempo stesso anche la loro fragilità: i loro affari sono costantemente influenzati da aventi geopolitici.

Come la Russia costruisce un’autarchia digitale, contro le sanzioni occidentali

I social alle prese con la guerra

  • I fatti. Sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, i funzionari russi hanno limitato – rallentando le connessioni grazie agli strumenti di deep packet inspection imposti ai provider interent- l’accesso ai prodotti Facebook/Meta sostenendo che ha bloccato l’accesso ai media russi. Facebook ha detto di aver controllato i fatti e di aver etichettato le notizie provenienti dai media statali con una rinnovata attività contro la disinformazione; ha detto che avrebbe vietato ai media statali russi di pubblicare annunci sulla sua piattaforma.
  • YouTube ha detto che avrebbe messo in pausa la capacità di diversi canali russi di monetizzare e avrebbe limitato le raccomandazioni a loro, dopo che il senatore degli Stati Uniti Mark Warner a scritto ad Alphabet/Google così come ad altre grandi aziende tecnologiche, esortandole a fare di più per combattere le operazioni di influenza russa. Google di Alphabet ha preso misure simili per bloccare la monetizzazione sulle sue piattaforme da parte dei media russi finanziati dallo stato.
  • Anche Twitter ha riportato che l’accesso al suo sito è stato limitato e di avere messo in pausa la monetizzazione di media statali russi.
  • Nel frattempo, i funzionari ucraini hanno invitato Apple a vietare l’accesso russo al suo App Store. “Abbiamo bisogno del vostro sostegno nel 2022, la tecnologia moderna è forse la migliore risposta ai carri armati, ai lanciarazzi multipli e ai missili”, ha scritto Mykhailo Fedorov, vice primo ministro ucraino, in una lettera all’amministratore delegato di Apple Tim Cook. Cook ha detto in un tweet che era profondamente preoccupato per il conflitto e che Apple stava sostenendo gli sforzi umanitari locali.

La sfida della disinformazione

Lo scontro della disinformazione e contro-disinformazione intorno alla guerra di per sé conferma ancora una volta peso e responsabilità dei social in questa fase.

WEBINAR
18 Ottobre 2022 - 15:00
Strategia Omnicanale: quanto la conosci e la usi? Sfide e strategie per essere un passo avanti
Digital Transformation
Intelligenza Artificiale

Il governo ucraino ha trattato da subito il campo di battaglia dell’informazione come una vera linea del fronte. In ucraino, inglese e russo, gli alti funzionari hanno incessantemente pubblicato notizie sui social media, fornito aggiornamenti regolari e messo in guardia da ciò che dicono essere nuove false narrazioni russe prima che possano pienamente decollare.

Citando l’intelligence, il ministro degli esteri ucraino Dmytro Kuleba ha avvertito che la Russia stava pianificando “una massiccia operazione di false-flag ” per accusare l’Ucraina di violazioni dei diritti umani. “Non fidatevi dei falsi”, ha twittato.

Questi sforzi per ostacolare le campagne di disinformazione del Cremlino arrivano mentre i funzionari degli Stati Uniti avvertono che la Russia sta aumentando gli sforzi per colpire i soldati ucraini al fine di “scoraggiarli e indurre la resa attraverso la disinformazione” mentre Kiev si prepara all’attacco.

La Russia ha una lunga storia di utilizzo di questo tipo di guerra ibrida per influenzare la popolazione – come durante le elezioni americane. E ci ha provato anche prima dell’invasione. Gli ucraini hanno ricevuto messaggi di testo sui loro telefoni che li avvisavano che i bancomat avevano smesso di funzionare, false affermazioni che sono state rapidamente smentite dalla forza di polizia informatica dell’Ucraina.

Questo ha ricordato uno sforzo simile nel 2014, quando una campagna di testo di massa ha preso di mira le truppe ucraine che combattono i separatisti filorussi nella parte orientale del paese con messaggi come “Andate via e vivrete”, “Nessuno ha bisogno che i vostri figli diventino orfani” e “I soldati ucraini, troveranno i vostri corpi quando la neve si scioglie”. Sono stati fatti sembrare come se provenissero da compagni di truppa, con alcuni che sostenevano che i loro comandanti li avevano traditi, con il chiaro scopo di intimidire e abbassare il morale.

Questa volta, le chat di messaggistica criptata, che sono decentralizzate e meno vincolate delle piattaforme di social media, hanno assunto un ruolo maggiore. La propaganda pro-russa è stata particolarmente spinta fuori sui canali Telegram, con gran parte di essa che è apparsa rapidamente in una serie di gruppi di destra in lingua inglese. “Le truppe russe hanno circondato Kiev. Zelensky potrebbe essere fuggito. La Russia non sta combattendo contro il popolo e l’esercito ucraino, ma contro i battaglioni nazisti e i mercenari stranieri”, si legge in un messaggio che è stato inoltrato in decine di canali Telegram di destra statunitensi.

La disinformazione è stata usata anche per giustificare la guerra, diffondendo false notizie su un genocidio “neo nazista” nel Donbass da parte degli Ucraini ai danni dei russi.

La battaglia di disinformazione è stata al centro dell’approccio della Casa Bianca al conflitto fin dall’inizio. La sua mossa senza precedenti di rilasciare pubblicamente informazioni declassificate sui piani della Russia ha frustrato i tentativi del Cremlino di stabilire un’efficace narrazione prefabbricata per invadere l’Ucraina.

Il ruolo delle big tech, le pressioni dei Governi

Come si vede, big tech e Governi occidentali agiscono in tandem. I social, in particolare nei momenti di crisi, si trovano nella scomoda posizione di dover diventare strumenti politici a tutti gli effetti. Con grosse responsabilità. Quello della neutralità tecnologica è ormai un fantasma che non si affannano nemmeno più a evocare.

La confermata responsabilità di fatto è destinata a tradursi in responsabilità di norma. Non farà che incoraggiare le leggi che in Europa e Stati Uniti si stanno preparando a questo proposito. 

Ci sono quindi pressioni sia dai Governi occidentali, sia da quelli autoritari.

E la pressione va oltre le piattaforme dei social media. L’anno scorso, la Russia ha classificato Netflix Inc. come un provider audiovisivo, un cambiamento che potrebbe costringerla a iniziare a offrire canali televisivi statali ai suoi circa 1 milione di abbonati nel paese, secondo il Moscow Times. È stata una conseguenza di una legge sulla sovranità di Internet approvata nel 2019 che ha dato al governo un maggiore controllo sui contenuti per gli utenti russi.

Nuovi pressioni dalla Russia

Le autorità russe hanno avvertito Google, Meta, Apple, Twitter, TikTok e altri che hanno fino alla fine di questo mese per conformarsi a una nuova legge che richiede loro di creare entità legali nel paese. La cosiddetta legge di sbarco rende le aziende e i loro dipendenti più vulnerabili al sistema legale russo e alle richieste dei censori del governo, hanno detto esperti legali e gruppi della società civile. Usando la prospettiva di multe, arresti e il blocco o il rallentamento dei servizi internet, le autorità stanno spingendo le aziende a censurare il materiale sfavorevole online, mantenendo i media pro-Cremlino senza filtri.

Apple, TikTok e Spotify hanno rispettato la legge di sbarco, secondo il regolatore internet russo, Roskomnadzor, e anche Google ha preso provvedimenti per farlo. Twitch e Telegram non l’hanno fatto. Meta, il genitore di Facebook, e Twitter hanno rispettato solo alcune parti della legge.

La situazione mette le aziende tecnologiche in difficoltà, prese tra il loro sostegno pubblico per la libera espressione e la privacy e il loro lavoro in paesi con leader autoritari. Le ha costrette a soppesare l’alternativa tra avere i loro servizi disponibili in Russia a certe condizini e l’andarsene del tutto.

Le aziende stanno affrontando richieste contraddittorie da tutto il mondo. I problemi di censura che una volta erano isolati in Cina, che ospita forse l’internet più restrittivo del mondo, si sono diffusi in Russia, Turchia, Bielorussia, Myanmar e altrove mentre alcuni di loro cercano di costruire un web più strettamente controllato.

Per la Russia, censurare internet non è facile. Mentre la Cina ha costruito una serie di filtri conosciuti come il Grande Firewall intorno al suo internet, l’internet della Russia è più aperto, e le piattaforme tecnologiche statunitensi sono ampiamente utilizzate nel paese. Per cambiare questo, il governo russo ha costruito nuovi metodi tecnici per bloccare i contenuti, che ha usato l’anno scorso per strozzare l’accesso a Twitter.

Ora ci si aspetta che la Russia aumenti la pressione sulle aziende tecnologiche mentre le autorità cercano di controllare quali informazioni vengono diffuse sulla guerra in Ucraina. I russi hanno usato Facebook, Instagram e altri social media stranieri per criticare il conflitto, alimentando le preoccupazioni di un giro di vite sulle piattaforme.

Apple e Google controllano il software su quasi tutti gli smartphone in Russia e hanno dipendenti lì. YouTube, Instagram e TikTok sono siti popolari che vengono utilizzati per ottenere informazioni al di fuori dei media statali. Telegram, l’app di messaggistica che ha iniziato in Russia e ora ha sede a Dubai dopo controversie con il governo, è uno degli strumenti di comunicazione più popolari del paese.

La nuova legge di sbarco è una mossa del Cremlino per contrastare i tentativi delle aziende tecnologiche di ridurre al minimo le loro presenze fisiche in Russia. La legge, entrata in vigore il 1 gennaio, richiede ai siti web stranieri e alle piattaforme di social media che hanno più di 500.000 utenti giornalieri di registrarsi come entità legali nel paese, con un leader locale. Richiede anche alle aziende di registrare un account con Roskomnadzor e di creare un modulo elettronico per i cittadini russi o le autorità governative per contattare le aziende con reclami.

Stabilire una maggiore presenza locale rende le aziende vulnerabili alle intimidazioni da parte del governo, i diritti umani e i gruppi della società civile hanno avvertito, portando alcuni a chiamarla “legge degli ostaggi”. L’anno scorso, le autorità russe hanno minacciato di arrestare i dipendenti di Google e Apple per costringerli a rimuovere un’applicazione creata dai sostenitori di Aleksei A. Navalny, il leader dell’opposizione russo imprigionato.

Meta ha detto che mentre stava prendendo provvedimenti per conformarsi alla nuova legge di sbarco, non ha cambiato il modo in cui ha esaminato le richieste del governo di abbattere i contenuti. Apple, Google e Twitter hanno rifiutato di commentare la legge. TikTok, Telegram, Spotify e le altre aziende prese di mira non hanno risposto alle richieste di commento.

I gruppi per i diritti umani e la libertà di parola hanno detto di essere delusi dal fatto che alcune delle aziende tecnologiche, spesso viste in Russia come meno legate al governo, stavano rispettando la legge senza proteste pubbliche.

Che ne sarà delle big tech e di internet

I rappresentanti di Facebook, YouTube e Twitter hanno detto che continuano a monitorare gli sviluppi e potrebbero prendere ulteriori misure. Nick Clegg, presidente di Meta per gli affari globali, ha catturato l’atto di bilanciamento che le piattaforme devono affrontare, dicendo che la società vuole che le applicazioni di Facebook continuino ad offrire un luogo dove le persone possono “far sentire la loro voce, condividere ciò che sta accadendo e organizzare”.

L’anno scorso, le autorità di almeno 48 paesi hanno perseguito nuove regole per le aziende tecnologiche su contenuti, dati o concorrenza, secondo Freedom House, un gruppo non profit che tiene traccia dello stato globale della democrazia e della politica internet. Le leggi hanno permesso alle autorità nigeriane di bloccare Twitter dopo che ha cancellato un post del presidente della nazione sui gruppi secessionisti, ritenuto minaccioso. Si veda anche il divieto dell’India dell’app video TikTok, una filiale della società cinese ByteDance Ltd., dopo una schermaglia di confine con la Cina.

Un peso che, secondo vari analisti, comporta un aumento di costi e una riduzione dei profitti per le big tech. Non solo perché aumentano le spese di compliance normativa, di conflittualità legale, ma anche perché il fenomeno ha ridotto l’accesso di alcuni utenti internet ai servizi e alle informazioni. Le aziende sono costrette a ogni passo a valutare se dovrebbero sottoscrivere i valori statunitensi sulla libertà di informazione o aderire alle leggi locali che sono spesso in conflitto con quei principi.

Le conseguenze vanno ben oltre gli affari delle big tech. Tra i rischi sempre più visibili c’è quello della splinternet, la balcanizzazione della rete. Da strumento positivo di globalizzazione di valori ad amplificatore di divisioni tra popoli.

Sembra evidente a tutti gli esperti che la guerra accelererà questa tendenza pressoria sulle big tech, da Paesi autoritari ma anche da quelli occidentali. Riflettendo, anche nei social, un mondo più diviso.

WHITEPAPER
Customer Data Platform: cos'è e perché apre una nuova era per i marketer
Big Data
CRM
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4