giurisprudenza

Come tutelarsi da violazioni della licenza open source? Profili di validità ed enforcement

A fronte della rilevante importanza economica e funzionale del software open source, manca tuttavia una adeguata riflessione giuridica circa i profili di qualificazione e validità delle licenze, non solo a livello italiano, ma anche a livello internazionale. I precedenti importanti, di prassi e giurisprudenza

Pubblicato il 23 Dic 2022

software matematico

Il software open source permea ormai in modo ampio i prodotti ed i servizi di cui quotidianamente ci serviamo, e potrebbe inoltre costituire una delle principali leve per lo sviluppo dell’economia digitale dell’Unione Europea.

Secondo uno studio del 2021 sull’impatto del software open source e dell’hardware sull’indipendenza tecnologica, la competitività e l’innovazione nella economia dell’Unione Europea, le società europee hanno investito circa 1 miliardo di euro in software open source nel 2018, con un impatto sull’economia europea fra i 65 e i 95 miliari di euro. Secondo l’analisi condotta, vi è un rapporto costo / benefici pari a 1:4, e si prevede che un aumento del 10% negli investimenti genererebbe un aumento fra lo 0,4%e lo 0,6% del PIL, promuovendo la creazione di circa 600 nuove start-up. Inoltre, sempre secondo lo studio, utilizzare software libero invece che proprietario potrebbe ridurre i costi totali nel settore pubblico, evitare i rischi di lock-in ed aumentare l’indipendenza tecnologica.

L’open source si fa largo in azienda: motivi per adottarlo, ostacoli, sistemi più diffusi

Il software open source nella PA

Sotto questo profilo, va anche ricordato che secondo gli artt. 68 e 69 del Codice dell’Amministrazione Digitale vi è nel settore pubblico italiano un sostanziale favore per i programmi open source: la PA committente deve infatti tendenzialmente acquisire, quando possibile, la titolarità dei programmi informatici sviluppati per essa, a meno che ciò risulti eccessivamente oneroso per comprovate ragioni di carattere tecnico-economico; ed in alternativa deve ricorrere a software liberi o a codice sorgente aperto. Solo nel caso in cui risulti motivatamente l’impossibilità di accedere a soluzioni già disponibili all’in-terno della pubblica amministrazione, o a software liberi o a codici sorgente aperto, adeguati alle esigenze da soddisfare, è consentita l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso.

WHITEPAPER
Infrastructure As Code - La guida completa ai vantaggi per il business
CIO
Datacenter

A fronte della rilevante importanza economica e funzionale del software open source, manca tuttavia una adeguata riflessione giuridica circa i profili di qualificazione e validità delle licenze open source, non solo a livello italiano, ma anche a livello internazionale. Eppure, la questione non è di poco conto, poiché una robusta sistematizzazione delle licenze quali contratti pienamente efficaci, con tutte le conseguenze in ordine ai profili delle conseguenze in caso di violazione, è di primaria importanza per supportare una adeguata diffusione di questo paradigma.

I nodi delle licenze open source

Accade infatti sempre più di frequente che le licenze open source possano essere oggetto di violazione, tipicamente perché un licenziatario/utilizzatore ne effettua degli sviluppi, che poi commercializza, senza tuttavia rimettere a disposizione il codice sorgente e/o senza indicare che si tratta di una licenza open source ed i relativi diritti morali. Ciò ovviamente danneggia l’intero sistema, poiché vanifica gli obiettivi di ampia conoscenza e condivisione che sono alla base dell’open source. In questo caso è importante poter affermare che la licenza open source è un vero e proprio contratto vincolante, così che il comportamento illecito possa essere qualificato come una violazione di diritti esclusivi d’autore, con la possibilità di agire in sede civile e/o penale, anche con rimedi cautelari tipici come l’inibitoria. Si tratta tuttavia di superare l’ostacolo costituito dalla circostanza che le licenze open source sono gratuite, ed è quindi in questo senso problematico, sia nell’ordinamento italiano sia in altri ordinamenti, configurarne la vincolatività per l’utilizzatore, perché manca l’elemento della cd. sinallagmaticità (o “consideration” negli ordinamenti anglosassoni). In altre parole, si potrebbe ritenere che le licenze open source siano delle mere rinunce, o degli atti unilaterali a titolo gratuito, che possono vincolare solo il concedente.

La tutela delle licenze open source, nella prassi e nella giurisprudenza

In realtà, l’importanza di riconoscere piena tutela alle licenze open source sembra essere sostanzialmente colta dalla prassi e dalla giurisprudenza, anche al di là di particolari approfondimenti sistematici. I precedenti individuabili, e non solo a carattere nazionale, tendono infatti a riconoscere validità alle licenze open source, ed ai vincoli ivi previsti, sanzionando i comportamenti non conformi.

In Italia

Per quanto riguarda l’Italia i precedenti – pur non essendo molti – depongono tutti in questo senso: fra questi si può citare la decisione più recente, emessa dal Tribunale di Venezia il 13 dicembre 2021, che ha riconosciuto la validità della licenza open source GLP, ed inibito la circolazione del software effettuata senza gli avvisi previsti, con riferimento alla sua applicabilità ed alla attribuibilità dei diritti morali. Nello stesso senso si erano peraltro precedentemente orientati anche il Tribunale di Palermo ed il Giudice di Pace di Schio, con le loro decisioni rispettivamente del 29 maggio 1997 e del 4 giugno 2001.

In Germania

La questione è stata poi affrontata anche in altre giurisdizioni che – pur non avendo in molti casi direttamente ed esaustivamente risolto il tema della qualificazione delle licenze open source – in ogni modo hanno ritenuto che le licenze open source fossero a tutti gli effetti valide ed applicabili. Fra queste si può ricordare in primo luogo la sentenza del 5 maggio 2004 del Tribunale di Monaco, nella controversia iniziata da Harald Welte (esponente del mondo open source) contro la convenuta Sitecom. Il signor Welte gestiva una piattaforma informatica di cui il software open source “netfilter/iptables” era parte integrante. Secondo la licenza il software era offerto per il download nel codice sorgente e reso disponibile per la modifica, l’aggiornamento e lo sviluppo; tuttavia, i licenziatari erano tenuti a rispettare le condizioni della licenza GPL, fra cui in particolare la cd. “viralità” della licenza, ossia che il software poteva essere distribuito nuovamente solo utilizzando la medesima licenza GPL, e solo in formato di codice sorgente. La convenuta Sitecom, tuttavia, distribuiva il software “netfilter/iptables” in codice oggetto e senza alcuna indicazione della sua sottoposizione alla licenza GPL. Welte agiva quindi in giudizio per ottenere che a Sitecom venisse inibita l’ulteriore distribuzione del software. Il Tribunale accoglieva la richiesta, osservando che nel caso di specie si sarebbero potute verificare due distinte ipotesi (entrambe sfavorevoli per Sitecom) ossia (i) che la licenza GPL non fosse valida, e quindi il convenuto non avesse mai ricevuto diritti d’uso, con conseguente sua violazione dei diritti esclusivi del signor Welte; (ii) oppure che la licenza GPL fosse valida, ma che in questo caso essa fosse stata violata, con la conseguenza che i diritti d’uso a favore del convenuto dovevano essere considerati comunque terminati.

In Francia

Per quanto riguarda l’ordinamento francese, il precedente più rilevante è rappresentato dalla sentenza della Corte d’appello di Parigi del 16 settembre 2009, nel caso SA Edu4 contro Associations AFPA. La vicenda processuale non riguardava direttamente la validità della licenza GPL; tuttavia, la decisione della Corte d’appello si fonda sul riconoscimento della validità della licenza GPL, la cui logica conseguenza consisteva nell’affermare che il convenuto avesse violato i termini della licenza stessa. Il convenuto aveva infatti eliminato gli avvisi originali sulla titolarità dei diritti, sostituendoli con i propri dati, ed aveva altresì del tutto rimosso nella propria sublicenza ogni riferimento alla licenza GPL.

Negli Usa

Particolarmente rilevanti appaiono infine i precedenti decisi nell’ordinamento statunitense, ed in particolare il leading case Jacobsen v. Katzer del 2008. Con riferimento al caso in questione, la Corte d’appello federale ha affermato che la licenza open source doveva essere considerata come un contratto valido e vincolante, anche se gratuito, in quanto comunque esso era dotato di “consideration”. Secondo la Corte, infatti, il concedente aveva a cuore vantaggi che – per quanto diversi dal riconoscimento di un corrispettivo patrimoniale – avevano comunque natura economica, essendo diretti ad ottenere la promozione della massima distribuzione del sistema open source. Più recentemente, con una decisione del 2017, la United States District Court of California ha ritenuto fondate le domande del ricorrente Artifex software Inc., titolare dei diritti sul software Ghostscript, licenziato tramite licenza open source, contro la resistente, una società coreana che aveva incorporato il software in questione nella sua suite Hancom, ed ha in particolare rigettato la difesa avanzata dal convenuto, secondo il quale la gratuità del contratto doveva portare a ritenere l’insussistenza di obblighi contrattuali a carico dell’utilizzatore.

Conclusioni

In conclusione, poiché le licenze open source sono ormai divenute un paradigma imprescindibile di un preciso modello di sviluppo del software con importanti valenze sociali ed economiche, appare senz’altro opportuno che la riflessione giuridica fornisca un approdo sicuro alla validità delle licenze open source, evitando che si possa revocare in dubbio la tenuta delle licenze stesse e del sistema che su di esse poggia.

In questo senso – e per quanto riguarda l’ordinamento italiano – sembrerebbe possibile qualificare le licenze open source nel genere dei contratti gratuiti atipici, in applicazione dell’art. 1322 c.c. secondo il quale le parti possono liberamente determinare il contenuto del contratto nei limiti imposti dalla legge, e possono anche concludere contratti che non appartengano ai tipi aventi una disciplina particolare, purché siano diretti a realizzare interessi meritevoli di tutela secondo l’ordinamento giuridico.

In questo senso sembrerebbero quindi ammissibili, validi e vincolanti contratti gratuiti diretti a soddisfare un interesse giuridicamente valutabile del disponente, anche se non patrimoniale. Per quanto concerne le licenze open source l’interesse patrimonialmente valutabile potrebbe essere individuato nell’ampliamento della notorietà del titolare dei diritti originario creatore del software, nella promozione della circolazione e dello sviluppo del medesimo in modalità dinamica (tenuto conto che la comunità open source può contribuire spontaneamente alla continua elaborazione e crescita del software), ovvero anche – eventualmente – alla stipula di altri contratti collegati di tipo oneroso (personalizzazione, assistenza e manutenzione).

La conclusione ora proposta appare allineata agli orientamenti che sono emersi anche in altri importanti ordinamenti, come in particolare quello statunitense ove appunto – come sopra anticipato – la licenza non è stata ritenuta priva di effetti in quanto gratuita, proprio perché si poteva rintracciare una “consideration” nell’interesse (non patrimoniale ma economico) connesso al massimo sviluppo del sistema open source.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4