normativa

AI generativa, ecco i rischi dell’uso scorretto dei dati



Indirizzo copiato

Mentre si attende la conclusione del trilogo per l’approvazione finale dell’AI Act, è interessante approfondire l’aspetto legato ai rischi derivanti da uno scorretto utilizzo dei dati nei sistemi di intelligenza artificiale generativa

Pubblicato il 20 set 2023

Anna Cataleta

Senior Partner di P4I e Senior Advisor presso l’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection (MIP)



Marketing,Automation,,Growth,Marketing,Strategy,Concept.,Digital,Marketing,Automation,Tools

I sistemi di intelligenza artificiale generativa, grazie alla loro versatilità, negli ultimi mesi sono proliferati e hanno trovato diverse applicazioni nel business portando sia opportunità che rischi. In particolare, per quanto riguarda il corretto utilizzo dei dati.

Infatti, i sistemi di intelligenza artificiale generativa, come ormai ai più noto, sono quei modelli che vengono addestrati su grandi quantità di dati, spesso  dati personali, in grado di generare autonomamente nuovi contenuti, come testi, immagini, suoni o video.

Il contesto europeo

Dunque in attesa della conclusione del trilogo che vede la Commissione Europea, il Parlamento Europeo e il Consiglio dell’Unione Europea valutare l’approvazione del testo finale del Regolamento sull’intelligenza artificiale (AI Act), i sistemi di intelligenza artificiale continuano ad essere al centro dell’attenzione di studiosi e legislatori di tutto il mondo. L’intelligenza artificiale, sempre al centro del dibattito, è stata da ultimo oggetto del discorso sullo stato dell’Unione tenuto la scorsa settimana della Presidente Ursula von der Leyen[1].

Nel discorso è stata ribadita da una parte la centralità dell’intelligenza artificiale e dall’altra sono stati evidenziati i rischi il cui uso non consapevole o/e incontrollato può portare, in considerazione del fatto “L’intelligenza artificiale è una tecnologia generica, accessibile, potente e adattabile per un’ampia gamma di impieghi, civili e militari”. Nel discorso sono altresì stati individuati i pilastri “per un nuovo quadro globale dell’intelligenza artificiale”, ossia: misure protettive, governance e guida dell’innovazione.

Sempre la Presidente von der Leyen ha sottolineato quanto meritino attenzione i sistemi di intelligenza artificiale, tra cui rientrano i sistemi di intelligenza artificiale generativa, già oggetto dell’introduzione da parte del Parlamento Europeo dell’emendamento all’AI Act di cui all’articolo 28-ter.

L’intelligenza artificiale generativa: i rischi in generale

Sappiamo tutti quanto l’utilizzo dell’intelligenza artificiale generativa, sempre più diffusa e implementata per lo svolgimento di compiti nell’ambito delle organizzazioni e non solo, possa portare con sé innumerevoli opportunità di crescita ma anche dei rischi[2], soprattutto se si fa riferimento alla qualità dell’output e alla correttezza dello stesso. Infatti, se da una parte l’intelligenza artificiale generativa consente di accelerare alcuni processi all’interno dell’azienda, dall’altra occorre vigilare sull’operato di tali sistemi per ottenere il massimo risultato evitando, al contempo risvolti negativi per l’organizzazione, quali ad esempio, danni reputazionali.

Le allucinazioni, l’uso consapevole dell’AI e la disinformazione

Tra i rischi più noti legati all’intelligenza artificiale generativa vi è, ad esempio, quello di allucinazioni, che si verifica quando il sistema di intelligenza artificiale crea ex novo un’informazione; problema caratteristico dei Large Language Model (LLM) quali, ad esempio, ChatGpt e Bard. Un altro elemento che le organizzazioni devono tenere in considerazione, ovviamente, riguarda l’utilizzo inconsapevole dei sistemi di intelligenza artificiale da parte dei propri dipendenti e collaboratori, i quali possono involontariamente diffondere dati riservati, come successo nel caso di un’azienda tecnologica che ha dovuto vietare l’utilizzo da parte dei propri dipendenti di Chatgpt a seguito del caricamento sulla piattaforma di dati aziendali riservati.

Altri rischi sono poi stati evidenziati dall’OECD[3] nel recente documento “Initial Policy considerations for generative artificial intelligence”. In particolare, il documento fa riferimento al rischio del perpetrarsi di pregiudizi attraverso la disinformazione, i deepfake e altri contenuti non veritieri; eventuali ripercussioni sociali, politiche ed economiche dovute alla disinformazione su questioni scientifiche chiave e la distorsione del dibattito pubblico.

Tutti i rischi menzionati e le possibili conseguenze negative sembrano essere stati tenuti in considerazione dal Parlamento europeo, il quale ha introdotto nell’AI Act l’articolo 28-ter, che prevede una serie di adempimenti rivolti ai fornitori di modelli di base utilizzati nei sistemi di intelligenza artificiale generativa. Tra gli aspetti cui prestare attenzione nell’implementazione di un sistema di intelligenza artificiale generativa non si può, infine, evitare di menzionare tra i fattori di rischio anche l’utilizzo improprio dei dati personali di utenti e interessati. Il corretto trattamento dei dati riveste infatti un ruolo cruciale nell’utilizzo di questi sistemi e merita delle considerazioni specifiche.

Alcune considerazioni sulla protezione dei dati personali

Il corretto trattamento dei dati personali nell’ambito dei sistemi di intelligenza artificiale generativa è stato già oggetto di interventi delle Authority, prima tra tutti il Garante per la protezione dei dati personali nel provvedimento[4] dell’11 aprile 2023 nei confronti di ChatGPT. Successivamente il tema è stato discusso nell’incontro del 21 giugno 2023 che si è tenuto tra le autorità per la protezione dei dati del G7. Nell’ambito dell’incontro, le Autorità hanno evidenziato[5] gli aspetti da tenere in considerazione nello sviluppo dei sistemi di intelligenza artificiale generativa, tra cui:

  • il trattamento di dati personali dei minori nell’ambito dell’addestramento dei modelli di AI generativa e delle interazioni dei minori stessi con tali strumenti;
  • l’adozione di misure idonee a garantire che le informazioni generate dagli strumenti di AI generativa siano accurate, complete e aggiornate e prive di effetti discriminatori;
  • l’importanza della trasparenza dei sistemi di AI;
  • l’adozione di misure per garantire che gli interessati siano messi nella condizione di poter esercitare i propri diritti in relazione ai propri dati personali; il rispetto del principio di minimizzazione affinché siano trattati esclusivamente i dati necessari allo scopo perseguito.

Oltre a quelli sopramenzionati, non bisogna dimenticare di ulteriori aspetti quali la necessaria presenza di una base giuridica per poter trattare i dati personali di utenti e interessati, nonché l’importanza di evitare comportamenti illeciti come il web scraping.

Il tema dei rischi dell’intelligenza artificiale generativa, che è costantemente al centro del dibattito, di recente è stato affrontato anche dall’Autorità olandese[6], la quale ha espresso delle preoccupazioni rispetto all’utilizzo da parte di organizzazioni di sistemi di intelligenza artificiale generativa implementati in applicazioni utilizzate da minori. L’Autorità dopo aver espresso le proprie preoccupazioni ha dichiarato che a breve rilascerà delle linee guida sul tema per le società.

In un contesto in continua evoluzione si può però notare con favore che gli interventi delle Autorità e sistemi di Intelligenza artificiale, iniziano ad ottenere riscontro anche nelle scelte dei player privati che si trovano a dover prendere in considerazione tali aspetti. Infatti, se già a seguito dell’intervento del Garante nei confronti di Open AI, quest’ultima ha ottemperato conformandosi alle richieste dell’Autorità, un recente esempio di attenzione alla tematica si trova nella scelta che ha portato Meta a mettere a disposizione degli utenti un modulo denominato “Diritti dell’interessato per l’IA generativa”. Tale modulo, che “consente di segnalare problemi o inviare opposizioni in merito alle sue informazioni in possesso di terzi usate per l’addestramento dei modelli di IA generativa”, evidenzia ancora una volta la rilevanza sempre maggiore che la protezione dei dati personali riveste anche nelle scelte delle organizzazioni.

Conclusioni

In attesa della conclusione del trilogo per l’approvazione dell’AI Act e della regolamentazione della materia a livello internazionale, è importante che gli attori coinvolti tengano in considerazione i rischi che possono derivare da un utilizzo inconsapevole o spregiudicato dei sistemi di IA generativa. In ogni caso, la presenza di rischi non deve bloccare lo sviluppo di sistemi di intelligenza artificiale generativa all’interno delle aziende poiché, se opportunamente gestiti e controllati, anche tramite l’implementazione di policy aziendali, la formazione del personale e un utilizzo consapevole, possono portare grandi benefici.

Per quanto riguarda nello specifico i rischi relativi alla protezione dei dati personali è importante fare riferimento alla normativa vigente ed è altresì cruciale il dialogo con le Autorità per trovare soluzioni condivise. Infine, è di fondamentale importanza per le organizzazioni implementare i sistemi di IA tenendo a mente la protezione dei dati personali sin dalla progettazione del sistema stesso nel rispetto dei principi di privacy by design e privacy by default.

________

Note


[1] Discorso della Presidente von der Leyen sullo stato dell’Unione 2023, 13 settembre 2023

[2] Generative AI-nxiety, Reid Blackman, Harvard Business Review, 2023

[3] OECD, Initial Policy considerations for generative artificial intelligence, Philippe Lorenz, Karine Perset (OECD), Jamie Berryhill (OECD), 2023

[4] Garante per la protezione dei dati personali, Provvedimento dell’11 aprile 2023 [9874702]

[5] Roundtable of G7 Data Protection and Privacy Authorities Statement on Generative AI

[6] AP demands clarity of tech company about AI aimed at children, 14 September 2023

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4