TikTok e social

Diete tossiche su TikTok, come i ragazzi cadono vittime dell’algoritmo

L’algoritmo di TikTok bombarda gli adolescenti di video su diete inadatte, magrezze tossiche o dimagrimenti eccessivi. Gli esperti di psicologia applicata e social media ci spiegano perché dobbiamo proteggere i minori sulle piattaforme e come aiutarli

12 Ott 2022
Mirella Castigli

ScenariDigitali.info

TikTok non fa niente per proteggere i minori dai video tossici

Su TikTok i video tossici sui disturbi alimentari che inseguono i giovani sulla piattaforma sono dannosi. Non solo. Anche i ragazzi che vorrebbero guardare altri contenuti non riescono a ribellarsi ai diktat dell’algoritmo, come se fossero prigionieri di un incantesimo. Il social continua a riproporre gli stessi contenuti.

“I contenuti dei social media che ritraggono aspetti esteriori irrealistici ed irraggiungibili o che forniscono informazioni relativi ai cambiamenti della forma del corpo attraverso disturbi del comportamento alimentare”, commenta ad Agendadigitale.eu Rachel Rodgers, Professoressa Associata di Psicologia Applicata dell’NorthEastern University (Bouvé College of Health Science), “sono molto dannosi per gli utenti, e in particolar modo per i giovani”.

Tuttavia esistono buone pratiche per istruire l’algoritmo della piattaforma cinese, proprio per proteggere minori e utenti sensibili dai contenuti pericolosi per la loro salute. Ecco quali strategie adottare.

How TikTok's Algorithm Figures You Out | WSJ

TikTok: La piaga dei video tossici sui disturbi alimentari

I teenager che soffrono o hanno sofferto di disturbi del comportamento alimentare, e magari hanno avviato un programma di recupero per uscire da queste problematiche gravemente dannose per la loro salute, non dovrebbero guardare su TikTok video sull’anoressia o sul dimagrimento eccessivo.

WHITEPAPER
Contact Center, AI e Real Time Analytics: stai adottando l’innovazione in modo corretto?
Big Data
CRM

Se esposti a contenuti inadatti che invitano a seguire modelli irraggiungibili o tossici, potrebbero subire le dinamiche dell’algoritmo della piattaforma cinese, senza riuscire a sottrarvisi. I ragazzi stanno male e potrebbero rischiare ricadute, che potrebbero mettere in pericolo la loro salute e la loro stessa vita.

Inoltre, anche quando provano ad istruire l’algoritmo per non guardare più quei video inquietanti, continuano a subire il bombardamento dei contenuti inadatti. Gli adolescenti sembrano irretiti dall’incantesimo di una strega malefica a cui non riescono a sfuggire, imprigionati da logiche di profitto degli algoritmi dei social.

Il Wall Street Journal ha raccontato la storia di una ragazza americana quindicenne che in passato ha sofferto di disturbi del comportamento alimentare. Ha configurato TikTok per evitare di guardare video che trattino questi argomenti. Ha bloccato gli account di certi creator. Segnala alla piattaforma chi promuove i video di disturbi di comportamenti di disordini alimentari. Seleziona l’espressione “non interessata” nelle categorie dei video che non vuole più vedere. Ma non basta.

Nonostante la modifica delle impostazioni, TikTok continua a mostrarle video su bulimia, anoressia, comportamenti di alimentazione incontrollata eccetera. Magari non mostra più i video che immortalano perdite di peso estreme, ma le suggerisce contenuti più subdoli di diete ed esercizi fisici per perdere peso. L’algoritmo la perseguita.

TikTok non fa niente dopo l’inchiesta sui video sui disturbi alimentari

A dicembre TikTok ha aggiornato l’algoritmo per evitare una concentrazione eccessiva su unico contenuto e dopo due mesi ha ampliato la messa al bando sui contenuti relativi ai disordini alimentari.

Sono trascorsi nove mesi dall’indagine del Wall Street Journal da cui emergeva che gli algoritmi di TikTok inondavano le pagine “Per te” (For You page) dei teenager con video che incoraggiano la perdita eccessiva di peso e i disordini alimentari. Video pericolosi di cui trabocca la piattaforma cinese di ByteDance.

La pagina Per te (in inglese For you) sembra aver subito cambiamenti per nascondere i video che promuovono i comportamenti di disordine alimentare e quelli estremi sulla perdita di peso eccessivo.

Tuttavia secondo gli esperti di salute mentale, è difficile per i teenager poter discernere. I ragazzi non sono in grado di capire la differenza fra i video relativi a una dieta equilibrata, in base alla piramide alimentare, dai video su diete squilibrate, inadeguate e pericolose per la salute. I più subdoli sono i video di coloro che mostrano cosa mangiano in un giorno e quante calorie assumono entro la fine della giornata: ma spesso il calcolo delle calorie è inferiore a ciò che la Food and Drug administration (Fda) raccomanda alle persone di consumare lungo l’arco delle 24 ore.

I rischi legati ai video sui disordini alimentari

Se certi video possono aiutare chi ha bisogno di perdere peso, corrono invece il rischio di essere pericolosi per chi vuole emulare le restrizioni alimentari, alimentando il filone dei comportamenti di disordine della nutrizione.

Alcune volte è utile vedere video di guarigione per chi ha sofferto di comportamento alimentare disfunzionale o si preoccupava troppo per il peso e aveva un’alterata percezione della propria immagine corporea.

Ma, nella maggior parte dei casi, anche i video di recovery possono innescare insane competizioni nel campo dei disordini alimentari. Soprattutto risultano pericolosi quei video che presentano le foto del prima (quando hanno raggiunto l’apice della magrezza) e dopo (nella fase di recupero). Questi video inducono i teenager – che hanno sofferto di analoghi disturbi – a pensare di non essere mai riusciti a raggiungere quel livello di magrezza, quell’estrema perdita di peso. Arrivano perfino a mettere in dubbio di essere stati malati come le persone immortalate nel video.

Come i giovani bypassano i blocchi

Dunque TikTok permette i “recovery video”, ma allo stesso tempo ha ammesso le restrizioni per bloccare altri contenuti pericolosi. Dunque, questi video rimangono sulla piattaforma. Apparentemente non violano le linee guida di TikTok, ma fluttuano in un’area grigia, disponibili anche a chi cerca di bypassare i blocchi, cercando sul motore di ricerca Google l’hashtag #anorexic abbinato a TikTok.

Il social ha risolto questo problema, ma altri giovani utenti, secondo l’Eating Disorders Association (Eda), hanno imparato ad aggirare anche questi blocchi, cercando hashtag contenenti refusi, pur di trovare i video relativi ai disordini e perseverare nei propri comportamenti disfunzionali.

Gli esperti di salute mentale spiegano che non ci sarà mai uno spazio online veramente sicuro per chi soffre di disturbi mentali o di disordini alimentari. Inoltre mettono in guardia dalla pervasiva cultura della dieta che spopola online e offline, per cui non si è mai abbastanza magri, perfetti (e forse patinati) per il mondo reale.

Non basta neanche effettuare l’unfollowing dagli account pro diete estreme e seguire i content creator del body positive, mettere i Like ai loro video, per istruire l’algoritmo a vedere solo i contenuti adatti. Infatti la piattaforma non sembra ascoltare il grido di aiuto che proviene da teenager, genitori e psicologi. Purtroppo su TikTok c’è ancora molta strada da fare.

Rachel Rodgers: i video su TikTok rafforzano la centralità dell’apparenza

Alla piattaforma è iscritto un miliardo di utenti, di cui due terzi dei teenager americani, secondo il Pew Research Center. Ecco quanti ragazzi sono potenzialmente esposti a quei contenuti video tossici, dedicati a disturbi mentali e alimentari, che mettono in allarme psicologi e famiglie. A spiegarci i motivi di queste giuste preoccupazioni sull’impatto di TikTok e dei suoi video tossici sui teenager è Rachel Rodgers, associata di Psicologia alla Northeastern University, che abbiamo contattato e ha risposto alle nostre domande per posta elettronica,

“Sappiamo che i contenuti basati sulle foto sono più dannosi dei contenuti solamente testuali. Ad oggi è inferiore la ricerca condotta sui video. Tuttavia la ricerca esistente suggerisce che i video sono altrettanto dannosi, se non di più”, mette in guardia Rachel Rodgers.

“Questo genere di contenuti è dannoso dal momento che rafforza la centralità dell’aspetto esteriore e promuove l’inseguimento di standard esteriori irragionevoli. In questo modo, l’esposizione ripetuta a contenuti focalizzati sull’apparenza esteriore può generare preoccupazione sull’immagine corporea, disordini alimentari, depressione, ansietà ed altre problematiche di salute mentale“, evidenzia la professoressa americana.

“Inoltre, i contenuti focalizzati su diete ed esercizi”,continua Rachel Rodgers, “spesso contribuiscono a modellare comportamenti insani che sono estremamente dannosi a lungo termine e possono esacerbare o far precipitare casi di disordine alimentari in individui vulnerabili”.

I giovani sono particolarmente vulnerabili a questi effetti poiché possiedono competenze inferiori in ambito di alfabetizzazione ai social media. Una minore literacy significa che sono meno capaci di vedere i contenuti dei social media come ‘esibiti’ decifrando l’intento che sta dietro i post. Inoltre, la gioventù rappresenta un gruppo ad elevato rischio sui temi relativi al body image e all’alimentazione, a causa di due motivazioni: è una fase della vita in via di sviluppo ed è composta dai più alti consumatori di contenuti di social media”, conclude Rodgers.

Il combinato disposto di queste due concause fa sì che l’esposizione dei giovani su TikTok a video tossici sui disturbi dei comportamenti alimentari sia davvero un rischio da non sottovalutare.

Roberto Esposito (DeRev): Come funziona l’algoritmo di TikTok e come uscire dalla Filter Bubble

“Lo scopo dei social media”, spiega Roberto Esposito, Ceo di DeRev, “è quello di ‘trattenere’ gli utenti sulla piattaforma per più tempo possibile e lo fanno proponendo loro un intrattenimento quanto più personalizzato possibile basato sull’analisi delle loro precedenti reazioni ai contenuti”.

“Significa che un social media deve costantemente proporre contenuti digitali che interessano di più il singolo utente e la conseguenza di questo funzionamento degli algoritmi sono le cosiddette ‘bolle’: se un utente presta più attenzione a un argomento, riceverà quasi soltanto i contenuti su quel tema,
proposti proprio per rafforzare le sue convinzioni, non smentirle e per trattenere l’utente nella Filter Bubble (mantenendolo nella sua
comfort zone, per fidelizzarlo, ndr) e dunque portarlo a trascorrere
più tempo possibile sulla piattaforma social”.

L’algoritmo di TikTok, rispetto agli altri social media, è ancora molto acerbo. Le altre piattaforme infatti sono più datate e hanno avuto a disposizione molti più anni per maturare ed evolvere. Anche la base utenti, in molti casi molto più ampia, offre da un lato più contenuti (sia in termini quantitativi che di varietà) e dall’altro più dati che si traducono in più opportunità per affinare l’algoritmo”, continua Esposito.

“In generale, l’algoritmo funziona così: crea un profilo dell’utente, targettizzandone gli interessi, in base alle sue caratteristiche, dal genere alla fascia d’età, dalla professione o il corso di studi alle passioni e gli interessi, ma anche quali utenti segue e chi sono i suoi follower – quindi anche gli interessi incrociati -, i Like che mette, i post/video che guarda e con i quali interagisce”, sottolinea Esposito.

Ma le interazioni non sono tutte uguali. “Ogni forma d’interazione con un contenuto per l’algoritmo ha infatti un punteggio diverso perché ha un peso differente. Per esempio, se un utente guarda un video, l’algoritmo misura la percentuale di durata della visualizzazione: se lo guarda per pochi secondi, il peso è scarso (catalizza un interesse modesto), ma se la visualizzazione raggiunge il 25% o si prolunga oltre, il peso del contenuto sale; se l’interazione si limita a un Like, è debole; se commentiamo, condividiamo o addirittura salviamo fra i Preferiti un post o un video, l’algoritmo interpreta che l’interazione è molto più forte. Ciò fa sì che l’algoritmo profili l’utente per proporgli contenuti digitali mirati ai quali è veramente interessato”.

“Ora l’algoritmo di TikTok, essendo ancora acerbo sotto questo punto di vista, è anche facilmente manipolabile, sia in positivo che in negativo. Invece gli algoritmi di Facebook e Instagram combinano tantissime variabili, per estrarre dall’analisi dei dati i veri interessi dell’utente, e proporgli di conseguenza i contenuti in base al profilo estrapolato”.

“Un algoritmo più affinato e un bacino più ampio (sia di utenti che dei contenuti generati da loro) rendono più equilibrata e bilanciata l’esperienza degli utenti sui social media ‘più maturi’. Su Instagram, anche se sono appassionato di calcio, non vedrò nove video su dieci legati al pallone e ai campionati, ma una percentuale inferiore, lasciando spazio anche ad altri argomenti”.

TikTok invece non gode ancora di queste caratteristiche. “L’algoritmo
raccoglie meno dati, quindi ha meno parametri su cui lavorare. Dunque, se un utente è appassionato (o lo è stato in passato) a un argomento, l’algoritmo finisce per bombardarlo letteralmente solo di quei contenuti, operando solo su quella verticale”.

La prima arma che un utente ha per difendersi da queste dinamiche è la consapevolezza: avere una corretta educazione digitale, per migliorare l’awareness su come l’algoritmo lavora. Dunque la consapevolezza fa sì che l’utente sappia che sulla piattaforma non ci sono solo i contenuti ‘Per te’, ma milioni di altri a cui non accede perché filtrati dall’algoritmo. Per uscire dalla Filter bubble, bisogna evitare di lasciare all’algoritmo la decisione di proporre i contenuti, ma andare a cercarli: come facciamo su YouTube, dove usiamo il motore di ricerca interno e non guardiamo solo il video in homepage proposto dalla piattaforma”.

Usare gli hashtag e cercare gli argomenti è infatti la seconda arma difesa che l’utente ha per uscire dalla bolla. Su TikTok è infatti possibile scegliere gli argomenti e i contenuti da guardare. Oltre ai video che propone di default, la piattaforma ha categorie interne con i video di tendenza del giorno o quelli in ambito musicale, dunque permette di scegliere fra una sorta di ‘canali tematici’ da esplorare e selezionare”, conclude il Ceo di DeRev.

Conclusioni

I video sui disturbi alimentari sono molto dannosi per i minori e in particolare per gli adolescenti. Per evitare che TikTok li sottoponga alla loro visione bisogna sia educare i ragazzi a usare i social media con consapevolezza e che ad adottare strategie per difendersi dai contenuti pericolosi. La piattaforma cinese deve però implementare policy, non più facilmente aggirabili, per evitare di bombardare i giovani di video tossici. Il problema emerso è grave e richiede tutta l’attenzione necessaria, da parte degli adulti, per prendere gli opportuni provvedimenti.

WEBINAR
13 Dicembre 2022 - 12:00
Un caso virtuoso di Digital Marketing nel Manufacturing: KPI e obiettivi - WEBINAR
Digital Transformation
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4